Associazione Vittime della caccia

organizzazione di volontariato senza fine di lucro ai sensi della Legge 266-91

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

CACCIA,CACCIATORI E CRIMINI CON ARMI DA CACCIA

E-mail Stampa PDF

Armi da caccia e sicurezza pubblica - 1/15 luglio 2012

CACCIA,CACCIATORI E CRIMINI CON ARMI DA CACCIA

 

*01.07.2012 - Mostra fucile durante la lite col vicino e lo minaccia di morte. Lite tra vicini a Santarcangelo di Romagna, in via Savina. I Carabinieri, appena giunti, hanno assistito alla fine di una animata discussione tra vicini scaturita per futili motivi. Lite tra vicini sabato mattina a Santarcangelo di Romagna, in via Savina. Quindi sono riusciti a riportare la calma tra le parti, constatando che un 74enne aveva minacciato di morte il rivale facendo, mostrando il suo un fucile da caccia. Gli uomini dell'Arma hanno proceduto al sequestro del fucile da caccia, legalmente detenuto. L'uomo è stato denunciato a piede libero per minaccia e ingiuria..... FONTE: www.riminitoday.it


* 01.07.2012 - Como, bambina ferita dopo la partita: impiegato confessa: "Ho sparato io". E' in carcere il 50enne che ha ammesso di aver esploso il colpo di fucile (una carabina calibro 22) che giovedì sera ha colpito la bambina di dieci anni dopo Italia-Germania. Nell'euforia della vittoria ha aperto il fuoco cinque volte, mirando a 150 metri dalla finestra. In casa un poligono di tiro e un arsenale. Chi ha sparato è un esperto di armi, L.Z., un impiegato cinquantenne di un'agenzia di assicurazioni, celibe e incensurato, che in casa custodisce regolarmente 13 armi, fra carabine e pistole, e varie munizioni non dichiarate.  L'uomo ha detto di avere sparato prima verso la montagna che ha dietro casa, ipoi di avere esploso alcuni colpi contro una lattina che tiene appesa sul balcone proprio per esercitarsi al tiro. Il punto in cui la ragazzina è stata ferita dista 150 metri in linea d'aria dalla palazzina in cui vive il fermato. Il proiettile era rimasto conficcato nella spalla, sfiorando la colonna vertebrale..... FONTE: milano.repubblica.it

 

* 03.07.2012 - Minaccia vicino di casa col fucile da caccia.  I Carabinieri di Volpedo hanno denunciato in stato di libertà per minaccia aggravata mediante l’uso di arma da fuoco, un 59enne, domiciliato in Montemarzino (Al). L’uomo, in seguito ad un diverbio scaturito per futili motivi con un vicino di casa, ha minacciato quest’ultimo con il proprio fucile da caccia, regolarmente detenuto. L’immediato intervento dei militari operanti ha consentito di sedare gli animi e di porre sotto sequestro l’arma in questione..... FONTE: www.alessandrianews.it


* 05.07.2012 - Prende a fucilate l'auto di un imprenditore, denunciata una 48enne di Termoli.  La donna, pensionata, è salita in macchina, ha raggiunto la zona di Pantano Alto, alla periferia di Termoli, si è avvicinata allo stabile in cui ha sede una nota azienda termolese, ha caricato l'arma ed ha sparato contro l'auto del titolare parcheggiata fuori dall'azienda. Due colpi con i quali probabilmente la donna pensava di intimorire il proprietario dell'azienda, un 62enne di Termoli. Indagano i carabinieri che hanno sequestrato il fucile, un calibro 12 da caccia detenuto regolarmente, e le munizioni..... FONTE: www.altromolise.it


*10.07.2012- Rutigliano. Dal balcone di casa spara ai cani randagi, per strada ci sono i bambini. Momenti di panico. Un uomo che, imbracciato il suo fucile da caccia, risultato poi regolarmente detenuto, ha premuto il grilletto mirando ad alcuni cani randagi che attraversano la strada, ferendone gravemente almeno un paio. Tutto è avvenuto a ridosso delle abitazioni, con molta gente sui balconi in cerca di refrigerio e diversi bambini che giocavano per strada. Per il «cecchino» dei cani si ipotizzano le accuse di maltrattamenti agli animali e di esplosione di colpi d’arma da fuoco in luogo pubblico. Sul luogo dell’accaduto sono intervenute anche le guardie volontarie ecozoofile del distaccamento di Protezione civile Anpanadi Rutigliano, per prestare i soccorsi agli sfortunati cani feriti.... FONTE: www.lagazzettadelmezzogiorno.it

