Associazione Vittime della caccia

organizzazione di volontariato senza fine di lucro ai sensi della Legge 266-91

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

i Dossiers AVC - i DATI EXTRASTAGIONE 2018

E-mail Stampa PDF

Rispetta il nostro lavoro, cita sempre la fonte "Vittime della caccia" se pubblichi e/o usi quanto contenuto nel Dossier©. Grazie

 

OSSERVATORIO VITTIME DELLA CACCIA - I DOSSIERS©

ASSOCIAZIONE VITTIME DELLA CACCIA

I DATI EXTRA-STAGIONE VENATORIA

1 FEBBRAIO/ 31 AGOSTO

2018

Premessa

Questa raccolta si prefigge di compensare la mancanza di dati sulle vittime causate dalle “armi da caccia” - e tutti i contesti connessi - dopo la fine della stagione venatoria 2017-2018 e l'inizio della successiva, 2018-2019 (ovvero in periodo teoricamente di divieto assoluto di caccia), rispetto ai Dossier che contemplano i dati relativi solo al periodo della canonica stagione venatoria, preaperture comprese (1 settembre/31 gennaio).

Come per i Dossiers, questa raccolta esclude, per l'Ambito Venatorio ed Extravenatorio*, tutti i casi con vittime umane che non siano causati da armi da caccia e cacciatori. Non conteggiamo mai i cacciatori morti o feriti per cause come infarti, cadute, suicidi (salvo se minori di età) ecc. come non raccogliamo le vittime per armi da caccia impiegate dalla criminalità organizzata.

*Chiariamo cosa sia l'Ambito venatorio e l'Ambito Extravenatorio. Il primo riguarda direttamente le azioni di caccia durante le uscite dei cacciatori, il secondo riguarda tutti i casi in cui sono stati usate le armi dei cacciatori/dai cacciatori contro persone estranee al mondo venatorio.

I casi riscontrati dalle quotidiane rassegne stampa on-line riguardano episodi di palese illegalità con uso di armi da caccia (legalmente denunciate e non), da parte di chi esercita attività venatoria (sia autorizzata che di frodo).

Il nostro obiettivo, come sempre, è quello di dimostrare la pericolosità dell'attività venatoria e troppo spesso anche di chi la esercita. Lo dimostriamo semplicemente con i fatti e fattacci che persone armate e spesso non troppo serene offrono con assiduità alla cronaca nera.

Citiamo ancora l'immagine dell'iceberg per ricordare che quanto raccolto rappresenta soltanto una minima parte di ciò che realmente accade e che certamente non arriva alle cronache, soprattutto per quanto riguarda le vittime animali, sia domestici che selvatici. Stime reali impossibili da fare al momento. Per gli animali domestici vittime, in questo arco di tempo tra una stagione e la successiva, azzardiamo il numero che ci risulta da quanto rintracciato occasionalmente ma ovviamente non rappresenta una stima reale. Per il conteggio delle vittime tra le specie selvatiche... neppure ci proviamo, tanto è il sommerso... Ci limiteremo, pertanto, ad elencare i casi riscontrati ed evidenziarne la specie.

 

COSA E' EMERSO IN QUESTI MESI DI “ASSOLUTO DIVIETO DI CACCIA”...

 

VITTIME UMANE: 29, di cui 11 morti e 18 feriti, così suddivisi:

- 20 NON cacciatori (5 morti e 15 feriti tra cui una bambina, tutti in Amb.extravenatorio);

- 9 cacciatori (4 morti e 2 feriti=6 in Amb.Venatorio e 3 in Amb extraven., 2 morti e 1 ferito-);

Rispetta il nostro lavoro, cita sempre la fonte "Vittime della caccia" se pubblichi e/o usi quanto contenuto nel Dossier©. Grazie

