Associazione Vittime della caccia

organizzazione di volontariato senza fine di lucro ai sensi della Legge 266-91

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Bracconaggio

Sesto Pusteria (BZ), uccise e abbandonate due cerve gravide

E-mail Stampa PDF

Sesto Pusteria (BZ), uccise e abbandonate due cerve gravide


Il presidente dell’associazione cacciatori Alto Adige, Heinrich Auckenthaler, ha condannato l’uccisione di due cerve gravide e poi abbandonate, chiedendo pene più gravi. L’Eurodeputato IdV, Andrea Zanoni ha affermato: «Dovrebbe far riflettere il fatto che gli stessi cacciatori invochino sanzioni più severe»

La scorsa settimana a Sesto Pusteria (BZ), sono state rinvenute due cerve gravide uccise a colpi di fucile ed abbandonate nel bosco. Un episodio raccapricciante che ha suscitato più di una reazione.

L’ex cacciatore Ernst Watschinger ha subito sottolineato che i suoi ex “colleghi” non rispettano le leggi sulla caccia in vigore in Alto Adige. Da esperto, visto che per anni ha imbracciato la doppietta, ha sostenuto la necessità di spostare la stagione venatoria degli ungulati ai mesi invernali, soprattutto per evitare l’uccisione di femmine gravide o con i cuccioli che restano orfani.

Il Presidente dell’associazione dei cacciatori dell’Alto Adige, Heinrich Auckenthaler, ha chiesto l’aumento delle pene, riconoscendo che sono ridicoli gli 80 euro di multa previsti attualmente per una preda sbagliata. E le prede, questa volta, erano due mamme cerve.

Andrea Zanoni, Eurodeputato IdV e vice Presidente dell’intergruppo sul Benessere degli animali al Parlamento Europeo, ha affermato: «Un gesto inqualificabile che non lascia dubbi sull’ignoranza di chi l’ha compiuto. Ancora più grave è sapere che ad un atto del genere corrisponda una pena irrisoria. Dovrebbe far riflettere il fatto che gli stessi cacciatori invochino sanzioni più severe. Purtroppo, però, in moltissime zone d’Italia il via libera per uccidere mamme gravide di cervo e capriolo, oppure i cuccioli delle stesse specie, arriva addirittura dalle pubbliche amministrazioni.
In un Paese civile dovrebbe essere severamente punito chi si permette di compiere un atto così odioso, come quello di uccidere una madre incinta o dei piccoli cuccioli indifesi».
Ufficio Stampa On. Andrea Zanoni  - Comunicato del 03 Agosto 2012 - www.andreazanoni.it


Read 0 Comments... >>
 

NEWS FLASH luglio 2012 - BRACCONAGGIO - CACCIA DI FRODO

E-mail Stampa PDF

in aggiornamento...

NEWS FLASH LUGLIO 2012. CACCIATORI E BRACCONIERI. TROVA LA DIFFERENZA.

- Roccoli, deroghe e calendario venatorio: 5 mila cacciatori in piazza per difenderli

Ieri pomeriggio (15.07.2012) i cacciatori hanno letteralmente “invaso” la città con la loro manifestazione unitaria a difesa di roccoli, deroghe e un calendario venatorio che secondo le quattro associazioni di categoria “stanno rendendo sempre più difficile praticare la caccia”....Leggi tutto alla fonte: www.bsnews.it

 

- Il Friuli Venezia Giulia approva la caccia in deroga: sanzioni Ue alle porte.

27.07.2012- L’emendamento votato dal Consiglio regionale vìola la Direttiva comunitaria “Uccelli”. L’Eurodeputato IdV, Andrea Zanoni, annuncia: «Porterò la normativa friulana approvata davanti alla Commissione Europea e le multe saranno inevitabili» Ufficio Stampa On. Andrea Zanoni. Il 26 luglio il Consiglio regionale del Friuli Venezia Giulia ha approvato emendamenti che derogano alla Direttiva 147/2009/CE sulla conservazione degli uccelli selvatici. In evidente contrasto con la normativa stabilita dal Parlamento e dal Consiglio Europeo, la Regione guidata dal Presidente Renzo Tondo ha stabilito il via libera all’uccisione di specie non cacciabili in tutto il resto d’Italia. Il disegno di Legge Regionale 179 (Legge comunitaria 2010) stabilisce che, sin dalla prossima stagione, saranno cacciabili decine di migliaia di Storni, Cormorani e Tortore dal collare orientale, uccelli protetti nel resto d’Italia e l’abbattimento dei quali viene considerato bracconaggio...Leggi tutto alla fonte: www.andreazanoni.it

 

- Livorno, incidente di caccia nel Cecinese: UN MORTO e UN FERITO

26.07.2012 (Adnkronos) - Uomo uccide per errore il suocero 48enne, ferito anche un anziano di 67 anni in un incidente di caccia avvenuto la scorsa notte nei boschi di Cecina, in provincia di Livorno.

