Associazione Vittime della caccia

organizzazione di volontariato senza fine di lucro ai sensi della Legge 266-91

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

DOSSIER 2012/2013 VITTIME DELLA CACCIA - ANIMALI PROTETTI

E-mail Stampa PDF
RACCOLTA ESTRATTI DA RASSEGNE STAMPA INTERCETTATE OCCASIONALMENTE
*la pubblicazione dei dati raccolti dall'Associazione Vittime della caccia, implica obbigatoriamente la citazione della fonte stessa. Grazie

ASSOCIAZIONE VITTIME DELLA CACCIA

www.vittimedellacaccia.org

DOSSIER Stagione venatoria 2012-2013

 

 

ANIMALI PROTETTI

 

Ibis eremita, lupi, cicogne, gufi, aquile, fenicotteri, fringillidi, tanto per citarne alcuni, uccisi – feriti – seviziati - detenuti illegalmente

 


Periodo osservazione: dal 1 settembre al 31 gennaio 2013

 

--->>>TORNA ALL'INDICE DEL DOSSIER

 

-o-

 

CRONOLOGIA DEI CASI RISCONTRATI

SETTEMBRE

 

UCCISO  Detonazione arma da caccia

domenica 2 settembre 2012  Cerveteri   Roma (RM)

2 lupe uccise: il lupo eliminato sul versante laziale dell'area protetta a colpi di fucile era una femmina: aveva appena partorito. I cuccioli forse rapiti dai cacciatori di frodo... http://roma.corriere.it/roma/notizie/cronaca/12_settembre_2/uccise-lupe-parco-abruzzo-2111658469280.shtml

 


UCCISO  Detonazione arma da caccia

domenica 2 settembre 2012  Castelnuovo di Garfagnana    Lucca (LU)

L'ultimo volo dell'aquila reale:  “È tornata a morire nei luoghi dov’era nata e cresciuta; investita a freddo da un sparo di fucile vigliacco e criminale. Una rosa di pallini l’ha centrata da breve distanza e ha segnato così il suo destino senza appello. Poi, l’ultimo volo disperato verso la Pania Secca alla ricerca di un riparo e di un rimedio impossibile per quel colpo mortale”... http://www.loschermo.it/articoli/view/45977

 


UCCISO  Detonazione arma da caccia

domenica 2 settembre 2012  Oppeano   Verona (VR)

Cacciatore sorpreso dalla Polizia Provinciale ad abbattere specie di avifauna non consentite: aveva due tortore e un colombo

http://www.larena.it/stories/Home/403985_oppeano_denunciato_un_cacciatore_aveva_due_tortore_e_un_colombo/?refresh_ce

 


UCCISO  Detonazione arma da caccia

lunedì 3 settembre 2012    Foggia (FG)

Nucleo antibracconaggio Roma: denunciati 8 cacciatore di frodo per attività in area protetta, attività senza licenza, porto abusivo di armi, abbattimento di specie protette, utilizzo di mezzi non consentiti. Due dei bracconieri denunciati, sono stati sorpresi a ridosso della Riserva naturale statale di popolamento animale (R.N.P.A.) di Margherita di Savoia, zona umida di grande valenza ambientale, tutelata ai sensi della Convenzione di RAMSAR, sito particolarmente importante per la tutela della fauna acquatica (anatre, fenicotteri, aironi , cicogne ecc.) a caccia durante la notte.

http://www.ildiariomontanaro.it/notizie/notizie-flash/6641-il-16-settembre-riapre-la-caccia-i-controlli-del-corpo-forestale-dello-stato

 


UCCISO  Detonazione arma da caccia

venerdì 14 settembre 2012       Brescia (BS)

Denunciate 6 persone, fra cui cacciatori: hanno commesso l’errore di raccogliere in un voluminoso materiale fotografico un consistente numero di abbattimenti di ungulati in periodi di caccia chiusa, nonché di specie protette, che è servito ai Forestali di accertare una quantità di illeciti.

Sequestrati trofei di capriolo, cervo, camoscio e daino privi di certificato di origine, mandibole di cervo, garretti di camoscio, numerosi uccelli di piccola taglia (pettirossi, peppole, cince, ballerine, lucherini), due fucili da caccia, munizioni di vario calibro, polvere da sparo e una balestra munita di ottica e relative frecce. http://www.ladigetto.it/permalink/20575.html

 


UCCISO  Detonazione arma da caccia

domenica 16 settembre 2012       Pomezia    Roma (RM)

Una cinquantina in tutto i seguaci di Diana che ieri si sono concentrati in un’area di circa due ettari nei pressi dell’aeroporto militare di Pratica di Mare, a Torvajanica (RM). Sembravano essere interessati alla caccia delle quaglie. Improvvisamente un colpo di fucile e qualcosa che cade in terra. Gli attivisti si recano nel luogo e rinvengono, ormai esamine, una povera rondine. Stava migrando verso l’Africa, come le quaglie. Se non fosse stato per quella fucilata, sarebbe tornata la prossima primavera

http://www.geapress.org/caccia/roma-cacciatori-di-rondini-in-fuga/32529

 


UCCISO  Detonazione arma da caccia

mercoledì 19 settembre 2012      Brindisi (BR)

Nell’ oasi di protezione di “Falaminio” nell’ immediata vicinanza del Parco delle Saline Punta della Contessa, nella giornata di apertura generale,  le Guardie del Wwf hanno richiesto l’intervento degli agenti della Polizia Provinciale in quanto hanno rinvenuto purtroppo una poiana morta che presentava inequivocabili segni di impallinamento, ovvero segni che il rapace era stato abbattuto con colpi di fucile da caccia

http://www.brindisireport.it/ambiente/2012/09/19/il-parco-nelle-mani-dei-bracconieri/

 


FERITO  Detonazione arma da caccia

mercoledì 19 settembre 2012     Brindisi (BR)

Guardie Wwf hanno rinvenuto all’interno dell’area parco  Saline di Punta della Contessa un rapace notturno della specie protetta Assiolo, con evidenti segni di lesione traumatica ad un’ala provvedendo tempestivamente alla consegna presso il “Centro di prima accoglienza fauna selvatica in difficoltà” della Provincia di Brindisi

http://www.brindisireport.it/ambiente/2012/09/19/il-parco-nelle-mani-dei-bracconieri/

 

UCCISO  Detonazione arma da caccia

FERITO  Detonazione arma da caccia

domenica 23 settembre 2012         Motta San Giovanni   Reggio di Calabria (RC)

I bracconieri si appostano nelle pinete o celati dietro ripari di fortuna ed appena ne hanno l'occasione si accaniscono a fucilate contro questi uccelli. Una barbarie immotivata, un tiro al bersaglio per il puro gusto di uccidere, visto che spesso le vittime vengono lasciate sul posto a marcire

Il primo ritrovamento ha riguardato un Falco pecchiaiolo, ucciso da un colpo di fucile a Castagneto di Pitea, lungo la valle di Motta San Giovanni (RC). Aveva appena pochi mesi di vita. Nato in Europa ed in piena migrazione autunnale verso l'Africa. Non la vedrà mai. Neanche ventiquattro ore dopo ed è la volta dei Falchi di Palude: nelle campagne circostanti un Falco di Palude con un'ala verosimilmente fratturata dal colpo di fucile ed una vistosa ferita sanguinante al petto. L'animale è stato subito soccorso dai volontari e consegnato al Cras di Messina. Si spera, considerato l'immediato soccorso, che possa sopravvivere e magari tornare a volare http://www.vglobale.it/index.php?option=com_content&view=article&id=14719%3Ain-calabria-tiro-al-bersaglio-ai-rapaci&catid=5%3Aultime&Itemid=121&lang=it

 


UCCISO  Detonazione arma da caccia

martedì 25 settembre 2012    Quarto d'Altino   Venezia (VE)

Gli agenti della polizia provinciale hanno fermato e denunciato un bracconiere in via Claudia Augusta. Si tratta di un cittadino residente a Quarto, che è stato fermato da tre agenti mentre cacciava durante una giornata di divieto, con licenza scaduta da anni e abbatteva specie non consentite, in questo caso si trattava di tortore. Al bracconiere sono stati sequestrati il fucile, le cartucce, un richiamo a bocca che viene utilizzato proprio per i volatili ed una tortora. L’uomo è stato inoltre denunciato all’autorità giudiziaria e gli è stata comminata una sanzione amministrativa di 500 euro. L’assessore alla polizia provinciale Giuseppe Canali si è complimentato per il lavoro svolto dagli agenti di polizia provinciale sul territorio: «L’attività svolta», spiega, «va a favore di chi correttamente pratica la caccia e nel rispetto delle regole»

http://nuovavenezia.gelocal.it/cronaca/2012/09/27/news/la-polizia-provinciale-ha-bloccato-un-bracconiere-1.5768810

 


DETENZIONE ILLEGALE  Azioni o uso strumenti illegali

martedì 25 settembre 2012        Cosenza (CS)

Personale del nucleo ittico venatorio della polizia provinciale di Cosenza, durante un servizio mirato alla prevenzione e repressione dell’attività di bracconaggio, ha scoperto in località Contessa di Lattarico, a seguito della perquisizione di un fabbricato rurale, 55 esemplari di cardellino detenuti in 51 gabbie, specie protetta dalla legge 157/92, di cui non è consentita la cattura, la detenzione e la caccia. L’attività degli agenti ha portato al sequestro, oltre che della fauna e delle gabbie, anche di una rete per uccellagione con relativi accessori, a riprova che gli esemplari ritrovati, erano il frutto di una recente pratica di uccellagione.

http://www.ilquotidianocalabria.it/news/352940/Decine-di-uccelli-tenuti-in-gabbia--liberati-dalla-Polizia-provinciale.html

 


FERITO  Detonazione arma da caccia

martedì 25 settembre 2012    Sant'Ilario d'Enza    Reggio Emilia (RE)

Trovato un Occhione ferito gravemente e con un’ala ormai in cancrena, per colpa di una fucilata che lo ha trapassato da parte a parte L’uccello fa parte delle specie protette ed è stato colpito a Sant'Ilario, in una zona interdetta alla caccia

http://gazzettadireggio.gelocal.it/cronaca/2012/09/25/news/trovato-un-occhione-ferito-da-una-fucilata-1.5748844

 


DETENZIONE ILLEGALE  Azioni o uso strumenti illegali

sabato 29 settembre 2012    Afragola    Napoli (NA)

Carabinieri denunciano bracconiere per detenzione illegali di cardellini, specie protetta, poi liberati dai volontari dell'EMPA.

http://www.casertanews.it/public/articoli/2012/09/30/092428_cronaca-afragola-carabinieri-denunciano-bracconiere-detenzione-illegali-uccelli-protetti-liberati-volontari-empa.htm

 


DETENZIONE ILLEGALE  Azioni o uso strumenti illegali

domenica 30 settembre 2012     Napoli    Napoli (NA)

Blitz degli Agenti della Polizia di Stato, Ufficio Prevenzione, in collaborazione con il Nucleo delle Guardie Zoofile dell’E.M.P.A. (Ente Mediterranea Protezione Animali) a mercato Gianturco: alla vista degli Agenti, i bracconieri hanno cercato una via di fuga fra la gente del mercato  e, nel tentantivo di  evitare sanzioni penali, hanno aperto le gabbie dove erano imprigionati, si stima, 400 cardellini.  Denunciati due cacciatori di frodo.

http://www.campanianotizie.com/cronaca/napoli/37651-blitz-a-mercato-gianturco-denunciati-bracconieri.html

 


UCCISO  Detonazione arma da caccia

domenica 30 settembre 2012        Seclì   Lecce (LE)

Sorpreso  un cacciatore, munito di regolare documentazione abilitativa, che stava abbattendo esemplari protetti, nella fattispecie piccioni torraioli. L'uomo era appostato alle spalle della sua autovettura, a margine di una strada comunale.

http://leuca.lecceprima.it/richiami-mimetizzati-e-specie-protette-abbattute-continua-la-caccia-ai-bracconieri.html

 

UCCISO  Azioni o uso strumenti illegali

domenica 30 settembre 2012       Scandriglia    Rieti (RI)

Può accadere - come è successo domenica 30 settembre nelle campagne sabine tra Scandriglia e Poggio Moiano - che si possano incontrare sul proprio cammino animali feriti gravemente o moribondi. Un residente della zona  si è trovato di fronte un istrice. Osservandolo bene, si è accorto che la sua schiena, al di sotto delle prime cinque o sei file di aculei, era dilaniata da segni profondi e geometricamente allineati. I chiari segni di una trappola, di una tagliola. La probabile setticemia uccide l'istrice. L’uomo ha assistito impotente alla morte di un animale protetto, ucciso dai bracconieri. Probabilmente gli stessi sulle cui tracce lavora ogni giorno e incessantemente la Guardia Forestale

http://ambiente.ecoseven.net/news-ambiente/bracconaggio-un-fenomeno-nascosto-ma-non-ai-nostri-occhi

 

OTTOBRE


DETENZIONE ILLEGALE  Azioni o uso strumenti illegali

lunedì 1 ottobre 2012    Montecorvino Pugliano    Salerno (SA)

Denunciati, alla procura, due uomini che stavano cacciando illegalmente dei cardellini: stavano utilizzando reti da uccellagione dove erano intrappolati cardellini da richiamo. Inoltre vi erano già delle gabbiette con altri piccoli animali catturati... http://www.cilentonotizie.it/dettaglio/?ID=12956

 


FERITO  Detonazione arma da caccia

martedì 2 ottobre 2012       Romano di Lombardia    Bergamo (BG)

Doppiette sporche: falco impallinato a Romano di Lombardia

Il rapace, un falco pecchiaiolo, è stato recuperato a Romano di Lombardia su segnalazione di un residente, quindi affidato all'oasi di Valpredina per le cure veterinarie. Viste le dimensioni, di poco inferiori a quella della poiana (50-60 cm di altezza, per un'apertura alare che supera abbondantemente il metro) è impossibile che sia stato colpito per sbaglio

 

http://www.giornaledibergamo.com/cronaca/02-ottobre-2012/un-falco-impallinato-a-romano-di-lombardia-3394.html

 


FERITO  Detonazione arma da caccia

sabato 6 ottobre 2012       Cene   Bergamo (BG)

Dopo il falco pecchiaiolo, ferito da un cacciatore, impallinata una poiana

http://www.giornaledibergamo.com/brevi-di-nera/06-ottobre-2012/dopo-il-falco-impallinata-una-poiana-3454.html

 


UCCISO  Detonazione arma da caccia

sabato 6 ottobre 2012     Potenza Picena    Macerata (MC)

Hanno ucciso decice di storni con richiami banditi dala legge: denunciati due cacciatori

http://www.ilmessaggero.it/marche/potenza_picena_decine_di_storni_uccisi_con_richiami_fuorilegge_due_denunce/notizie/223869.shtml

 


UCCISO  Detonazione arma da caccia

sabato 6 ottobre 2012     Velo d'Astico    Vicenza (VI)

Ucciso l'ultimo Urogallo: si tratta di una specie molto rara e soggetta ad una particolare tutela. Si sa che è stato abbattuto perché la notizia è trapelata attraverso le chiacchiere di paese». I sospetti cadono su un residente della zona e sono in corso accertamenti da parte della polizia provinciale e del Corpo Forestale

http://www.ilgiornaledivicenza.it/stories/Home/417945_novegno_ucciso_lultimo_urogalloindagini_serrate/

 


UCCISO  Detonazione arma da caccia

domenica 7 ottobre 2012    Zavattarello    Pavia (PV)

Erano di giorno, in zone dove la caccia è permessa, avevano le licenze in regola, e armi e munizioni denunciati. Ad essere fortemente irregolari erano però i loro obiettivi: e cioè dei fringuelli, che appartengono a una specie protetta. Gli agenti della polizia provinciale li hanno sorpresi mentre erano in gruppo. Nei carnieri sono stati trovati cinque fringuelli morti ed è scattata la denuncia collettiva. L’idea-base, infatti, è che può capitare di uccidere per sbaglio un esemplare protetto: ma se la cosa si ripete per cinque volte, significa che l’obiettivo erano proprio i fringuelli. Dalla perquisizione sono usciti anche dei richiami elettronici, che sono espressamente vietati dalla legge. I sei sono stati quindi denunciati penalmente anche per questo

http://laprovinciapavese.gelocal.it/cronaca/2012/10/10/news/denunciati-sei-bracconieri-1.5839897

 


DETENZIONE ILLEGALE  Azioni o uso strumenti illegali

martedì 9 ottobre 2012    Curtarolo  Padova (PD)

Ambulante utilizzava reti per catturare gli uccelli: a seguito di un sopralluogo effettuato dalla Forestale, nell'abitazione dell'uomo, sono stati rinvenuti in stanza buia e non areata, due volatili ancora impigliati nelle trappole, 48 custoditi in gabbie non idonee,  e un centinaio morti e spennati. Sequestrati anche dei richiami vietati

http://mattinopadova.gelocal.it/cronaca/2012/10/09/news/ambulante-utilizzava-reti-per-catturare-gli-uccelli-1.5831031

 


UCCISO  Detonazione arma da caccia

martedì 9 ottobre 2012   Brescia (BS)

Quest’anno il passo migratorio di fringuelli, frosoni, lucherini solo per citare alcune specie  è iniziato straordinariamente in anticipo, ma nonostante la caccia ne sia vietata in provincia di Brescia molti uccelli protetti sono stati comunque abbattuti. Decine le telefonate giunte al telefono antibracconaggio predisposto dal Wwf Lombardia ( 328 7308288): cittadini e anche cacciatori che segnalavano sparatorie un po’ in tutta la provincia con picchi in Franciacorta, Val Camonica e nelle colline moreniche del Garda.