I casi dei MINORI coinvolti riguardano vari episodi che vedono bambini e ragazzini subire, in tutti i sensi, l'effetto delle armi da fuoco detenute ed usate per la caccia. Dal caso in prov di Caserta della bimba di 9 anni colpita dai pallini esplosi dal fucile dello zio durante una lite familiare..., stesso contesto di attriti familiari, nel quale in prov di Ragusa un uomo imbracciava il fucile del fratello e sparava al vicino, noncurante della presenza di un ragazzino di 17 anni e della nipotina di 3 che, per puro caso, non rimanevano feriti. Uno spregiudicato uso delle armi da parte degli adulti (come anche l'omessa custodia), risulta essere, inoltre, un pessimo esempio per i bambini che, nell'emulare il papà, lo zio, gli amici, commettono reati, anche gravi che non favoriscono certo il loro sviluppo in maniera armonica ed equilibrata..

Come ad esempio il caso in Sardegna di tre scatenati minorenni in giro con un fucile da caccia ed un coltello: denunciati; oppure il caso di Genova che pare sia opera di un gruppo di ragazzini armati di balestra che avrebbero ferito al ventre un cinghiale con un dardo di 55 cm, morto dopo aver vagato agonizzante tra la gente nelle vie di Quarto; invece a Calatafimi, tre giovani, tra cui un minore, cacciavano in un parco tra le abitazioni; Terribile ed inquietante il caso di Vittoria da cui si legge che un ragazzo di 17 anni è stato arrestato per aver ferito con un colpo di fucile da caccia il nonno, in quanto questo aveva cercato di investirlo con l'auto...! .

Contesti difficili non certo resi migliori da un'educazione violenta e prevaricatrice sui più deboli, come quella che pare faccia parte di un progetto educativo spaventoso ed inaccettabile ancor più perchè pianificato dalle istituzioni, a vari gradi e livelli di competenza. Alcuni esempi: “Vicenza, Studenti al poligono di tiro. La vicenda del tiro a segno previsto come attività formativa nell’Istituto Alberghiero-Commerciale Almerico da Schio”, Gardone Valtrompia (Brescia), Lezioni sulla caccia a scuola:“Progetto sponsorizzato da industria delle armi”, cui ha seguito di reazione una imponente petizione di protesta**. Ma sempre a Vicenza, alla Fiera delle armi “bambini in gita e candidati a caccia di voti”...

Insomma la politica e un certo tessuto sociale si dimostrano ben solerti nel seminare per il futuro, un futuro nero piombo...

** link Petizione: https://www.change.org/p/no-alle-lezioni-di-caccia-nelle-scuole-miursocial

 

ANIMALI DOMESTICI VITTIME: casi rintracciati

22 cani (4 feriti e 18 uccisi); 5 gatti (4 feriti e 1 ucciso).

Di questi casi rintracciati, 16 riguardano animali colpiti da fucili da caccia (oltre al caso del canile di Arzignano (Vicenza); altri sono rimasti vittime di lacci-trappole, incendi, incuria e maltrattamenti... .

ETA' DEI RESPONSABILI DI REATI CON ARMI DA CACCIA

84 i casi di cronaca da cui è stato possibile estrarre il dato dell'età di chi ha commesso il reato rintracciato, lo ricordiamo ancora, in questo arco di tempo in cui l'attività venatoria è vietata per legge. L'apice di questi eventi è attribuibile alla fascia di età che va dai 61 ai 70 anni (con 23 casi), assieme alla fascia di età che va dai 51 ai 60 anni (21 casi) e quella che va dai 71 agli 80 con 16 casi)..

 

SEGUE LA CRONOLOGIA DEI FATTI DAL 1 FEBBRAIO AL 31 AGOSTO 2018, A QUESTO LINK>> http://www.vittimedellacaccia.org/component/content/article/42-dossier/3220-i-dossiers-avc-crono-extrastagione-2018.html

 


Rispetta il nostro lavoro, cita sempre la fonte "Vittime della caccia" se pubblichi e/o usi quanto contenuto nel Dossier©. Grazie

Comments

Per poter lasciare o leggere i commenti bisogna essere iscritti.
 

Commenti Facebook

Da questo semplice form potrete collegarvi direttamente al vostro account su facebook.

Banner