Associazione Vittime della caccia

organizzazione di volontariato senza fine di lucro ai sensi della Legge 266-91

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

VITTIME ARMI EXTRA-CACCIA- Rass.Stampa 2009-2010

E-mail Stampa PDF

 

Il presente documento o parte di esso è liberamente utilizzabile citandone la fonte:
ASSOCIAZIONE VITTIME DELLA CACCIA - www.vittimedellacaccia.org - E-mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 

VITTIME PER ARMI DA CACCIA in AMBITO EXTRAVENATORIO

dal 2.09.2009 al 31.01.2010

Premessa: Le rassegne stampa qui elencate costituiscono il conteggio delle vittime come sintetizzato in "DATI Vittime -SCHEMA *". Il criterio adottato per questa ricerca sono le vittime per armi da caccia al di fuori dell’esercizio strettamente venatorio.


Cronologia sintetica di fatti di cronaca

 

09.09.2009
#1 MORTO GENTE COMUNE (agricoltore) AMB.CRIMINALE - BRINDISI
Trovato cadavere nel Brindisino. Agricoltore ucciso con 2 colpi al volto
Il cadavere di un agricoltore di 45 anni, ucciso con due colpi d'arma fuoco diretti al volto, è stato trovato in
contrada "Palmo", in provincia di Brindisi. Sul movente e i responsabili dell'omicidio indagano i carabinieri
della Compagnia e del Comando Provinciale. Probabilmente è stato utilizzato un fucile da caccia. L'allarme è
stato dato da un giovane passante.
http://www.tgcom.mediaset.it/cronaca/articoli/articolo459749.shtml

--oOo--

09.09.2009
#1 MORTO GENTE COMUNE (MINORE: 16enne) AMB. DOMESTICO/imperizia - PERUGIA
Foligno:MUORE SEDICENNE PER UN COLPO DI FUCILE calibro 12
La tragedia di Campello sul Clitunno
Un vero e proprio dramma quello che si è consumato questa mattina all’ospedale San Giovanni Battista di
Foligno. Una ragazzina di appena 16 anni, residente a Campello sul Clitunno, è deceduta intorno alle 9 in
seguito ad un colpo di fucile da caccia che gli aveva procurato un arresto cardiaco e profonde ferite al
corpo.(...) La ragazza era un'appassionata di tiro a volo e deteneva regolarmente le sue armi, anche se queste
erano state debitamente registrate a nome del padre vista la sua minore età.
http://www.newgol.com/articolo_foligno_2009set09_00008496.html

--oOo--

11.09.2009
1 MORTO CACC. AMB.DOMESTICO (imperizia) - CASERTA
Muore all'ospedale Caserta, colpito da un proiettile
CAIAZZO (Caserta) - E’ morto l’anziano che l’11 settembre scorso, fu vittima di un incidente presso la sua
abitazione, quando per un fatale caso, fu colpito da un proiettile del fucile con cui andava a caccia.
Era venerdì pomeriggio quando accadde la tragedia a Caiazzo (Caserta) in via Riccetta. S., 64enne del luogo,
stava pulendo il fucile da caccia calibro 12. L’anziano era un bravo cacciatore ma in quel momento veniva
attratto per un attimo da ciò che succedeva fuori. L’uomo è uscito posando l’arma per tornare alcuni minuti
dopo. Il poveretto ha preso l’arma dimenticando che il fucile era carico ed ha accidentalmente premuto il
grilletto. E’ partito un proiettile che lo ha colpito alla mandibola.
http://www.ecodicaserta.it/index.php?option=com_content&view=article&id=5642:caserta-colpito-da-unproiettile-
false-speranze-dagostino-muore-allospedale&catid=28:cronaca&Itemid=34