Denunciati 15 cacciatori per abbattimento di specie protette di varie specie ( piro piro boschereccio, pettirosso, prispolone, cutrettola, codirosso, fringuello), utilizzo di richiami acustici a funzionamento elettromagnetico. http://www.quibrescia.it/cms/2012/10/09/bracconaggio-dilagante-quali-controlli/

 


UCCISO  Detonazione arma da caccia

mercoledì 10 ottobre 2012    Crotone (KR)

Cacciatore, proveniente da fuori regione, denunciato perché trovato in possesso di un esemplare di Tortora dal Collare, specie non cacciabile, appena abbattuta con arma da fuoco. http://www.arealocale.com/default.asp?action=article&ID=6648

 

FERITO  Detonazione arma da caccia

mercoledì 10 ottobre 2012   Nardò    Lecce (LE)

Un bellissimo esemplare di Poiana è stato trovato da un cittadino nei pressi del Villagio Resta. Il rapace era stato ferito da pallini sparati da qualche BRACCONIERE travestito da cacciatore per l'occasione. Sul Posto sono intervenute le Guardie Eco-Zoofile dell' A.E.O.P. di Nardò che hanno trasportato con urgenza il volatile presso il centro faunistico di Calimera che provvederà a dare tutte le cure necessarie con la speranza di poterlo salvare. La poiana comune (Buteo buteo Linnaeus, 1758) è un uccello rapace della famiglia Accipitridae, tipico dell'Europa

http://www.oltreme.it/index.php?option=com_content&view=article&id=2635:i-cacciatori-sparano-e-feriscono-un-grosso-rapace&catid=40:attualita&Itemid=29

 


UCCISO Azioni o uso strumenti illegali

MALTRATTAMENTO - SEVIZIE SU ANIMALI  Azioni o uso strumenti illegali

DETENZIONE ILLEGALE  Azioni o uso strumenti illegali

venerdì 12 ottobre 2012  Brescia (BS)

Brescia: bracconiere brucia gli occhi ai tordi per farli cantare meglio Non si ferma il bracconaggio selvaggio nella nostra provincia . Dal nove ottobre a oggi, il NOA (Nucleo Operativo Antibracconaggio) del Corpo  Forestale dello Stato segnala 48 notizie di reato: sequestrati 14 fucili, 320 trappole, 83 reti di varia lunghezza, 300 archetti, 220 animali catturati, vivi e morti.

Nei vari controlli, un cacciatore è stato trovato in possesso di due tordi con gli occhi bruciati da chiodi roventi. La crudele tecnica è utilizzata soprattutto al sud: ciechi, i tordi cantano meglio, e quindi svolgono meglio la loro funzione di richiamo per altri volatili. Il bracconaggio vede spesso protagonisti persone benestanti... http://www.bresciatoday.it/cronaca/brescia-bracconaggio-caccia-bruciare-occhi-tordi.html

 


FERITO  Detonazione arma da caccia

venerdì 12 ottobre 2012     Cecina    Livorno (LI)

Cecina: ferito a fucilate un rarissimo 'ibis eremita' (Domino): fratture alle zampe e alle ali causate da una scarica di pallini L'animale, estinto in Europa da 400 anni, è stato soccorso dalla Forestale e trasportato al 'Centro uccelli marini e acquatici' della Lipu di Livorno

AGGIORNAMENTO: «Domino sta meglio e tornerà a volare»

http://www.lanazione.it/livorno/cronaca/2012/10/12/785716-cecina_ferito_fucilate.shtml

http://iltirreno.gelocal.it/piombino/cronaca/2012/11/12/news/l-ibis-domino-sta-meglio-e-potra-tornare-a-volare-1.6019048

 


UCCISO  Azioni o uso strumenti illegali

DETENZIONE ILLEGALE  Azioni o uso strumenti illegali

sabato 13 ottobre 2012     San Valentino Torio    Salerno (SA)

A San Valentino Torio,nei giorni scorsi, sono stati effettuati controlli circa la detenzione illegale di cardellini e avifauna protetta di varie specie.

Tre soggetti sono stati denunciati per detenzione illegale di 28 cardellini, 3 tordi, 2 allodole 2 storni, di cui uno deceduto in gabbia, reti per uccellagione e gabbie trappola

http://lacittadisalerno.gelocal.it/cronaca/2012/10/13/news/denunciati-bracconieri-nel-parco-del-cilento-1.5854418

 


FERITO  Detonazione arma da caccia

sabato 13 ottobre 2012     Siena (SI)

Recuperati, con ferite da arma da fuoco, un Falco pecchiaiolo, un Picchio verde e un piviere tortolino. Tutte specie protette, tutelate da norme comunitarie e nazionali

http://www.geapress.org/caccia/siena-i-rapaci-vittime-del-volantino/33801

 


Animale Selvatico Protetto - Animale Selvatico Protetto  FERITO  Detonazione arma da caccia

sabato 13 ottobre 2012     Chiusi    Siena (SI)

Un giovane Falco di palude è stato rinvenuto, lo scorso 10 ottobre, nei pressi del lago di Chiusi. Al povero animale è stata riscontrata la presenza di pallini nel petto e frattura dell’ala sinistra http://www.geapress.org/caccia/siena-i-rapaci-vittime-del-volantino/33801

 


UCCISO  Detonazione arma da caccia

sabato 13 ottobre 2012   San Vincenzo   Livorno (LI)

Due nuovi atti di crudelta' per gli ibis eremita in migrazione, specie rarissima che ora e' stata ripetutamente presa di mira in Toscana. Mentre la Lipu cercava di salvare con una delicata operazione chirugica l'ibis- Domino -  abbattuto giovedi scorso, oggi sono stati presi a fucilate altri due esemplari. Uno e' rimasto ucciso per la rottura di un grosso vaso toracico. L'altro e' gravemente ferito: i pallini hanno causato fratture multiple e reso pessimisti i sanitari sulla possibilita' di recupero. L'Ibis deceduto, Goja, era il capo stormo degli uccelli, ormai rarissimi: stava insegnando ai più giovani la rotta dalla Baviera alla Toscana. AGGIORNAMENTO 17/10/2012: Il cacciatore individuato come responsabile degli abbattimenti degli ibis, di Camaiore, in provincia di Lucca, in possesso di regolare licenza di caccia, è stato fermato grazie a un’indagine coordinata tra la Polizia provinciale di Livorno e il Corpo forestale dello Stato di Livorno (Nucleo operativo speciale di Cecina).

Aggiornamento 18/10/2012: morta  anche Jedi, il secondo Ibis gravemente ferito nella medesima sciagurata azione.

http://iltirreno.gelocal.it/piombino/cronaca/2012/10/15/news/ucciso-goja-e-il-progetto-ibis-e-ora-a-rischio-1.5865403

http://www.liberoquotidiano.it/news/1098378/Animali-altri-due-ibis-eremita-abbattuti-in-Toscana-uno-e--morto.html

http://www.liberoquotidiano.it/news/1098367/Animali-altri-due-ibis-eremita-abbattuti-in-Toscana-uno-e--morto-2.html

http://www.lipu.it/news/no.asp?1435

http://www.lagazzettadilucca.it/notizie-brevi/2012/10/wwf-ed-ambientalisti-in-lutto-gli-ibis-del-progetto-internazionale-uccisi-a-fucilate-in-toscana/

 


FERITO  Detonazione arma da caccia

sabato 13 ottobre 2012    Poggibonsi    Siena (SI)

Falco pellegrino, caduto ferito in una terrazza in pieno centro a Poggibonsi: è stata riscontrata la presenza di pallini da caccia alla zampa destra

http://www.geapress.org/caccia/siena-i-rapaci-vittime-del-volantino/33801

 

UCCISO  Detonazione arma da caccia


domenica 14 ottobre 2012     Rovereto    Trento (TN)

I boschi sul Moietto sono tra i luoghi preferiti dai roveretani per una passeggiata tra gli alberi o in cerca di funghi, come fanno in molti in questa stagione. Tra gli appassionati ieri c'era anche un roveretano che, di buon ora, s'era messo in cammino ma ha concluso presto la sua gita a causa di una spiacevole sorpresa. Dopo aver sentito uno sparo, infatti, si è visto cadere davanti ai piedi un esemplare di picchio ( nella foto ), un animale protetto dalla caccia che è stato (forse involontariamente?) ucciso da una delle doppiette uscite per una delle domeniche della stagione venatoria

http://www.ladige.it/articoli/2012/10/15/uccidono-picchio-trovato-roveretano

 


FERITO  Azioni o uso strumenti illegali

DETENZIONE ILLEGALE  Azioni o uso strumenti illegali

lunedì 15 ottobre 2012  Benevento (BN)

Uccellagione, maltrattamento di animali e furto venatorio. Sono questi i reati ai quali dovrà rispondere un pregiudicato: l'uomo, oltre ad aver catturato cardellini ed averli legati e imbragati, ha preso anche un gheppio, raro esemplare di rapace a rischio estinzione, che è stato affidato a un centro di recupero fauna selvatica a causa delle cattive condizioni di salute per i maltrattamenti subiti

http://www.ntr24.tv/it/news/cronaca/bracconaggio-alla-periferia-di-benevento-denunciato-pregiudicato.html

 


UCCISO  Detonazione arma da caccia

DETENZIONE ILLEGALE  Azioni o uso strumenti illegali

mercoledì 17 ottobre 2012    Brescia (BS)

 

Continua tra Val Trompia, Val Sabbia e Valle Camonica l'attività antibracconaggio del corpo forestale dello Stato, impegnato con una task force di 24 unità per turno del nucleo operativo antibracconaggio, avviata lo scorso 27 settembre. Sono state complessivamente 48 le persone denunciate: tra i reati contestati il maltrattamento di animali, il furto venatorio, l'omessa custodia di armi e la caccia di specie protette anche attraverso l`utilizzo di mezzi non consentiti. Sono stati sequestrati 90 volatili abbattuti e 123 esemplari vivi. Parte di essi sono stati liberati sul posto e altri sono stati affidati alle cure del centro recupero fauna selvatica «Il Pettirosso» nel modenese. Tra i volatili vittime del bracconaggio nel bresciano un lungo elenco di specie: pettirossi, verzellini, capinere, lucherini, passere scopaiole, cince. Sotto sequestro sono finiti anche 13 fucili, 7 richiami acustici a funzionamento elettromagnetico, 82 reti, 218 trappole tipo «sepp» (tagliole in ferro con scatto a molla) e 275 archetti

http://www.bresciaoggi.it/stories/Home/422159_forestale_in_azionecontro_il_bracconaggio/?refresh_ce

 


UCCISO  Azioni o uso strumenti illegali   DETENZIONE ILLEGALE  Azioni o uso strumenti illegali

giovedì 18 ottobre 2012   Arezzo (AR)

Settanta cardellini stipati in un furgone tra i cavoli Conducenti romeni denunciati per maltrattamento

Tra valige e generi alimentari di ogni tipo, pure una sorta di bidone coperto da una stoffa. Il contenitore colava vistosamente e, rovinato in terra una volta tolto dal bagagliaio, ha rivelato il suo contenuto di cavoli cotti e i 70 fringillidi: dodici di loro, durante il viaggio, avevano tentato la via di fuga, ma avevano trovato la morte nel caos generale di quel bagagliaio

http://www.lanazione.it/arezzo/cronaca/2012/10/18/788828-arezzo-uccelli-sequestro-fringillidi-animali-maltrattamento-cardellini.shtml

 


FERITO  Detonazione arma da caccia

giovedì 18 ottobre 2012   Pimonte   Napoli (NA)

Un esemplare protetto di poiana ferita è stato salvato ieri mattina dagli agenti della polizia municipale. La pattuglia, composta dagli ispettori Carmine Donnarumma e Francesco Manzi e impegnata in un’attività di controllo dell’attività venatoria nella zona del Parco dei Monti Lattari, ha rinvenuto il rapace in località Traforo, al confine con Agerola. L’animale era rimasto ferito da un colpo di fucile all’ala destra, e non riusciva più a spiccare il volo

http://www.ilgazzettinovesuviano.it/2012/10/18/pimonte-poiana-ferita-salvata-dalla-polizia-municipale/

 

UCCISO Detonazione arma da caccia

giovedì 18 ottobre 2012   Brescia (BS)

 

Nel mese di ottobre  le guardie WWF hanno denunciato  13 cacciatori per aver abbattuto animali protetti o per aver utilizzato richiami elettromagnetici. Oltre 100 gli animali protetti sequestrati. Tutti gli interventi sono stati coordinati con le forze dell'ordine ( polizia provinciale, corpo forestqle dello stato,carabinieri e polizia di stato).

http://www.wwf.it/client/news_regionali.aspx?root=31914&parent=1108&content=1

http://brescia.corriere.it/brescia/notizie/cronaca/12_ottobre_19/sabotaggio-auto-wwf-tre-rischiano-di-morire-2112324265686.shtml

 


UCCISO Detonazione arma da caccia

giovedì 18 ottobre 2012 10   Bisignano  Cosenza (CS)

Denunciato cacciatore bresciano nel cosentino: L'uomo e' stato sorpreso dagli agenti in servizio nella zona a praticare la caccia alle allodole e ad altre specie protette con l'ausilio di un richiamo acustico elettromagnetico.

http://www.ansa.it/web/notizie/regioni/calabria/2012/10/18/Denunciato-cacciatore-cosentino_7651229.html

 


UCCISO  Detonazione arma da caccia

sabato 20 ottobre 2012      Peschiera del Garda    Verona (VR)

Cormorano morto impallinato: sotto accusa i cacciatori È successo ieri a Peschiera. O meglio è sulla passeggiata a lago della località arilicense che si è spiaggiato il cadavere dell'animale ucciso con tutta probabilità non da molte ore viste le condizioni in cui il cormorano è stato ripescato

http://www.larena.it/stories/Home/423025_cormorano_morto_impallinatosotto_accusa_i_cacciatori/

 


FERITO  Detonazione arma da caccia

sabato 20 ottobre 2012    Pisa (PI)

Feriti gravemente  due gufi:  i due rapaci hanno purtroppo poche speranze di potersi salvare.I Veterinari del CRUMA, Centro di Recupero della LIPU di Livorno, dove i due animali sono stati ricoverati, hanno riscontrato la presenza di numerosi pallini di piombo. Uno dei due Gufi ha perso un occhio, mentre una zampa si presenta troncata. Il secondo animale ha, invece, entrambe le zampe rotte, più un’ala distrutta dalla rosa dei pallini.

http://qn.quotidiano.net/lifestyle/2012/10/22/790687-gufi-pisa-uccelli.shtml

 


ILLEGALE  Azioni o uso strumenti illegali

domenica 21 ottobre 2012     Giugliano in Campania   Napoli (NA)

Dopo giorni di appostamento, all’alba è scattata l’operazione “Liberi di volare” che ha visto impegnati una decina di uomini. Sono state segnalate all’autorità giudiziaria tre persone tutte della zona di età compresa tra i 40 e i 70 anni, impegnate a prelevare gli uccelli catturati. E’ stato sequestrato un impianto di cattura costituito da 4 reti infisse nel terreno mediante paletti, appositamente utilizzate per la cattura dell’avifauna migratoria, 2 richiami elettroacustici in funzione e tre diffusori acustici e relativi cavi di collegamento alimentati da batterie a secco. Dopo aver richiesto l’intervento di personale specializzato, sono stati inanellati e liberati presso l’Oasi dei Variconi in località Castel Volturno, 64 allodole un esemplare di civetta nana 1 tordo e tre quaglie.... http://www.internapoli.it/articolo.asp?id=24853

 


UCCISO  Detonazione arma da caccia

domenica 21 ottobre 2012    Cabras   Oristano (OR)

4 fenicotteri uccisi, centrati da fucilate al corpo e al collo,  e 1 ferito: un gioco macabro, un tragico esempio di balordaggine. Gli autori della strage di fenicotteri, avvenuta ieri mattina alla prime luci dell’alba nello stagno di Mistras, hanno toccato le corde dell’anima di chi ama e ammira gli eleganti volatili dalle piume rosa. I protagonisti potrebbero essere dei cacciatori frustrati e delusi, secondo la Forestale.

“Da vent’anni mi occupo di recupero di animali selvatici – spiega il dott. Briguglio – fino a 300 all’anno, ma non avevo mai visto niente del genere“. Rapaci, anch’essi protetti dalla legge, impallinati, ma sui fenicotteri mai.

AGGIORNAMENTO 26/10/2012 - Morto anche il quinto fenicottero ferito: Sembrava potesse recuperare ma non ce l’ha fatta. Ieri mattina il fenicottero ferito dai pallini esplosi domenica scorsa da un gruppo di ignoti cacciatori ha smesso di lottare ed è morto, nonostante le cure dei veterinari della clinica “Duemari” di Oristano. L’uccello era stato ribattezzato signor Fenu, un nomignolo che l’ha accompagnato durante i cinque giorni di ricovero

http://lanuovasardegna.gelocal.it/oristano/cronaca/2012/10/22/news/cabras-nella-laguna-strage-di-fenicotteri-uccisi-4-esemplari-1.5903815

http://www.geapress.org/caccia/oristano-le-ultime-notizie-del-fenicottero-ferito/34172

 


Detonazione arma da caccia

martedì 23 ottobre 2012    Valdagno  Vicenza (VI)

Blitz contro bracconieri: colto in flagranza di reato un gruppo bracconieri tra i 47 e i 57 anni d'età. Uno è riuscito a darsi alla fuga facendo perdere  le proprie tracce, mentre i quattro individutati  avevano regolare licenza ad uso caccia.

