Associazione Vittime della caccia

organizzazione di volontariato senza fine di lucro ai sensi della Legge 266-91

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

DOSSIER 2012-2013 VITTIME DELLA CACCIA – STORIE DI ORDINARIA FOLLIA

E-mail Stampa PDF
RACCOLTA BREVI DA RASSEGNE STAMPA INTERCETTATE OCCASIONALMENTE
*la pubblicazione dei dati raccolti dall'Associazione Vittime della caccia, implica obbigatoriamente la citazione della fonte stessa. Grazie

ASSOCIAZIONE VITTIME DELLA CACCIA

www.vittimedellacaccia.org

DOSSIER stagione venatoria 2012-2013

 

- STORIE DI ORDINARIA FOLLIA -

Periodo d'osservazione: dal 1 settembre 2012 al 31 gennaio 2013


Guardie venatorie, aggredite, minacciate, morse sulle braccia o a cui hanno manomesso i freni dell’auto, durante lo svolgimento delle loro funzioni.

Cacciatori “smemorati” che perdono  i fucili o non sentono i guaiti del loro cane da caccia, perché portatori di protesi acustica ,  legato all’esterno dell’auto e conseguentemente trascinato  per chilometri.

Cacciatori che amano gli animali a tal punto d’ammazzarli. Soggetti che sparacchiano ai pali dell’Enel, creando disagi ad interi paesi, o a tutor stradali.

Nonni “confusi” che imbracciano il fucile e sparano all’assistente familiare, agli alberi, a piccioni “ladri”. Mariti che, con armi da caccia, minacciano mogli, ex compagne. Storie di ordinaria follia. Appunto.

QUANTO CONTA L'ETA'

-->>>VAI AL FOCUS SULL'ETà DEI CACCIATORI

-->>>TORNA ALL'INDICE DEL DOSSIER

SETTEMBRE 2012

2.09.2012

Trento. Contessa e cacciatrice «Sparo perché li amo». Cos'è che le dà più gioia: l'ammirazione dell'animale e l'attesa, l'abbattimento o il cucinarlo e mangiarlo? «Direi che è proprio il momento, dopo che hai sparato, del sapere che l'hai centrato, che l'hai preso. Io poi corro da lui, prendo tra le mani la sua testa, l'accarezzo, arrivo fino a baciarlo, in certi casi lacrimo di gioia»...                                                                                          http://www.ladige.it/articoli/2012/09/02/contessa-cacciatrice-sparo-perche-amo"



05.09.2012 Cacciatore spogliarellista e provocatore Lonigo (VI). Il cacciatore avrebbe dato vita ad uno squallido spogliarello, abbassandosi prima i pantaloni e poi anche le mutande. La bravata costa al cacciatore 8 mila euro. Ingiurie e atti osceni in pubblico. Dopo una lite con il proprietario di un fondo si sarebbe spogliato. ...In base a quanto venne ricostruito, quella mattina, Pesolato, 59 anni, residente in paese, era andato a caccia in una zona di campagna; e, probabilmente senza avvedersene, era entrato in una proprietà privata. Era quella di Pietro Giarolo, che ce l'aveva con i cacciatori proprio per questa ragione. Giarolo avrebbe rimbrottato l'altro trovato nel suo terreno, e Pesolato gli avrebbe risposto per le rime dandogli le sue motivazioni. «Qui posso passare». La baruffa sarebbe finita in quel momento se il cacciatore - è l'ipotesi della procura - non avesse deciso di dar vita ad una sceneggiata. In che maniera? Il cacciatore, stando a quanto sostenuto da Giarolo e poi ricostruito dagli inquirenti, avrebbe dato vita ad uno squallido spogliarello, abbassandosi prima i pantaloni e poi anche le mutande, ed esibendosi e toccandosi davanti all'allibito proprietario del fondo. Quindi gli avrebbe rivolto una frase in dialetto, irriferibile, che avrebbe avuto l'obiettivo di denigrare il rivale…                                                                                                                                                                        http://www.ilgiornaledivicenza.it/stories/dalla_home/404890_la_bravata_costa_al_cacciatore_8_mila_euro/?refresh_ce

05.09.2012 Cacciatori gente seria - Istigazione al massacro

Grosseto. Caccia, compenso 10 euro a chi porta coda di volpe: è polemica. Il caso che coinvolge gli Atc 6 e 7.Se si ha la fortuna di avere in tasca la tessera di Libera Caccia allora nel portafogli “piovono” altri cinque euro. In soldoni, una volpe vale 15 euro....Preferisce invece rimanere in silenzio il presidente della provincia Leonardo Marras, che ha in tasca la delega alla caccia, che “glissa” quando nel merito di un’iniziativa quantomeno strana, potrebbe anche entrarci. Sempre più convinto di aver fatto la scelta giusta è Paolo Isidori, presidente provinciale di Libera Caccia, l’unica associazione che ha aggiunto 5 euro di incentivo ai 10 che già dà l’Atc: «La volpe è un animale nocivo, insieme alla poiana e alla cornacchia. Se individua un covo di fagiano mangia tutto, dai piccoli alle uova. In tutta la provincia non si vedono più uccelli a parte le cornacchie. Ecco perché – sostiene con forza – le volpi vanno abbattute»... http://www.lanazione.it/grosseto/cronaca/2012/09/05/767476-volpe-caccia-coda-dieci-euro.shtml

07.09.2012 Spari in città - Distanze sicurezza -

Salerno - Caccia alla mucca, il prefetto dà il via al safari al bovino con regole d'ingaggio per le le battute per la cattura dei bovini nel salernitano. Tutto vero. La mucca non pazza ma girovaga è stata giudicata un pericolo tale da chiamare alle armi i cacciatori. Se n'è opccupato a Salerno il comitato per l'ordine pubblico e la sicurezza, presieduto dal Prefetto. Insomma, emergenza mucca. Mano alle doppiette. Le mucche senza chip possono essere trattate da selvaggina, a patto di rispettare regole di ingaggio (si chiamano così anche le regole di comportamento dei militari in territorio di guerra). Regole emanate oggi... http://www.ilmattino.it/campania/salerno/caccia_alla_mucca_il_prefetto_d_il_via_al_safari_al_bovino_con_regole_dingaggio/notizie/218201.shtml

10.09.2012 Cacciatore chiama l'elicottero per recuperare il cervo

Trento. «Usare l'elicottero per portare a valle un cervo non penso rientri nel vero spirito della caccia». Questo il pensiero di un cittadino della valle di Sole che ieri pomeriggio ha notato un elicottero che dalla montagna ha trasportato a valle un cervo fino a Monclassico segnalando il fatto al giornale con il relativo commento... http://www.ladige.it/articoli/2012/09/10/cacciatore-chiama-l-elicottero-recuperare-cervo

 

11.09.2012  84enne spara in giardino per scoprire se il fucile funziona ancora- Spari in città

Sottoposto a trattamento sanitario obbligatorio e poi è stato ricoverato nel reparto di psichiatria dell’ospedale Bufalini e denunciato. Un uomo anziano, probabilmente in stato confusionale, è sceso nel giardino del suo condominio armato di uno dei due fucili che deteneva regolarmente e ha esploso un colpo verso il giardino, da distanza ravvicinata. I carabinieri lo hanno denunciato per esplosione di colpi d’arma da fuoco in un contesto abitativo e per omessa custodia delle armi.... http://www.ilrestodelcarlino.it/cesena/cronaca/2012/09/11/770799-spara-fucile-giardino.shtml
+ http://www.cesenatoday.it/cronaca/cesena-anziano-spara-col-fucile.html

 

§11.09.2012 - Disturbato dai ragazzi sotto casa spara in aria e li insegue in auto

Non sopporta i ragazzi sotto casa: esplode due colpi in aria e li insegue con l'auto. Cesena, a Villa Calabra denunciato questa notte un uomo di 56 anni che poi ha inseguito in auto i giovanissimi. Dovrà rispondere di minaccia aggravata ed esplosioni pericolose. Il vociare di quei ragazzini (tutti minorenni) in strada sotto la sua abitazione non lo sopportava più. Per spaventarli addirittura ha imbracciato un fucile sparando due colpi in aria. E davanti al fuggi- fuggi generale (in motorino) dei giovanissimi, ha perseverato inseguendoli in auto fino a San Giorgio dove ha poi smarrito le tracce.E' accaduto questa notte, poco prima delle 2, a Villa Calabra. L'uomo è stato denunciato dalla polizia per minaccia aggravata, accensioni ed esplosioni pericolose. Quando la polizia lo ha raggiunto a casa, avvertita dal padre di uno dei ragazzini, l'uomo (I.V. 56 anni) non si è nemmeno mostrato stupito. Tranquillamente ha esibito le armi, tutte regolarmente denunciate e dalla camera da letto ha prelevato e consegnato il fucile utilizzato: un monocolpo 'Salvinelli' calibro 32... http://www.ilrestodelcarlino.it/cesena/cronaca/2012/09/11/770790-spara-aria-denunciato.shtml

 

11.09.2012 - Piccioni ladri, spara in zona urbana

Bologna, I piccioni 'rubavano' il mangime dei suoi polli, lui per impedirlo ha sparato ai volatili. Ma un vicino che ha assistito alla scena ha avvisato i carabinieri e ieri pomeriggio un 72enne di San Giovanni in Persiceto. E'stato denunciato per porto abusivo d'arma comune da sparo fuori dall'abitazione ed esplosione abusivo di colpo d'arma da fuoco. Lo stesso pensionato, incensurato, ha poi spiegato ai Cc perche' se l'era presa con gli uccelli. Fucile e cartucce sono stati sequestrati... http://www.ansa.it/web/notizie/regioni/emiliaromagna/2012/09/11/Piccioni-rubano-mangime-polli-spara_7457980.html

12.09.2012 - Cacciatori gente seria

Cuneo – i bracconieri travestiti da Guardia Caccia. Intervento dei Carabinieri del Comando Stazione di Govone. Geapress – I Carabinieri del Comando Stazione di Govone (CN), sospettano che trattasi di bracconieri. Erano però vestiti di tutto punto per eludere i controlli. L’escamotage messo in atto, infatti, ha dell’incredibile. Guardie Venatorie, hanno dichiarato ai Carabinieri. Guardia Caccia addirittura appartenenti alla Provincia di Cuneo. Il tutto con corredo di tenuta mimetica verde molto simile a quella in dotazione agli agenti del Corpo Forestale dello Stato, un lampeggiante blu montato sul tetto dell’automobile ed un manganello... http://www.geapress.org/caccia/cuneo-i-bracconieri-travestiti-da-guardia-caccia/32346

12.09.2012 - Cacciatori gente seria -

Confessione faide tra cacciatori. Esca killer per sette cani: «È una guerra». Monteforte. Un altro animale ucciso dai bocconi avvelenati: «Non voglio fare nessun esame e non andrò a fare denuncia, non serve a niente». Domenico Bolla ha visto morire così addirittura sette cani in sette anni e punta il dito contro altri cacciatori.... http://www.larena.it/stories/377_in_piazza/406994_esca_killer_per_febo__una_guerra/

18.09.2012 Spara in città, colpisce tendone dove accanto giocano bambini

“Impallinato” il tendone vicino al campo da calcio. Accanto si stava giocando un torneo di bambini. Spara agli uccelli ma va a colpire il tetto del capannone. C’erano almeno 200 persone. La Valle Agordina. Due colpi di fucile, poi altri due. Vicinissimi. E all’improvviso, i pallini (del tipo che si usa per sparare agli uccelli) che si infrangono contro il tetto del tendone allestito dalla Pro loco accanto al campo sportivo di La Valle Agordina. Si sono presi un bello spavento i ragazzi e gli organizzatori del torneo di calcio riservato alla categoria pulcini (bambini tra gli 8 e i 10 anni)... http://corrierealpi.gelocal.it/cronaca/2012/09/18/news/impallinato-il-tendone-vicino-al-campo-da-calcio-1.5711754

22.09.2012 Violenza domestica

Litiga con l'ex moglie e la minaccia sparando un colpo di fucile in aria. Denunciato 60enne. San Lorenzello. Denunciato in stato di libertà un 60enne bracciante agricolo di San Lorenzello. L'uomo si è reso responsabile dell'ennesima lite con la sua ex moglie, una 56enne del luogo, con la quale divide una parte della casa che in passato era la loro abitazione. A richiedere l’intervento dei militari è stata la donna impaurita dopo l’ennesimo diverbio per futili motivi, nel corso del quale è stata dapprima aggredita e poi minacciata...Oltre alla denuncia all’autorità giudiziaria, l’uomo sarà segnalato anche alla competente autorità amministrativa per il diniego di detenzione di armi avendo perso irequisiti di affidabilità... http://www.ntr24.tv/it/news/cronaca/litiga-con-lex-moglie-e-la-minaccia-sparando-un-colpo-di-fucile-in-aria-denunciato-60enne.html