--oOo--

01.10.2009
#2 MORTI GENTE COMUNE (figlio uccide genitori e cane) AMB.FAMILIARE/VIOLENZA
DOMESTICA/DISTURBI PSICHICI - SALERNO
Uccide padre e madre e si suicida-Salerno,47enne soffriva di depressione
Tragedia famigliare nel Salernitano. Un uomo di 47 anni ha ucciso a fucilate gli anziani genitori e il suo
cane. Poi, barricatosi in casa, si è tolto la vita. E' accaduto a borgo San Lazzaro, nel comune di Serre.
L'omicida avrebbe imbracciato il fucile da caccia del padre, regolarmente detenuto, e poi avrebbe iniziato il
massacro. Sembra che soffrisse per uno stato ansioso e depressivo.L'uomo, in preda a un raptus è poi uscito
nel cortile e ha ucciso il cane. Infine ha rivolto l'arma contro se stesso e si è tolto la vita. L'omicida era in
malattia dallo scorso mese di aprile in quanto affetto da crisi depressive. Secondo i carabinieri della
compagnia di Eboli la strage famigliare non sarebbe stata originata da alcuni dissidi ma sarebbe il tragico
frutto delle forti crisi. L'uomo non era sposato e non aveva figli ma viveva con i genitori.
http://www.tgcom.mediaset.it/cronaca/articoli/articolo461849.shtml

--oOo--

01.10.200
#1 MORTO GENTE COMUNE (DONNA) AMB.FAMILIARE/CRIMINALE -SASSARI
Giallo a Sassari: trovata morta colpita da una fucilata in testa Il capannone di Predda niedda dovìè stato
trovato il cadavere della donna
La vittima, una donna ungherese di 47 anni, Vanessa Denes Ivanonne, di Budapest, è stata trovata all'interno
di un capannone nella zona industriale di Predda Niedda. A ucciderla è stato un pallettone da caccia.
Gli agenti della Squadra Volante hanno sequestrato anche l'arma da cui è partito il colpo che ha ucciso la
donna: un fucile da caccia semiautomatico Benelli di proprietà del compagno della vittima. Gli inquirenti
non escludono alcuna ipotesi.
http://unionesarda.ilsole24ore.com/Articoli/Articolo/147421

--oOo--

08.10.2009
#1 FERITO GENTE COMUNE AMB. CRIMINALE - NUORO
Noragugume, il tentato omicidio: la pista è quella della vendetta Noragugume: gli inquirenti sul luogo del
tentato omicidio, l’ovile di Francesco Carta.
Un pallettone gli ha sfiorato il cuore, l'altro si è conficcato in una vertebra. È vivo per miracolo, ma per i
medici la prognosi è riservata. Francesco Carta, 52 anni, di Noragugume, un passato turbolento (...) Da un
cancelletto in legno sono sbucati d'improvviso due uomini mascherati e armati di fucile da caccia.
Giovedì 08 ottobre 2009
http://unionesarda.ilsole24ore.com/Articoli/Articolo/148747

--oOo—

9.11.2009
1 FERITO CACC. AMB.DOMESTICO.( imperizia) – UDINE
PENSIONATO FERITO DA FUCILE CHE STAVA MANEGGIANDO
Udine, 9 nov. - (Adnkronos) - Un pensionato di 72 anni, Pietro Fabbro, e' rimasto ferito alla spalla destra da
un colpo di fucile sparato accidentalmente da un fucile che stava maneggiando nella sua abitazione a
Codroipo (Udine). L'anziano e' stato ricoverato in prognosi riservata presso l'ospedale di Udine. Sul posto
sono intervenuti i carabinieri della Stazione locale. Il fucile da caccia e' un calibro 12 regolarmente detenuto
Il presente documento o parte di esso è liberamente utilizzabile citandone la fonte:
dal pensionato.
http://www.libero-news.it/adnkronos/view/220306