Sequestrati i fucili, gli uccelli protetti abbattuti (Pispole e Fringuelli), duecento munizioni, i richiami elettrici e una fotocellula alimentata a batteria.

http://www.vicenzatoday.it/cronaca/caccia-bracconieri-denunce.html

http://www.sivempveneto.it/vedi-tutte/10009-vicenza-con-la-fotocellula-a-caccia-di-frodo-quattro-denunciati.html

 


UCCISO  Azioni o uso strumenti illegali

martedì 23 ottobre 2012    Altissimo  Vicenza (VI)

Blitz contro bracconieri: un uomo di 67 anni r è stato denunciato dalla Polizia Provinciale di Vicenza alla Procura della Repubblica per maltrattamento di animali e uccellagione. Dopo numerosi appostamenti e la perquisizione nella sua abitazione, gli agenti hanno rinvenuto decine di uccelli protetti abbattuti e carne di capriolo. La Polizia Provinciale ha inoltre sequestrato al bracconiere, che operava nella zona montana tra Altissimo e Valdagno, archetti, reti, trappole e vischio

http://www.vicenzatoday.it/cronaca/caccia-bracconieri-denunce.html

 


UCCISO  Detonazione arma da caccia

martedì 23 ottobre 2012    Landriano   Pavia (PV)

Quattro cacciatori (due bresciani e due bergamaschi) sono stati denunciati all’autorità giudiziaria perché trovati in possesso di richiami non consentiti dalla legge per l’attività venatoria. In più, il gruppo aveva appena sparato a pispole e spioncelli, cosa assolutamente vietata

http://laprovinciapavese.gelocal.it/cronaca/2012/10/23/news/landriano-a-caccia-di-animali-protetti-quattro-denunciati-1.5911543

 


UCCISO  Detonazione arma da caccia

martedì 23 ottobre 2012    Cittadella   Padova (PD)

Numerosi i reati contestati a un italiano beccato dalla polizia provinciale in flagrante mentre abbatteva un verzellino, parente stretto del canarino selvatico, la cui caccia è vietata: possesso illegale di silenziatore, caccia senza licenza, abbattimento di specie protetta e uso di un apparecchio elettroacustico . Questa la lunga lista di reati contestati a un cacciatore di frodo beccato in flagrante e denunciato questa mattina a Cittadella dalla polizia provinciale di Padova

http://www.padovaoggi.it/cronaca/caccia-frodo-specie-protette-cittadella.html

 


FERITO  Detonazione arma da caccia

martedì 23 ottobre 2012    Summonte  Avellino (AV)

Falchetto preso a fucilate, salvato dai carabinieri: Lo hanno ritrovato ferito sulla strada, una fucilata l'aveva preso in pieno ad un'ala.

http://napoli.repubblica.it/cronaca/2012/10/23/news/falchetto_preso_a_fucilate_salvato_dai_carabinieri-45181960/

 

 

MALTRATTAMENTO - SEVIZIE SU ANIMALI  Azioni o uso strumenti illegali

martedì 23 ottobre 2012 2    Landriano    Pavia (PV)

Nelle campagne della Lomellina, due uomini di origini bresciane sono stati sorpresi mentre seviziavano con mutilazioni due allodole appena catturare. Sono scattate le denunce I controlli continueranno anche nei prossimi giorni. Uno degli obiettivi della polizia provinciale è quello di reprimere azioni illegali. Sono in continuo aumento, infatti, le persone che vanno a caccia senza tutte le autorizzazioni necessarie così come è in aumento l’attività di bracconaggio. Sempre di più, infine, i cacciatori che utilizzano i richiami acustici vietati. Per questo reato è previsto il sequestro delle armi e della fauna illecitamente catturata o abbattuta.(g.s.)

http://laprovinciapavese.gelocal.it/cronaca/2012/10/23/news/landriano-a-caccia-di-animali-protetti-quattro-denunciati-1.5911543

 


UCCISO  Detonazione arma da caccia

martedì 23 ottobre 2012   Cinto Caomaggiore    Venezia (VE)

Due cacciatori appostati per sparare alle allodole, due guardacaccia nascosti per controllarli: quando il collega gli ha detto che non avrebbe dovuto sparare allo storno, ma nemmeno al fringuello, alla pispola, al frosone ed alla peppola, in quanto era stata ritirata la proposta di caccia in  deroga avanzata dall'assessore regionale Daniele Stival per queste specia di uccelli, lo ha gettato tra le alte erbe di un campo. Troppo tardi. Scattato  il sequestro dell'arma e la possibilità quasi certa, di incorrere anche in un processo penale

http://nuovavenezia.gelocal.it/cronaca/2012/10/23/news/cinto-uccide-uno-storno-multa-di-4-mila-euro-al-cacciatore-1.5905194

 


UCCISO Detonazione arma da caccia

mercoledì 24 ottobre 2012       Bagno di Romagna Forlì-Cesena (FC)

Cacciatore nel mirino del Corpo Forestale: ha abbattuto nove fringuelli, cinque pispole, un canapino, una cincia ed una tordela, tutte specie classificate non cacciabili e protette dalla legge 157/1992. Quanto verificatosi nei giorni scorsi, sottolinea la Forestale, "rappresenta un episodio di particolare gravità per molteplici aspetti, tra i quali in primis il danno per l'ambiente rappresentato dall'abbattimento di specie protette ed inoltre poi per il totale spregio della legalità dimostrato in quanto l'attività venatoria è stata condotta ripetutamente e solo nei confronti di specie non cacciabili".

http://www.cesenatoday.it/cronaca/bagno-romagna-cesena-cacciatore-denuncia-abbattuta-specie-protetta-uccelli.html

 


UCCISO  Detonazione arma da caccia

mercoledì 24 ottobre 2012    Chiampo    Vicenza (VI)

Multe e denunce dalle guardie di Enpa e Lipu: sanzionati alcuni bracconieri

Uno dei cacciatori, N.M.M. residente a Nogarole, aveva abbattuto quattro fringuelli e cinque lucherini, una specie protetta dalla convenzione di Berna. In questo caso, le guardie zoofile hanno chiesto l'ausilio dei carabinieri di Chiampo per effettuare il sequestro dell'arma. Il cacciatore è stato denunciato e, oltre al sequestro del fucile, gli è stata ritirata la licenza di caccia. «In meno di un mese sono state multate e denunciate decine di bracconieri - afferma Renzo Rizzi, portavoce del Coordinamento Protezionistico  Veneto - si può ipotizzare che oltre la metà dei cacciatori che sparano in quelle zone commettano atti di bracconaggio. Tutto ciò è davvero molto grave. La scusante che utilizzano normalmente, quando vengono colti in fragrante è legata alla ritorsione per la mancata applicazione delle deroghe».

http://www.ilgiornaledivicenza.it/stories/Provincia/424977_uccisi_uccelli_protetti_bracconieri_scoperti/

 


FERITO  Detonazione arma da caccia


mercoledì 24 ottobre 2012   Sassari (SS)

Rinvenuto in località "La Corte" nell’agro del Comune di Sassari, l'esemplare è stato consegnato il 24 ottobre al Centro di recupero fauna selvatica di Bonassai; si tratta, purtroppo, di un nuovo deplorevole caso di abbattimento di un individuo appartenente ad una specie protetta e particolarmente rara in Sardegna. Al momento del ricovero l'esemplare di aquila minore (Hieraaetus pennatus) si trovava in un grave stato di confusione e stordimento e presentava un posizionamento atipico dell'arto superiore destro. Il personale veterinario del Centro ha provveduto immediatamente ad effettuare un’indagine radiologica, dalla quale è stata evidenziata la frattura scomposta con schegge del radio-ulna dell'ala destra. Sempre dalla radiografia sono stati riscontrati numerosi pallini di piombo in diverse parti del corpo.

http://www.sardegnaambiente.it/j/v/152?s=211927&v=2&c=1577&t=1

 


UCCISO  Azioni o uso strumenti illegali

DETENZIONE ILLEGALE  Azioni o uso strumenti illegali

giovedì 25 ottobre 2012    Villa Santina  Udine (UD)

Gli agenti della polizia provinciale hanno segnalato un uomo, sorpreso a esercitare l’uccellagione con reti e richiami vivi. Alla stessa persona sono state sequestrate 21 reti per uccellagione e 100 uccelli vivi tra cui merli, tordi, sasselli, ciuffolotti e cinciallegre catturati illecitamente e che sono stati immediatamente liberati. Posti sotto sequestro anche una quarantina di uccelli morti depositati in un congelatore e destinati probabilmente al commercio illegale.

http://ilfriuli.it/index.php/top-news/35034-denunciato-un-bracconiere.html

 

DETENZIONE ILLEGALE  Azioni o uso strumenti illegali

giovedì 25 ottobre 2012   Valguarnera Caropepe    Enna (EN)

Detenzione illegale di cardellini: denunciato allevatore Gli agenti del corpo forestale di Valguarnera hanno denunciato, per detenzione illegale di cardellini e possesso di reperti archeologici, un allevatore ennese che tentava di piazzare sul web alcuni fringillidi, specie protetta

http://livesicilia.it/2012/10/25/detenzione-illegale-di-cardellini-denunciato-allevatore-di-valguarnera_202961/

 


UCCISO  Detonazione arma da caccia

giovedì 25 ottobre 2012 30   Sorrento    Napoli (NA)

Non sono bastate tre operazioni consecutive del corpo forestale dello Stato di Castellammare di Stabia a frenare l’escalation del bracconaggio sulle colline della costiera sorrentina dove da almeno una settimana riecheggiano senza sosta gli spari dei cacciatori intenti a massacrare le specie volatili nel loro passaggio di migrazione. Stavolta ad insorgere sono i residenti, coloro che vivono nei centri abitati delle colline, svegliati alle prime luci dell’alba dai colpi di carabina, dai pallini che ricadono su vetri e tettoie, addirittura da uccelli feriti e terrorizzati che nel tentativo di fuggire sbattono impietosamente le ali contro le finestre delle case in cerca di aiuto. L’esercito dei bracconieri ha riconquistato in breve tempo le posizioni perse aprendo di nuovo il fuoco contro gli stormi di passaggio e lasciando non raccolti tra la vegetazione decine di uccelli feriti e morenti. Impossibile dormire per coloro che vivono sulle colline costretti a convivere con una attività venatoria esercitata a tutto spiano e senza alcuna regola

http://www.positanonews.it/articoli/85314/sorrento_proteste_dei_residenti_contro_i_bracconieri_aumenta_il_mercato_nero_degli_uccelli.html

 


DETENZIONE ILLEGALE  Azioni o uso strumenti illegali

venerdì 26 ottobre 2012   Lauco   Udine (UD)

Negli ultimi dieci giorni, le pattuglie hanno colto in flagranza di reato tre bracconieri rispettivamente ad Avaglio (Lauco), Verzegnis e Bordano. Nel primo caso, il trasgressore è stato sorpreso ad esercitare l’uccellagione con l’uso di reti a tramaglio e con richiami vivi. Gli agenti hanno sequestrato le reti, requisito e successivamente liberato i volatili catturati o detenuti illegalmente (un totale di 24 esemplari di diverse specie)

http://messaggeroveneto.gelocal.it/cronaca/2011/10/26/news/denunciati-tre-bracconieri-rischiano-multe-pesanti-1.1622608

 

FERITO  Detonazione arma da caccia

sabato 27 ottobre 2012     Cabras  Oristano (OR)

Non ci sono scusanti né eventuali “errori” di tiro, siamo davanti a cacciatori-bracconieri, delinquenti e basta. Dopo i Fenicotteri rosa (Phoenicopterus roseus) uccisi la scorsa settimana, sulle sponde dello Stagno di Cabras (OR) è stato sparato un Cigno nero (Cygnus atratus) giunto chissà come nella zona umida. https://gruppodinterventogiuridicoweb.wordpress.com/2012/10/28/cacciatori-bracconieri-allo-stagno-di-cabras-colpito-anche-un-cigno-nero/

 


UCCISO  Detonazione arma da caccia

domenica 28 ottobre 2012    Casacalenda   Campobasso (CB)

Cucciolo di lupo trovato morto nelle campagne di Campobasso: sul corpo sono stati trovati fori con macchie di sangue. Un particolare che farebbe pensare al fatto che il cucciolo di lupo sia stato ucciso con un'arma da fuoco. Potrebbe trattarsi di pallini di piombo.

http://www.nelcuore.org/blog-associazioni/item/cucciolo-di-lupo-trovato-morto-nelle-campagne-di-campobasso.html

 


UCCISO  Detonazione arma da caccia

domenica 28 ottobre 2012   Campobello di Mazara  Trapani (TP)

Atti di bracconaggio al «Pantano Leone» di Campobello di Mazara. Ucciso un magnifico esemplare di Cicogna bianca, oltre ad altri volatili, ferita un'anatra selvatica. http://www.gds.it/gds/edizioni-locali/trapani/dettaglio/articolo/gdsid/219257/

 


UCCISO Azioni o uso strumenti illegali

lunedì 29 ottobre 2012 Adrara San Rocco    Bergamo (BG)

Polizia Provinciale:  individuato nei boschi di Adrara San Rocco, un uomo che esercitava la caccia senza essere in possesso della licenza e praticava l'uccellagione con l'uso di archetti. Con la successiva perquisizione presso l'abitazione dell'indagato, gli agenti hanno rinvenuto 106 capi di avifauna in gran parte protetta (es. pettirossi), parte di questa proveniente inequivocabilmente da attività di uccellagione esercitata con trappole a scatto, tradizionalmente chiamate archetti, carne congelata di cinghiale di cui non veniva giustificata la provenienza lecita, munizioni non denunciate e numerosi lacci utilizzati per la preparazione di archetti. In un altro immobile di proprietà dell'indagato, è stata rinvenuta l'arma detenuta al momento della fuga e risultata poi regolarmente denunciata, e nelle vicinanze, sul sentiero di passaggio di ungulati, un laccio metallico posto con idonea e abbondante pasturazione e un impianto di cattura composto da 18 archetti, nei quali erano intrappolati 2 pettirossi. Il cacciatore abusivo è stato quindi denunciato all'autorità giudiziaria per vari reati (porto abusivo d'arma, furto ai danni del patrimonio indisponibile dello Stato, maltrattamento di animali).

http://www.ecodibergamo.it/stories/Cronaca/729966/

 


UCCISO Detonazione arma da caccia


lunedì 29 ottobre 2012    Spoleto   Perugia (PG)

A due spoletini quarantenni  sono state contestate sanzionati amministrative, per un importo complessivo di circa duecento euro, per aver cacciato a distanza non regolamentare, inferiore a 100 metri, l'uno dall'atro; i due sono stati inoltre denunciati per abbattimento illegale di fringillidi. Sequestrati i fucili, dunque, il relativo munizionamento e l'intero carniere con circa una quindicina di fringillidi. I trasgressori

hanno violato le Norme per la protezione della fauna selvatica omeoterma e per il prelievo venatorio

http://www.perugiatoday.it/cronaca/controlli-caccia-forestale-spoleto-gualdo-cattaneo.html

 


UCCISO Azioni o uso strumenti illegali

lunedì 29 ottobre 2012     Gualdo Cattaneo   Perugia (PG)

Contestate ad un cacciatore settantenne di Gualdo Cattaneo, sanzioni amministrative per un importo di circa quattrocento euro, per la mancata annotazione della giornata di caccia sul tesserino e per aver cacciato a distanza non regolamentare inferiore a 100 metri dalle abitazioni. Allo stesso è stato altresì contestato l'illecito penale per aver abbattuto un esemplare di Tortora dal collare, specie non cacciabile. Sono stati posti sotto sequestro l'arma, il munizionamento e l'esemplare abbattuto

http://www.perugiatoday.it/cronaca/controlli-caccia-forestale-spoleto-gualdo-cattaneo.html

 


UCCISO  Detonazione arma da caccia

DETENZIONE ILLEGALE  Azioni o uso strumenti illegali

martedì 30 ottobre 2012   Brescia (BS)

Centodieci (110) persone denunciate: è questo il bilancio dell’operazione "Pettirosso" che come ogni anno il corpo forestale dello Stato ha portato avanti per circa un mese tra le valli Trompia, Sabbia e Camonica per combattere il bracconaggio e tutelare l’avifauna (in particolare passeriformi) in volo lungo una delle più importanti rotte migratorie del nostro Paese. Tra i reati contestati il maltrattamento di animali, il furto venatorio, l’omessa custodia e il porto abusivo di armi e la caccia di specie protette anche attraverso l’utilizzo di mezzi non consentiti. Tra le ipotesi di reato anche la ricettazione. Complessivamente sono stati sequestrati 700 esemplari di avifauna (includendo sia quelli vivi che quelli rinvenuti morti). Parte di quelli che si sono salvati sono stati liberati sul posto e altri sono stati affidati alle cure del Centro nazionale di recupero fauna selvatica “Il Pettirosso”. Tra i volatili vittime del bracconaggio nel Bresciano un lungo elenco di specie: pettirossi, verzellini, capinere, lucherini, frosoni, passere scopaiole, cince e altri ancora. Sotto sequestro sono finiti anche 45 fucili, 40 richiami acustici a funzionamento elettromagnetico, 177 reti, 618 trappole tipo ”sepp” (tagliole in ferro con scatto a molla) e 725 archetti (micidiali trappole realizzate con ramoscelli curvati a ferro di cavallo che scattano al posarvisi dei volatili, che rimangono appesi per ore ad agonizzare con le zampe spezzate).