Tre uomini di Riparbella (Pisa) si sono avventurati in una battuta di frodo al cinghiale. Per cause da chiarire il piu' giovane della compagnia, un ragazzo di 28 anni, ha sparato al suocero 48enne, uccidendolo, mentre un cacciatore di 67 anni e' rimasto ferito a un gamba, in modo non grave. Sull'episodio indagano i carabinieri di Volterra.... Fonte: www.adnkronos.com

 

- Caccia: Zanoni (Idv), da Ue ultimatum su quella in deroga. Lettera commissario Ambiente Potocnik a ministro Clini.

26.07.2012- BRUXELLES - Dall'Ue e' arrivato un vero e proprio ultimatum sulla caccia in deroga: se l'Italia non rispettera' le regole europee potranno scattare multe salate. E' quanto ha affermato l'eurodeputato dell'Idv Andrea Zanoni, riportando una lettera inviata a fine maggio dal commissario all'Ambiente, Janez Potocknic, al ministro Corrado Clini...Leggi tutto alla fonte: www.ansa.it

 

Sagra dei Osei: a Sacile c'era anche questo


Fiere ornitologico venatorie: la "tradizione" è solamente una copertina patinata dietro cui si cela un mercato molto vasto, un giro economico che si basa sulla "carcerazione" di piccoli esseri senzienti. Ecco la "Sagra dei osei" di Sacile (edizione 2009 16 agosto), una delle più importanti manifestazioni avicole europee.

SACILE. La sagra dei osei una festa della natura? La Lega per l'abolizione della caccia del Friuli Venezia Giulia non ci sta. E lo spiega attraverso una serie di immagini ( visibili anche su youtube) che dimostrano il contrario.
"La Sagra dei osei - aveva detto il sindaco di Sacile , Roberto Ceraolo alla vigilia della kermesse- è una grande tradizione..." Vedi il filmato>
www.youtube.com


Read 0 Comments... >>
 

Caccia di frodo, lo beccano su Facebook

E-mail Stampa PDF

Caccia di frodo, lo beccano su Facebook

Cacciava di frodo, e poi si vantava su Facebook delle sue prede: multato. Sul social network, infatti, il cacciatore di Verbania aveva pubblicato le foto delle beccacce che aveva catturato senza registrarle sul tesserino perché aveva già superato il limite del carniere. Ma anche le immagini dell'addestramento dei suoi cani, effettuato in periodo di divieto. Ma la sua superbia gli è costata cara: la Polizia provinciale, dopo una segnalazione anonima, ha avviato un'indagine informatica e lo ha identificato. Per il cacciatore è arrivata una maximulta da 1.540 euro. Fonte: www.prealpina.it

foto dal web

 


Read 0 Comments... >>
 

NEWS FLASH 19/25 gennaio 2012 - CACCIA DI FRODO-BRACCONAGGIO

E-mail Stampa PDF

IN AGGIORNAMENTO...

NEWS FLASH 19/25 gennaio 2012 - CACCIA DI FRODO-BRACCONAGGIO

23.01.2012 Rovigo, Bracconaggio nel Delta del Po Il Wwf lancia petizione online. Il WWF di Rovigo tramite il proprio sito web www.wwfrovigo.it promuove una petizione online contro il bracconaggio nel Delta del Po. "Alla luce dei recenti fatti accaduti - scrive in una nota l'associazione rodigina - pensiamo sia indispensabile che i cittadini vengano ben informati della situazione e che in prima persona ci aiutino a far fronte al problema". Per questo motivo è stata creata una pagina dove sarà possibile, per chi lo vorrà, inviare un messaggio ai responsabili della Provincia di Rovigo, perché intensifichino l’azione di controllo sul bracconaggio nel Delta (http://www.wwfrovigo.it/attivita/fermiamo-il-bracconaggio). .. Fonte: www.ilrestodelcarlino.it

