Associazione Vittime della caccia

organizzazione di volontariato senza fine di lucro ai sensi della Legge 266-91

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

NEWS ARMI DA CACCIA E PUBBLICA SICUREZZA - 1/15 SETTEMBRE 2013

E-mail Stampa PDF

NEWS ARMI DA CACCIA E PUBBLICA SICUREZZA - SETTEMBRE 2013 - STAGIONE VENATORIA 2013/2014 -

CASI DI CRONACA CON VITTIME PER ARMI DA CACCIA/CACCIATORI

- 1/15 SETTEMBRE -

 

LEGGI ANCHE LE NEWS PUBBLICA SICUREZZA E CACCIA DAL 15 al 30 SETTEMBRE, QUI: www.vittimedellacaccia.org

* coinvolgimento non-cacciatori

TIVOLI (RM) 01.09.2013 - Ferito da colpo di fucile durante battuta al cinghiale a Tivoli, è grave. Un cacciatore di 58 anni è stato ferito da un altro cacciatore mentre era in corso una battuta di caccia al cinghiale, questa mattina prima delle 8, in località La Botte a Tivoli. L'uomo, che è stato colpito a un occhio, al viso e al torace, è grave ma non in pericolo di vita.... FONTE: www.ilsussidiario.net

COMMENTO: Nel Lazio la caccia al cinghiale è permessa da ottobre a gennaio (con un massimo di 40 giornate), inoltre da quanto emerge nell'articolo, la diffusione delle ferite è tipica della munizione spezzata, munizioni proibite per la caccia al cinghiale. Cacciatore di frodo o errore nell'articolo (adnkronos)?


* BENEVENTO - 08.09.2013 - Spara ai ladri: arrestato per tentato omicidi. G.R., 58 anni, agricoltore nelle campagne di Dugenta e Limatola, ha voluto difendere i suoi possedimenti contro un tentativo di furto, e armato di fucile è corso incontro ai ladri sparando per impaurirli e allontanarli dai frutteti di alberi di pesco. I Carabinieri hanno localizzato l'auto dei malfattori, con illunotto infrantumi. I sospettii presentavano leggere ferite di arma da fuoco. La vicenda si è risolta a danno dell'agricoltore: in manette è finito anche lo stesso G.R., sottoposto all'arresto domiciliare. Sotto sequestro il fucile dell'agrioltore, l'auto dei ladri, i bossoli e un secondo fucile regolarmente denunciato. FONTE: napoli.ogginotizie.it

* FRIGORIFERO COLPITO DA PROIETTILE DA CINGHIALE
Montenars (UDINE) - 09.09.2013 : Esploso un colpo di fucile contro un'abitazione. In base alle prime ipotesi degli inquirenti dovrebbe trattarsi di un incidente di caccia. Sul posto i carabinieri della stazione di Gemona del Friuli. Espolode colpo di fucile contro una casa a Montenars. Un proiettile indirizzato verso uno stavolo, immerso in una zona boschiva, che è andato a conficcarsi nel frigorifero dell'abitazione. L'incidente è stato registrato a Montenars, alle 6 del mattino di domenica. Sono stati avvertiti i carabinieri di Gemona, intervenuti sul posto in mattinata. Le prime ipotesi propendono per un incidente di caccia, visto che la zona è frequentata dagli appassionati FONTE: www.udinetoday.it

*VIOLENZA DOMESTICA
OLBIA - 09-09.2013 - Denunciato 60enne per minacce e percosse alla moglie. I carabinieri gli sequestrano le armi. Un 60enne è stato denunciato dalla moglie di cinque anni più giovane, per minacce e percosse. Si potrebbe sperare per la donna che si sia trattato di un solo episodio di estrema violenza, ma nella maggior parte dei casi, quando si arriva a sporgere denuncia, la situazione tra le mura domestiche è diventata talmente insostenibile da convincersi che l'unico modo per fermare la persona violenta sia quello di denunciarlo. E così ha fatto anche questa ennesima vittima di un marito violento e aggressivo che, peraltro, aveva anche la passione per le armi da fuoco. I carabinieri del Reparto Territoriale di Olbia, infatti, hanno proceduto tempestivamente al ritiro cautelativo delle numerose armi e munizioni, da caccia e non che l'uomo deteneva legalmente. Il 60enne si è visto, inoltre, revocare la licenza di porto d'arma per la caccia. FONTE: www.sassarinotizie.com

BRINDISI- 15.09.2013 - Spara alla lepre, ma centra l'amico. Si tratta di un cacciatore di 60 anni, L.G., impallinato dall’amico nel corso di una battuta congiunta nelle campagne nei pressi della zona industriale del capoluogo, non molto distante dall’area protetta del Parco regionale delle Saline di Punta della Contessa. Il ferito fortunatamente non è grave, ma è stato per ore sul lettino operatorio del pronto soccorso dell’ospedale Perrino, dove gli sono state rimosse decine di pallini che lo avevano raggiunto in varie parti del corpo, prevalentemente agli arti inferiori.
A L.G. è andata bene, perchè era esattamente sulla linea di tiro tra l’amico e una lepre. E’ stato l’altro cacciatore a preoccuparsi immediatamente delle condizioni del ferito, trasportandolo poi in ospedale in auto.Sembra che le licenze di caccia e le armi di entrambi i protagonisti dell’incidente siano in regola.Tuttavia, i fucili sono a disposizione della polizia, comunque. FONTE: www.brindisireport.it

Settembre 2013 - Associazione Vittime della caccia

*la pubblicazione dei testi e dei dati raccolti dall'Associazione Vittime della caccia, implica obbigatoriamente la citazione della fonte stessa. Grazi

Comments

Per poter lasciare o leggere i commenti bisogna essere iscritti.
 

Commenti Facebook

Da questo semplice form potrete collegarvi direttamente al vostro account su facebook.

Banner