http://www.quibrescia.it/cms/2012/10/30/bracconaggio-nel-bresciano-110-denunciati/

http://www.modenaonline.info/notizie/2012/11/16/trecento-uccelli-protetti-salvati-da-forestale-e-pettirosso-di-modena_22757#.UKZclGd5hTY

 


UCCISO  Detonazione arma da caccia

martedì 30 ottobre 2012   Brescia (BS)

Il bilancio degli ultimi dieci giorni di attività del Nucleo Lombardia Guardie Giurate Volontarie del Wwf Italia non lascia dubbi: «I cieli della Lombardia sono un buco nero per gli uccelli» spiegano i volontari del Nucleo Lombardia Guardie Giurate Volontarie del Wwf Italia quando parlano dell’operazione denominata «Volo Sicuro»: denunciati 29 cacciatori (27 bresciani e 2 bergamaschi), che sono stati sorpresi in flagranza di reato utilizzando mezzi vietati di caccia o per aver abbattuto specie protette. Sequestrati 27 richiami acustici a funzionamento elettromagnetico e oltre duecento gli esemplari di uccelli appartenenti a specie protette posti sotto sequestro

http://www.wwf.it/client/ricerca.aspx?root=31970&content=1

http://brescia.corriere.it/brescia/notizie/cronaca/12_ottobre_31/caccia-denunciati-27bresciani-da-wwf-brescia-2112499989725.shtml

 


UCCISO  Detonazione arma da caccia

FERITO  Detonazione arma da caccia

martedì 30 ottobre 2012    Piombino  Livorno (LI)

Bracconieri sul Promontorio: stavolta, uccisi illegalmente, rapaci super protetti: A cadere stavolta uno sparviere e uno smeriglio, ferito un lodolaio - Gualerci (Wwf): «Sporgeremo denuncia, occorre inasprire i controlli». «Dall'apertura della stagione in Toscana – dice Gualerci – tali sciagurati atti si sono moltiplicati, a riprova di come sia ancora presente un approccio arcaico a questa attività ed alla fauna selvatica, considerata esclusiva proprietà dei cacciatori, con diritto di sparare a tutto. Non abbiamo visto, però, incrementarsi parallelamente prese di posizione, e men che meno interventi diretti, da parte delle associazioni venatorie e del mondo della caccia. Si continua a non vedere, a non sentire e a non denunciare».

http://iltirreno.gelocal.it/piombino/cronaca/2012/10/30/news/altri-rapaci-presi-a-fucilate-e-uccisi-sul-promontorio-1.5947825

 


UCCISO  Detonazione arma da caccia

mercoledì 31 ottobre 2012  Belforte all'Isauro  Pesaro e Urbino (PU)

Due lupi sono stati trovati morti questa mattina a Campo, frazione del Comune di Belforte all'Isauro, nella provincia di Pesaro-Urbino: dei due animali, il primo sarebbe morto circa 20-30 giorni fa, mentre per il secondo la morte risalirebbe a circa 4-5 giorni fa. Solamente per quest'ultimo  e' stato possibile appurare che si tratta di una femmina di pochi mesi deceduta per un colpo di arma da fuoco

http://www.ilrestodelcarlino.it/pesaro/cronaca/2012/10/31/795357-lupo-trovato-morto-ucciso.shtml

 

NOVEMBRE


UCCISO  Detonazione arma da caccia

giovedì 1 novembre 2012     Lumarzo  Genova (GE)

Un cacciatore genovese di 59 anni è stato colto stamane in flagrante a Lumarzo dalle guardie venatorie volontarie del Wwf dopo che aveva abbattuto un esemplare maschio di sparviere, specie particolarmente protetta. Il cacciatore è stato trovato in possesso anche di un “richiamo” proibito: denunciato per i reati di abbattimento di specie particolarmente protetta e caccia con uso di mezzi non consentiti.

http://www.ilsecoloxix.it/p/genova/2012/11/01/APqsGXqD-cacciatore_denunciato_sparviere.shtml

 


UCCISO Detonazione arma da caccia

giovedì 1 novembre 2012     Reggio di Calabria (RC)

Bracconieri uccidono il biancone 'Pilar': ''E' morto per mano di un bracconiere sullo Stretto di Messina, Pilar, l'ultimo di cinque bianconi, grandi rapaci molto rari, seguiti tramite trasmettitore satellitare da un gruppo di ricercatori che ne stavano studiando le rotte migratorie''. La strage dei rari esemplari di Biancone (Circaetus gallicus), detto anche Aquila dei Serpenti, e' ''solo l'ultima di una serie tragica che nel primo mese di apertura della stagione venatoria ha visto in azione numerosi bracconieri che hanno puntato le loro armi su specie protette: ibis eremita, fenicotteri, cigni e cicogne bianche e nere'' fa sapere Dell'Omo, naturalista e presidente dell'associazione no profit ''Ornis Italica''.

http://www.ansa.it/web/notizie/canali/energiaeambiente/natura/2012/11/01/Caccia-bracconieri-uccidono-biancone-Pilar-_7728446.html

 

FERITO  Detonazione arma da caccia


giovedì 1 novembre 2012    Monsummano Terme    Pistoia (PT)

Poiana ferita da un bracconiere nel Padule di Fucecchio: la radiografia effettuata dai veterinari ha evidenziato la presenza nell'ala e nella testa di pallini di piccolo calibro che hanno causato una grave frattura e che renderanno difficile e lungo il recupero al volo.

http://iltirreno.gelocal.it/montecatini/cronaca/2012/11/01/news/poiana-ferita-da-un-bracconiere-nel-padule-di-fucecchio-1.5960447

 


DETENZIONE ILLEGALE  Azioni o uso strumenti illegali

venerdì 2 novembre 2012    La Spezia (SP)

Lo hanno chiamato e non poteva essere altrimenti Torquato. E’ uno splendido esemplare di tasso rimasto intrappolato nel laccio sistemato da qualche bracconiere lungo il sentiero che da Campiglia conduce alla palestra nel verde, sul monte Parodi. Sarebbe finito male il povero Torquato se il destino non gli avesse fatto incontrare Poldo, un cane

http://www.ilsecoloxix.it/p/la_spezia/2012/11/02/AP1JigqD-salva_torquato_poldo.shtml

 


UCCISO  Detonazione arma da caccia

sabato 3 novembre 2012    Oristano (OR)

Ritrovato morto un cervo sardo dai volontari Wwf:  mentre rimuovevano centinaia di oggetti abbandonati in mezzo alla macchia mediterranea, fra i ginepri secolari o nelle stupende spiagge di Scivu, dove il Wwf sta realizzando una delle oasi più belle d’Italia, hanno rinvenuto la carcassa di un cervo maschio adulto. Il maestoso esemplare presentava, fra l’altro, una vecchia amputazione della zampa anteriore destra, segno inequivocabile lasciato da un cavetto d’acciaio, usato abitualmente da bracconieri per catturare cinghiali e purtroppo anche cervi. Scampato al laccio, non è scampato però alla lucida follia di un bracconiere. http://notizie.alguer.it/n?id=52987

 


UCCISO Azioni o uso strumenti illegali

DETENZIONE ILLEGALE  Azioni o uso strumenti illegali

domenica 4 novembre 2012       Nuvolera  Brescia (BS)

Gli uomini del Corpo Forestale della stazione di Gavardo a Nuvolera, dove, nel terreno di un capannista, gli agenti hanno trovato  una rete da uccellagione da 40 metri, una trappola per volatili e cinque reti a scatto per catturare uccelli vivi. Nel deposito attrezzi rinvenute altre due reti confezionate e 11 tordi bottacci e un sassello che sono stati liberati. Nel congelatore di casa trovati una cinquantina di uccellini già spennati

http://www.quibrescia.it/cms/2012/11/07/bracconaggio-denunciati-due-cacciatori/

 


UCCISO Azioni o uso strumenti illegali

DETENZIONE ILLEGALE  Azioni o uso strumenti illegali

domenica 4 novembre 2012           Calvagese della Riviera  Brescia (BS)

A Calvagese un capannista è stato controllato e denunciato mentre si trovava in una proprietà cintata dove aveva collocato una rete di 10 metri e una gabbia-trappola. Nelle reti del cacciatore 16 fringuelli e 5 peppole (specie protette), alcuni tordi e cesene. Nel freezer di casa trovati uccelli congelati. Tutto il materiale è stato posto sotto sequestro

http://www.quibrescia.it/cms/2012/11/07/bracconaggio-denunciati-due-cacciatori/

 


FERITO  Detonazione arma da caccia

domenica 4 novembre 2012   Brescia (BS)

Gufo reale abbattuto. A Bergamo lo curano per 50 pallini in corpo. Il raro e grande rapace notturno è stato centrato in Valsabbia, è stato consegnato dalla polizia provinciale di Brescia e la radiografia ha rilevato la  presenza nel suo corpo di 50 pallini e la frattura di un'ala che forse ne comprometterà per sempre il ritorno alla vita selvatica

http://www.bresciaoggi.it/stories/Provincia/428965_gufo_reale_abbattuto_a_bergamo_lo_curano_per_50_pallini_in_corpo/?refresh_ce

 


DETENZIONE ILLEGALE  Azioni o uso strumenti illegali

lunedì 5 novembre 2012  Manfredonia   Foggia (FG)

I militari della Sezione operativa navale della Guardia di finanza di Manfredonia, nel corso di alcuni servizi predisposti per il controllo del territorio, in materia di polizia economico-finanziaria, hanno trovato e sequestrato un vero e proprio impianto per la cattura di avifauna in località Scialé delle Rondinelle. La struttura era costituita da due reti parallele al terreno di circa 500 mq, un richiamo acustico e un impianto composto da fili elettrici per impedire l’ingresso di animali vaganti. Al termine dell’operazione i militari della Guardia di finanza hanno liberato 126 allodole di cui 30 trovate intrappolate nell’impianto e 96 chiuse all’interno di una voliera utilizzata per il trasporto

http://corrieredelmezzogiorno.corriere.it/foggia/notizie/cronaca/2012/5-novembre-2012/impianto-abusivo-catturare-allodoleblitz-finanzieri-manfredonia-2112560416249.shtml

 


DETENZIONE ILLEGALE  Azioni o uso strumenti illegali

lunedì 5 novembre 2012  Manfredonia   Foggia (FG)

Durante un'operazione di servizio i finanzieri hanno rinvenuto 25 cardellini e sequestrato attrezzature per la cattura di avifauna nelle campagne di Manfredonia. Tra le attrezzature non consentite oltre a vari richiami elettromagnetici vi sono anche gli archetti usati per la cattura delle piccole vittime, lasciandoli a volte privi di arti o moribondi. I volatili, in questa circostanza, sono stati affidati al responsabile dell’Osservatorio faunistico provinciale di Foggia, per la successiva riabilitazione e reintegro nella fauna stessa. Il responsabile dell’impianto illegale è stato denunciato all’autorità giudiziaria

http://corrieredelmezzogiorno.corriere.it/foggia/notizie/cronaca/2012/5-novembre-2012/impianto-abusivo-catturare-allodoleblitz-finanzieri-manfredonia-2112560416249.shtml

 


UCCISO  Detonazione arma da caccia

martedì 6 novembre 2012    Quiliano  Savona (SV)

Ferita a morte una poiana: “Le radiografie hanno rivelato che l’animale era stato colpito da una rosa di pallini da caccia in tutto il corpo, devastandole l’ala sinistra”

http://www.ivg.it/2012/11/quiliano-poiana-uccisa-da-raffica-di-pallini-da-caccia/

 


UCCISO Azioni o uso strumenti illegali DETENZIONE ILLEGALE  Azioni o uso strumenti illegali

martedì 6 novembre 2012    Chioggia   Venezia (VE)

Colti in flagranza di reato, nei pressi di un terreno nel comune di Chioggia un cinquantaquattrenne ed un trentunenne, intenti  ai bordi di una radura a catturare avifauna selvatica mediante l'ausilio di richiami vivi.

I due  avevano predisposto un sistema di richiami-trappola, contemporaneamente visivi e sonori: nel primo caso mediante alcuni cardellini morti, retti dritti grazie a sostegni di fil di ferro in maniera da sembrare vivi, nel secondo per mezzo di altri esemplari della stessa specie, vivi,  rinchiusi in gabbiette  metalliche,che attraverso il canto fungevano da richiamo al fine di poterne catturare altri avvalendosi  allo scopo di bastoncini di legno in precedenza impregnati di colla topicida. Nel corso di una perquisizione nelle abitazioni dei due bracconieri sono stati rinvenuti 11cardellini di cui 4 morti,11 piccole gabbie metalliche, mangime, colla topicida e 200 bastoncini impregnati della medesima

http://www3.corpoforestale.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/5840

 


UCCISO  Detonazione arma da caccia

mercoledì 7 novembre 2012       Chiaravalle  Ancona (AN)

A Chiaravalle fermato un cacciatore sorpreso ad abbattere esemplari di specie protetta

http://www.ancona24ore.it/news/ancona/0022435-richiami-proibiti-e-animali-protetti-abbattuti-multe-ai-cacciatori

 


UCCISO  Detonazione arma da caccia


mercoledì 7 novembre 2012       Falconara Marittima   Ancona (AN)

A Falconara fermato un cacciatore sorpreso ad abbattere esemplari di specie protetta

http://www.ancona24ore.it/news/ancona/0022435-richiami-proibiti-e-animali-protetti-abbattuti-multe-ai-cacciatori

 


UCCISO  Azioni o uso strumenti illegali DETENZIONE ILLEGALE  Azioni o uso strumenti illegali

giovedì 8 novembre 2012     Gavardo    Brescia (BS)

Dentro una baita i Forestali hanno rinvenuto gli arnesi del bracconiere: Prodine (reti speciali a scatto per la cattura dei volatili), sei reti per uccellagione ed una dozzina di trappole archetti, uccellini illegalmente detenuti utilizzati come richiami per gli sventurati volatili selvatici. Nelle piccole gabbie erano per questo detenuti fringuelli, peppole e lucherini. Poi un fucile calibro otto, incustodito con accanto le munizioni. Il luogo, a quanto pare, era frequentato anche da minori. Mentre i Forestali stavano provvedendo agli accertamenti, si è presentato l’uomo. Si trattava di un cacciatore di circa settant’anni, il quale dichiarava di possedere in casa le armi da caccia, tutte regolarmente detenute. Al controllo, però, risultava mancante un fucile calibro 12. Dopo qualche insistenza, l’uomo si è convinto ad accompagnare i Forestali per recuperare il fucile. Era stato lasciato incustodito e carico nel bosco.

http://www.geapress.org/caccia/brescia-le-teglie-del-cacciatore-bracconiere-fotogallery/34901

 

UCCISO Detonazione arma da caccia

giovedì 8 novembre 2012   Foggia (FG)

Sei persone sono state denunciate dal Corpo forestale dello Stato in Puglia per illeciti compiuti durante l'esercizio venatorio. In particolare, quattro persone dovranno rispondere del reato di uccellagione, praticata mediante l'utilizzo di reti e richiami acustici non consentiti; altre due sono state, invece, segnalate all'Autorità Giudiziaria per abbattimento di specie non cacciabili.Le indagini hanno portato nel primo caso al sequestro di 32 reti (per circa 1.500 metri quadrati totali di estensione) e di 3 richiami a funzionamento elettromagnetico; nel secondo caso sono stati posti sotto sigilli 2 fucili, 10 esemplari di storno e 4 fringuelli. http://www3.corpoforestale.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/5867

 


DETENZIONE ILLEGALE Azioni o uso strumenti illegali

sabato 10 novembre 2012    Minturno   Latina (LT)

Minturno, scoperti due bracconieri: i due uomini, un 44enne di Napoli con precedenti anche per rapina, estorsione e furto e un 57enne di Mugnano di Napoli, con precedenti per bracconaggio, hanno utilizzato grosse reti e sofisticati richiami acustici per catturare avifauna selvatica protetta. I cardellini infatti in questo periodo dell’anno migrano verso i paesi caldi dove trascorreranno l’inverno. Per i due è scattata le denuncia per bracconaggio. I forestali del Nipaf infatti hanno scoperto che i bracconieri erano riusciti a catturare oltre 100 cardellini destinati ad essere subito trasportati in Campania per essere venduti appunto nei mercati rionali

http://www.ilmessaggero.it/latina/minturno_scoperti_due_bracconieri_la_forestale_libera_cento_cardellini/notizie/230977.shtml

 


UCCISO  Detonazione arma da caccia

sabato 10 novembre 2012      Bisignano   Cosenza (CS)