23.09.2012 Escursionisti perquisiti e minacciati con le armi dai cacciatori

Minacciati e perquisiti da cacciatori in zona parco, la disavventura di 8 escursionisti. Villavallelonga. Due cacciatori hanno minacciato e costretto degli escursionisti a svuotare lo zaino per una perquisizione in stile forze dell’ordine. Le vittime sono i componenti del Cai di Sora (Frosinone). Durante un’escursione verso Monte Cornacchia, lungo il percorso q9, in zona Parco nazionale d’Abruzzo i cacciatori hanno bloccato due persone del gruppo perché cercavano un radiocollare del loro cane che si era smarrito ed erano convinti che ad impossessarsene fossero stati gli escursionisti... http://www.marsicalive.it/?p=35731

26.09.2012 Proiettile vagante colpisce una casa.

ValSangone. Proiettile vagante colpisce una casa. Caccia pericolosa a Giaveno. Paura e scompiglio: non per il danno, limitato a un rivestimento in legno, quanto per il rischio che qualcuno fosse colpito. In via Avigliana a Giaveno sono spaventati e arrabbiati: un gruppo di cacciatori, mentre inseguiva un cinghiale, si è spinto troppo vicino alle abitazioni, tanto da colpire con un proiettile il sottotetto di una casa. È successo domenica mattina. E dire che in zona era in corso anche una passeggiata gastronomica nel verde… L'accaduto è stato segnalato ai Carabinieri, ma nel frattempo i cacciatori si erano dileguati in direzione Trana: impossibile rintracciarli. Non è il primo episodio simile in Val Sangone.. http://www.ecodelchisone.it/articoli/2012-09-26/proiettile-vagante-colpisce-una-casa-10816

27.09.2012 Sparò al vicino durante il barbecue.

A processo per tentato omicidio un 63enne. LECCE - Tentato omicidio con l'aggravante dei futili motivi. Sono queste le accuse da cui dovrà difendersi, il prossimo 5 dicembre, Roberto Lorubio, 63enne di Martano.In quel caldo pomeriggio festivo, durante un diverbio con un vicino di casa, scaturito da futili motivi relativi per il barbecue che il vicino avrebbe tentato di spegnere gettandovi dell'acqua dal proprio balcone, Lorubio, dopo aver preso dalla sua abitazione un fucile da caccia calibro 12, legalmente detenuto, aveva esploso due colpi, colpendo il parapetto del terrazzo ed il muro... http://www.lecceprima.it/cronaca/sparo-al-vicino-durante-il-barbecue-a-processo-per-tentato-omicidio-un-63enne.html

27.09.2012 Cacciatore litiga con donna per appropriarsi di un animale investito

Lite fra un'animalista e un cacciatore per un fagiano ferito. Una donna ha investito il volatile e poi ha avuto una discussione con un uomo che voleva portarlo a casa. Alla fine la signora ha avuto la meglio. Per sedare la rabbia dei due contendenti sono dovuti intervenire i carabinieri che hanno riportato la calma, è stata la donna a portare via il fagiano, nella speranza di salvarlo. Ma le sue condizioni sembravano ormai disperate... http://iltirreno.gelocal.it/livorno/cronaca/2012/09/27/news/lite-fra-un-cacciatore-e-un-ambientalista-per-un-fagiano-ferito-1.5764497

28.09.2012 bracconiere tenta di investire pattuglia Forestale

Parco Sirente Velino – bracconiere tenta di investire pattuglia Forestale. GEAPRESS – Concitati momenti nel cuore della notte - aperta la caccia alla macchina con il fanale infranto. Hanno rischiato grosso i due Forestali in servizio antibracconaggio all’interno del Parco Sirente Velino. Un Servizio al quale partecipavano i Comandi Stazioni di Fontecchio e di Secinaro, in provincia dell’Aquila.... http://ilcentro.gelocal.it/laquila/cronaca/2012/09/27/news/l-auto-dei-bracconieri-tenta-di-investire-i-forestali-1.5766061
+ http://www.avezzano24.it/bracconaggio-parco-sirente-velino-al-fianco-del-cfs-13426.html

OTTOBRE

4 ottobre 2012 Dimentica l'arma sul tetto dell'auto

Rovigo Rovigo (RO) Cacciatore distratto perde la sua arma: al termine della battuta di caccia, cui avevava partecipato giovedì mattina, ha appoggiato l’arma e gli occhiali sul tetto della vettura prima di fare ritorno a casa. La grave negligenza è costata al cacciatore distratto il sequestro penale dell’arma e la denuncia all’autorità giudiziaria...http://www.rovigo24ore.it/news/rovigo/0016141-cacciatore-distratto-perde-sua-arma"

05.10.2012 Cacciatore colpisce porta di una casa

Spara alla lepre, ma colpisce la porta di casa. Denunciato vittoriese per esplosioni pericolose. Vittorio Veneto - Mancata la lepre, presa la porta. Una serie di proiettili hanno colpito, e ammaccato, l'ingresso dell' abitazione di A.C., 39enne che abita a Manzana. Era il 26 settembre quando la donna, tornata da messa, ha notato gli spari sulla porta.Spaventata, pensando a qualche esplosivo, ha sporto denuncia. Si è risaliti al colpevole: un 66enne vittoriese, pensionato, incensurato, cacciatore. O.D.C. aveva mirato una lepre e con il fucile aveva cominciato a sparare. Ma mentre l'animale è sfuggito ai proiettili, la porta ha funto da bersaglio, senza che il cacciatore se ne accorgesse... http://www.oggitreviso.it/spara-alla-lepre-ma-colpisce-porta-di-casa-51684

06.10.2012 Spara ipotizzando sia un ladro

Giallo via Pizzardi, 71enne confessa: "Pensavo fosse un ladro e ho sparato"Guai per il pensionato che ha sparato, un ex bancario con la passione della caccia e delle armi (i Carabinieri hanno rinvenuto nel suo appartamento fucili e pistole, tutte regolarmente detenute, eccetto alcune cartucce tra cui quella esplosa)“. Ha confessato il pensionato che ha sparato al 31enne in zona Massarenti l'altrogiorno. Il ragazzo, entrato nel cortile per recuperare la bici rubata, si è preso una pallottola nella gamba... http://www.bolognatoday.it/cronaca/via-Pizzardi-sparatoria-ferito-armi-pensionato.html

07.10.2012 Cacciatore lamenta troppi controlli

Caccia le guardie volontarie: «Ci impediscono i controlli».Venezia, Jesolo. La stagione venatoria porta con sé proteste e malumori tra le guardie volontarie, alle prese con nuovi protocolli operativi che per gli addetti sarebbero limitativi. Le novità erano state anticipate dalla Provincia con una lettera dello scorso 25 luglio e poi con alcuni incontri. Tra le prescrizioni, il fatto di non poter svolgere attività sul territorio negli orari in cui la polizia provinciale non è in servizio. Né sono ammessi servizi di controllo quando le guardie sono impegnate in altre attività come censimenti, cattura lepri o abbattimento nutrie... http://nuovavenezia.gelocal.it/cronaca/2012/10/07/news/caccia-le-guardie-volontarie-ci-impediscono-i-controlli-1.5824779

08.10.2012 Cacciatore minaccia con il fucile le guardie Wwf

Avellino - Cacciatore minaccia con il fucile le guardie Wwf. Ha visto avvicinarsi le guardie del Wwf: non ha esito a minacciare i volontari con il fucile che aveva al seguito. E' accaduto nei pressi della diga di Conza della Campania. Subito dopo il cacciatore si è dato alla fuga nella boscaglia. Nella corsa, però, ha perso un caricatore. Ed è proprio grazie a questo particolare che potrebbe presto essere identificato... http://247.libero.it/rfocus/16136497/1/cacciatore-minaccia-con-il-fucile-le-guardie-wwf/

9 ottobre 2012 Agente forestale morso da cacciatore

Gussago Brescia (BS) "Cacciatore 43enne morde l'agente forestale: scoperto mentre cacciava con un richiamo elettronico, si è dato alla fuga. Rintracciato presso l'abitazione dei genitori, d'apprima si è barricato in bagno, poi si è scagliato contro gli agenti. Il magistrato di turno non ha disposto l'arresto, ma per il cacciatore e i suoi genitori ha formalizzato a vario titolo l'accusa di resistenza a pubblico ufficiale, oltraggio, violenza e minacce. I tre attenderanno il processo a piede libero. Il cacciatore dovrà rispondere anche delle infrazioni legate al possesso del fonofil e della rete da uccellagione.... http://www.bresciaoggi.it/stories/Provincia/419012_un_cacciatore_di_gussago_morde_lagente_forestale/

9 ottobre 2012  Lascia il fucile sulla pubblica via

Todi  Perugia (PG). Qualche volta si rimane basiti di fronte all’incoscienza. I Carabinieri della Compagnia di Todi hanno dovuto denunciare un giovane perché aveva lasciato incustodito il proprio fucile da caccia, regolarmente detenuto, lungo la pubblica via... http://www.iltamtam.it/Generali/Cronaca/Lascia-il-fucile-da-caccia-per-la-strada-denunciato.aspx"

10 ottobre 2012 Fucile dimenticato sulla strada

Collesalvetti  Livorno (LI). Trova un fucile sul ciglio della strada a Parrana San Giusto e chiama i carabinieri. È successo mercoledì mattina alle 11. Come accertato dai militari dell’Arma, il fucile era stato lasciato per sbaglio da un cacciatore che lo aveva dimenticato sul tetto dell’auto, ripartendo dopo una battuta di caccia. L’uomo è stato denunciato per omessa custodia... http://iltirreno.gelocal.it/livorno/cronaca/2012/10/12/news/fucile-da-caccia-incustodito-per-la-via-un-denunciato-1.5853121

13.10.2012 Violenza domestica

"Ti sparo in bocca": in manette marito violento. Notte folle per un 58enne di Tortorici, in provincia di Messina. L’uomo, probabilmente in preda i fumi dell’alcol, aveva litigato con la moglie, la quale si era accorta che il marito aveva barricato le uscite dell’abitazione e chiuso a chiave la porta che collega la camera matrimoniale con la stanza delle figlie. Durante il diverbio, il capofamiglia, dapprima ha inveito contro la donna, avendola malmenata e trascinata afferrandola per i capelli. Poi si è recato nell’armeria, dove custodiva 4 fucili ed una pistola 7,65, detenuti legalmente. Dopo aver preso la rivoltella, ha sparato dei colpi in aria e quindi è tornato alla ricerca della moglie, minacciandola brutalmente, urlando: “Ti sparo in bocca”. Nel frattempo, però, la coniuge riusciva ad aprire la stanza delle figlie, rifugiandosi lì.Intanto, una parente, attirata dal fragore, ha chiamato i carabinieri che sono intervenuti anche con i rinforzi del Nucleo radiomobile di Sant’Agata di Militello. I militari dell’Arma son riusciti a trarre in salvo le donne, facendole uscire da una porta laterale. Poi, le trattative con l’uomo andato in escandescenze, durate circa un’ora. Alla fine, escogitando un diversivo, sono riusciti a far venire fuori il furibondo marito, arrestandolo con l’accusa di violenza privata, resistenza a pubblico ufficiale e porto illegale di arma da fuoco, in quanto l’autorizzazione era scaduta....http://messina.blogsicilia.it/ti-sparo-in-boccaa-tortorici-arrestato-marito-violento/105003/

14.10.2012 Peste suina? Si caccia lo stesso!

Peste suina: norme restrittive per la caccia al cinghiale? BONO. In seguito ai numerosi casi di peste suina africana alcune zone del Goceano sono off limits per la caccia al cinghiale, ma in alcune aree sarà possibile praticarla seguendo un protocollo molto rigido. Le deroghe sono state fatte nel rispetto degli articoli 23, 24, 25 del decreto 30 dell'assessore all'Igiene e alla Sanità (Dais) del 2012, ... Le compagnie interessate all'esercizio della caccia grossa nelle zone infette devono richiedere il “nulla osta” al Servizio veterinario della Asl 1 di Sassari che, sentito il Corpo forestale e di vigilanza ambientale, può autorizzare i cacciatori all'esercizio della caccia al cinghiale ... Il Dipartimento di prevenzione tiene a precisare che il cinghiale, come già rilevato da uno studio portato avanti dal 2007 a oggi dall'Istituto zooprofilattico di Sassari, è più una vittima che responsabile del contagio di queste patologie e che soprattutto in Goceano «la vicinanza delle aziende zootecniche ai pascoli comunali, in cui insistono popolazioni di animali domestici allo stato brado, ha determinato il contagio della tubercolosi dai bovini al cinghiale e della peste suina africana dal suino domestico al cinghiale».... http://lanuovasardegna.gelocal.it/regione/2012/10/14/news/peste-suina-norme-restrittive-per-la-caccia-al-cinghiale-1.5862002