--oOo--

18.11.2009
#1 FERITO GENTE COMUNE DA CACCIATORE - AMB.CRIMINALE/FAMILIARE/TURBE
PSICHICA- ROMA
SUBIACO, SCRIVE A EX SU ASFALTO: PADRE PRENDE FUCILE E GLI SPARA
"Ancora ti amo più della mia vita. Ti prego perdonami". E' la frase che è stata scritta sull'asfalto da un
ragazzo di 24 anni . Il papà della ragazza infastidito dalle continue e pressanti attenzioni rivolte alla figlia, ha
imbracciato un fucile da caccia e sparato dal cancello della sua abitazione due colpi verso il giovane. Il primo
ha colpito di striscio l'auto del ragazzo, il secondo lo ha ferito ad una gamba. Lo spasimante, sanguinante e
spaventato, si è messo comunque alla guida dell'auto, allontanandosi velocemente. I Carabinieri della
Stazione di Arsoli hanno arrestato il geloso papà, di 64 anni, arrestato con l'accusa di tentato omicidio.
http://roma.repubblica.it/dettaglio-news/roma-11:07/26033

--oOo--

27.11.2009
#1 FERITO GENTE COMUNE - AMB.CRIMINALE?. – RAGUSA
Vittoria: fucilate in un´azienda agricola, ferito il custode romeno. Tentato furto o minaccia?
Il fatto s’è verificato verso le 21,30. I malviventi hanno sparato ad altezza d’uomo e una rosata ha colpito il
custode, che non è grave. I malviventi hanno sparato ad altezza d’uomo, tanto che il custode dell’azienda, un
cittadino romeno, è stato colpito da una rosata di pallini partita da un fucile da caccia.
Resta da capire il movente del fatto delinquenziale. Una minaccia o un tentativo di rapina ai danni
dell’azienda, una battuta di caccia in quella zona (il romeno è stato ferito da una fucilata caricata a pallini da
caccia) --Chi va in giro la sera armato e spara ad altezza d'uomo? Dalle indagini è emerso che ad aprire il
fuoco sono stati in tre +(…) Una zona, fanno capire gli inquirenti, abbastanza frequentata da cacciatori di
frodo.Su questa congettura due interrogativi sorgono spontanei. Primo, cosa c'è da cacciare alle 21, buio
pesto, in mezzo alle serre? E se non erano cacciatori, s'è mai visto un ladro che va in giro a rubare nelle
aziende agricole con un fucile da caccia caricato a pallini?
(…) La rosata partita dal fucile ha colpito al volto, alla mano e all'addome il custode procurandogli lievi
ferite giudicate guaribili in cinque giorni.
http://www.corrierediragusa.it/public/articoli/7699-fucilate-all-indirizzo.asp

--oOo--

18.12.2009
#1 MORTO GENTE COMUNE - AMBITO CRIMINALE - ORISTANO
Paulilatono, freddato dal vicino a fucilate
Ha ucciso il vicino con il quale aveva motivi di rancore per un terreno e poi è andato nella caserma dei
carabinieri a costituirsi. Raimondo Sanna, 62 anni, ex agricoltore, ha freddato con una fucilata l’allevatore
Serafino Atzori, che avrebbe compiuto 40 anni il giorno di San Silvestro. L’omicidio è avvenuto nelle
campagne di «Canale»
PAULILATINO. Antichi rancori, mai sopiti, finiti nel più barbaro, violento dei modi. Con un morto
ammazzato, l’a llevatore Serafino Atzori, 39 anni, la cui vita è stata spezzata ieri mattina da una scarica di
piombo rovente sparata quasi a bruciapelo con un fucile da caccia (un calibro 16, sembrerebbe) imbracciato
dal suo vicino di terreno. Raimondo Sanna rinchiuso nel carcere oristanese di piazza Manno con l’accusa di
omicidio volontario, che potrebbe però trasformarsi in quella di omicidio premeditato.
Tuttavia una certezza c’è: la rosa di pallettoni partita dal fucile dell’assassino ha centrato lo sventurato
Serafino Atzori tra torace e collo, scaraventandolo giù dal suo scooter.
http://lanuovasardegna.gelocal.it/dettaglio/paulilatono-freddato-dal-vicino-a-fucilate/1808230