A caccia in trasferta realizzano una strage: cinque bresciani sorpresi e denunciati in Calabria. C'era anche un pluripregiudicato privo di licenza di caccia nel gruppo di cinque cacciatori bresciani in trasferta sorpresi giovedì dalla polizia provinciale di Cosenza al termine di una vera strage venatoria. Durante la loro permanenza calabrese, nel territorio di Bisignano, i bresciani erano riusciti ad abbattere 872 uccelli, neppure uno dei quali cacciabile ma al contrario tutti appartenenti a specie protette: dai verzellini alle ballerine.

http://www.bresciaoggi.it/stories/Provincia/431075_a_caccia_in_trasferta_realizzano_una_strage/

 


FERITO  Detonazione arma da caccia

domenica 11 novembre 2012     Irsina   Matera (MT)

In agro di Irsina è stato abbattuto da bracconieri uno stupendo esemplare di Albanella reale femmina, rapace di dimensioni medio-grandi con un’apertura alare che raggiunge 120 centimetri. Un cittadino dopo averla notata sul terreno, ed incapace di volare,  domenica scorsa nelle campagne della località Santa Maria d’Irsi, è riuscito fortunatamente a raccoglierla a farla pervenire presso un ambulatorio veterinario di Matera per poi essere consegnata al CRAS da un volontario martedì scorso . All’arrivo il maestoso rapace mostrava l’ala sinistra in posizione anormale, segno inequivocabile di qualche  trauma: all’esame radiografico effettuato sono stati infatti riscontrati nel corpo del rapace alcuni pallini, del tipo usato normalmente per la caccia, che gli hanno procurato una frattura al radio-ulna.  http://oknotizie.virgilio.it/go.php?us=19f0c2b9eaaf8af1

 


UCCISO  Detonazione arma da caccia

martedì 13 novembre 2012   Ronchi Valsugana    Trento (TN)

Già sorpreso durante l’estate ad esercitare attività di bracconaggio notturna con fucile con silenziatore e denunciato all’autorità giudiziaria con sequestro delle armi e sospensione della licenza, è stato sorpreso a sparare alla fauna protetta dall'interno della sua abitazione ad una distanza di nemmeno 20 metri da una strada asfaltata di pubblico transito che porta a rifugi, malghe e attività di ristorazione: denunciato Dal successivo controllo nelle abitazioni è emerso un fucile non dichiarato e munizioni, in gran numero e di tipologia vietata nell'attività venatoria: si è quindi proceduto con il fermo, il sequestro del fucile calibro 12 e della selvaggina abbattuta

http://trentinocorrierealpi.gelocal.it/cronaca/2012/11/13/news/sparava-alla-fauna-protetta-dalla-sua-baita-denunciato-1.6025273

 


UCCISO Azioni o uso strumenti illegali


martedì 13 novembre 2012  Valdagno    Vicenza (VI)

Bracconiere in rosa: 58enne cacciava con rete dieci metri Gli agenti l´avrebbero sorpresa mentre stava armeggiando con 10 metri di rete, srotolata nel bosco. Nella successiva perquisizione domiciliare sono stati rinvenuti 20 uccelli protetti, conservati in congelatore, tra i quali c´erano anche alcuni esemplari appartenenti alla categoria dei super protetti cioè quelli maggiormente tutelati dalla legge

http://www.sivempveneto.it/vedi-tutte/10748-vicenza-bracconiere-in-rosa-58enne-cacciava-con-rete-dieci-metri.html

 


UCCISO  Azioni o uso strumenti illegali DETENZIONE ILLEGALE Azioni o uso strumenti illegali

martedì 13 novembre 2012     Cornedo Vicentino   Vicenza (VI)

Stando agli accertamenti della polizia provinciale, [cacciatore] 65enne di Cornedo, avrebbe esercitato l´attività venatoria utilizzando due richiami elettronici e tre trappole a scatto. In più, nel congelatore della sua abitazione, sono stati rinvenuti 30 uccelli di specie protette. Nel corso della perquisizione domestica, sono saltate fuori anche circa 100 munizioni a palla di calibro 12 e 22, non denunciate. In più alcuni uccelli di specie protette che, stando sempre alle verifiche degli agenti, sarebbero stati impiegati come richiamo per la caccia

http://www.sivempveneto.it/vedi-tutte/10748-vicenza-bracconiere-in-rosa-58enne-cacciava-con-rete-dieci-metri.html

 


UCCISO  Azioni o uso strumenti illegali DETENZIONE ILLEGALE  Azioni o uso strumenti illegali

martedì 13 novembre 2012   Ovaro    Udine (UD)

“beccato” in flagranza di reato mentre esercitava l’uccellagione mediante panie invischiate e richiami vivi esposti. L’intervento è stato effettuato da una pattuglia del Corpo di Polizia Locale Provinciale in collaborazione con una pattuglia del Corpo forestale regionale di Villa Santina.: dal controllo effettuato successivamente è risultato che il soggetto deteneva illegalmente 12 uccelli vivi, da utilizzare come richiami, e 167 altri esemplari morti, appartenenti a specie protette, e conservati in un congelatore

http://messaggeroveneto.gelocal.it/cronaca/2012/11/13/news/preso-un-bracconiere-a-ovaro-1.6021516

 


UCCISO  Detonazione arma da caccia

mercoledì 14 novembre 2012    Rossano    Cosenza (CS)

Gli agenti della Polizia Provinciale del distaccamento di Corigliano, durante un servizio mirato alla prevenzione e repressione degli atti di bracconaggio, hanno sorpreso in flagranza di reato, in località Zolfara di Rossano, un cacciatore, residente del luogo, mentre esercitava la caccia, in forma vagante, alle allodole, facendo uso di un richiamo acustico elettromagnetico. Il personale operante quindi procedeva alla denuncia del cacciatore alla Procura della Repubblica di Rossano, per violazione alle norme che regolano l’attività venatoria ed al sequestro di un fucile da caccia, di diverse munizioni, della fauna abbattuta e dell’apparato acustico. http://www.geapress.org/brevi/rossano-cs-denunciato-cacciatore-con-richiamo-acustico/35115

 


FERITO  Detonazione arma da caccia

giovedì 15 novembre 2012    Massa Lubrense    Napoli (NA)

Caccia barbara il WWF salva un Gufo raro: l’animale, recuperato dai volontari del WWF Penisola Sorrentina, è stato immediatamente consegnato al Corpo Forestale dello Stato e trasportato al Centro di Recupero Fauna Selvatica il Frullone di Napoli per una brutta frattura all’omero dell’ala destra causata da pallini di arma da fuoco come evidenziato dall’esame radiografico.  “E’ un gesto barbaro e un danno enorme – dichiara Claudio d’Esposito Presidente del WWF Penisola Sorrentina – il gufo sparato dai bracconieri è una specie rara e si osserva nel nostro territorio solo durante il passo migratorio

http://www.positanonews.it/articoli/86477/massa_lubrense_caccia_barbara_il_wwf_salva_un_gufo_raro.html

 


UCCISO  Detonazione arma da caccia  DETENZIONE ILLEGALE  Azioni o uso strumenti illegali


giovedì 15 novembre 2012   Firenze   Firenze (FI)

Controlli della Forestale sull'attività venatoria in provincia di Firenze:  2 denunciati alla Procura della Repubblica di Firenze per esercizio di caccia con mezzi non consentiti, sequestrati 4 fucili, 4 richiami vivi detenuti illegalmente e 33 esemplari di avifauna selvatica migratoria abbattuta illegalmente

http://www3.corpoforestale.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/5880

 


UCCISO  Detonazione arma da caccia

giovedì 15 novembre 2012   Collepasso   Lecce (LE)

 

Due cacciatori, entrambi di Cutrofiano, sono stati sorpresi dagli agenti della forestale, mentre erano intenti a sparare verso specie migratorie di avifauna protetta. Gli uomini della stazione di Gallipoli, durante un controllo mirato sul rispetto delle normative che regolano l'attività venatoria, eseguito nei giorni scorsi, hanno scorto i due uomini nelle zone di caccia intorno alle campagne di Collepasso, in località "Manimuzzi", hanno bloccato i due, contestandogli pesanti violazioni. Entrambi, infatti, sono stati denunciati a piede libero all'autorità giudiziaria. I forestali hanno anche sequestrato i fucili da caccia utilizzati, le cartucce e la sevaggina abbattuta (nella fattispecie, frosoni

http://www.lecceprima.it/cronaca/sorpresi-dai-forestali-a-sparare-contro-specie-protette-denunciati-due-cacciatori.html

 


DETENZIONE ILLEGALE  Azioni o uso strumenti illegali

giovedì 15 novembre 2012  Ravenna (RA)

Intervento della Forestale: a finire nei guai è stato un cacciatore del posto che si era impegnato nella vendita di uccellini. Gli acquirenti, due uomini, erano arrivati apposta da Perugia. Uno dei due è stato denunciato a piede libero: era lui i vero destinatario degli uccellini; l’altro si era solo offerto di accompagnare l’amico con problemi di deambulazione. Nella successiva perquisizione domiciliare del venditore, sono stati sequestrati richiami acustici e reti. Poco prima dell’alba del giorno dopo, sempre nel forese, gli agenti hanno scoperto un intero impianto di cattura nell’abitazione del bracconiere con reti lunghe 15 e 18 metri. E poi anche 50 uccellini - nella fattispecie tordi sasselli - catturati per essere usati come richiami vivi e sistemati in anguste gabbiette.

http://www.romagnanoi.it/news/Cronaca/738912/Sequestrati-4-fucili-e-120-uccellini-Bracconiere-denunciato.html

 


UCCISO  Detonazione arma da caccia

venerdì 16 novembre 2012     Amelia   Terni (TR)

Sono una sessantina i controlli effettuati nei giorni scorsi dal personale del Comando Stazione del Corpo Forestale dello Stato di Amelia: in due casi sono stati sorpresi cacciatori che avevano abbattuto volatili di specie protetta (fringuelli) che sono stati prontamente sequestrati insieme alle armi e messi a disposizione dell’Autorità competente

http://www.umbrialeft.it/notizie/sessantina-controlli-della-forestale-riguardo-alla-caccia-nell%E2%80%99amerino

 


DETENZIONE ILLEGALE Azioni o uso strumenti illegali

venerdì 16 novembre 2012    Salza Irpina   Avellino (AV)

I militari della Stazione Carabinieri di Salza Irpina, durante un normale servizio di pattuglia in una zona boschiva montana, hanno sorpreso 3 persone, di età compresa tra i 22 e i 69 anni, in attività abusiva di uccellagione. Sono state sequestrate 8 gabbiette per uccelli, una rete per la cattura di volatili, un marsupio contenente vari utensili per l’uccellagione (spago, ferri, pinze, etc.), nonché 11 cardellini, tra quelli appena catturati e quelli usati da esca.

http://www.irpiniareport.it/articolo/cronaca/3/salza-cacciavano-uccelli-di-specie-protetta-denunciati-3-salernitani/8431

 


UCCISO  Detonazione arma da caccia

sabato 17 novembre 2012     Casalvieri    Frosinone (FR)

La Polizia Provinciale ha sorpreso  una persona che, in sintomatico atteggiamento di caccia, aveva abbattuto specie di fauna selvatica “particolarmente protetta” FROSONI, e a circa 50 metri da detta persona hanno rinvenuto una busta in plastica contenente altra fauna selvatica non cacciabile appena abbattuta

http://www.ultimissime.net/Cronaca/FROSINONE-Cacciava-specie-protette-denunciato-dalla-Polizia-Provinciale.html

 


UCCISO  Azioni o uso strumenti illegali

domenica 18 novembre 2012  Bergamo (BG)

IL RACCONTO DI UN BRACCONIERE: a ottobre e novembre il bracconaggio lavora full time, non ci sono pause. È una corsa contro il tempo per catturare il numero più alto possibile di uccelli. Sono riuscito a incontrarne uno, a farmi raccontare da vicino una realtà inquietante e illegale che ogni anno, solo per facili e consistenti guadagni, mette a rischio ecosistema e ambiente naturale. Sul tavolo un mucchio enorme e colorato di volatili. Per terra un paio di sacchi neri per l'immondizia, stracolmi di piume. Gli uccelli saranno almeno 300. «Questi li hanno portati poco fa - spiega il bracconiere -, sono fringuelli, pettirossi, peppole e qualche cinciallegra. Quest'anno sono passati in ritardo per il caldo, meglio così. Lavoreremo un po' più a lungo»Esistono anche vere e proprie squadre: «Da solo non riuscirei mai a raggiungere questi numeri - spiega il bracconiere -, IN UN PAIO DI MESI CONGELO CIRCA  10.000  UCCELLINI. HO ALCUNE PERSONE CHE MI AIUTANO», << I miei clienti sono privati e ristoratori. Con i ristoranti si fanno affari, ne comprano anche 400 in un colpo solo».

http://www.ecodibergamo.it/stories/Cronaca/741183/

 


DETENZIONE ILLEGALE  Azioni o uso strumenti illegali

lunedì 19 novembre 2012     Reggio di Calabria (RC)

Sorpreso in localita' ''La sorgente'' di Reggio Calabria con 18 cardellini appena catturati ed altri due usati come richiamo. Denunciato due persone per uccellagione e furto venatorio

http://www.ansa.it/web/notizie/regioni/calabria/2012/11/19/Caccia-praticavano-uccellagione-denunce_7820799.html

 


DETENZIONE ILLEGALE  Azioni o uso strumenti illegali

lunedì 19 novembre 2012     Motta San Giovanni   Reggio di Calabria (RC)

Motta San Giovanni: sorpreso cacciatore con 50 cardellini appena catturati, oltre ad uno utilizzato come richiamo vivo

http://www.ansa.it/web/notizie/regioni/calabria/2012/11/19/Caccia-praticavano-uccellagione-denunce_7820799.html

http://www.reggiotv.it/notizie/cronaca/31142/caccia-illegale-uccellagione-su-specie-protette-furto-venatorio

 


UCCISO Azioni o uso strumenti illegali  DETENZIONE ILLEGALE  Azioni o uso strumenti illegali

lunedì 19 novembre 2012  Cervia   Ravenna (RA)

Sono state necessarie quattordici ore consecutive di vigilanza della Polizia Provinciale per completare la fase operativa di un intervento antibracconaggio condotto nel territorio Cervese. Di interventi antibracconaggio a dire il vero ne sono stati necessari due: il primo per accertare illeciti penali in materia di commercio di fauna selvatica catturata illegalmente con reti da uccellagione; il secondo veniva accertato in piena notte con l’individuazione e la denuncia all’autorità giudiziaria del responsabile per la violazione di ben cinque articoli penali. Sequestrati cinquanta esemplari di recente cattura appartenenti alle specie tordo sassello e cesena, acquistati incautamente da persone della provincia di Perugia e liberati successivamente in ambiti protetti, le banconote utilizzate per il pagamento, più di trecento metri di reti da uccellagione tipo mist-net e otto ripetitori acustici elettromagnetici con amplificazione del suono per richiamare i volatili oggetto di cattura.

Hanno collaborato alle operazioni anche alcune guardie volontarie appartenenti all’associazione WWF

http://www.conipiediperterra.com/ravenna-interventi-anti-bracconaggio-della-polizia-provinciale-1119.html

 


FERITO  Detonazione arma da caccia

lunedì 19 novembre 2012    Loiri Porto San Paolo    Olbia-Tempio (OT)

Impallinato da un bracconiere senza coscienza, ma ancora fiero nel suo imperiale portamento. Un falco pellegrino è stato soccorso dai barracelli di Loiri nelle campagne di Azzanì. Poggiato su una roccia, sotto choc, in corpo aveva 30 pallini. Sparato in volo da un cacciatore annoiato

http://lanuovasardegna.gelocal.it/olbia/cronaca/2012/11/19/news/un-falco-ferito-dai-bracconieri-1.6055167

 


UCCISO  Detonazione arma da caccia

lunedì 19 novembre 2012  Miradolo Terme   Pavia (PV)

Un cacciatore bresciano è stato sorpreso la settimana scorsa sulla collina di San Colombano con diverse prede proibite, passerotti e pettirossi, multato e denunciato all’autorità giudiziaria dalla polizia locale della Provincia di Pavia. Il fatto è avvenuto al confine tra il territorio di San Colombano e quello di Miradolo, nella zona attorno a località Valbisseretta. I dettagli non sono stati resi noti, ma l’uomo al momento del controllo, a quanto pare di un guardiacaccia volontario, aveva con sé esemplari impallinati di specie non cacciabili, passerotti e pettirossi tra gli altri

http://www.ilcittadino.it/p/notizie/cronaca_centro_lodigiano/2012/11/19/ABMDMWrB-polenta_cacciatore_costano_cari.html

 


UCCISO  Detonazione arma da caccia

lunedì 19 novembre 2012    Venezia   Venezia (VE)

Burano: cigno ucciso da un cacciatore:  il “piccolo” faceva parte della colonia presente nell’isola, i due adulti bianchi, i cinque piccoli ancora di colore girgio. Qualche selvaggio, per errore o forse no, ha premuto ieri il suo grilletto del fucile da caccia e ha sparato a uno dei piccoli

http://nuovavenezia.gelocal.it/cronaca/2012/11/20/news/cigno-ucciso-da-un-cacciatore-1.6065906

 

DETENZIONE ILLEGALE  Azioni o uso strumenti illegali

giovedì 22 novembre 2012  Prizzi   Palermo (PA)