23.01.2012 Bari, Caccia ai bracconieri della Murgia, fermate e denunciate tre persone dai Forestali. Con un fuoristrada e con un potente faro alogeno cervavano di sorprendere i cinghiali presenti in località “Masseria Iazzo Rosso”. Era da diverse notti che gli agenti del Comando Stazione Forestale di Ruvo di Puglia, erano sulle tracce di pericolosi bracconieri dediti alla caccia selvaggia ai cinghiali. (...). Tale atteggiamento palesava un’attività di bracconaggio tassativamente vietata nel territorio dei Parchi dalle Leggi 394/91 e 157/92.... Fonte: www.ruvolive.it

21.01.2012 Pisa. Nei guai 21 cacciatori hanno ucciso maiali durante una battuta. Sono stati tutti identificati e denunciati i cacciatori che all’inizio di gennaio hanno imperversato all’interno di una proprietà privata uccidendo alcuni capi di cinta senese che erano di proprietà di un allevatore di Castelnuovo Valdicecina. Durante una battuglia di caccia al cinghiale i cacciatori, in tutto sono state denunciate 21 persone, sono entrati nella proprietà privata e hanno finito per dare la caccia ad animali che non erano selvatici. Li hanno spinti dentro il bosco con i cani e poi li hanno uccisi. Fatti a pezzi e caricati sulle loro macchine per poi allontanarsi. Ma qualcuno li ha visti... Fonte: http://iltirreno.gelocal.it

20.01.2012 - Incastrati i bracconieri analizzando il Dna degli animali abbattuti. Per la prima volta usate tecniche forensi. Indagine del dipartimento di biologia e il ministero dell'Interno di Cipro. Analisi genetiche del Dna per la conservazione della fauna endemica e minacciata da bracconaggio. E' il tema dello studio condotto da un gruppo di ricercatori del dipartimento di Biologia dell'Università di Pisa in collaborazione con il Game Fund Department del Ministero degli Interni di Nicosia (Cipro) e che rappresenta il primo contributo nel settore della biologia della conservazione animale con applicazione di tecniche biomolecolari di Dna forense.I ricercatori pisani hanno svolto analisi molecolari sul Dna supportando un'indagine della polizia cipriota in un caso di sospetto bracconaggio avvenuto a settembre 2010 ai danni di tre mufloni ciprioti, una specie protetta sull'isola. I campioni di tessuto raccolti dalla popolazione selvatica di muflone, insieme a quelli prelevati dai tre esemplari rinvenuti morti nei pressi del luogo di arresto dei tre presunti colpevoli, hanno permesso di appurare, spiega una nota dell'ateneo, "una chiara connessione tra  due delle tre carcasse di muflone e tracce biologiche campionate e i risultati sono ora a disposizione della magistratura cipriota". I marcatori molecolari messi a punto dai ricercatori potranno essere impiegati anche in analisi genetiche simili per proteggere la sottospecie di muflone presente in Sardegna. Fonte: ANSA

20.01. 2012 Campobasso: cinque cacciatori, bracconieri in area protetta. Intervento di Carabinieri e Corpo Forestale. GEAPRESS – Erano tutti e cinque cacciatori, d’età compresa fra i 53 e i 18 anni, ma cacciavano tutti in area protetta in località Verzaro, nel Comune di Trivento (CB). La giornata era andata bene, ma non certo per il cinghiale. Ucciso nonostante si trovasse in piena oasi di protezione e di ripopolamento e cattura. Tutti armati, i cinque cacciatori, con regolare tesserino venatorio e licenza di porto di fucile uso caccia. Due di Trivento e tre di Salcito (CB), trovati in possesso, oltre che del cinghiale abbattuto, di 91 munizioni a palla, e otto fucili. I fatti sono occorsi sabato scorso. ... Fonte: www.geapress.org


Read 0 Comments... >>
 

NEWS FLASH 13/18 gennaio 2012 - CACCIA DI FRODO-BRACCONAGGIO

E-mail Stampa PDF

IN AGGIORNAMENTO...