 

16.10.2012 Padule di Fucecchio al piombo

Forte contaminazione di piombo nel Padule di Fucecchio. Colpa dei pallini da caccia. Uno studio dell’università di Siena nel rapporto Ispra. L'Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale (Ispra) ha presentato il rapporto "Il piombo nelle munizioni da caccia: problematiche e possibili soluzioni Introduzione", del quale parliamo in un altro articolo di greenreport.it. Le stime del piombo diffuso nell'ambiente nel corso della stagione venatoria sono state effettuate anche a scala locale o per alcuni contesti ambientali. Secondo la ricerca, «nelle zone umide dell'Unione Europea, ad esempio, è stato calcolato che ogni anno vengano sparate 2.400-3.000t di piombo, delle quali 420 in Francia e 148 in Italia... http://www.greenreport.it/_new/index.php?page=default&id=18319&mod=greentoscana

16.10.12 82enne invaghito minaccia donna

Innamorato della pasticcera, 82enne la minaccia con la vanga. Anziano invaghito di una bella commessa reagisce in modo violento quando capisce che il suo sentimento non è corrisposto: intervengono i carabinieri. Albinasego. Invaghito di una bella commessa di pasticceria, domenica ha brandito una vanga inveendo contro di lei e il suo amore non corrisposto. Sono dovuti intervenire i carabinieri di Monselice per fermare l’uomo e riportarlo a più miti consigli.... I quali hanno riaccompagnato a casa l’anziano e hanno chiesto l’intervento della guardia medica, che però non ha ritenuto necessario di ricoverarlo. Ma poi, sapendo che in casa aveva tre vecchi fucili da caccia, per precauzione glieli hanno sequestrati.... http://mattinopadova.gelocal.it/cronaca/2012/10/16/news/innamorato-della-pasticcera-la-minaccia-con-la-vanga-1.5870612

19 ottobre 2012 Cacciatori inaffidabili: niente rinnovo

Belluno (BL). Occhi apertia nel settore della caccia, alfine di verificare irregolarità da parte dei cacciatori. Nell’ambito di tali controlli, il personale della squadra di Polizia amministrativa ha provveduto a una verifica dei requisiti per i possessori del porto d’arma per fucili da caccia, rigettando il rinnovo della licenza per D.M.P.A., di anni 69; G.Q., di 71 anni; F.M., di 44 anni; a P.L., di 59 anni, non è stata invece rinnovata l’istanza per il fucile da tiro a volo. I dinieghi sono stati dati, dopo un’attenta attività istruttoria, per la non affidabilità dei soggetti prorprio perché i soggetti nella condotta attività istruttoria non affidabilità dei soggetti nell’uso delle armi... http://corrierealpi.gelocal.it/cronaca/2012/10/19/news/denunciato-un-titolare-di-armeria-1.5892547

19.10.2012 Sabotata l'auto delle guardie WWF

Sabotaggio all'auto delle guardie del Wwf: manomessi i freni. In discesa hanno rischiato la vita; possibile la vendetta di qualche cacciatore del posto. Vigilano sull'attività dei cacciatori, fanno rispettare la legge girando per boschi a caccia di bracconieri, armati solo di penna e verbali. Sono odiatissimi dai cacciatori-bracconieri e giovedì 18 ottobre, sui monti sopra a Lumezzane, tre guardie venatorie del Wwf hanno subito un attacco gravissimo: la loro auto è stata manomessa...                                                                                                                                                               http://brescia.corriere.it/brescia/notizie/cronaca/12_ottobre_19/sabotaggio-auto-wwf-tre-rischiano-di-morire-2112324265686.shtml

20.10.2012 Troppe liti in famiglia: sequestrate le armi

Perugia, continue liti in famiglia: sequestrate una pistola e tre fucili a un cacciatore. Il provvedimento a tutela dei figli minori: dovrà vendere le armi. La polizia ha sequestrato precauzionalmente le armi a un cacciatore perugino di 53 anni per la sua delicata situazione familiare. Situazione tesa. Qualche giorno fa un equipaggio delle Volanti è intervenuto, su segnalazione per lite in famiglia, presso un appartamento della periferia del capoluogo umbro, dove vive un artigiano perugino di 53 anni, appassionato cacciatore. Effettivamente, sul posto gli agenti hanno notato una forte tensione tra i coniugi, in via di separazione, con gravi conseguenze psicologiche dei figli... http://www.umbria24.it/perugia-continue-famiglia-sequestrate-pistola-fucili-cacciatore/124293.html

22 ottobre 2012 Incidente di caccia... perdonato

Motta di Livenza Treviso (TV) Sparò al figlio per errore, gli restituiscono il fucile. Il padre, da una posizione rialzata, aveva sparato a una lepre e solo un ""caso del tutto fortuito"" ha voluto che colpisse il figlio, che ha riportato danni gravissimi (cecità) all’occhio destro. La ricostruzione della dinamica dell’incidente di caccia, unità alla volontà del figlio di non presentare querela, ha escluso responsabilità colpose del padre. Ora il prossimo passo è quello di chiedere la restituzione della licenza di caccia... http://www.news.oggitreviso.it/spar%C3%B2-errore-al-figlio-53096"

23 ottobre 2012 Violenza domestica

Vasto Chieti (CH)  "Minacce col fucile e botte: denunciato. Da sei anni veniva picchiata e minacciata dal marito. Più volte è stata costretta a ricorrere alle cure dei sanitari dell’ospedale. Eppure ha taciuto. Lo ha fatto per paura e per vergogna. E perché lei, nonostante tutto, al marito vuole ancora bene. Recentemente la poveretta è stata ricoverata per una lesione alla membrana timpatica mentre il figlio si è fatto medicare una bruciatura sul braccio provocata dal padre con una sigaretta. L’ultimo episodio risale a due giorni fa. L'uomo è rientrato in casa ubriaco, ha aggredito la moglie e avvicinandosi a un fucile ha iniziato a minacciarla di morte. «A quel punto lei è scappata fuori di casa. I vicini ci hanno chiamato spaventati e quando siamo arrivati abbiamo trovato la donna seduta strada in lacrime e piena di lividi». Le armi, regolarmente denunciate, e le munizioni sono state sequestrate a l’uomo è stato denunciato per minacce aggravate... http://ilcentro.gelocal.it/chieti/cronaca/2012/10/23/news/vasto-minacce-col-fucile-e-botte-nbsp-denunciato-1.5910209

23 ottobre 2012 Sparano ai piccioni dall'auto

Rivarolo Mantovano  Mantova (MN) "Desiderosi di fare qualcosa di diverso dalle solite domeniche, l'altro giorno due giovani hanno deciso di passare il bel pomeriggio di sole dando la caccia ai piccioni, di cui anche a Rivarolo si lamenta la proliferazione. Con la loro utilitaria sono andati in diversi punti del paese ma è stato alla gonzaghesca Porta Parma, che hanno impaurito i passanti. Stando in macchina, con la loro carabina, puntavano e sparavano ai voltatili che poi a gruppi svolazzavano nel cielo. Qualcuno, spaventato, ha chiamato il 112. Verso le 17 hanno rintracciato i due giovanotti seduti al bar in piazza. In macchina avevano ancora la carabina. Sono stati segnalati... http://gazzettadimantova.gelocal.it/cronaca/2012/10/23/news/spari-ai-piccioni-tra-la-gente-1.5913676

25 ottobre 2012 CACCIATORI: brava gente

Grantorto  Padova (PD) "Vendette o dispetti fra cacciatori nelle campagne di Grantorto, dove tre capanni di caccia sono stati dati alle fiamme nella notte fra giovedì e venerdì, e sono stati tagliati numerosi alberi da frutto della persona che ha concesso il campo ai cacciatori. Lo denuncia Feliciano Cervellin, uno dei titolari delle postazioni di caccia (utilizzate anche da Leonardo Boscato e Danilo Toffanin), che punta il dito contro altri cacciatori. «Quella notte» riferisce Cervellin «un passante si è reso conto delle fiamme e mi ha avvisato. Quando sono arrivato sul posto ho visto due persone fuggire a piedi verso il Brenta. I danni più gravi sono stati sopportati da Alice Cappellaro, proprietaria del terreno, alla quale sono state tagliate tutte le piante, anche preziose, esistenti nell’appezzamento dove sorgevano i tre capanni completamente bruciati. Si tratta di alberi di cotognastro, sorbo degli uccellatori, corbezzolo, cachi, gelso, platano, salice, acacia e agrifoglio» ... http://mattinopadova.gelocal.it/cronaca/2012/10/25/news/capanni-di-caccia-bruciati-e-alberi-da-frutto-tagliati-1.5922423

26.10.2012 Forestale aggredito da bracconiere

Brescia – Forestale ferito durante una colluttazione con un bracconiere. Geapress – Ha riportato la frattura di un braccio e numerose escoriazioni al volto, l’Agente del Corpo Forestale dello Stato che ha fermato, domenica mattina, un bracconiere in fuga nelle vallate del bresciano. Il cacciatore di frodo, raggiunto dal Forestale del NOA (Nucleo Operativo Antibracconaggio), non ha esitato a dare vita alla colluttazione.... http://www.geapress.org/caccia/brescia-forestale-ferito-durante-una-colluttazione-con-un-bracconiere/34353

30 ottobre 2012   78enne dimentica il segugio legato all'auto e lo trascina per chilometri

San Miniato  Pisa (PI) Si dimentica il segugio legato all'auto e lo trascina per chilometri: di rientro da una battuta di caccia, avrebbe legato il suo segugio di circa 8-10 anni al gancio della sua Fiat panda. Dimenticandosi del cane ha messo in moto l'auto ed è tornato a San Miniato, dove è arrivato con il povero cane sanguinante ed il portellone posteriore aperto. L'uomo è un cacciatore con regolare licenza di anni 78 anni e portatore di strumento acustico. << Volendo infatti indagare i motivi che possono aver contribuito alla disgrazia, ci vengono da porre alcuni quesiti per fare piena chiarezza sulla vicenda. Elementi che, considerando anche che abbiamo a che fare un soggetto titolare di un porto d'armi, hanno in se dell'incredibile: come può il proprietario dell’animale non essersi accorto che la bauliera era aperta? Non potrà aver sentito le urla della povera bestiola, ma il freddo che entrava in auto non lo percepiva? Veniamo inoltre a conoscenza sempre dalla stampa che il protagonista di quest'amara vicenda, un anziano cacciatore molto noto nella zona e che ha superato i settant'anni, è portatore di un apparecchio acustico. Di fronte a tali elementi, anche facendo salva la buona fede dell'anziano, non possiamo esimerci dal chiedere con forza alle Autorità Competenti che facciano piena chiarezza sugli eventi giungendo a tutte le conclusioni del caso, vigilando più accuratamente affinché le concessioni del porto d’armi siano valutate con la massima serietà anche rispetto all’età anagrafica dei soggetti richiedenti"".Associazione Dav - Difesa ambiente animali e vita>> http://www.pisatoday.it/cronaca/cane-trascinato-legato-macchina-sa-miniato-30-ottobre-2012.html
http://www.gonews.it/articolo_161048_Cane-trascinato-da-unauto-lassociazione-Dav-Si-faccia-chiarezza-sullaccaduto.html"

30 ottobre 2012 IPOCRISIE VENATORIE: immissione cinghiali

Bergamo (BG) "I cinghiali sono motivo di polemica tra Provincia e cacciatori. Gli agricoltori li odiano, la Coldiretti lancia continui allarmi per le coltivazioni distrutte, la polizia provinciale ha scatenato una vera e propria guerra per abbatterne il più possibile. Ma non tutti vogliono eliminare i cinghiali che imperversano sulle nostre colline, e da qualche mese anche nelle valli. Anzi, c'è qualcuno che fa di tutto per proteggerli e farne aumentare ancora di più il numero. Nei mesi scorsi qualcuno ha notato dei camion che rilasciavano un grande numero di cinghiali nei boschi dell'Alta Val Brembana, dove fino a giugno non se n'era mai visto uno. Le guardie provinciali segnalano che qualcuno ruba i piccoli orologi assicurati con dei fili che servono a rilevare gli orari di passaggio degli animali, e che interviene sulle pasture che vengono lasciate in giro come esca, spargendovi sopra del gasolio in modo che gli animali se ne allontanino invece che esserne attratti
http://bergamo.corriere.it/bergamo/notizie/cronaca/12_ottobre_30/provincia-bergamo-cacciatori-guerra-cinghiali-2112480465784.shtml"

31 ottobre 2012 CACCIATORI: gente seria

Terni "Dichiarano il falso per ottenere la licenza di caccia. Tre cacciatori ternani sono stati denunciati dal personale della Divisione Polizia Amministrativa e Sociale della Questura di Terni per false attestazioni. I tre, nel compilare la richiesta per il rilascio della patente di caccia, avevano dichiarato la mancanza di condanne penali a loro carico ma gli agenti, nell'ambito dei controlli per accertare la veridicità delle dichiarazioni effettuate tramite autocertificazione, hanno riscontrato il contrario. Ora rischiano una condanna fino a tre anni e verrà loro rifiutata la patente di caccia."
http://www.terninrete.it/headlines/articolo_view.asp?ARTICOLO_ID=353196

31 ottobre 2012 IPOCRISIE VENATORIE: tutti con l'armatura?