I Militari del Comando Stazione di Prizzi, durante un servizio antibracconaggio, denunciavano alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Termini Imerese, due uomini di 58 e 77 anni entrambi nati a Palermo, per il reato di uccellagione e porto abusivo di oggetti atti ad offendere. I Carabinieri hanno rinvenuto nel corso di una perquisizione cinque cardellini, con relative gabbiette e due reti. Gli uccellini e il materiale è stato posto sotto sequestro

http://www.geapress.org/brevi/prizzi-pa-carabinieri-bloccano-due-uccellatori/35442

 

MALTRATTAMENTO - SEVIZIE SU ANIMALI  Azioni o uso strumenti illegali  DETENZIONE ILLEGALE  Azioni o uso strumenti illegali

giovedì 22 novembre 2012   Vico Equense    Napoli (NA)

Immediata denuncia in flagranza di reato di un altro bracconiere dedito alla cattura di cardellini con reti e richiami vivi: “L’utilizzo di richiami vivi per la cattura di altri uccelli, spesso accecati o detenuti in anguste gabbiette – dichiara Claudio d’Esposito Presidente del WWF Penisola Sorrentina – è una pratica molto in uso nonostante la legge ne faccia divieto. Nel caso dei cardellini intercettati dagli agenti forestali essi erano barbaramente “imbrigliati” con una imbracatura artigianale in spago e spille da balia e, fissati a terra su di un trespolo, manovrati a mò di burrattini dal bracconiere nascosto a distanza in un capanno. I piccoli uccelli brutalmente strattonati sbattendo le ali attiravano altri conspecifici che rimanevano intrappolati nelle reti posizionate ad arte.” L’intervento degli agenti del Corpo Forestale ha messo fine a tale tortura. I cardellini sequestrati sono successivamente stati affidati al Cras il Frullone di Napoli per le cure del caso e la successiva liberazione in natura

http://www.politicainpenisola.it/2012/11/vico-equense/vico-il-wwf-con-la-forestale-per-contrastare-il-bracconaggio/

 


DETENZIONE ILLEGALE  Azioni o uso strumenti illegali

giovedì 22 novembre 2012   Vico Equense  Napoli (NA)

Nei giorni scorsi, durante le operazioni di pattugliamento notturno per lo smantellamento di postazioni di richiami elettroacustici,  i Forestali hanno denunciato la proprietaria di un fondo per detenzione illegale di fringuelli. Gli uccelli idonei al volo sono stati immediatamente liberati in natura alla presenza dei volontari del WWF

http://www.politicainpenisola.it/2012/11/vico-equense/vico-il-wwf-con-la-forestale-per-contrastare-il-bracconaggio/

 


FERITO  Detonazione arma da caccia

giovedì 22 novembre 2012   Leonessa    Rieti (RI)

Sarebbero andati verso morte sicura i due splenditi esemplari di Airone Guardabuoi (Bubulcus ibis) se non fossero stati recuperati dagli Agenti del Comando Stazione Forestale di Leonessa. La pattuglia della Forestale si trovava in servizio di controllo del territorio presso il territorio della Frazione “Villa Pulcini” del Comune di Leonessa, quando avvistavano da lontano, in un pascolo, due macchie bianche in movimento lento. Gli agenti si portavano sul posto e constatavano che le due macchie bianche altre non erano che due magnifici esemplari di Airone, che si lasciavano catturare senza troppa difficoltà. Stupiti dal fatto i Forestali procedevano ad una prima ricognizione sul corpo dei due volatili, scoprendo, tra le candite piume, le tracce inequivocabili lasciate dai pallini esplosi da un fucile

http://www.rietilife.it/?p=37245

 


UCCISO  Azioni o uso strumenti illegali

venerdì 23 novembre 2012     Gavorrano   Grosseto (GR)

Voleva fare una strage di uccellini. Proprio per questo aveva piazzato nel bosco decine di tagliole. A denunciare il bracconiere ci hanno pensato i volontari della Lega per l'abolizione della caccia che hanno scoperto le trappole già "tese" con tanto di esca nei boschi della zona nord della provincia di Grosseto e hanno avvertito la Polizia provinciale. Dopo un appostamento di ore il bracconiere, di Follonica e sprovvisto anche di licenza di caccia, è stato fermato e denunciato per abbattimento di specie protette, furto venatorio, caccia con mezzi vietati e maltrattamento

http://www.gonews.it/articolo_165610_Decine-di-tagliole-nel-bosco-volontari-bloccano-un-bracconiere.html

http://iltirreno.gelocal.it/grosseto/cronaca/2012/11/24/news/tendeva-tagliole-bracconiere-denunciato-1.6087598

 


DETENZIONE ILLEGALE  Azioni o uso strumenti illegali

venerdì 23 novembre 2012    Ravenna (RA)

Sequestrati 4 fucili e 120 uccellini. Bracconiere denunciato. Operazione della polizia Provinciale e delle guardie volontarie del Wwf . A tradire la posizione di quel giardino segreto ha contribuito l’insistente canto di una civetta che ha condotto gli agenti sulla buona strada. Ma i guai per il padrone di casa non sono finiti qui perché in un altro deposito sempre a lui riconducibile, gli agenti hanno scovato quattro fucili, di cui due ad aria compresa. E poi gabbie, trappole, richiami da caccia vietati. E tanti, tantissimi uccellini: circa 120 quelli recuperati. Tra cui passeri, frosoni, tortore dal collare, verzellini e lucherini

http://www.romagnanoi.it/news/Cronaca/738912/Sequestrati-4-fucili-e-120-uccellini-Bracconiere-denunciato.html

 


DETENZIONE ILLEGALE  Azioni o uso strumenti illegali

sabato 24 novembre 2012    Marsala   Trapani (TP)

Operazione anti-bracconaggio condotta dalle guardie provinciali nella riserva dello Stagnone: sequestrato un «arsenale» per la cattura di uccelli protetti, salvati e rimessi in libertà otto volatili enunciato all'autorità giudiziaria un marsalese di 32 anni le cui iniziali sono N. S., ritenuto il presunto bracconiere che avrebbe «parato le reti» capaci di catturare decine di uccelli

http://www.gdsonline.it/notizie/bracconieri-alla-riserva-dello-stagnonescatta-il-blitz-multe-e-sequestri.html

 


UCCISO  Detonazione arma da caccia

lunedì 26 novembre 2012    Monterchi   Arezzo (AR)

Attirava e uccideva fringuelli: cacciatore denunciato

Gli uomini del corpo forestale, mentre stavano svolgendo un servizio caccia lungo il torrente Sovara in comune di Monterchi, hanno sentito un canto di uccelli provenire dall’interno di un boschetto e alcuni colpi di fucile che non interrompevano il canto. Una volta capito ciò che stava accadendo, sono entrati nel bosco dove hanno notato un cacciatore che alla vista degli agenti cercava di nascondere un richiamo elettrico per la selvaggina. All’uomo è stato subito contestato il possesso illegale dell' apparecchio e gli è stato intimato di esibire la selvaggina abbattuta. Il cacciatore, dopo aver negato ripetutamente di avere ucciso gli uccelli, ha dovuto cedere all'evidenza quando all'interno della sua auto sono stati trovati 29 fringuelli da poco abbattuti e 179 cartucce

http://www.lanazione.it/arezzo/cronaca/2012/11/28/809002-attirava_uccideva_fringuelli.shtml

 

DICEMBRE


UCCISO  Azioni o uso strumenti illegali

lunedì 3 dicembre 2012  Trissino    Vicenza (VI)  VENETO  [NORD-EST]

Spiedi proibiti al ristorante: maxi sequestro della polizia provinciale: l'operazione è nata grazie ad una segnalazione di due volontari della Lipu che hanno notato, in un locale a Selva di Trissino, un'anziana che spiumava esemplari protetti. 100 gli esemplari sequestrati

http://www.vicenzatoday.it/cronaca/uccelli-protetti-ristornate-trissino-polizia-provinciale.html

 


FERITO  Detonazione arma da caccia

martedì 4 dicembre 2012  Savona (SV)

I volontari della Protezione animali savonese hanno soccorso in questi giorni uno storno e un tordo, feriti in modo serio da pallini di fucile; malgrado le cure subito prestate, la gravità delle ferite nono consentirà loro più di volar; è adottabile anche una cornacchia, colpita ad Altare probabilmente durante una battuta di caccia ed anch’essa incapace al volo

http://genova.ogginotizie.it/194730-uccelli-impallinati-soccorsi-dalla-039-enpa/#.UMdV1qz5eWE

 


UCCISO  Detonazione arma da caccia

martedì 4 dicembre 2012   Prato (PO)

La polizia provinciale ha denunciato a Prato un a persona per aver abbattuto una tortora dal collare, specie vietata

http://www.toscanatv.com/leggi_news?idnews=NL145846

 


UCCISO  Detonazione arma da caccia

martedì 4 dicembre 2012 10  Vaiano  Prato (PO)

Nella zona di Vaiano un cacciatore e' stato denunciato perche' sorpreso ad abbattere codirossi e fringuelli,  specie vietate

http://www.toscanatv.com/leggi_news?idnews=NL145846

 


DETENZIONE ILLEGALE Azioni o uso strumenti illegali

mercoledì 5 dicembre 2012   Corna Imagna   Bergamo (BG)

A Corna Imagna in località Costa, all'interno di un frutteto di pertinenza di un'abitazione, dopo aver individuato una rete a tramaglio per uccellagione e una serie di gabbie con all'interno frosoni da richiamo, gli agenti del Corpo di Polizia provinciale sono intervenuti denunciando il responsabile all'Autorità Giudiziaria. http://www.ecodibergamo.it/stories/Cronaca/334346_operazione_antibracconaggio_tre_denunciati_reti_sequestrate/

 


DETENZIONE ILLEGALE  Azioni o uso strumenti illegali

mercoledì 5 dicembre 2012  Valfloriana    Trento (TN)

Un uomo residente a Valfloriana è stato colto sul fatto mentre predisponeva, nei pressi del centro abitato, alcune gabbie con uccelli protetti utilizzati come richiamo e una quindicina di panie invischiate per la cattura di volatili. In seguito al reato di uccellagione è scattata la perquisizione dell'area e dei locali del residente in Valfloriana, che ha portato al rinvenimento di oltre trenta uccelli protetti detenuti in voliere e strutture realizzate appositamente allo scopo, di una trentina di panie invischiate, di alcuni contenitori di vischio e di numerose gabbiette da uccellagione. Tutti gli uccelli rinvenuti, appartenenti a specie protette e detenuti illegalmente, quali cardellini, ciuffolotti, verzellini, organetti, lucherini, verdoni e fringuelli, sono stati rimessi in libertà, mentre il materiale per la cattura è stato sequestrato


http://www.ladigetto.it/permalink/22044.html

 


FERITO  Detonazione arma da caccia

mercoledì 5 dicembre 2012   Ischia   Napoli (NA)

Elevate sanzioni amministrative per circa 1.000 euro, a carico di cacciatori, per numerose irregolarità documentali. Il ritrovamento di una poiana ferita da una fucilata, consegnata da alcuni cittadini e trasferita dal CFS al Centro recupero fauna selvatica di Napoli dimostra il grave livello di violazione alla legge 157/92 perpetrato sull'isola a danno dell'avifauna

http://www.agenparl.it/articoli/news/regionali/20121206-caccia-blitz-antibracconaggio-a-ischia-di-forestale-e-lipu

 


DETENZIONE ILLEGALE  Azioni o uso strumenti illegali

mercoledì 5 dicembre 2012  Sanzeno  Trento (TN)

Sono state fermate due persone del posto mentre si trovavano all’interno di un capanno da caccia, uno dei due era sprovvisto di porto d’armi. Con il supporto degli uomini della Stazione forestale di Cles/Denno, del guardiacaccia e del custode forestale di zona si è quindi condotta una perquisizione nelle abitazioni dei due uomini che ha portato al sequestro di diverso materiale. Un richiamo acustico a funzionamento elettromagnetico, tre cesene - Turdus pilaris (che sono state prontamente liberate). Ma anche un fucile non denunciato, numerose munizioni alcune delle quali non consentite, otto trappole a scatto con rete per la cattura di avifauna viva, 35 trappole a scatto per la cattura di uccelli, 28 lacci scorsoi per la cattura di ungulati, 31 reti per l’uccellagione di varie misure. Tre trappole a scatto per la cattura di volpi e mustelidi, due confezioni di vischio per l’uccellagione, un porta panie con panie pronte per l’utilizzo, una gabbia a scatto per la cattura di uccelli e un'altra cesena viva, sprovvista di anello identificativo. Sono stati sequestrati anche tre chili di uccelli di specie varie congelati e sprovvisti di piumaggio, 30 chili di carne di selvaggina (cervo e capriolo), due palchi di capriolo e relative mandibole: i due cacciatori non sono stati in grado di fornire alcuna prova di provenienza lecita della carne e dei trofei

http://www.ansa.it/web/notizie/regioni/trentino/2012/12/05/Bracconaggio-tre-operazioni-Trentino_7905052.html

http://www.ladigetto.it/permalink/22044.html

 


UCCISO Azioni o uso strumenti illegali

mercoledì 5 dicembre 2012  Arbus   Medio Campidano (VS)

Cervo maschio adulto, probabilmente ucciso da bracconieri. Il maestoso esemplare presentava, fra l’altro, una vecchia amputazione della zampa anteriore destra, segno inequivocabile lasciato da un cavetto d’acciaio, usato abitualmente da bracconieri per catturare cinghiali e purtroppo anche cervi. Scampato al laccio, non è scampato però alla lucida follia di un bracconiere senza scrupoli che non ha potuto completare l’opera forse perché disturbato dagli assidui controlli che in questi giorni sta portando avanti in maniera encomiabile il Corpo Forestale di Vigilanza Ambientale nel territorio arburese e in particolare a Scivu

http://notizie.alguer.it/n?id=52987

 

 

UCCISO Azioni o uso strumenti illegali

mercoledì 5 dicembre 2012   Colzate  Bergamo (BG)

A Colzate in località Oretel gli agenti della Polizia provinciale hanno individuato nei pressi di una baita, 14 trappole a scatto (note col termine dialettale di «sepì») per la cattura di avifauna debitamente innescate con piccole larve. Il responsabile, sopraggiunto sul posto, ha ammesso le sue responsabilità e ha consegnato le trappole. All'interno della baita, oltre alle armi da caccia e alle munizioni legalmente detenute, gli agenti del Nucleo Ittico Venatorio hanno rinvenuto 13 esemplari morti di pettirosso, cartucce a munizione spezzata a «pallettoni» e un diario sul quale l'indagato annotava con cura gli abbattimenti e le quantità delle specie catturate. Tra queste 148 esemplari appartenenti a specie non cacciabili, di cui 132 pettirossi, 15 fringuelli e 1 tordela. Nella cella freezer della sua abitazione di Bergamo sono poi stati rinvenuti altri 54 esemplari di pettirosso. La radiografia svolta sugli esemplari ha accertato che solo due di loro erano stati abbattuti con pallini da caccia mentre tutti gli altri erano stati catturati e abbattuti con le trappole a scatto. All'uomo sono stati quindi contestati i reati di uccellagione e abbattimento, cattura e detenzione di specie protette

http://www.ecodibergamo.it/stories/Cronaca/334346_operazione_antibracconaggio_tre_denunciati_reti_sequestrate/

 


UCCISO  Azioni o uso strumenti illegali  DETENZIONE ILLEGALE  Azioni o uso strumenti illegali

domenica 9 dicembre 2012   Cagliari (CA)

Cagliari, volontari in campo coi Forestali: neutralizzate le trappole dei bracconieri

L'iniziativa ha portato, nonostante giorni di tempo incerto, alla neutralizzazione di quasi 2 mila trappole "armate" per avifauna (739 lacci in nylon e crine posizionati sugli alberi e 1.123 lacci a terra), 32 trappole per ungulati (cavi d'acciaio per la cattura di cervi e cinghiali). Neutralizzati anche più di 2.000 armature in metallo per il posizionamento di lacci. E' stato liberato dalle trappole un Tordo bottaccio (Turdus philomelos), mentre sono stati rinvenuti numerosi piccoli uccelli privi di vita: due Merli (Turdus merula), un Cincia mora (Parus ater) e due tordi bottaccio.

http://www.unionesarda.it/Articoli/Articolo/297672

 


UCCISO  Azioni o uso strumenti illegali

lunedì 10 dicembre 2012 Crespadoro   Vicenza (VI)

Le operazioni, che hanno impegnato in vari momenti pattuglie miste dei Comando di Polizia Provinciale di Vicenza, e Verona, quest'ultimi sotto la guida della dott.ssa Anna Maggio, hanno avuto esiti molto significativi ed hanno portato alla denuncia all'Autorità Giudiziaria di sette persone, un vicentino e sei veronesi. I reati contestati sono quelli di uccellagione, cattura e detenzione di fauna protetta e particolarmente protetta, uso di mezzi di caccia/cattura vietati, omessa custodia di armi. Di particolare rilievo è l'operazione compiuta mercoledì 5 dicembre scorso da una pattuglia mista che ha individuato nell'area di confine nei comuni di Crespadoro e Vestenanova un'attività illecita di uccellagione con reti. Gli accertamenti effettuati hanno portato alla denuncia di un veronese di trentotto anni ed al sequestro di reti e di 563 uccelli morti di piccola taglia, appartenenti a specie protette e particolarmente protette tra le quali fringuelli, lucherini, pettirossi, cince, ballerine.

http://www.vicenzatoday.it/cronaca/bracconaggio-arresti-vicenza.html

http://www.tgverona.it/index.cfm/hurl/contenuto=342792/cronaca/bracconaggio_7_denunce_polizia_provinciale.html