*10.07.2012 - Lite in famiglia, arriva la polizia e sequestra fucili da caccia e una pistola. Una pistola calibro 7,65, tre fucili da caccia e 110 cartucce. E' quanto hanno sequestrato gli uomini della squadra mobile della questura di Prato intervenuti in un appartamento dopo aver ricevuto la segnalazione di una violenta lite in famiglia tra diversi parenti. La polizia ha accertato che le armi non erano custodite secondo le dovute precauzioni previste dalla legge. Il proprietario delle armi e' stato denunciato per omessa custodia. ...FONTE: www.toscanatv.com


*10.07.2012 - Disoccupato si arma per uccidere ex datore lavoro, arrestato. Poliziotti intervengono perche' moglie denuncia intento marito. Scatta l'arresto in flagranza con l'accusa di detenzione e porto abusivo di arma comune da sparo e minacce. E' successo a Monopoli. Secondo la ricostruzione fatta dalla polizia, la coppia aveva litigato, in gran parte per problemi economici. Alla fine l'uomo, un quarantasettenne monopolitano ha preso il fucile da caccia, lo ha caricato ed e' uscito con l'intento di uccidere l'ex datore di lavoro.(ANSA)....FONTE: www.ansa.it


*11.07.2012 - Uccide ladro e lo getta nel fiume: dopo quattro giorni cede e confessa. Erano almeno tre coloro che tentavano di svaligiare un'abitazione isolata nelle campagne di Gioia Sannitica; il proprietario scorge uno dei ladri mentre cerca di entrare nella camera da letto dove dormono due dei suoi tre figli, imbraccia il fucile da caccia e lo uccide con due colpi. Si libera del cadavere gettandolo nel vicino fiume Volturno.Dopo quattro giorni, Giovanni Capuozzo, 42 anni, pensava di averla fatta franca. L'accusa contro il metalmeccanico con la passione per la caccia è di omicidio e occultamento di cadavere....FONTE: corrieredelmezzogiorno.corriere.it

*11.07.2012 - Chieti: anziana spara al figlio del padrone di casa. L'anziana di 72 anni di San Martino di Chieti stava per ricevere un avviso di sfratto e il figlio del proprietario insieme all'ufficiale giudiziario si erano recati a casa della donna per notificare l'avviso di sfratto. Poco dopo aver aperto la porta la donna ha puntato il fucile contro l'ufficiale giudiziario facendo fuoco, ma il colpo ha mancato l'uomo ferendo invece alla spalla il figlio del nuovo proprietario che è stato subito ricoverato all'ospedale di Chieti e sottoposto a un intervento al polmone per estrarre il proiettile. La donna è stata arrestata con l'accusa di tentato omicidio, mentre gli uomini della Squadra mobile stanno svolgendo le indagini per ricostruire l'esatta dinamica dei fatti. FONTE: www.newnotizie.it

* 12.07.2012 - San Marco dei Cavoti, denunciati due agricoltori per minaccia aggravata - Sequestrati sei fucili da caccia. I due congiunti, a seguito di una lite ingeneratasi per futili motivi con il cittadino di San Marco, connessa alla professione di agricoltore svolta da tutti i coinvolti, lo minacciavano puntandogli contro un fucile da caccia, legalmente detenuto, intimandogli di allontanarsi.... proposta per la revoca delle autorizzazioni di polizia in loro possesso, di abilitazione al possesso ed uso di armi da fuoco per l’esercizio venatorio... FONTE: www.corrieredelsannio.it

Comments

Per poter lasciare o leggere i commenti bisogna essere iscritti.
 

Commenti Facebook

Da questo semplice form potrete collegarvi direttamente al vostro account su facebook.

Banner