--oOo--

03.01.2010
1 FERITO CACC. - AMB. DOMESTICO. (PULIZIA ARMA-imperizia)- LATINA
Si ferisce ad una mano mentre scarica il fucile e finisce in ospedale.
Poteva andare peggio all'uomo di 56 anni che ieri nel tardo pomeriggio si è ferito mentre maneggiava un
fucile all'interno della sua abitazione di borgo Piave.
La dinamica dei fatti è ancora in fase di ricostruzione da parte degli agenti della Questura di Latina, ma
sembrerebbe che l'uomo, N.L., un cacciatore di Latina, stesse scaricando il fucile che aveva utilizzato la
mattina per una battuta: mentre maneggiava l'arma si sarebbe inceppata la cartuccia e sarebbe partito
l'otturatore. Un colpo sarebbe esploso accidentalmente in aria e, a causa della violenta spinta indietro del
fucile, il calcio dell'arma avrebbe colpito la mano, provocando profonde escoriazioni.
http://iltempo.ilsole24ore.com/latina/cronaca_locale/latina/2010/01/03/1110347-
ferisce_mano_mentre_pulisce_fucile.shtml

--oOo--

09.01.2010
#3 FERITI GENTE COMUNE. - AMB. CRIMINALE – (Rosarno) REGGIO CALABRIA
Rosarno. “Volevano ammazzarci tutti”
ROSARNO, 9 gennaio 2010. Negli occhi hanno ancora il terrore, sul corpo i segni indelebili delle spranghe
e dei pallini dei fucili da caccia, nelle parole la disperazione di chi non solo ha rischiato di morire ma ha,
anche, perso la possibilità di racimolare quei pochi euro da spedire ai familiari rimasti in Guinea, Nigeria,
Togo. «Volevano farci male veramente, ammazzarci tutti. Ma noi siamo venuti qui solo per lavorare, non
chiedevamo e non vogliamo altro». Omar, Ibrahim, Mohammed (ma non sono i loro veri nomi) stanno nei
loro letti del reparto chirurgia dell’ospedale di Gioia Tauro, sono i feriti ‘gravi’ della rivolta di Rosarno:
Omar ha l’inguine crivellato di pallini; Ibrahim e Mohammed, partiti dalla Guinea, hanno invece le gambe
che a guardar le lastre sembrano una groviera. Hanno una cinquantina di buchi per uno, pallino più pallino
meno. «Non li possiamo estrarre – dice uno dei medici che li ha in cura – devono essere il corpo ad
espellerli, ma il rischio è che facciano infezione. Certo difficilmente torneranno a camminare come prima».
«Stavo tornando dal supermercato quando si è avvicinata una macchina. Mi hanno chiamato: ‘ehi nero’. Io
mi sono girato e loro mi hanno sparato. Non avevo fatto nulla. Non ho capito nulla. So solo – aggiunge quasi
vergognandosi – che ora non potrò più mandare i soldi a casa. E loro non sanno come fare senza di me».
Ibrahim e Mohammed sono invece i ‘gambizzati’ di ieri quando, dopo la rivolta, alcuni abitanti di Rosarno
hanno iniziato la caccia all’immigrato. Vivevano in un casolare isolato in mezzo agli agrumeti: «Eravamo
nel cortile di casa – raccontano – ci hanno sparato con un fucile da caccia ma noi non li abbiamo neanche
visti. Abbiamo soltanto sentito il rumore dei colpi e subito dopo un dolore alle gambe».
http://www.melitoonline.it/2010/01/09/rosarno-%E2%80%9Cvolevano-ammazzarci-tutti%E2%80%9D/