Firenze (FI) "Presto potrebbe arrivare in commercio una speciale linea di abiti ""antipallini"" per cacciare e andare nei boschi in sicurezza. L'Ente Nazionale di Unificazione (Uni), che certifica la qualità dei prodotti nei vari settori industriali, sta lavorando al progetto di abbigliamento-corazza in collaborazione con le associazioni dei cacciatori e produttori di abbigliamento e tessile specialistico. Collabora anche il Gruppo Lenzi di Prato che nel 2011 ha lanciato il primo tessuto a prova di sparo.... http://www.ansa.it/web/notizie/regioni/toscana/2012/10/31/caccia-abbigliamento-corazza_7721919.html"

NOVEMBRE

1 novembre 2012 Prete cacciatore: il 5° comandamento?

Vestone  Brescia (BS) "Il prete cacciatore che «scomunica» i bracconieri: Don Dino Martinelli da 30 anni una volta a settimana se ne va a sparare al capanno. Una passione ereditata dal suo parroco... http://brescia.corriere.it/brescia/notizie/cronaca/12_novembre_1/prete-cacciatore-scomunica-bracconieri-valsabbia-2112514691204.shtml

 

4.11.2012 Fucilata al traliccio: Migliarino senza luce

Mezza migliarino senza elettricità. Spara agli uccellini e abbatte palo della luce. Fucilata a un traliccio, Migliarino senza luce. Incidente di caccia: un proiettile ha centrato il cavo. I tecnici di Enel sono entrati in azione per riparare il gusto, intanto l'area resta per ore senza elettricità. incidenti di caccia. Da ore l'area industriale di Migliarino Pisano è senza corrente … http://iltirreno.gelocal.it/pisa/cronaca/2012/11/03/news/fucilata-a-un-traliccio-migliarino-senza-luce-1.5967000
+ http://iltirreno.gelocal.it/pisa/cronaca/2012/11/04/news/spara-agli-uccellini-e-abbatte-palo-della-luce-1.5975441

05.11.2012 Tagliole dentate disseminate in luoghi pubblici

Prato - Lacci d'acciaio e tagliole dentate sistemate in un'area di ripopolamento del Monteferrato, subito sopra l'abitato di Figline, alla periferia nord di Prato. Un cervo e' finito nella trappola ed e' stato eviscerato sul posto. Avevano sistemato lacci di acciaio per catturare gli animali. Trappole micidiali che solo alla fine di profonde sofferenze portano l'animale alla morte. Due bracconieri sono stati denunciati dalla polizia provinciale di Prato. Sorpresi nella notte, in una zona di ripopolamento del Monteferrato, poco sopra l'abitato di Figline... Le trappole in cordino d'acciaio sono pericolosissime, ancor di piu' in una zona che viene abitualmente battuta anche dai cercatori di funghi.... http://www.toscanatv.com/leggi_news?idnews=NL144609

5 novembre 2012 Fucile incustodito

Pieve Santo Stefano  Arezzo (AR)  "Denunciato alla Procura di Arezzo un cacciatore che si e' allontanato dalla propria auto lasciando nel veicolo un fucile carico con le relative munizioni, incustodito: si era stancato di cacciare ed aveva quindi deciso di cercare funghi... http://www.liberoquotidiano.it/news/1114797/Arezzo-lascia-in-auto-fucile-carico-incustodito-denunciato-cacciatore.html"

 

06.11.2012 "Noi cacciatori siamo i veri animalisti "

La sparata. Delirio del cognato di Di Pietro "Noi cacciatori siamo i veri animalisti". Cimadoro: "Siamo maltrattati dalle regole più restrittive al mondo. E poi troppe tasse. Siamo costretti a emigrare". "Cacciatori veri animalisti", "cacciatori maltrattati", "costretti aemigrare". Gabriele Cimadoro, deputato dell'Idv e cognato di Antonio Di Pietro, a La Zanzara su Radio 24, urla tutta la sua rabbia contro chi ce l'ha con la categoria...http://www.liberoquotidiano.it/news/politica/1114538/Delirio-del-cognato-di-Di-Pietro----Noi-cacciatori-siamo-i-veri-animalisti-.html

13.11.2012   5 colpi per gelosia

Fa amicizia su facebook con una ragazza, l’ex gli spara 5 colpi di fucile. Arrestato giovane verolano. I Carabinieri a Veroli, la scorsa notte hanno arrestato un giovane del posto in flagranza di reato per “tentato omicidio”, con la collaborazione dei colleghi militari di Alatri. L’arrestato, poco prima, nei pressi di un bar in zona periferica, per motivi passionali, esplodeva cinque colpi con un fucile da caccia (di sua proprietà e legalmente detenuto per uso caccia), all’indirizzo di un altro giovane poiché “ritenuto colpevole” di avere un’amicizia su un social network (facebook) con la sua ex ragazza... http://www.veroli24.it/fa-amicizia-su-facebook-con-una-ragazza-lex-gli-spara-5-colpi-di-fucile-arrestato-giovane-verolano-12426.html

 

14 novembre 2012   Premio Hitler agli animalisti

Bologna "Premio Hitler agli animalisti"": la provocazione di Federfauna. L'incredibile iniziativa dell'associazione che difende cacciatori, allevatori e commercianti di animali: ""Anche il fuhrer li amava follemente"...                                            http://bologna.repubblica.it/cronaca/2012/11/14/news/premio_hitler_agli_animalisti_la_provocazione_di_federfauna-46637401/?ref=HREC1-7

14.11.2012  Pranza al ristorante col fucile carico:parte un colpo

Pavia: Valverde, parte un colpo di fucile al ristorante - Cacciatore piacentino sotto indagine. L’autorità giudiziaria sta lavorando per ricostruire quali siano le esatte responsabilità del cacciatore che domenica si è seduto a pranzare al ristorante La Quercia lasciando il fucile carico e senza sicura. Dall’arma per motivi ancora in fase d’accertamento è partito accidentalmente un colpo che, trapassato il bancone, si è fermato dentro la macchina del caffè. Il boato ha terrorizzato tutti e solo un miracolo ha fatto sì che nessuno si facesse seriamente male. I militari hanno identificato un 46enne... http://www.vivopavianotizie.net/index.php?option=com_content&view=article&id=1768%3Avalverde-parte-un-colpo-di-fucile-al-ristorante-cacciatore-piacentino-sotto-indagine&catid=12&Itemid=101
+ Aggiornamento 05.01.2013: Doppia denuncia per la fucilata nell’agriturismo. Valverde. Alla fine dell’indagine è arrivata anche la doppia denuncia a carico del cacciatore imprudente. Il cacciatore è stato denunciato ai sensi dell’articolo 703 (esplosioni pericolose) e ai sensi della legge 895 del 1967 (sparo di arma da fuoco in un locale pubblico). Per fortuna sulla traiettoria non c’è nessuno anche se il ristorante è pieno di gente. Vedendo che M.M. non era propenso ad autodenunciarsi, è stato uno degli altri avventori a chiamare la Forestale.... http://laprovinciapavese.gelocal.it/cronaca/2013/01/05/news/doppia-denuncia-per-la-fucilata-nell-agriturismo-1.6300433

15.11.2012 Far-west venatorio

Foggia, Bovino: ritiene violato il proprio spazio venatorio e spara al cacciatore rivale. I Carabinieri della Stazione di Orsara di Puglia e della Compagnia di Foggia hanno arrestato SPANO Francesco, 58enne residente a Bovino che, nel corso di una battuta di caccia in località Monte Fedele di Bovino, a seguito di un alterco verbale con un cinquantenne orsarese scaturito da divergenze sulle aree dove praticare l’attività venatoria, aveva ferito quest’ultimo con un colpo esploso con il fucile da caccia legalmente detenuto... http://www.lanotiziaweb.it/15/11/2012/bovino-ritiene-violato-il-proprio-spazio- venatorio-e-spara-al-cacciatore-rivale/

18.11.2012 - Stile mafioso

Avvertimento a San Cataldo: un proiettile tra quattro cuccioli moribondi. I cani sono spirati nonostante le cure. L’ipotesi è un’intimidazione di cacciatori a un’associazione animalista. Ha il sapore dell'avvertimento, il pacco abbandonato in contrada dell'Acqua a qualche centinaio di metri dal rifugio Lida, di San Cataldo. I volontari dell'associazione animalista hanno ritrovato all'interno della scatola quattro cuccioli mettici di poche settimane, in fin di vita, ed un proiettile di fucile da caccia inesploso.... http://www.gds.it/gds/edizioni-locali/caltanissetta/dettaglio/articolo/gdsid/223852/

18.11.2012  Tanti soldi con l'uccelagione

Il racconto di un bracconiere: «Si guadagna con polenta e osei». Dalla Valseriana ai boschi di Valbondione, dai Colli di San Fermo alle verdi pianure della Bassa. Ma anche battute lampo in Trentino a caccia di camosci o settimane al Sud Italia e nell'Est Europa, per riempire i carnieri di cardellini e pettirossi....Sul tavolo un mucchio enorme e colorato di volatili. Per terra un paio di sacchi neri per l'immondizia, stracolmi di piume. Gli uccelli saranno almeno 300. «Questi li hanno portati poco fa - spiega il bracconiere -, sono fringuelli, pettirossi, peppole e qualche cinciallegra. Quest'anno sono passati in ritardo per il caldo, meglio così. Lavoreremo un po' più a lungo»... A ottobre e novembre il bracconaggio lavora full time, non ci sono pause. È una corsa contro il tempo per catturare il numero più alto possibile di uccelli. Esistono anche vere e proprie squadre: «Da solo non riuscirei mai a raggiungere questi numeri - spiega il bracconiere -, in un paio di mesi congelo circa 10.000 uccellini. Ho alcune persone che mi aiutano».... http://www.ecodibergamo.it/stories/Cronaca/330071_il_racconto_di_un_bracconiere_si_guadagna_con_polenta_e_osei/

20 novembre 2012  a 81 anni ancora detiene fucili

San Martino in Rio * Reggio nell'Emilia (RE) Furto in casa, rubati cinque fucili da caccia : armi da caccia che, fino ad alcuni anni fa l'81enne utilizzava per una delle sue grandi passioni, la caccia, e che conservava con cura in una delle stanze di casa che oggi condivide con la sua compagna. Un furto da poco, lo definisce ancora Righi, anche se i ladri hanno portato via con sé qualcosa di più importante, i cinque fucili che, anche se vecchi o di poco valore, sono funzionanti ed utilizzabili.... http://gazzettadireggio.gelocal.it/cronaca/2012/11/20/news/rubati-cinque-fucili-da-caccia-1.6056576"

20 novembre 2012  Arsenale venatorio: guerra in vista?