 


UCCISO  Azioni o uso strumenti illegali

mercoledì 12 dicembre 2012    Ligonchio   Reggio nell'Emilia (RE)

Bocconi avvelenati per uccidere i lupi: denunciati 5 cacciatori

Con questo sistema hanno anche ucciso volpi, faine, tassi, martore, aquile, poiane ed altri uccelli rapaci, ma anche cani e gatti che si allontanavano dalle abitazioni vicine. Secondo quanto emerso nelle indagini, i cinque, che praticavano anche l'attività venatoria illegalmente, avevano deciso di abbattere più esemplari di lupi possibili per non avere 'concorrenti' nella caccia a caprioli e cinghiali. Per fare questo spargevano nei boschi decine e decine di esche avvelenate. Le prove dell'attività di bracconaggio gli agenti della Forestale le hanno trovate nell'abitazione dei cinque: i bracconieri avevano infatti l'abitudine di farsi ritrarre in foto armati di fucile e con accanto i lupi appena abbattuti "Non stupisce poi - ha continuato Meo - che i 5 siano cacciatori con regolare porto d'armi e membri delle squadre di cinghialai della montagna. Ora vedremo se le associazioni venatorie, che tengono sempre a distinguere i loro associati dai bracconieri, sapranno prendere concretamente le distanze espellendoli"

http://www.parmatoday.it/cronaca/bracconieri-bocconi-avvelenati-val-parma.html

http://www.geapress.org/caccia/parma-i-cacciatori-avvelenatori-di-lupi-erano-cinghialai-in-competizione/36519

 


UCCISO  Detonazione arma da caccia

venerdì 14 dicembre 2012   Villacidro   Medio Campidano (VS)

Bracconiere di Villacidro denunciato dai ranger della Forestale: Un gruppo di cacciatori si è inoltrato nella foresta di Monti Mannu, in località Genne Sambucu, in una zona interdetta all’attività venatoria, per portare a casa illegalmente qualche ignara preda ambita dai bracconieri. Questa volta ad attendere i cacciatori di frodo c’erano gli uomini del nucleo investigativo del Corpo Forestale, in stretta collaborazione con la stazione di Villacidro. Alla vista dei Forestali la compagnia di caccia si è data subito alla fuga cercando di far perdere le proprie tracce. Non è sfuggito invece un cacciatore, P.M. di 35 anni, nato a San Gavino Monreale, ma residente a Villacidro, con un animale nello zaino, scuoiato, senza testa e zampe, che dai primi accertamenti veterinari sembrerebbe un Cervo Sardo (sono in corso ulteriori accertamenti) e un cinghiale e per questo gli è stato sequestrato il fucile e denunciato all’autorità giudiziaria Il gruppo di cacciatori, pare cinque e tutti di Villacidro, sfuggiti ai ranger in un primo momento hanno le ore contate e presto saranno deferiti all’autorità giudiziaria a cui seguirà, presumibilmente, il sequestro delle armi in loro possesso, oltre al ritiro del porto d’armi

http://www.villacidro.info/2012/12/bracconiere-di-villacidro-denunciato-dai-ranger-della-forestale/comment-page-1/#.UM8_eqz5eWE

 


UCCISO  Azioni o uso strumenti illegali  DETENZIONE ILLEGALE  Azioni o uso strumenti illegali

venerdì 14 dicembre 2012   Comacchio  Ferrara (FE)

Quattordici cardellini deceduti e uno solo sopravvissuto sono l’amaro frutto dell’attività di bracconaggio compiuta al Lido degli Estensi da tre veneti, tutti fermati e denunciati domenica scorsa dalla Polizia provinciale nel merito dell’operazione denominata ‘Birdlime’ (vischio in inglese)

http://www.estense.com/?p=264648

 


UCCISO  Detonazione arma da caccia

domenica 16 dicembre 2012 1 Civitella di Romagna  Forlì-Cesena (FC)

C'è la mano probabile di un cacciatore di frodo dietro il ritrovamento, a Giaggiolo, nel comune di Civitella di Romagna, di un lupo e di una volpe morti di recente. Il corpo forestale dello Stato, dietro una segnalazione, ha rinvenuto i corpi dei due animali morti

http://www.forlitoday.it/cronaca/ritrovati-lupo-e-volpe-morti-si-cerca-cacciatore-di-frodo.html

 


UCCISO  Detonazione arma da caccia FERITO  Detonazione arma da caccia

domenica 16 dicembre 2012 2 Loreto Aprutino  Pescara (PE)

Bracconieri sparano dall'auto a rapaci:  tre diversi atti di bracconaggio ai danni di alcuni rapaci feriti o uccisi da pseudo cacciatori si sono registrati nelle campagne del Pescarese. Un esemplare ferito è stato preso in consegna dal personale del Corpo forestale dello Stato e ricoverato presso il centro recupero fauna selvatica di Pescara per le cure del caso. L’episodio più grave si è riscontrato nelle campagne di Loreto Aprutino dove, poco prima di mezzogiorno, una poiana posata su un palo della luce è stata uccisa con dei colpi sparati dal finestrino di un’auto dalla strada comunale, a poche decine di metri da alcune abitazioni e da alcuni passanti, prontamente intervenuti per bloccare i colpevoli del reato e impedire che portassero via il corpo del rapace http://www.abruzzoweb.it/contenuti/caccia-bracconieri-scatenati--sparano-a-rapaci-da-auto-/503058-4/

 

DETENZIONE ILLEGALE  Azioni o uso strumenti illegali

martedì 18 dicembre 2012 Monte San Pietro  Bologna (BO)

Istrice catturato e lasciato al gelo: denunciato un bracconiere. L'uomo da anni si dava alla cattura e al commercio di specie selvatiche. In casa trappole, munizioni, e carni congelate

http://bologna.repubblica.it/cronaca/2012/12/18/news/bracconaggio-49013271/

http://www.ilrestodelcarlino.it/bologna/provincia/2012/12/18/818849-cinghiali-istrici-bracconiere-denunciato-monte-san-pietro.shtml

 


DETENZIONE ILLEGALE  Azioni o uso strumenti illegali

martedì 18 dicembre 2012  Cosenza (CS)

Si travestono e smascherano un bracconiere: catturava uccellini vicino all'Unical. Gli agenti della polizia provinciale di Cosenza hanno denunciato un uomo che esercitava attività di uccellagione e deteneva specie particolarmente protette. Gli Agenti sono riusciti a sorprendere in flagranza di reato, nei pressi dell’Università, in località Arcavacata/Molicelle di Rende, una persona del posto, identificata in B.F. Di 73 anni, mentre esercitava attività di uccellagione, con l’ausilio di una rete azionata manualmente per il tramite di una lunga fune, e di una gabbia trappola, avvalendosi inoltre di un cardellino ed un verdone per richiamare ed attirare gli uccelli nei congegni che aveva allestito

http://www.ilquotidianodellabasilicata.com/news/cosenza/709713/Si-travestono-e-smascherano-un-bracconiere.html

 


UCCISO  Azioni o uso strumenti illegali

martedì 18 dicembre 2012    Civitella Alfedena    L'Aquila (AQ)

A qualche giorno di distanza dal ritrovamento del cervo ucciso e decapitato in Comune di Opi, nuova macabra scoperta delle Guardie del Parco. In località “Rocca tre Monti” di Civitella Alfedena, all’interno della Camosciara e quindi in Zona di Riserva Integrale, le Guardie hanno rinvenuto la carcassa di un esemplare di lupo ucciso, al quale è stata recisa di netto la testa: un orrore. Un atto programmato con tempo, conoscendo i luoghi che il lupo ucciso frequentava, che mostra evidente la persistenza di ambienti ostili al Parco che mal sopportano la recuperata efficienza dell’Ente in particolare per ciò che concerne il miglioramento dei controlli sul territorio.

http://www.6aprile.it/featured/2012/12/18/parco-dabruzzo-bracconaggio-dopo-un-cervo-ucciso-e-decapitato-un-lupo.html

 


FERITO  Detonazione arma da caccia


martedì 18 dicembre 2012  Copparo    Ferrara (FE)

Una frattura a un’ala e tanti pallini di piombo nel corpo: è arrivato in queste condizioni, al “Giardino delle capinere” gestito dalla Lipu, uno splendido esemplare femmina di falco pellegrino, specie catalogata come “particolarmente protetta”. Inequivocabili le radiografie: lo scempio è il frutto dell’azione di un cacciatore senza scrupoli. Il volatile è stato prima trattato con antibiotici e successivamente operato dal dottor Andrea Caldarelli, un intervento chirurgico durato diverse ore. Le notizie non sono buone, decisamente poco natalizie: l’infezione è inarrestabile e la sorte dell’animale purtroppo è segnata, nell’arco di un  anno o due morirà per via dell’avvelenamento da piombo

http://www.estense.com/?p=266429

http://lanuovaferrara.gelocal.it/cronaca/2012/12/23/news/impallinato-un-falco-pellegrino-1.6243377

 


UCCISO Detonazione arma da caccia

venerdì 21 dicembre 2012     Cagliari   Cagliari (CA)

Gli agenti del Corpo Forestale hanno accertato alcune violazioni in materia di caccia. Cinque cacciatori sono stati multati per non aver compilato correttamente il libretto regionale delle prede catturate, altri due sono stati denunciati penalmente per aver abbattuto un piccione torraiolo e un passero solitario, selvaggina qui non cacciabile. I controlli proseguiranno nelle prossime settimane

http://www.unionesarda.it/Articoli/Articolo/298974

 


FERITO  Detonazione arma da caccia

domenica 23 dicembre 2012  Foligno    Perugia (PG)

Giovane femmina di falco pellegrino ferita dal proiettile di un cacciatore: non potrà più volare. Una fucilata di un cacciatore le ha stroncato di netto un’ala

http://www.umbria24.it/spoleto-falco-pellegrino-ferito-dal-proiettile-di-un-cacciatore-non-potra-piu-volare/137948.html

 


DETENZIONE ILLEGALE  Azioni o uso strumenti illegali

mercoledì 26 dicembre 2012    Mascali    Catania (CT)

Violazione delle norme per la protezione della fauna selvatica. Con quest'accusa i carabinieri hanno denunciato in stato di libertà un 35enne. Dopo un'attenta attività info-investigativa i militari hanno perquisito l'abitazione dell'uomo che era stato trasformato in un deposito con 30 uccelli di specie protette, tra cui cardellini, verdoni e pesseri. I volatili sono stati sequestrati e successivamente liberati

http://catania.livesicilia.it/2012/12/26/uccelli-in-casa-denunciato-dai-carabinieri_214938/

 

FERITO  Detonazione arma da caccia

giovedì 27 dicembre 2012    Sarno   Salerno (SA)

In poche settimane ben due poiane impallinate. L’altro ieri a Sarno (SA) l’ennesimo rapace colpito da arma da fuoco è stato trovato da un uomo nel proprio terreno. Immediato l’intervento delle Guardie WWF di Salerno, che hanno provveduto al recupero. Si tratta di una femmina adulta  fatta subito pervenire al Centro di Recupero Il Frullone di Napoli. Il rapace è apparso fortemente debilitato. E’ invece in riabilitazione, un’altra Poiana impallinata due domeniche addietro nei pressi di Agropoli (SA). Anche in questo caso a recuperare l’animale sono state le Guardie WWF di Salerno. La consegna, immediata, è stata fatta sempre al CRAS “Il Frullone”. Il rapace, dopo aver subito un’operazione per l’estrazione dei pallini di piombo, si sta ora riprendendo e si spera, a completamento della riabilitazione, di poterlo restituire alla vita libera

http://www.geapress.org/caccia/salerno-fucili-da-caccia-contro-le-poiane/37632

 


UCCISO  Azioni o uso strumenti illegali

giovedì 27 dicembre 2012     Sorano    Grosseto (GR)

Un cacciatore con regolare porto d’armi e la passione del bracconaggio. Istrici, caprioli e cinghiali. Come armi, invece, la balestra e la mannaia. A denunciarlo, a seguito di appostamenti, i Forestali del Comando Stazione di Santa Fiora, in provincia di Grosseto. Nel corso di un controllo del territorio, l’Assistente Giuseppe Santi e l’Agente Nadia Cucinotta, si accorgevano della presenza di alcuni lacci-cappio nei pressi di alcuni passaggi situati tra le siepi di due terreni confinanti. Il tutto a  San Quirico di Sorano. Le trappole erano predisposte per fauna di piccola e media taglia. Istrici e tassi oppure caprioli e cinghiali ma di dimensioni ancora non adulte. Per individuare il bracconiere, la Forestale è ricorsa all’ausilio delle telecamere. Grande sorpresa quando in prossimità dei passaggi trappolati si è vista la figura di un uomo con una sorta di mannaia. Si trattava in realtà di una grossa falce con il manico allungato. Il suo compito era finire la fauna trappolata

http://www.gonews.it/articolo_171943_Denunciato-un-bracconiere.html

http://www.geapress.org/caccia/grosseto-il-cacciatore-con-la-mannaia-e-gli-istrici/37649

 

FERITO  Detonazione arma da caccia

giovedì 27 dicembre 2012     Agropoli    Salerno (SA)

Poiana impallinata due domeniche addietro nei pressi di Agropoli (SA): il rapace, dopo aver subito un’operazione per l’estrazione dei pallini di piombo, si sta ora riprendendo e si spera, a completamento della riabilitazione, di poterlo restituire alla vita libera.

http://www.geapress.org/caccia/salerno-fucili-da-caccia-contro-le-poiane/37632

 


Animale Selvatico Protetto -  UCCISO  Detonazione arma da caccia

domenica 30 dicembre 2012 3 Dueville    Vicenza (VI)

Il caso è accaduto a fine di dicembre, le guardie venatorie della LIPU, si trovavano nella zona di Dueville, per effettuare un normale controllo all’attività venatoria. Uditi dei colpi di fucile, sparati nei pressi di alcune abitazioni, si portavano sul posto, si appostavano e notavano con il binocolo un cacciatore che sparando ad altezza d’uomo, abbatteva un pettirosso e lo mettendolo in tasca. Gli agenti decidevano di intervenire, il bracconiere, scoperto, tentava di allontanarsi e di disfarsi del sacchetto contenente gli uccelli protetti abbattuti, lanciandolo nella riva di un fossato. Fermato il cacciatore, rintracciato e raccolto il sacchetto contenente due pettirossi ed un fringuello, le guardie gli contestavano il fatto di rilevanza penale. Un certo stupore ha colto gli agenti scoprendo che il bracconiere Z.F. di Dueville è un noto politico, consigliere della provincia ora commissariata, candidato a sindaco nelle ultime elezioni comunali, molto conosciuto anche per le sue molteplici attività e per i suoi incarichi pubblici

http://www.teatronaturale.it/tracce/italia/15705-un-politico-col-vizietto-della-caccia-illegale-a-pettirossi-e-fringuelli.htm

 


UCCISO  Detonazione arma da caccia

DETENZIONE ILLEGALE  Azioni o uso strumenti illegali

lunedì 31 dicembre 2012   San Valentino Torio    Salerno (SA)

Andavano a caccia sparando ad ogni sorta di volatile noncuranti di essere a pochi passi dalle abitazioni; ma non solo, uno di loro nascondeva in casa uccelli protetti e richiami vietati. Nei guai sono finite così, oltre ai due cacciatori, anche la moglie e il figlio di uno dei due cacciatori

http://lacittadisalerno.gelocal.it/cronaca/2012/12/31/news/a-caccia-vicino-alle-case-denunciate-due-persone-1.6278679

 

GENNAIO


UCCISO  Detonazione arma da caccia

venerdì 4 gennaio 2013      Dinami    Vibo Valentia (VV)

Proprio mentre tutti si accingevano a sedersi a tavola per il tradizionale cenone di fine anno, una famiglia del paese al confine con la provincia di Reggio, segnalava la presenza di un povero Tasso ferito gravemente da un colpo di fucile da caccia. Purtroppo, nonostante l’interessamento dei Carabinieri della locale stazione e di alcuni volontari della Protezione Civile, per il Tasso – continua l’associazione – non c'è stato niente da fare. Quella della caccia illegale è un’autentica piaga sociale- denuncia il Wwf Calabria – che continua purtroppo ad essere ignorata , con conseguenze gravissime per la fauna selvatica e tale da favorire il prevalere di una mentalità di autentica rapina nei confronti del patrimonio naturalistico della regione»

http://www.ilquotidianodellacalabria.com/news/idee-societa/710008/Chiusura-del-2012-nefasta-per-il.html

 


UCCISO  Azioni o uso strumenti illegali

domenica 6 gennaio 2013     Capoterra    Cagliari (CA)

Aveva armato un intero sentiero nelle alture di Capoterra (CA). Trecento lacci-cappio in nylon nella parte aerea della vegetazione ed altre 300 trappole ancora non armate e rinvenute in terra dai volontari del CABS (Committe Against Bird Slaughter). Oltre al pettirosso morto, rinvenuto dai volontari ancora appeso alla trappola, è stato trovato abbandonato nei pressi anche un cestino con le attrezzature per la cattura degli uccelli ed un sacchetto con le bacche di ginepro. Queste ultime, sistemate nella trappola, costituiscono l’esca che provocherà l’impiccagione del povero uccellino. La morte, però, non sopraggiunge subito ma dopo ore di sofferenza. In alcuni casi, l’uccellatore trova gli uccellini ancora in vita. Tale evenienza è sicuramente capitata ad un secondo pettirosso, trovato dai volontari in un sacchetto anch’esso abbandonato nei luoghi. Il povero animale è morto per schiacciamento della testa (vedi foto). Un morso, oppure la pressione sulla testa esercitata con le dita della mano

http://www.geapress.org/caccia/cagliari-uccellatore-in-fuga-aveva-schiacciato-la-testa-al-pettirosso/38176