--oOo--

11.01.2010
#3 FERITI GENTE COMUNE. DA CACCIATORE- AMB.CRIMINALE/FAMILIARE/VIOLENZA
DOESTICA. - CASERTA
Spara alla ex moglie, al convivente e alla ex suocera: arrestato dai Carabinieri nel casertano
L'uomo, 50 anni, ha impugnato un fucile da caccia e ha fatto fuoco di fronte agli occhi dei figli - L'episodio
sarebbe avvenuto al termine di una lite
Tragedia familiare sconvolge il casertano. Un commerciante di frutta e verdura, Giovanni Camoputaro, di 50
anni, di san Potito Sannitico, piccolo centro dell’alto casertano, ha ferito gravemente con colpi di fucile da
caccia l’ex moglie, l’ex suocera e l’attuale convivente della moglie.
http://www.blitzquotidiano.it/cronaca-italia/spara-alla-ex-moglie-al-convivente-e-alla-ex-suocera-arrestatodai-
carabinieri-nel-casertano-200996/

--oOo--

12.01.2010
1 FERITO CACC. - AMB.DOMESTICO. (PULIZIA ARMA-imperizia) – OLBIA
Olbia, cacciatore si ferisce mentre pulisce il fucile
L'uomo, 63 anni, stava pulendo il suo fucile quando, forse a causa di una distrazione, il colpo che aveva
dimenticato in canna è partito ferendolo alla spalla. Non è grave.
E' finito all'ospedale Salvatore Masala, cacciatore pensionato di 63 anni, di Olbia. Ha avuto la frattura della
spalla ed è stato ricoverato nel Reparto Ortopedia dell'ospedale olbiese. Erano da poco trascorse le 12 quando
Salvatore Masala si è ferito con il colpo di fucile: da quanto fanno sapere i carabinieri del Reparto territoriale
di Olbia pare che l'uomo stesse pulendo l'arma. La moglie sentito lo sparo e vedendo il marito riverso sul
pavimento dell'abitazione, in viale Aldo Moro, ha chiamato i soccorsi. Il personale del 118 ha trasportato
l'uomo in ospedale ma le sue condizioni non sono gravi.
http://unionesarda.ilsole24ore.com/Articoli/Articolo/163390

--oOo—

FUORI CONTEGGIO ARMI

17.01.2009
#1 DONNA FERITA DA UNA TAGLIOLA FUORI CASA!!!
TAGLIOLA - Imola - Esce di casa e pesta una tagliola
Anziana gravemente ferita dalla trappola illegale. Dietro il gesto la mano di qualche conoscente della donna
MORDANO - Una trappola tesa ad arte oppure un tragico incidente causato dalla irresponsabilità di qualche
cacciatore. Sono queste le piste seguite dai carabinieri della stazione di Mordano per tentare di fare piena
luce su quanto avvenuto ieri mattina nelle campagne della vicina frazione di Bubano dove un’anziana di 86
anni (F.G. le sue iniziali), residente in via Bazzino, ha rischiato di morire dissanguata rimanendo
imprigionata in una tagliola da caccia. Appena varcato il cancello della proprietà, la donna è finita con una
gamba nella spietata morsa di una tagliola da caccia.
Il manufatto in ferro, con tutta probabilità realizzato artigianalmente e di solito impiegato illegalmente nella
caccia a lupi, volpi e cinghiali, si trovava proprio all’esterno del cancello, a pochi passi dalla strada.
Solo l'intervento di un cacciatore, accorso dopo aver sentito le urla della donna, l'ha salvata dalla trappola
che poteva esserle fatale.
http://www.romagnanoi.it/News/Romagna/Imola/Cronaca/articoli/115623/Esce-di-casa-e-pesta-unatagliola.
asp

