Associazione Vittime della caccia

organizzazione di volontariato senza fine di lucro ai sensi della Legge 266-91

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

Cacciatore spara contro automobile. Zanoni scrive al Prefetto

E-mail Stampa PDF

Cacciatore spara contro automobile. Zanoni scrive al Prefetto

Andrea Zanoni scrive al Prefetto di Treviso per chiedere nuove regole sulla caccia in Veneto. “Evitata la tragedia. Adesso bisogna estendere il limite di dove è permesso cacciare e rifare gli esami ai cacciatori con licenza più vecchia di dieci anni”.
“Sfiorata la tragedia. Revocare una licenza di caccia non basta. Bisogna rivedere l’insieme delle norme che regolano l’attività venatoria in tutta Italia e rifare tutti gli esami ai cacciatori che hanno ottenuto la licenza oltre dieci anni fa”.

Duro il commento di Andrea Zanoni, Eurdeputato IdV e Presidente LAC Veneto, al dramma sfiorato a Vascon di Carbonera (TV) dove ieri un cacciatore 52enne ha sparato per errore contro un’automobile sul quale viaggiavano tre persone.

“Si tratta dell’ennesimo caso di incidente dovuto all’incuria dei cacciatori e alla pericolosità stessa di un’attività, la caccia, che sicura non lo sarà mai”, attacca Zanoni che annuncia di voler scrivere al Prefetto di Treviso per chiedere di “intervenire urgentemente prima che ci scappi il morto”. “I cacciatori non solo causano la morte di milioni di uccelli protetti e rischiano di far pagare all’Italia una multa salatissima per la violazione della Direttiva Ue Uccelli, ma mettono in continuo repentaglio la vita dei cittadini che con la caccia non centrano nulla”, continua Zanoni. “Fortunatamente ieri i pallettoni sparati dal cacciatore trevigiano sono finiti contro il serbatoio dell’automobile, ma poteva andare molto peggio”.

“Oggi la caccia è regolata con delle norme vecchie e non più adeguate all’alta densità abitativa delle nostre campagne. Bisogna estendere ad almeno 1 km il limite minimo di dove è permesso sparare e soprattutto rifare tutti gli esami a quei cacciatori che hanno ottenuto la propria licenza più di dieci anni fa” conclude Zanoni.

In Italia si contano in centinaia i casi di incidenti dovuti all’incuria dei cacciatori in tutto il Veneto, non solo tra i cacciatori stessi ma anche tra i comuni cittadini che con la caccia non hanno nulla a che fare. Nella sola stagione di caccia 2008/2009 in Italia si sono verificati ben 96 incidenti con 65 feriti e ben 31 morti. Fonte: www.andreazanoni.it

Comments

Per poter lasciare o leggere i commenti bisogna essere iscritti.
 

Commenti Facebook

Da questo semplice form potrete collegarvi direttamente al vostro account su facebook.

Banner