Associazione Vittime della caccia

organizzazione di volontariato senza fine di lucro ai sensi della Legge 266-91

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

Uccisi a fucilate, sequestrate le armi al padre di Sara

E-mail Stampa PDF

PRATO, 28 luglio 2011 - SARA E IMAD sono stati uccisi da una terza persona. Sono stati ammazzati a fucilate. Lei è morta poco prima di lui, intorno all’una di notte. E’ la sconcertante verità — e unica certezza — rivelata dall’autopsia sui corpi di Sara Baldi, 23 anni di Prato, e del suo fidanzato, Imad Merouane, 27 anni, marocchino, trucidati nella notte tra lunedì e martedì nell’appartamento dove convivevano da circa un anno e mezzo, in via (...).
Il giallo sull’omicidio dei due giovani fidanzati s’infittisce. Sara e Imad non sono morti per le coltellate ricevute, ma per gli spari di un fucile da caccia a pallini. Il medico legale, Alberto Albertacci, ha confermato che il colpo che ha sfondato il cranio di Imad è da arma da fuoco. Stessa cosa per la ferita al torace, sulla parte sinistra, di lei. Nel corpo della ragazza è stato ritrovato un pallino del fucile usato dall’assassino. Oltre ai colpi decisivi, restano le numerose ferite di arma da taglio, soprattutto sul volto di lui, «fatto a fette», come ha detto il procuratore capo...

di Laura Natoli, Leggi tutto alla fonte: www.lanazione.it

Sull'argomento vedi anche questa fonte: www.mainfatti.it

AGGIORNAMENTO:

- www.tgcom.mediaset.it : "Fidanzati uccisi, sangue sul fucile del padre di Sara"

- www.lanazione.it/prato: "Mio figlio Roberto dice la verità.Sarebbe stata lei a suggerirgli di togliere i fucili da casa di Sara. Lo zio di Imad: Perché parla solo ora?"

 

Comments

Per poter lasciare o leggere i commenti bisogna essere iscritti.
 

Commenti Facebook

Da questo semplice form potrete collegarvi direttamente al vostro account su facebook.

Banner