 


DETENZIONE ILLEGALE  Azioni o uso strumenti illegali

domenica 6 gennaio 2013     Sinnai    Cagliari (CA)

In località  zona Villaggio delle Mimose, è stato invece sorpreso in attività illegale di caccia con mezzi non consentiti G.P. 60 anni  di  Maracalagonis  che  aveva appena catturato alcuni tordi

http://www.sardegnareporter.it/giornale/prov-cagliari/4539-cagliari-operazione-della-guardia-forestale-sardegna-antibracconaggio-due-denunce

 


FERITO  Detonazione arma da caccia

mercoledì 9 gennaio 2013     Ficarazzi    Palermo (PA)

Rapace impallinato: salvato dai Carabinieri

Un colpo di arma da fuoco, sparato non molto lontano dal centro abitato che si trova appena poco più a sud di Palermo. Una volta colpito, l’animale deve aver continuato a volare quanto è bastato per cadere proprio nei pressi della cittadina

http://www.geapress.org/brevi/ficarazzi-pa-rapace-impallinato-salvato-dai-carabinieri/38483

 


UCCISO  Detonazione arma da caccia

giovedì 10 gennaio 2013    Settefrati    Frosinone (FR)

Lupo trovato morto a Settefrati. E’ successo l'altra mattina in località Santo Ianni, quando alcuni residenti hanno notato l'animale protetto morto e hanno avvertito il primo cittadino, Riccardo Frattaroli, il quale ha subito allertato il Corpo forestale dello Stato.Sul posto, pochi minuti dopo, sono giunti gli uomini della stazione di Atina, che hanno eseguito gli accertamenti sulla carcassa dell'animale. Si tratta di una femmina, adulta colpita mortalmente da un colpo di fucile. Il lupo, dunque, sarebbe morto a seguito di una battuta di caccia

http://www.ilmessaggero.it/frosinone/ciociaria_lupo_ucciso/notizie/243348.shtml

 


UCCISO  Azioni o uso strumenti illegali

giovedì 10 gennaio 2013  Capoterra   Cagliari (CA)  SARDEGNA  [ISOLE]

Quattro cacciatori di frodo sono stati colti in flagranza di reato dai ranger (stazione di Capoterra) mentre posizionavano lacci e reti per la cattura di uccelli o cavetti d’acciaio per la cattura di cinghiali e cervi. Per loro è scattata una denuncia in stato di libertà sotto l’accusa di uccellagione e detenzione e uso di strumenti illeciti in attività venatoria, peraltro anch’essa praticata illegalmente. Una quinta persona è stata invece denunciata per minacce e danni ad appartenenti ad associazioni ambientaliste. Nella loro operazione anti bracconaggio, i Forestali hanno anche sequestrato ai quattro denunciati per caccia di frodo 69 uccelli (tordi, merli, pettirossi, colombacci), 150 lacci in acciaio e 1.500 in nylon. Inoltre, durante il pattugliamento nelle aree boscate di Gutturu Mannu, un’ampia zona è stata bonificata dai sistemi di cattura con la rimozione di circa 4.500 trappole

http://lanuovasardegna.gelocal.it/cagliari/cronaca/2013/01/10/news/nuovo-blitz-della-forestale-contro-i-bracconieri-1.6328915

 


UCCISO  Detonazione arma da caccia

giovedì 10 gennaio 2013     Spriana   Sondrio (SO)

Caccia in periodo di divieto, detenzione e abbattimento di fauna selvatica non cacciabile (stambecco e marmotta) e di fauna selvatica cacciabile (capriolo con palchi in velluto) ma abbattuta in periodo non consentito. Queste le accuse nei confronti di tre bracconieri residenti in località Curlo a Chiesa in Valmalenco. Durante la perquisizione dell’abitazione di uno dei tre fermati,  sono stati rinvenuti trofei di stambecco, specie non cacciabile, e di capriolo con velluto. In quest’ultimo caso la presenza del velluto sui palchi indica che l’abbattimento dell’ungulato è stato effettuato in periodo non consentito, presumibilmente in primavera. La perquisizione ha consentito di rinvenire, inoltre, dei sacchetti contenenti carne surgelata di

stambecco e di marmotta, anche quest’ultima specie non cacciabile. Posti sotto sequestro i trofei, la carne e l’arma, gli agenti hanno inviato comunicazione di reato alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Sondrio. Uno dei tre identificati è risultato essere un cacciatore ammesso, per la stagione venatoria 2012, alla caccia agli ungulati nel settore Alta Valmalenco. Per lui, dunque, oltre alle sanzioni amministrative e penali previste dalla normativa vigente in materia venatoria, sarà prevista anche l’esclusione per dieci anni dalle cacce di specializzazione (ungulati, tipica alpina e lepre) e in zona di maggior tutela, così come stabilito dal regolamento provinciale che disciplina la caccia di selezione agli ungulati

http://www.ilgiorno.it/sondrio/cronaca/2013/01/15/830148-spirana-scoperti-tre-bracconieri.shtml

 


UCCISO  Detonazione arma da caccia

venerdì 11 gennaio 2013     Cagnano Varano    Foggia (FG)

Caccia nel Parco del Gargano: denunciato bracconiere

L'uomo è stato denunciato per esercizio venatorio illecito, cattura, uccisione e disturbo della fauna selvatica: Il bracconiere era munito di regolare porto d'armi, fucile semiautomatico calibro 12 ad anima liscia caricato con munizionamento a piombo spezzato, equipaggiamento utilizzato probabilmente per la caccia ai fringillidi, specie particolarmente protetta

http://www.foggiatoday.it/cronaca/bracconaggio-parco-nazionale-del-gargano-denunciato-cacciatore.html

 


UCCISO  Azioni o uso strumenti illegali

DETENZIONE ILLEGALE  Azioni o uso strumenti illegali

sabato 12 gennaio 2013      Mason Vicentino   Vicenza (VI)

Da tempo, da quella casa nei pressi di Mason (VI), giungevano segnalazioni strane. I segnalanti, che avevano fatto pervenire il tutto alla sede ENPA di Vicenza, riferivano di cani detenuti in modo non conforme, colpi d’arma da fuoco esplosi in qualsiasi orario ed uccelli da richiamo posizionati intorno a casa. In ultimo, stante  a quanto riferito dai segnalanti, strani giri di autovettureLe Guardie zoofile erano in realtà impegnate per un normale controllo sugli animali d’affezione ma, proprio in quella abitazione, venivano notati  i richiami  appesi agli alberi. Attorno alla casa, il cacciatore con il fucile in mano

Si trattava di un cacciatore in regola con i permessi che non si è apparentemente opposto alla verifica chiesta dalle Guardie. Poi, però, si è allontanato in precipitosa fuga portando con sé una gabbia trappola, tre gabbiette contenenti quattro pettirossi, di cui uno rinvenuto morente a seguito della rovinosa caduta nella quale incorreva l’uomo. Oltre alla gabbia trappola, infatti, sono stati sequestrati una decina di archetti, ovvero trappole micidiali per i piccoli passeriformi ai quali, nel momento dello scatto, vengono spezzate le zampette, le ali o il collo. Poi  fucili incustoditi, un richiamo elettroacustico, oltre ad uccelli da richiamo non inanellati

http://www.geapress.org/brevi/mason-vi-il-cacciatore-con-gli-archetti-vietati-in-fuga/39033

 


UCCISO  Detonazione arma da caccia

domenica 13 gennaio 2013     Bagnone    Massa-Carrara (MS)

Quindici caprioli, un ungulato della famiglia dei cervidi immesso in Lunigiana ormai da diversi anni, dove s'è perfettamente acclimatato e che rientra nella lista di quegli animali selvatici ai quali non si può assolutamente sparare, sono stati uccisi da bracconieri nel territorio del comune di Bagnone. Ciò che in questa vicenda desta scalpore,non è solo rappresentato dalla cruda ed illegale mattanza di questi eleganti e veloci animali, ma piuttosto dal fatto che la notizia di queste battute di caccia di frodo, sarebbe stata spavaldamente data dagli stessi bracconieri che ne avrebbero pubblicato lo sviluppo e l'esito niente di meno che su Facebook

http://www.ilsecoloxix.it/p/la_spezia/2013/01/13/APQU7TSE-uccidono_caprioli_frodo.shtml

 


DETENZIONE ILLEGALE Azioni o uso strumenti illegali

venerdì 18 gennaio 2013  Cavallino-Treporti   Venezia (VE)

La polizia provinciale ha compiuto un'operazione che ha permesso inoltre la liberazione di animali detenuti illegalmente. L'uomo è stato denunciato.

Gli agenti scelti Alessandro Marin, e Jessica Ferrazzo hanno individuato durante le operazioni di contrasto al bracconaggio, in un frutteto a ridosso di alcune serre in via Francesco Baracca, delle reti per uccellagione installate, e poco lontano un individuo che lavorava il terreno. Sono subito intervenuti ispezionando con più accuratezza il terreno, e rinvenendo due reti lunghe 10 metri e alte 2, una rete lunga 8 metri e alta 2 metri e 2 gabbie trappola costituite ciascuna da un corpo centrale, atto ad ospitare un richiamo vivo, e a lato 2 trappole ad innesco per cattura di piccoli passeriformi. Nell'abitazione vicina è stata trovata una voliera contenente 18 passeriformi catturati, che sono stati sequestrati e messi a disposizione dell'autorità giudiziaria... http://www.veneziatoday.it/cronaca/cavallino-treporti-operazione-anti-bracconaggio-sequestrata-voliera.html

 


DETENZIONE ILLEGALE  Azioni o uso strumenti illegali

mercoledì 23 gennaio 2013        Piano di Sorrento   Napoli (NA)

Non li ferma nemmeno la pioggia, la grandine, il freddo intenso dell’ultimo periodo, sono sempre all’opera rischiando a volte la vita per catturare piccole prede indifese da rivendere ai mercatini dell’hinterland napoletano o da spedire a ristoranti del nord Italia individuato un bracconiere del posto, L. P. , successivamente denunciato in stato di libertà per detenzione di fauna particolarmente protetta e maltrattamento di animali. Non pochi erano infatti gli uccelli catturati e detenuti in anguste gabbiette arrugginite in condizioni incompatibili con la loro natura ed in situazioni igienico sanitarie precarie                                                                                                                                                                      http://www.positanonews.it/articoli/90129/piano_di_sorrento_lotta_al_bracconaggio_denunciato_l_p_del_posto_cresce_il_mercato_per_il_nord_italia.html

 


UCCISO  Azioni o uso strumenti illegali

DETENZIONE ILLEGALE  Azioni o uso strumenti illegali

giovedì 24 gennaio 2013  Trasaghis   Udine (UD)

Effettuata una perquisizione dell’abitazione dell’indagato e della sua autovettura: rinvenuti e posti sotto sequestro cinque reti per uccellagione, due trappole a scatto, 27 panie invischiate, 29 esemplari, già spiumati, di avifauna selvatica morta conservati in un congelatore.Sono stati rinvenuti anche uccelli vivi privi di anello identificativo e di documentazione attestante la legittima detenzione (tra i quali 2 fringuelli, 2 cardellini, 7 lucherini, 1 verdone, 1 zigolo giallo, 5 merli e 1 pettirosso) http://www.ilfriuli.it/index.php/cronaca/36499-duro-colpo-al-bracconaggio.html

 


DETENZIONE ILLEGALE  Azioni o uso strumenti illegali

giovedì 24 gennaio 2013  Trasaghis   Udine (UD)

Bracconiere  sorpreso in flagranza di reato per l’attività di uccellagione mediante rete. Durante l’intervento sono stati rinvenuti e posti sotto sequestro una rete per uccellagione, 3 trappole a scatto, 100 panie invischiate e vari uccelli vivi detenuti illegalmente, tra i quali 5 merli, 1 tordo bottaccio, 2 cardellini, 2 fringuelli e 1 beccafico, che venivano immediatamente liberati. Anche in questo caso veniva inoltrata una informativa alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Tolmezzo per esercizio dell’uccellagione e detenzione di avifauna particolarmente protetta

http://www.ilfriuli.it/index.php/cronaca/36499-duro-colpo-al-bracconaggio.html

 


UCCISO  Azioni o uso strumenti illegali

sabato 26 gennaio 2013      Scillato   Palermo (PA)  SICILIA  [ISOLE]

Si allontana dal luogo di lavoro per andare a caccia e viene denunciato, insieme ad altre quattro persone per attività venatoria in area vietata e abbattimento di specie animale protetta. Per lui, un operaio che si occupa della manutenzione stradale, anche la denuncia con l'accusa di truffa.

A fare scattare i provvedimenti, i carabinieri della stazione di Scillato, in provincia di Palermo, che hanno notato i cinque cacciatori nel corso dell'attività di controllo nella zona di contrada Firrionella, nel cuore del Parco delle Madonie. I militari hanno infatti prima notato un istrice a terra, ormai senza vita, e poi rintracciato i responsabili, che avevano con sé anche alcuni cani da caccia e alcuni bastoni

http://livesicilia.it/2013/01/26/a-caccia-invece-che-al-lavoro-denunciato-con-altre-4-persone_251371/

 

UCCISO  Detonazione arma da caccia

sabato 26 gennaio 2013     Piacenza

Aumentano i fenomeni di bracconaggio nella provincia di Piacenza. Le vittime sono soprattutto caprioli, daini, cervi e cinghiali, cacciati nei periodi in cui l’attività venatoria è proibita, oppure senza le opportune licenze di caccia o ancora con mezzi non consentiti,come l’utilizzo di fari per l’illuminazione notturna, di lacci o munizioni spezzate che provocano una morte più lenta e dolorosa agli animali. Le sanzioni in questi casi sono severe, si rischia anche l’arresto.  Il 2013 si è purtroppo aperto con l’uccisione di un bellissimo esemplare di gru. L’uccello, appartenente a una specie migratrice molto rara sul nostro territorio, è stato portato dalla polizia provinciale di Piacenza al Centro recupero animali selvatici «Le Civette» del Parco dello Stirone, ma nonostante le cure prestate immediatamente dal personale, è deceduto

http://www.liberta.it/2013/01/26/bracconaggio-in-aumento-a-piacenza-una-gru-lultima-vittima-si-rischia-larresto/

 


UCCISO  Azioni o uso strumenti illegali

DETENZIONE ILLEGALE  Azioni o uso strumenti illegali

domenica 27 gennaio 2013  - Castel Volturno

Blitz animalista nelle campagne di Castelvolturno (CE) da parte degli uomini del Nucleo Sabotaggio Trappole e Richiami di Aversa (CE) coordinate e dirette dal Comandante Saverio Mazzarella. L' operazione di ripristino dello stato dei luoghi ha interessato una zona vastissima che va da Giugliano (NA) a Mondragone (CE), passando per le cosiddette "vasche" di Castelvolturno (CE), a Villa Literno (CE) e Cancello ed Arnone (CE). I volontari hanno raccolto e disattivato circa 90 trappole, diversi archibugi atti alla cattura di specie protette, soprattutto uccelli canori, come cardellini, verzellini, pettirossi, peppole, faneli ed usignoli. Sono stati dati alla loro intoccabile libertà circa 190 animali, quasi tutti pennuti.

Trovati imprigionati inoltre vari esemplari di volpe, faina, donnola, fortunatamente dati alla libertà e rinvenuti ancora in discrete condizioni di salute. Distrutte anche trappole dentate a scatto pericolosissime per l' incolumità degli esseri umani, essendo queste in grado di tranciare un arto provocando la morte del malcapitato per dissanguamento e dopo lunga agonia ed atroci sofferenze. Distrutti diversi appostamenti temporanei e reti per uccellagione, opportunamente posizionate ai margini delle molteplici aree di interesse naturalistico e particolarmente protette.Sono stati tristemente rinvenuti molti cani da caccia uccisi dai loro stessi proprietari, forse perché il proprio cane non effettuava il cosiddetto "riporto"; in pratica il cane ritrova il volatile sparato dal bracconiere e, per un qualsiasi motivo, non riporta la selvaggina abbattuta ai piedi del bracconiere stesso, disobbedendo ad un ordine preciso impartito e provocando l'ira del delinquente, che non esita ad abbatterlo crudelmente con una o più fucilate. Decine anche i trampolieri e rapaci di varie specie trovati agonizzanti o morti per ferite da pallini da caccia. Recuperati due falchi Gheppi maschi in pessime condizioni di salute

http://www.casertanews.it/public/articoli/2013/01/27/080322_cronaca-castel-volturno-blitz-animalista-disinnescate-gabbie-trappole-uccelli.htm

 

-O-

*la pubblicazione dei dati raccolti dall'Associazione Vittime della caccia, implica obbigatoriamente la citazione della fonte stessa. Grazie

Comments

Per poter lasciare o leggere i commenti bisogna essere iscritti.
 

Commenti Facebook

Da questo semplice form potrete collegarvi direttamente al vostro account su facebook.

Banner