Associazione Vittime della caccia

organizzazione di volontariato senza fine di lucro ai sensi della Legge 266-91

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

Salviamo tre boschi da cacciatori e cemento

E-mail Stampa PDF

Nell'anno delle foreste la festa del Wwf: queste aree sono il cuore del pianeta. Dal Bergamasco alla Puglia una mobilitazione per la biodiversità

di Antonella Mariotti 
Cenate di Sopra: Sono tre e sono da difendere a qualsiasi costo. Sono la «bandiera verde» del Wwf che quest’anno ha scelto tre boschi da salvare in omaggio all’anno internazionale delle Foreste indetto dall’Onu, proprio mentre festeggia le Oasi.


Le foreste, i boschi, sono alla base degli equilibri climatici ed ecologici del pianeta, oltre che del benessere dell’uomo, che sembra invece non accorgersene se non quando deve costruire una casa con una bella vista, o quando decide di dedicarsi alla caccia. Così «il Panda» ha deciso di scegliere tre realtà che stanno combattendo per conservare un patrimonio di biodiversità.

A Nord, attorno all’Oasi della Valpredina, nel bergamasco, il comune di Cenate di Sopra vuole stringere con una cintura di cemento e 38 mila metri cubi di case (trenta milioni di euro l’investimento), «l’autostrada verde» più battuta dagli uccelli migratori, dove i rapaci hanno un loro «ospedale» che ne salva, insieme ad altri animali, almeno mille all’anno, feriti dai cacciatori. ..Leggi l'articolo... -

Fonte:www3.lastampa.it

Comments

Per poter lasciare o leggere i commenti bisogna essere iscritti.
 

Commenti Facebook

Da questo semplice form potrete collegarvi direttamente al vostro account su facebook.

Banner