Ventimiglia  Imperia (IM)  "Denunciato a piede libero appassionato...di armi: oltre ad un fucile da caccia (regolarmente detenuto, ma ritirato per ovvie ragioni) e quasi duecento cartucce, all'interno di vetrine, armadi e di una stanza adibita ad ""armeria"" è stato sequestrato un vero e proprio arsenale. Sono stati sequestrati: 10 proiettili da guerra Calibro 9 Moschetto 91; 6 proiettili da guerra Calibro 9 con caricatore; 1 proiettile calibro 7,62 Nato; 1 proiettile calibro 7,62 proveniente dai paesi dell’Est; 16 proiettili calibro 9 X 19 parabellum; 4 proiettili calibro 7,62 a salve; 3 proiettli calibro 9X19 a salve; 3 proiettili calibro 7,62 a salve “sparati”; 11 ogive da guerra vario calibro;1 proiettile da fucile calibro indefinito a salve; 71 proiettili di pistola vario calibro; 17 cartucce di fucile di vario calibro uso venatorio;5 cartucce per pistola traccianti; 1 caricatore Garant contenente nr. 8 bossoli; 1 caricatore Garant contenente nr. 5 bossoli; 6 bossoli calibro 9X19; 3 bossoli con calibro illeggibile; 2 bossoli con calibro illeggibile risalente presumibilmente alla 1 guerra mondiale; 2 bossoli calibro 30, presumibilmente da mitragliatrice; 21 bossoli di pistola di vario calibro; 4 cartucce scacciacani;2 ogive di pistola ;2 bossoli 7,65 in alluminio: 2 bossoli esplosi senza calibro; 1 nastro mitragliatore calibro 7,62 con 26 bossoli;1 nastro mitragliatore calibro 7,62 con nr. 4 bossoli;3 bossoli grosso calibro da guerra; 1 machete avente lunghezza totale di cm 49 di cui 34 di lama 1 machete avente lunghezza totale pari a cm 54, 5 di cui 41 di lama ... http://www.primocanale.it/notizie/denunciato-a-piede-libero-appassionato-di-armi-116486.html"

21 novembre 2012 IPOCRISIE VENATORIE

Cagliari (CA) "Sardegna, la lobby della doppietta: aumentano gli incidenti venatori, ma le regole sono ignorate. Dolore e vicinanza sì, ma solo con il pensiero. E così per i cacciatori sardi anche l’ultima domenica è stata giornata di caccia grossa. Niente stop e niente rinunce per ricordare Andrea C., il bambino morto solo qualche giorno prima nelle campagne di Irgoli, in provincia di Nuoro... http://www.lettera43.it/cronaca/sardegna-la-lobby-della-doppietta_4367573132.htm"

21 novembre 2012 Cacciatore pentito denuncia

"CONFESSIONE D’UN CACCIATORE PENTITO. Ero a caccia presso dei parenti ed amici in Piemonte; avevamo circondato un campo di mais dove si pensava vi fossero delle lepri, annusate dai cani. I compagni di battuta avanzavano dentro il campo e ai lati per fare uscire la selvaggina e a me, sapendo che avevo una buona mira, avevano affidato il compito di abbattere la selvaggina. Vedevo che le cime delle piante di granturco si muovevano sempre più verso di me, segno questo, che la preda, scacciata dai suoi giacigli, avanzava. E infatti, di lì a poco, a una trentina di metri da me, sbucò una lepre. Presi la mira, sparai e l’animale fece un balzo in aria, e stramazzò al suolo; la raggiunsi, non era ancora morta, fremeva tutta e mi guardava con uno sguardo che lasciava trasparire incredulità e sofferenza. In altre occasioni avevo raccolto prede ferite o moribonde, ma mai nessuna mi aveva turbato così tanto. I miei compagni di battuta si complimentarono con me, per il bel colpo e vollero che la prendessi io; ma io quella lepre, nonostante l’insistenza non la volli nel mio carniere né riportare con me in Abruzzo. Qualcosa si era rotto tra me e la caccia. Quella scena mi tornava di tanto in tanto in mente, anche oggi a distanza di quarant’anni, rivedo nitidamente gli occhi di quella lepre morente... Il mio processo di maturazione era andato avanti, mi stavo umanizzando e mi stavo liberando del mio istinto animalesco primordiale; ma ci vollero altri momenti, altre catture, altre letture e riflessioni e la passione animalista ed ambientalista di mia moglie per farmi comprendere la nuova fase che stavo vivendo e che mi portò in seguito ad abbandonare la caccia e a regalare il mio fucile e le cartucce ad un amico cacciatore.……….. A rileggere l’intervista della contessa a prima vista sembrerebbe che non vi siano differenze tra lei e la mia gatta. Entrambe sono attratte dal loro istinto a cacciare senza posa. La mia gattina non uccide però cervi o daini o beccacce, ma prende altri animali alla sua portata: topolini, scoiattolini, uccellini, con i quali una volta catturati ci gioca, li accarezza, poi me li porta con orgoglio in “dono” e come trofei da mostrare. Eppure a ben vedere una differenza c’è. La gatta non può smettere di cacciare perché è il suo istinto felino connaturato alla sua essenza animale che lo comporta; la contessa può liberarsi della sua animalità, se lo vuole. L’animale nasce animale e non può che morire animale – come dice il filosofo danese Kierkegaard – ed è questo ciò che distingue ogni animale dall’uomo. Per il filosofo danese “l’esistenza precede l’essenza,” nel senso che l’uomo a differenza dell’animale diventa ciò che è come conseguenza delle sue scelte, può diventare qualsiasi cosa, un santo o anche una belva, un mostro sanguinario... http://www.rmfonline.it/?p=7250"

21 novembre 2012 IPOCRISIE VENATORIE

Borgo San Lorenzo Firenze (FI) "In Mugello a Borgo San Lorenzo sono stati individuati siti di pasturazione dove alcuni cacciatori alimentavano i cinghiali: a questo riguardo facciamo presente che è vietata dalla legge tale pratica, assai scorretta in quanto causa dell’ aumento della presenza di cinghiali. In questo caso alcuni cacciatori li nutrivano illecitamente per meglio cacciarli durante le battute... http://www.maremmanews.tv/it/index.php/notizie-dalla-regione/24445-ancora-bracconaggio-nel-padule-di-fucecchio"


21.11.2012  Necessario "Divieto di caccia" in piena città

No alla caccia: le periferie inondate di cartelli “Divieto di caccia”. Il comune di Lecce corre ai ripari? Dopo la denuncia dello "Sportello dei Diritti" sulla morte dell'esemplare di beccaccia impallinato, le periferie inondate di cartelli "Divieto di caccia". Sarà un caso, o no, ma dopo che la settimana scorsa Giovanni D'Agata, fondatore dello "Sportello dei Diritti", a seguito di una segnalazione da parte di alcuni cittadini indignati aveva denunciato alla stampa anche attraverso la fotografia, la presenza di un esemplare di beccaccia impallinato e grondante di sangue in una via del centro cittadino di Lecce, sono apparsi come funghi in città o meglio ai margini e sui viali della periferia decine e decine di cartelli di "Divieto di caccia". Un fatto inusuale perché si tratta di segnaletica installata su pali che normalmente si trovano in aperta campagna, nelle riserve e nei boschi... http://www.napolitoday.it/cronaca/no-alla-caccia-le-periferie-inondate-di-cartelli-divieto-di-caccia.html

21.11.2012  Palo della luce fastidioso: cacciatore gli spara

Cacciatore spara ad un palo della luce: «Mi dava troppo fastidio», denunciato. Ischia, Lacco Ameno, protagonista un uomo di 53 anni, esplode colpi di fucile e distrugge un lampione. E' stato denunciato dalla polizia per sparo in luogo pubblico e danneggiamento di utenze elettriche: l'uomo avrebbe esploso alcuni colpi di fucile all'indirizzo di un palo della luce adiacente ad un casolare di campagna semplicemente perchè lo infastidiva. Il fatto: Un contadino uscendo dal casolare di campagna, per dare da mangiare agli animali, ha illuminato la zona esterna del casolare con le luci esterne collegate alla rete Enel. Fatto questo che avrebbe dato fastidio al cacciatore il quale, infastidito dall'accaduto, dopo aver urlato all'indirizzo del contadino, ha esploso alcuni colpi di fucile danneggiando una cassetta sul palo Enel ed interrompendo quindi la fornitura di energia elettrica al casolare... http://corrieredelmezzogiorno.corriere.it/napoli/notizie/cronaca/2012/21-novembre-2012/cacciatore-spara-ad-palo-luce-mi-dava-troppo-fastidio-2112819498366.shtml

22.11.2012  Incidenti di caccia al Parco? "Colpa dei passeggiatori"

Colpa dei frequentatori del Parco se accade incidente caccia?. "LA POSTA DEI LETTORI / In difesa dei cacciatori: ""Sono un cacciatore che pone questi interrogativi a nome di tanti altri cacciatori miei conoscenti. In questi giorni si è sentito parlare nei vari telegiornali dei (purtroppo) numerosi incidenti di caccia e quasi sempre viene inevitabilmente colpevolizzato il cacciatore anche senza conoscere dettagliatamente la dinamica di tali incidenti. A tal proposito voglio simularvi una situazione spesso ricorrente con incidente finale e chiedere a tutti i lettori, ma soprattutto ai responsabili della gestione delle aree pinetali chi sarebbe il colpevole se ciò capitasse realmente (premetto se non è ancora capitato si tratta di semplice e pura fortuna per ambedue i possibili protagonisti)… Ciò premesso io posso accedere in pineta per la mia attività il lunedi e il giovedi dalle h.5.00 alle h.16.00 e la domenica dalle h.5.00 alle h.13.00, mentre ciclisti e cavallari possono accedervi tutti i giorni senza aver in alcun modo contribuito né materialmente né economicamente al mantenimento di tali aree, oltrettutto ciò li vedi spesso passare nei circuiti non previsti per bici e cavalli. Arrivo al dunque; domenica ho incrociato sul mio tragitto dove non è previsto il passaggio di biciclette, ben 8 ciclisti che per un niente non mi hanno investito il cane (se ciò fosse capitato vi garantisco che non sarebbero andati a vuoto neanche loro ) … http://ravennanotizie.it/main/index.php?id_pag=54&id_blog_post=60235 Andrea"...

22 novembre 2012 Stile mafioso

Belvedere di Spinello Crotone (KR) "Un chiaro segnale intimidatorio contro un'associazione che si batte per il rispetto e la protezione degli animali. E' accaduto a Belvedere Spinello dove un esemplare di corvo grigio ferito a colpi di cartucce caricate a piombo è stato gettato dal finestrino di un auto sotto l’abitazione dei volontari dell’Enpa, a Belvedere Spinello, nella serata di mercoledì scorso. Lo denuncia, in un comunicato, lo stesso Ente nazionale protezione animali, Sezione di Crotone. L’animale è stato immediatamente soccorso ma è morto poche ore dopo. Secondo l’Enpa il gravissimo gesto è da mettere in relazione “all’impegno dell’associazione contro la caccia e soprattutto contro il trasporto illegale dei cinghiali sui cofani dei veicoli dei cacciatori che sono soliti sfilare per i paesi come se avessero ucciso un mostro”... http://www.ilcrotonese.it/homepage/2012-11-22/intimidazione-allenpa-di-belvedere-lanciato-corvo-grigio-ferito-davanti-sede"

24 novembre 2012 CACCIATORI: brava gente

Rieti  Rieti (RI)"Scoperto il tradimento della moglie si è vendicato sull'amante aggredendolo violentemente durante una battuta di caccia in provincia di Rieti. L'uomo, un ternano di 55 anni avrebbe raggiunto la vittima in una riserva di caccia, dove si trovava in compagnia di un amico. Li ha sorpresi da incappucciato, sparando un colpo di pistola spray al peperoncino al volto dell'amante, ed uno di fucile ai suoi piedi, minacciando con la stessa arma l'altra persona, che ha poi obbligato a legare l'amico con delle fascette. Dopo averlo immobilizzato, lo ha colpito su tutto il corpo ripetute volte con la canna del fucile, calci, ed una mazza da baseball metallica che aveva portato con se'. Il tutto sotto la costante minaccia dell'arma rivolta contro il compagno di caccia E' grazie alle minacce verbali invece che i due hanno potuto riconoscere l'uomo, amico di vecchia data, marito della donna con cui la vittima intratteneva da tempo una relazione segreta, recentemente scoperta. L'aggressore, pur se riconosciuto, ha continuato a percuotere la vittima ormai in stato di semi incoscienza, minacciando di morte lui e l'amico nel caso in cui avessero scelto di rivelare la faccenda alla polizia, estendendo l'intimidazione anche alla famiglia dei due. Arrestato dalla polizia per violenza privata, lesioni e minacce... http://www.lanazione.it/umbria/cronaca/2012/12/05/812564-aggredisce-amante-moglie.shtml"

26.11.2012   75enne pigro spara dall'auto

Spara col fucile dall'auto per colpire un fagiano. Denunciato un cacciatore a Portoferraio. L'uomo ha sparato in strada dal finestrino della sua vettura vicino ad alcune case. Denunciato dai carabinieri un cacciatore 75enne di Portoferraio. Il cacciatore, oltre alla denuncia per aver sparato a meno di 100 metri di distanza dalle abitazioni e dall'interno di un veicolo a motore, dovrà rispondere anche di esplosioni pericolose... http://firenze.repubblica.it/cronaca/2012/11/26/news/spara_col_fucile_dall_auto_per_colpire_un_fagiano-47469426/

26.11.2012 Santa Madonna... del Bracconiere!

A Capovalle la festa della Madonna del Bracconiere». Capovalle * Brescia (BS) LOMBARDIA [NORD-OVEST] " «Ci si interroga sull'efficacia dei controlli della Polizia Provinciale - commenta la Lac in una nota - deputata a verificare l'attività degli impianti di cattura». Un esempio emblematico di tolleranza «è l’abusivo, imponente roccolo a Monte Manos-Comune Capovalle dove ogni anno in sfregio alla legge il signor Rizzardini, recidivo uccellatore compiaciuto, si fa beffa dei provvedimenti giudiziari e dei sacramenti promuovendo la festa della Madonna del bracconiere». Ad oggi né il comune né altre istituzioni sono mai intervenuti...    http://brescia.corriere.it/brescia/notizie/cronaca/12_novembre_26/bracconaggio-valli-bresciane-centinaia-reti-sequestrate-lac-2112894062944.shtml

28.11.2012  "Etica venatoria"