--oOo--

20.01.2010
#1 FERITO GENTE COMUNE – (MINORE 16enne) AMBITO CRIMINALE – REGGIO CALABRIA
Sedicenne gambizzato nel Reggino con fucilata a pallini
(ANSA) - BIVONGI (REGGIO CALABRIA), 20 GEN - Un sedicenne, G.G., e' stato gambizzato ieri notte
a Bivongi, nel Reggino, con un colpo di fucile caricato a pallini.Il ragazzo era in compagnia di alcuni amici
quando un uomo col volto coperto da un casco da motociclista giunto a bordo di uno scooter guidato da un
complice gli ha sparato raggiungendoloalla coscia destra. Secondo le prime indagini dei Cc,il gestonon
sarebbe da collegare alla criminalita' organizzata. Si sta indagando nella vita privata del ragazzo.
http://www.giornaledibrescia.it/Ansa/496491.html?idansa=37620

--oOo--

21.01.2010
#1 FERITO GENTE COMUNE –AMB. CRIMINALE- BRINDISI
Misterioso agguato a Franco Palermo
Mesagne, agguato a Palermo Francesco Sparatoria all’alba in via Sandonaci. E’ quanto emerge dalla
rimozione data da Franco Palermo (nella foto) mesagnese, classe 1966. Il Palermo sarebbe stato colpito alle
spalle con un fucile da caccia mentre usciva da casa.
http://mesagnesera.mesagne.me/misterioso-agguato-a-franco-palermo/0003343.html

--oOo--

29.01.2010
#1 FERITO GENTE COMUNE – AMB.CRIMINALE – VERONA
Uomo ferito in auto a colpi di fucile a pallini
BUTTAPIETRA.
I carabinieri di Vigasio durante il sopralluogo nel punto in cui l’impiegato mantovano è stato colpito dai
pallini, è stato ferito da colpi d'arma di fucile mentre rientrava a casa dal lavoro ai confini tra Buttapietra e
Vigasio.
Per ora l'impiegato può stare tranquillo, piantonato com'è nel letto dell'ospedale di Borgo Roma dopo
l'intervento alla mano. I pallini sparati da un'auto che avrebbe affiancato quella della vittima infatti hanno
centrato la sua mano sinistra, fratturando le ossa.
http://www.larena.it/stories/Home/123396_agguato_nella_notte_affiancato_inmacchina_e_ferito_a_fucilate/

--oOo--



FUORI CONTEGGIO
25.01.2010
#1 MORTO GENTE COMUNE DA CACCIATORE (DONNA moglie di cacciatore uxoricida)– AMB.
CRIMINALE/FAMILIARE – NON RIENTRA CONTEGGIO ARMI CACCIA MA COME CACCIATORE
UXORICIDA - ROVIGO
Nel Rodigino -. L’uomo aveva lasciato un biglietto alla figlia. Imprenditore spara alla moglie e si uccideLe
vittime sono Romano Borin e Dubrilla Moschini. Li hanno trovati davanti alla tivù. L’omicidio-suicidio
potrebbe risalire a domenica sera, lunedì la scoperta.
ADRIA (Rovigo) –Romano Borin, artigiano edile di 62 anni di Adria, ha prima ucciso la consorte Dubrilla
Moschini, casalinga di 59, sparandole con una pistola Beretta 85 Fs calibro 21. Due colpi, uno alla nuca e
uno alla schiena, mentre stava facendo le parole crociate. Poi si è tolto la vita.L’acquisto dell’arma Un dato
ha subito attirato l’attenzione dei carabinieri. L’acquisto della Beretta in un’armeria adriese, risalente allo
scorso 12 dicembre, da parte dello stesso imprenditore per altro appassionato di caccia e possessore di
diverse armi. L’ipotesi fin qui più accreditata, quindi, è che Borin stesse da tempo meditando un gesto
disperato.
25 gennaio 2010
http://corrieredelveneto.corriere.it/veneto/notizie/cronaca/2010/25-gennaio-2010/uccide-moglie-poi-sitoglie-
vita-1602346794310.shtml

Comments

Per poter lasciare o leggere i commenti bisogna essere iscritti.
 

Commenti Facebook

Da questo semplice form potrete collegarvi direttamente al vostro account su facebook.

Banner