NEWS FLASH 13/18 gennaio 2012 - CACCIA DI FRODO-BRACCONAGGIO

CAMPO TUTELA MIGRATORI- Gennaio 2012 -  29° campo internazionale per la protezione dei rapaci e le cicogne in migrazione sullo Stretto di Messina. INFORMAZIONI PER I PARTECIPANTI - periodo: 8 aprile – 20 maggio 2012 - località: Monti Peloritani (Messina). Alloggio: in una casa dell’Azienda Foreste Demaniali, situata lungo la rotta migratoria... materiale necessario: sacco a pelo, binocolo, abbigliamento da montagna, occhiali da sole, creme solari (...) dal mattino fino al tramonto, si presidiano le località dove è previsto che si concentri il passaggio dei migratori, con pranzo al sacco. La sera si cena alla base del campo. A seconda del vento e delle condizioni meteorologiche, si potrà assistere a una grandiosa migrazione di rapaci (in alcuni casi anche con migliaia di individui in un solo giorno) oppure si potrebbero avere giorni con passaggio molto scarso. In caso di episodi di bracconaggio si chiede l’intervento delle forze dell’ordine (Corpo Forestale, Carabinieri, Guardia di Finanza)... Fonte:  www.migrazione.it

18.01.2012 Distrutti ottomila lacci dei bracconieri e 50 cavetti metallici per imprigionare i mammiferi. Sette uccellatori denunciati a Capoterra. I cacciatori di frodo sono stati ripresi da microtelecamere nascoste nei boschi dai volontari della Lipu. E' il bilancio della prima fase dei campi della Lipu-BirdLife Italia contro l'uccellagione in Sardegna. In particolare grazie a microtelecamere nascoste nei boschi del cagliaritano i volontari della Lipu, con il supporto dei volontari del Committee Against Bird Slaughter (Cabs), sono riusciti a riprendere sei bracconieri che sono stati denunciati ai carabinieri di Capoterra per uccellagione e maltrattamento di animali ... Fonte: www.unionesarda.it

18.01.2012 Arezzo. Volatili proibiti in gabbia, denunciato. Nei guai anche due cacciatori. Scoperti dalla Forestale del comando di Subbiano 15 esemplari di esemplari di tortora dal collare (Streptopelia Decaocto), specie non cacciabile di cui è proibita la detenzione. I volatili sono stati trovati in una voliera metallica, situata in un terreno agricolo vicino all’abitato di Poggersona, nel comune di Castel Focognano.... Fonte: www.arezzoweb.it

17.01.2012 Arezzo. Andava a caccia con il porto d'armi ad uso sportivo: denunciato un uomo di Quarata e sequestrata la carabina. Un agente che si trovava fuori servizio  all'udire alcuni spari nei pressi di Quarata ha contattato la centrale operativa. Grazie alla segnalazione del collega, una pattuglia ha individuato rapidamente un individuo con una carabina nel suo veicolo e le relative munizioni. Il porto d'armi detenuto, tuttavia, era solo per uso sportivo.... Fonte: www.saturnonotizie.it

13/01 Succiso, Modena. Cacciatore denunciato per richiamo illegale. Nei giorni scorsi una pattuglia della Polizia provinciale, durante un servizio di prevenzione e controllo sull’attività venatoria in Appennino, ha sorpreso alcuni cacciatori proveniente da La Spezia intenti a cacciare fauna migratoria con il metodo dell’appostamento temporaneo nella zona di Succiso di Ramiseto. Gli agenti hanno anche potuto accertare che uno dei cacciatori era in possesso di un richiamo elettromagnetico... Fonte: www.modena2000.it

13/01 Macerata, Parco dei Monti Sibillini: Bracconieri in azione: ferita un'aquila reale. Grave episodio di bracconaggio nel Parco nazionale dei Monti Sibillini. Un'aquila reale, un esemplare di maschio adulto, è stata infatti trovata all'interno del parco sull'altopiano di Macereto gravemente ferita da un colpo di fucile da caccia. Già lo scorso anno, nella stessa area protetta furono uccisi tre lupi. Soccorsa dai veterinari del parco, l'aquila è stata trasportata al Centro di recupero rapaci di Pescara, dove le sono state diagnosticate varie fratture a un'ala e la perdita di un occhio. Secondo i veterinari, l'animale non potra’ recuperare completamente, e tornare allo stato di vita naturale... Fonte: www.ilrestodelcarlino.it

 

 


Read 0 Comments... >>
 


Pagina 2 di 60
Banner