WWF contro cacciatori: durante l’alluvione spari sugli animali indifesi. Grosseto, 27 novembre 2012 - Li hanno chiamati sciacalli e avvoltoi. Questa volta, però, gli ambientalisti del Wwf se la sono presa con tutti quei cacciatori che, durante le ore successive alla tremenda alluvione che ha colpito la zona sud della provincia di Grosseto, hanno caricato il fucile e sono andati nelle zone allagate per sparare. Ad anatre e fagiani, soprattutto. Ma anche a tutti gli altri volatili che non avevano più tane in cui nascondersi oppure cibo da mangiare. Fabio Cianchi, responsabile provinciale del Wwf ci va giù duro: "Nonostante sia vietato cacciare sul territorio alluvionato, come in quello ricoperto da neve - ha detto - molti “sciacalli umani” hanno girovagato in lungo e in largo alla ricerca di prede facili. Forse sarebbe stato meglio incontrarli con una pala in mano o con una parola di conforto per le persone coinvolte nella tragedia... http://www.lanazione.it/grosseto/cronaca/2012/11/27/808580-il-wwf-denuncia-i-cacciatori-per-aver-violato-i-divieti-di-caccia-nelle-zone-alluvionate.shtml

28 novembre 2012 CACCIATORI: brava gente

San Salvatore Telesino  Benevento (BN). Ha sparato alcuni colpi con il suo fucile, vicino al centro abitato di San Salvatore Telesino, con l'obiettivo di spaventare uno stormo di uccelli fermo nel fondo agricolo adiacente alla sua abitazione. Per questo è stato denunciato in stato di libertà alla competente Autorità Giudiziaria un uomo di 70 anni... http://www.ntr24.tv/it/news/cronaca/san-salvatore-telesino-spara-vicino-al-centro-abitato-per-allontanare-uccelli-denunciato-70enne.html"

28 novembre 2012 CACCIATORI: brava gente

Perugia  Perugia (PG) Si dà malato ma non rinuncia al suo hobby preferito: la caccia alla palomba. Autista di bus deferito per truffa in danno di ente pubblico. Il referto dell'infortunio parlava di problemi alla schiena.... http://www.corrieredellumbria.it/notizie/si-da-malato-per-problemi-alla-schiena-ma-va-a-caccia/004985"

30 novembre 2012 "Pedagogia venatoria"

Torpè  Nuoro (NU). 16enne a spasso col fucile di papà. Sottrae il fucile al padre e se lo porta a spasso per il paese su un’auto che guida malgrado non abbia ancora conseguito la patente. Accusato di omessa custodia di arma da fuoco, dovrà spiegare perché il figlio abbia avuto accesso all’arma. Il fucile da caccia era regolarmente detenuto nell’abitazione ma evidentemente era mal custodito visto che il figlio sedicenne lo ha preso e se lo è portato con se nel suo giro... http://lanuovasardegna.gelocal.it/nuoro/cronaca/2012/11/30/news/torpe-16enne-a-spasso-col-fucile-di-papa-1.6120202"

30 novembre 2012 Immissioni pronto caccia: morti di fame

Albissola Marina  Savona (SV)  Fagiani “da pronta caccia” morti di fame ad Albissola Marina. Un variopinto maschio di fagiano è stato soccorso al centro del paese dai volontari della Protezione Animali; ricoverato e rifocillato si è subito ripreso, dimostrando che la “patologia” dalla quale era affetto ero lo stomaco vuoto. La scorsa settimana, sempre in zona “pesci vivi”, i volontari avevano soccorso un altro esemplare che però, per le condizioni di grave deperimento in cui si trovava, era morto poco dopo. Si tratta degli animali acquistati dagli Ambiti di caccia da allevamenti e liberati poco prima delle aperture; sono soggetti abituati a trovare il cibo nelle voliere ed incapaci quindi di procurarsene una volta liberi, tra l’altro in un ambiente che non conoscono... http://www.ivg.it/2012/11/fagiani-da-pronta-caccia-morti-di-fame-ad-albissola-marina/

DICEMBRE

01.12.2012  Troppi controlli per lui

I cacciatori e i controlli «pressanti» . “Sono un cacciatore e vorrei esprimere il mio disappunto in merito ai guardacaccia, in quanto nel giro di un mese sono stato sottoposto a controlli di vario genere, nonostante io sia in regola con tutto, le guardie mi «perseguitano» nel vero senso della parola. Il giorno 24 novembre mi hanno multato perché a detta loro avevo scritto male il quattro sulla data che riportavo sul permesso e per questo mi hanno elevato una multa di euro 156,00, inoltre nonostante io pratichi la caccia con il segugio le guardie sostenevano che io sparassi verso le abitazioni adiacenti. Ora io posso capire che i controlli devono essere effettuati ed è giusto che queste persone si applichino a farlo, ma ci vuole anche un po' di elasticità.... http://www.giornaledibrescia.it/gdb-statico/lettere-al-direttore/i-cacciatori-e-i-controlli-pressanti-1.1456497

01.12.2012  88enne minaccia armato i "porta a porta"

Genova, minaccia con fucile venditori porta a porta: 88enne denunciato. Dopo il caso dell’81enne che ha preso a pugni un venditore di Enel gas ed energia nel pianerottolo di casa, un altro ultraottantenne se la prende con i promotori commerciali minacciandoli con un fucile. E’ successo nel pomeriggio di ieri, quando due promotori di contratti “porta a porta” hanno chiamato il 112 poiché minacciati da un anziano armato di fucile. I militari, giunti sul posto, hanno verificato che l’anziano, T .L. classe 1924, residente a San Fruttuoso aveva minacciato i promotori con il suo fucile da caccia. L’uomo era inoltre in possesso di un altro fucile risultato anch’esso regolarmente detenuto, ma non tenuto in maniera idonea...

http://www.genova24.it/2012/12/genova-minaccia-con-fucile-venditori-porta-a-porta-88enne-denunciato-43535/

2 dicembre 2012  Macabra esibizione, etica venatoria

Castelnovo ne' Monti  Reggio Emilia (RE)  "E’ caccia sui “Bambi”: un cervo ammazzato in macabro transito per Castelnovo. Nei giorni scorsi, per le vie di Castelnovo, pare abbia dato bella mostra di sé un trattore con, al seguito caricato su una pala posteriore, sanguinolento, uno splendido esemplare di cervo ammazzato, diretto al centro di controllo di Rosano; a parte gli aspetti sanitari quanto meno discutibili, pure una macabra visione per gli automobilisti e passanti.….Sta facendo molto discutere, anche, il fatto che tra i selecontrollori risultano persone di fuori provincia, con nomi di casati nobiliari che poco o nulla c’entrano col territorio che, in altre occasioni, erano forse definiti “barbari” dai vertici della stessa Atc RE 04...Le associazioni ambientaliste lamentano “che questa è la prova lampante del fatto che la ‘cosiddetta caccia di selezione’ è l’ennesima forma di distribuzione di prede da esibire’”. Lo dimostrerebbero uno o più trasporti sicuramente poco accorti, tra cui quello di un magnifico esemplare di maschio cervo di 275 kg proveniente da Villa Minozzo (contro gli abituali 200) e 17 cime nel palco di corna (quando mediamente se ne contano una dozzina). In altre parole… attraverso “la caccia di selezione si stanno ammazzando in queste ore e se ne ammazzeranno in futuro magnifici esemplari di cervi, cosa che è in evidente antitesi – lamentano gli ambientalisti – con il fare caccia di selezione, partendo dagli animali più deboli, lasciando che si riproducano i più forti e i più sani, come in natura farebbero i predatori del cervo”. Più che un territorio da tutelare e preservare come un Parco, l’Appennino si dimostra riserva, non di cultura, ma di caccia... http://www.redacon.it/2012/12/02/e-caccia-sui-bambi-un-cervo-ammazzato-in-macabro-transito-per-castelnovo/

03.12.2012  15 pestato, sequestrato e minacciato.Cacciatori brava gente

Fidanzatino sequestrato e minacciato col fucile dal papà di lei. Paura per un 15enne marocchino di Caerano, tenuto ostaggio per due ore dentro un armadio dai genitori dell’amichetta e picchiato. Scoperti, i due adulti l’hanno fatto scappare calandolo dal terrazzo. Era andato a casa della fidanzatina perchè gli aveva detto che i genitori non c’erano. Si è ritrovato chiuso in un armadio sotto la minaccia di un fucile da caccia e picchiato. Vittima dell’incredibile storia un ragazzino di 15 anni di origini marocchine. A sequestrarlo i genitori della fidanzatina, una coppia di trentenni italiani che scopertolo a casa con la figlia l’hanno picchiato e minacciato per due ore. Intercettato dai carabinieri, è stato lo stesso marocchino a raccontare la paura e far scattare la denuncia contro i due adulti che nel frattempo avevano tentato di far sparire fucile e munizioni. Contro di loro, O.M. di Caerano, operaio di 38 anni e la moglie F.B. di 36, l’accusa di sequestro, violenza privata, minacce, lesioni.... http://tribunatreviso.gelocal.it/cronaca/2012/12/03/news/fidanzatino-sequestrato-e-minacciato-col-fucile-dal-papa-di-lei-1.6134886

06.12.12  Civile aggredito perchè protesta per spari ravvicinati

CIVILE FERITO AGGRESSIONE FISICA - Certaldo, (FI). Pallini sparati finiscono su una tettoia, si arriva alle mani fra un agricoltore e un cacciatore. Dopo lo sparo alcuni pallini, pare in caduta, sono caduti vicino alla zona in cui stava lavorando il proprietario del terreno insieme al figlio. Fra i due e il cacciatore sono volate subito parole grosse. Sono venuti quasi subito a muso duro. Pare che dalle offese e dai gesti si è passati a una vera e propria parapiglia: sono volati colpi proibiti. Tant'è che uno degli agricoltori è dovuto ricorrere al pronto soccorso di Campo Staggia nel comune di Poggibonsi per le cure mediche... http://www.gonews.it/articolo_168183_Pallini-sparati-finiscono-su-una-tettoia-si-arriva-alle-mani-fra-un-agricoltore-un-cacciatore.html

7 dicembre 2012 Cacciatori brava gente

Gualtieri  Reggio Emilia (RE). Intervenuti presso un’abitazione per ricomporre una lite nata tra due coniugi in fase di separazione i carabinieri della stazione di Gualtieri si sono visti ‘’costretti’’ a condurre l’uomo in caserma per le attivita’ propedeutiche alla sua denuncia. In cucina infatti i carabinieri hanno rinvenuto un fucile a pompa calibro 12, carico e per questo pronto a sparare. Con l’accusa di omessa custodia di armi i Carabinieri della Stazione di Gualtieri hanno denunciato alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Reggio Emilia un allevatore 40enne reggiano. L’arma, risultata di proprieta’ del 40enne che l’aveva denunciata regolarmente, e’ stata quindi presa in consegna unitamente al munizionamento, per circa una trentina di colpi... http://www.ilrestodelcarlino.it/reggio_emilia/provincia/2012/12/07/813482-lite-tra-coniugi-gualtieri-fucile-a-pompa.shtml

9 dicembre 2012 CACCIATORI: brava gente

Chianni Pisa (PI)  "OGNI VOLTA che vanno a una battuta di caccia al ritorno trovano le gomme della loro auto tagliate. E’ successo per ben due volte a una coppia di amici cacciatori durante una battuta nei boschi della zona di Chianni. L’auto presa di mira è stata sempre la stessa e se la prima volta gli ignoti «sabotatori» hanno tagliato gli pneumatici, la seconda volta, a metà novembre, non ne hanno risparmiata neanche una. Il sospetto è che i cacciatori abituati a frequentare sempre i soliti luoghi, si accaniscono sulle auto dei malcapitati, sperando che non tornino più in quei boschi... http://www.lanazione.it/pontedera/cronaca/2012/12/09/814261-cacciatori-gomme-tagliate-chianni.shtml

11 dicembre 2012 Etica venatoria

Genova (GE)  "E' aperta la caccia al cinghiale ""bianco"". La Regione autorizza a sparare contro gli animali anche quando il terreno è ricoperto dalla neve. Finora la legge obbligava la sospensione della caccia nei boschi imbiancati per evitare una facile cattura. Con i terreni imbiancati i mammiferi faticano moltissimo a recuperare quel cibo che di norma trovano a terra. Sono più deboli e la loro figura scura spicca più facilmente sul terreno bianco di neve cancellando ai cinghiali la possibilità di mimitezzarsi tra le piante e i cespugli... http://genova.repubblica.it/cronaca/2012/12/11/news/e_aperta_la_caccia_al_cinghiale_bianco-48550436/

19 gennaio 2013 CACCIATORI: brava gente

Savona (SV).L’entroterra è flagellato dalla neve e gli animali selvatici stentano a sopravvivere ma i cacciatori liguri potranno sparare “sportivamente” a cinghiali indeboliti ed affamati. Tutto ciò grazie ad una leggina urgente approvata a metà dicembre dal consiglio regionale quasi unanime”... http://www.ivg.it/2013/01/neve-animali-selvatici-in-difficolta-lenpa-caccia-ai-cinghiali-segno-di-incivilta/"

14 dicembre 2012 CACCIATORI: brava gente

Pavia (PV). Una sanzione penale ogni tre giorni, mentre le multe non si contano nemmeno. Ogni anno si ripete lo stesso copione e a un mese e mezzo dalla fine della stagione venatoria è la procura di Pavia a lanciare l’allarme. Nonostante le numerose campagne di sensibilizzazione, sono ancora troppi i cacciatori sorpresi in zone vietate, oltre gli orari consentiti o con armi e richiami vietati. E molto spesso a rimanere vittime dei fucili sono anche animali protetti come le peppole, le pispole e i migliarini... http://www.ilgiorno.it/pavia/cronaca/2012/12/15/817255-Multe-Cacciatori.shtml

14 dicembre 2012 Cartucce da caccia coi soldi dei cittadini

Milano (MI)"Regione Lombardia, indagati 40 consiglieri Pdl e Lega per peculato. Cene di lusso, munizioni e pure 'Mignottocrazia',comprato da Nicole Minetti coi soldi pubblici. Oltre a lei, convocata dai pm il prossimo 19 dicembre, e decine di colleghi, finiscono sotto inchiesta anche i capigruppo Pdl e Lega. Tra i rimborsi anche 15mila euro di brioche e caffè e 27mila di noleggio auto e taxi. Pierluigi Toscani della Lega ha comprato, tra le altre cose, lecca lecca e gratta e vinci. Ma anche cartucce usate per la caccia comprate presso l’azienda Muninord per 752 euro... http://www.ilfattoquotidiano.it/2012/12/14/regione-lombardia-indagati-40-consiglieri-pdl-e-lega-per-peculato/445891/"

15 dicembre 2012 CACCIATORI: brava gente

Vicenza (VI). "Decine di altane abbattute per abusivismo grazie ai volontari. Le torrette rinvenute, vere e proprie postazioni sopraelevate alte anche 20-30 metri dal suolo, erano realizzate dai cacciatori, con ferro, legno, plastica, lamiere e teli, sia sui boschi sia sui crinali... http://www.vicenzatoday.it/cronaca/altane-caccia-abbattute-vicenza.html

16.12.2012  Cinghiale ucciso in giardino privato

Cinghiale ucciso in un giardino. Paura e proteste nella frazione di Vietina per la caccia nelle proprietà private. Montignoso. È successo due settimane fa, ma ancora chi abita in quella zona se lo ricorda. E denuncia. Così questa storia passata un po’ in sordina viene allo scoperto. I fatti: c’era una squadra di cacciatori che stava cercando di prendere un po’ di animali per bonificare la zona, come accade ogni domenica quando la stagione venatoria è aperta.Un cinghiale però si è allontanato e si avventurato lungo la strada che porta a Vietina. Una doppietta non si è persa d’animo e si è lanciata all’inseguimento della bestia. L’animale spaventato ha fatto perdere le proprie tracce entrando nel giardino di una signora. E ha iniziato a devastare ogni cosa, nel tentativo di trovare una via di fuga da quella che aveva capito essere diventata una trappola mortale. Così la donna è uscita a vedere cosa stava accadendo, ha lanciato un urlo che ha attirato l’attenzione del cacciatore. Questi, nonostante si trovasse in un punto abitato, ha preso la mira e ha premuto il grilletto... http://iltirreno.gelocal.it/massa/cronaca/2012/12/16/news/cinghiale-ucciso-in-un-giardino-1.6202042

19 dicembre 2012 Troppe multe, spara al tutor stradale

Pavia (PV). Esasperato dalle multe spara con fucile al tutor stradale... http://www.ilgiorno.it/pavia/cronaca/2012/12/19/819566-pavia-spara-con-fucile-tutor-stradale.shtml"

 

22.12.2012  Disagiato psichico ma con armi e munizioni a volontà spara sui passanti

Gela, spara dal balcone contro i passanti, ucciso dalla polizia. Un uomo per 5 ore, dalle 22 alle 3 della notte, ha tenuto in scacco a Gela il quartiere Scavone sparando dal balcone contro i passanti e contro i poliziotti, con i quali ha ingaggiato un conflitto a fuoco nel quale ha perduto la vita. Si tratta di un disoccupato di 42 anni, Giuseppe Licata. L’uomo si era barricato nell’appartamento al primo piano di una palazzina popolare, al civico 19 di via Arica, dove abitava con i genitori. In preda a un raptus, imbracciato il fucile da caccia, si è affacciato al balcone sparando sulla gente, colpendo al viso uno degli agenti che ora rischia di perdere un occhio. Aveva regolare porto d'armi.Licata deteneva l’arma legalmente perchè nel 2002 aveva conseguito la licenza di caccia, mai più rinnovata, anche se pare che praticasse sempre l’attività venatoria. La vittima soffriva da tempo di disturbi psichici, ma nel certificato medico per il porto d’armi era risultato ”di sana e robusta costituzione fisica”. Ora il medico che lo ha redatto rischia la denuncia... http://caltanissetta.blogsicilia.it/sparatoria-a-gela-la-vittima-soffriva-di-disagi-psichici/157819/

26 dicembre 2012 Far west

Muravera  Cagliari (CA). "Minaccia il vicino di casa con un fucile: denunciato un operaio di Muravera. L'arma è risultata regolarmente denunciata ma i carabinieri hanno preferito sequestrarla per motivi di sicurezza. L'uomo è stato denunciato a piede libero per minacce... http://www.unionesarda.it/Articoli/Articolo/299379"

29 dicembre 2012  Etica venatoria

Villa Minozzo  Reggio Emilia (RE)  "Suscitano reazioni le proteste di Vanda Briselli, residente al piano superiore di un bar di Villa frequentato da numerosi cacciatori, “costretta” suo malgrado ad assistere ai festeggiamenti per l’abbattimento di alcuni cervi con relativi festeggiamenti, che lei ha ritenuto “barbari”. «Una volta ho esposto una volpe e, quando qualcuno mi ha rimproverato mi sono scusato. Cacciare il cervo è impresa il più delle volte assai ardua: spesso si sta seduti nel bosco fino a buio, inutilmente. Comprendo quindi chi, una volta abbattuto l’animale senta il desiderio, legittimo dal nostro punto di vista, di mostrare l'animale ai colleghi cacciatori. Da bambino mi insegnavano però che la mia libertà finisce, laddove comincia quella dell'altro: che sia così anche per le diverse sensibilità? Comunque sia, nella mia veste di Commissario Straordinario, vorrei proporre di trasportare i cervi abbattuti, coperti da un telo verde di plastica, che costa pochi euro. In seguito, al Centro di Raccolta e Controllo di Rosano, lontano da tutto e da tutti, ci sarà modo di esibirli ai colleghi cacciatori, visto che lì le spoglie debbono essere, giocoforza, pesate, misurate e controllate»
Andrea Zanoni, Eurodeputato IdV e vice Presidente dell’Intergruppo per il Benessere degli Animali al Parlamento Europeo ha affermato: «I cittadini hanno dovuto assistere ad uno scempio arrogante e vergognoso che dovrebbe essere condannato da tutti. Chi si è divertito a offendere la sensibilità delle persone che rispettano gli animali deve essere individuato e messo nelle condizioni di non compiere in futuro questo tipo di gesti. Spero che una scena così raccapricciante almeno non sia stata vista da bambini. Vedere un animale morto ed irriso senza alcun rispetto per il valore della vita è un’immagine indelebile e traumatizzante per chiunque e, a maggior ragione, per i più piccoli»

http://gazzettadireggio.gelocal.it/cronaca/2012/12/29/news/cervi-uccisi-meglio-coprirli-con-un-telo-1.6270125

http://www.redacon.it/2013/01/02/cervi-uccisi-e-usati-come-macabro-trofeo-azioni-da-punire/"

domenica 30 dicembre 2012 Far west

Gragnano  Napoli (NA). "Al culmine di una lite, ha sparato con il fucile al vicino di casa. È successo la scorsa notte in via Nastro a Gragnano, in provincia di Napoli, dove i carabinieri della locale stazione hanno arrestato un uomo di 77 anni per tentato omicidio e detenzione abusiva di armi e munizioni. L'anziano, verosimilmente al culmine di una lite con un vicino 32enne, gli ha sparato due volte con un carabina flobert calibro 9 regolarmente detenuto, fortunatamente senza colpirlo. Nel corso della perquisizione nell'abitazione dell'uomo, sono state rinvenute e sottoposte a sequestro, oltre al fucile, due pistole lanciarazzi senza matricola, illegalmente detenute, nonché munizioni di vario di calibro in numero superiore a quello comunicato alle autorità. L'arrestato, dopo le formalità di rito, è stato sottoposto agli arresti domiciliari... http://www.ilmattino.it/napoli/cronaca/spara_vicino_fucile/notizie/241304.shtml

GENNAIO 2013

01.01.2013 Agente investito dall'auto del cacciatore di frodo

Bracconiere in fuga, urta con l'auto agente di controllo. Abbiategrasso, Milano. Il primo giorno dell'anno, una pattuglia del Comando Territoriale di Abbiategrasso, durante l’attività di vigilanza a piedi nella zona boschiva di tutela del Parco Ticino, si imbatteva in un individuo che trasportava una rete, mezzo non consentito per la pesca, la cui semplice introduzione in zona di Parco naturale costituisce violazione penale. Dopo l’inseguimento a piedi, il bracconiere si allontanava a bordo del suo veicolo privato; nella manovra di allontanamento, il veicolo urtava uno dei due agenti... Fonte: http://www.provincia.milano.it/polizia_provinciale/dettaglio_news.

02.01.2012 Trichinellosi per tutti. Prosit!

Lucca. Mangiano salsicce crude di cinghiale. Ventisei casi di trichinellosi. In Toscana non erano segnalati pazienti colpiti da circa 20 anni. L'epidemia è circoscritta a cacciatori e familiari... http://corrierefiorentino.corriere.it/firenze/notizie/cronaca/2013/2-gennaio-2013/mangiano-salsicce-crude-cinghiale-ventisei-casi-trichinellosi-2113378663212.shtml

02.01.2012  La fama dei...Latin Hunter

I cacciatori italiani si fanno conoscere anche all’estero... niente di meglio di una bella agenzia che organizza il pacchetto, selvaggina compresa: anche l’orso!Lì è proprio il paradiso, altro che qui: leggi permissive, tanta selvaggina, poca gente in giro, soprattutto pochi controlli. Peccato che talvolta esagerino anche lì. Come quando l’11 ottobre scorso la polizia rumena ha arrestato venti cacciatori italiani per violazione della legislazione sulle armi e per bracconaggio. In seguito alla perquisizione dell’albergo dove alloggiava l’allegra/funerea brigata è stato sequestrato un vero e proprio arsenale composto da 30 fucili e 9.000 cartucce, nonché 1.200 uccelli morti oltre a richiami elettromagnetici utilizzati per attirare la fauna e vietati dalla normativa europea. Ma soprattutto il 2011 è stato un anno sfortunato per i nostri cacciatori in libera uscita. Il 15 novembre tre sono stati fermati in tre differenti auto alla frontiera ungherese. In totale trasportavano 1.160 uccelli morti tanto di specie protette quanto cacciabili. Lo stesso giorno a Perugia 2 cacciatori di ritorno dall’Albania sono stati sorpresi con 500 chili di uccellini morti. Il 6 novembre, un camion italiano intanto era stato fermato sulla frontiera ungherese-rumena: dentro a dei cartoni erano stati stivati ben 11.000 (diconsi undicimila) uccelli appena uccisi. Il giorno seguente un gruppo di cacciatori viene sorpreso in Italia dal ritorno da una felice vacanza in Crimea con 500 beccacce. In Bulgaria invece si ricordano ancora quando il 5 gennaio sempre del 2011 in un giorno di nebbia, in cui la caccia era vietata, centinaia di cacciatori italiani abbatterono centinaia di oche di tutte le specie, anche protette. Seriamente: mi domando cosa possiamo fare noi di fronte a questi barbari (con tutto il rispetto per i barbari dell’antichità). E se iniziassimo a definire i cacciatori che uccidono impunemente specie protette od usano mezzi vietati “delinquenti comuni”? Non sarebbe un modo, peraltro realistico, per mandarli idealmente alla gogna? Io comincio. L’11 ottobre scorso in Romania sono stati arrestati venti italiani, delinquenti comuni. http://www.ilfattoquotidiano.it/2013/01/02/cacciatori-italiani-si-fanno-conoscere-anche-allestero/459579/

03.01.2013  Pregiudicato rapitore ma con permesso di caccia

Sequestro Calevi. Destri aveva il porto d'armi pur essendo un pregiudicato con una condanna definitiva (...)L'attività investigativa continua intensamente per individuare tutti i componenti della banda che faceva capo a Destri. Nell'abitazione di quest'ultimo a Sarzana, dove era tenuto prigioniero Calevo, in una cantina, è stato trovato un fucile da caccia... http://www.corriere.it/cronache/13_gennaio_03/imprenditore-rapito-spunta-una-donna-dellacasa_de338e40-556d-11e2-8f89-e98d49fa0bf1.shtml#%23

sabato 5 gennaio 2013  Toso, dirigente Ispra ed etica venatoria

Reggio Emilia (RE). Fa il giro d’Italia la foto del Re dei cervi ucciso: il carpinetano Marco Picciati descrive la cattura del primo cervo in provincia su una rivista nazionale. Con lui Silvano Toso, dirigente Ispra, che esibisce (e ha in dono) le corna. “Una foto truculenta che dimostra il modo sprezzante col quale viene ‘governato’ il patrimonio dello stato. … Ci sono diversi altri aspetti che turbano, a partire dal primo che colpisce l’opinione pubblica: è legittimo utilizzare animali morti e insanguinati come elemento di trofeo, esposizione se non anche vanto? Queste foto dell’orrore che finalità hanno, oltre a un macabro esibizionismo? Ma davvero l’uomo è superiore agli animali quando gioisce di simili mostruosità?” http://www.redacon.it/2013/01/05/fa-il-giro-dellitalia-la-foto-del-re-dei-cervi-ucciso/

06.01.2013  Stival delude, Stival sa con chi ha a che fare

Lettera con minacce di morte all'assessore alla Caccia: “Se mi vieni a tiro ti ammazzo”. Il messaggio recapitato in Regione al leghista Stival la vigilia di Natale: «È di sicuro uno che col fucile ha dimestichezza». Venezia - “Se mi vieni a tiro ti ammazzo”. Una minaccia di morte ricevuta alla vigilia di Natale, recapitata alla segreteria del Palazzo della Regione, a Venezia, indirizzata all’assessore alla Caccia. «Chi mi ha fatto questo sgradito regalo sotto l’albero - attacca - è di sicuro un seguace di Diana, uno che col fucile ha dimestichezza. Perché sono così sicuro? È presto detto. Nel giro di poco più di un anno è la terza lettera intimidatoria che ricevo, ma le altre erano destinare genericamente all’assessore regionale senza alcun riferimento ai miei incarichi, al contrario di quest’ultima in cui, tanto per gradire, mi si dà pure del ladro e del delinquente». La sospensione dell’attività venatoria per quasi una settimana nella stagione in corso, il non aver applicato per la prima volta la "caccia in deroga" dopo i ripetuti avvertimenti e conseguenti interventi sanzionatori della Commissione Europea hanno surriscaldato gli animi dei cacciatori veneti... http://www.gazzettino.it/regioni/veneto/lettera_con_minacce_di_morte_alassessore_alla_caccia_ldquose_mi_vieni_a_tiro_ti_ammazzordquo/notizie/242384.shtml

 

07.01.2013  Rino Porini e l'etica venatoria
Politico sotto inchiesta per uccisione muflone. È il presidente del consiglio provinciale, Rino Porini, il "politico locale" impegnato nella battuta al cinghiale costata la vita a un incolpevole muflone e finito nel mirino della polizia provinciale. E' lo stesso consigliere Pdl ad ammetterlo, dopo che sono iniziate a circolare le voci sul suo conto... http://www.verbanianotizie.it/?n=15630

 

07.01.2013  76enne spra vicino alle case. Uno dei tanti

Anziano spara agli storni vicino alle case. Calcinaia, Pisa (PI). Si è conclusa con l’intervento della Polizia provinciale e successivamente con quello dei carabinieri la giornata di caccia di un pensionato di Calcinaia che, non avendo di meglio da fare, si è messo a sparare agli storni, anche se la caccia a questa specie non è consentita, vicino alle abitazioni in una zona al confine tra il comune di Calcinaia e quello di Vicopisano. I cittadini, allarmati dagli spari, hanno chiamato le forze di polizia, segnalando che vicino a casa c’era un cacciatore. Poco tempo dopo la Polizia provinciale che era nella zona ha individuato il cacciatore, un pensionato di 76 anni, in regola con i permessi per cacciare ma non per quanto riguarda le distanze e le specie prese di “mira”... http://iltirreno.gelocal.it/pontedera/cronaca/2013/01/07/news/sorpreso-a-sparare-agli-storni-neiguai-cacciatore-di-76-anni-1.6313024

mercoledì 9 gennaio 2013   Poligono artigianale vicino all'autostrada

Avezzano  L'Aquila (AQ). Si esercitava a sparare con il fucile ad aria compressa in un poligono che si era costruito vicino all’autostrada ma è stato bloccato e denunciato dalla polizia. L’uomo, un quarantacinquenne di Avezzano con la passione per le armi, amava rifugiarsi nel suo piccolo poligono appena aveva un pò di tempo per provare l’ebrezza di sparare. La vicinanza con le carreggiate dell’A25, però, gli hanno creato qualche problema. Secondo le leggi vigenti in materia, infatti, ci poligono-di-tiro-1possono essere i poligono ad aria aperta ma non possono trovarsi nei pressi di abitazioni o di passaggi di persone o automobili. Per questi motivi l’uomo è stato denunciato e, in via preventiva, gli agenti del commissariato di Avezzano gli hanno sequestrato tutte le armi, fucili e pistole ad aria compressa, che aveva in casa con regolare porto d’armi... http://www.marsicalive.it/?p=42423"

10.01.2013  Disservizio Enel per spari ai fili

Castel Focognano. Cacciatore spara e manda in tilt la linea elettrica. L'incidente ha provocato un disservizio a una decina di clienti della zona. E' stato probabilmente lo sparo di un cacciatore a colpire e mettere fuori uso un conduttore sulla linea elettrica...L'incidente, fa sapere Enel, ha provocato un disservizio a una decina di clienti della zona direttamente alimentati da quel pezzo di linea... http://www.gonews.it/articolo_173802_Cacciatore-spara-manda-in-tilt-la-linea-elettrica.html

12 gennaio 2013  Fucili dimenticati

Papozze Rovigo (RO) "Sessantenne distratto smarrisce un fucile da caccia: Nonostante la corretezza e la buona fede del cittadino, ed anche nonostante l'uomo fosse anche legato affettivamente all'oggetto perso, dopo quasi 40 anni di utilizzo, per i Carabinieri di Papozze è stata inevitabile la contestazione penale per omessa custodia di armi, oltre che la segnalazione alla Questura di Rovigo per un’eventuale revoca del titolo di polizia che sino a quel momento aveva legittimato il sessantenne ""distratto"" a detenere regolarmente armi... http://www.rovigo24ore.it/news/rovigo/0016564-sessantenne-distratto-smarrisce-un-fucile-caccia

14.01.2013  Lezioni di caccia in città

§“Lezioni di caccia” tra le case, denunciato. Lezioni caccia tra i condomini della periferia di Brescia? Sabato pomeriggio, in via Vergnano, nella zona Ovest della città, le volanti della questura sono intervenute per la segnalazione di un cittadino che aveva notato un’arma su una vettura parcheggiata nei pressi del centro commerciale. Gli agenti, intervenuti sul posto, hanno così sorpreso un uomo che, imbracciando un fucile ad aria compressa stava mostrando al figlioletto di circa dieci anni come prendere la mira per sparare ai passeri. Il papà cacciatore deve rispondere di porto abusivo d´arma impropria.... http://www.quibrescia.it/cms/2013/01/14/lezioni-di-caccia-tra-le-case-denunciato/

16.01.2013 Cinghiale fucilato a 30 metri da casa davanti ai bimbi

§Faggeto Lario, cacciatore uccide i cinghiali mascotte dei bimbi. «Abbiamo sentito uno sparo a 30 metri da casa» - racconta la donna - «Un cacciatore ha ucciso alcuni cinghiali davanti agli occhi delle mie bambine». Nei giorni seguenti, in paese, Letizia ha scoperto che la battuta di caccia ha fruttato l'uccisione di sette cinghiali adulti e di tre cuccioli: «I piccoli avevano circa tre settimane. Da casa mia, insieme alle bambine, li abbiamo visti spesso passare insieme alla mamma a poca distanza dalla nostra recinzione». Le più turbate da questa brutta vicenda, in ogni caso, sono le figlie di Letizia. «Da quel giorno le bambine non vogliono più giocare in giardino. Appena sentono un rumore temono che stia arrivando un cacciatore vicino alla loro altalena».... http://www.laprovinciadicomo.it/stories/Cronaca/343294_faggeto_i_cacciatori_uccidono_i_cinghiali_mascotte_dei_bimbi/

17.01.2013   Congegno esplosivo a innesco in luogo pubblico

Caccia: congegno esplosivo scoperto dai carabinieri nel catanzarese. Un congegno in metallo composto da molla, percussore e tubo in acciaio, idoneo allo sparo, caricato con una cartuccia a pallettoni cal. 12. E' stato trovato stamane a San Floro, in località Mazzica, dai carabinieri. Il congegno era nascosto nella vegetazione, piantato nel terreno e collegato con un filo di nylon e, se calpestato o urtato, avrebbe liberato una molla che avrebbe attivato il percussore sulla cartuccia. Una trappola esplosiva costruita in modo ingegnoso ma terribilmente pericolosa. I militari di tutta la compagnia di Girifalco stanno eseguendo dei rastrellamenti nelle aree destinate alla caccia e al bracconaggio al fine di rinvenire altri ordigni simili, inoltre sono in corso indagini per scoprire l'artefice del congegno, che per la legge è un'arma clandestina a tutti gli effetti. http://www.cn24.tv/news/62095/caccia-congegno-esplosivo-scoperto-dai-carabinieri-nel-catanzarese.html

22 gennaio 2013 Bugie da cacciatori

Gropello Cairoli  Pavia (PV)  "Caccia alla volpe gli ecologisti protestano. Abbattuti 10 esemplari. Le associazioni venatorie: «Animali portatori di malattie». Gli ambientalisti: «Solo un pretesto, questa specie non è una minaccia». http://laprovinciapavese.gelocal.it/cronaca/2013/01/22/news/gropello-caccia-alla-volpe-gli-ecologisti-protestano-1.6391097

26.01.2013   75enne minaccoia col fucile i "porta a porta"

Minaccia con il fucile due promoter che gli proponevano contratto per la luce. Lioni, l'uomo di 75 anni è stato denunciato dalla polizia. Un pensionato di Lioni ha minacciato con il fucile due promoter, pensando che fossero truffatori. Gli agenti del Commissariato, hanno denunciato il 75enne con l'accusa di responsabile di minaccia, aggravata dall’utilizzo di un’arma da sparo. L’anziano, quando i due giovani promoter sono arrivati presso la sua abitazione per proporgli un contratto di fornitura di energia elettrica, ha imbracciato un fucile legalmente detenuto costringendo alla fuga i due malcapitati. http://www.ilmattino.it/avellino/minaccia_fucile_luce_contratto/notizie/247048.shtml

26.01.2013  A caccia in orario di lavoro

Scillato, Palermo. A caccia invece che al lavoro Denunciato con altre 4 persone. Guai per un cantoniere stradale e altri quattro cacciatori individuati nel cuore del Parco delle Madonie, dove l'attività venatoria è vietata. L'operaio si era allontanato dal luogo di lavoro: deferito in stato di libertà anche per truffa, attività venatoria in area vietata e abbattimento di specie animale protetta. I militari hanno infatti prima notato un istrice a terra, ormai senza vita, e poi rintracciato i responsabili, che avevano con sé anche alcuni cani da caccia e alcuni bastoni.... http://livesicilia.it/2013/01/26/a-caccia-invece-che-al-lavoro-denunciato-con-altre-4-persone_251371/

29 gennaio 2013   Cosa non si fa per i soldi...

"Le recenti tragedie venatorie che hanno coinvolto bambini non hanno insegnato niente, o forse hanno insegnato troppo a qualcuno. E' quello che viene subito in mente nel leggere il breve comunicato con il quale Legambiente annuncia di aver scritto all'Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni per sollecitarne l'intervento «In merito a un pieghevole della Itas Assicurazioni che propone polizze per ""battitori uso caccia"" a copertura di soggetti a partire dei 14 anni di età»... http://www.greenreport.it/_new/index.php?page=default&id=%2020124"

 

-o-

*la pubblicazione dei dati raccolti dall'Associazione Vittime della caccia, implica obbigatoriamente la citazione della fonte stessa. Grazie

Comments

Per poter lasciare o leggere i commenti bisogna essere iscritti.
 

Commenti Facebook

Da questo semplice form potrete collegarvi direttamente al vostro account su facebook.

Banner