Associazione Vittime della caccia

organizzazione di volontariato senza fine di lucro ai sensi della Legge 266-91

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

’Europa minaccia multe milionarie. E anche la Lombardia abroga la “caccia in deroga”

E-mail Stampa PDF

’Europa minaccia multe milionarie. E anche la Lombardia abroga la “caccia in deroga”

La Lega Nord è già pronta a riproporre il provvedimento “illegale” per la prossima stagione venatoria: "E’ una forzatura della Ue contro l'Italia e soprattutto contro Lombardia e Veneto. Faremo di tutto per far valere i diritti dei cacciatori”. Zanoni, eurodeputato Idv: “Farò il possibile perché nessuno faccia il furbo e vengano rispettate le direttive comunitarie, tra agosto e settembre 2012 li aspetterò al varco"
L’Europa mette in mora l’Italia con multe milionarie per la caccia illegale alle specie protette e super protette. E la giunta Formigoni la fa franca cambiando una legge all’ultimo momento. Nel mirino della commissione europea alcune regioni italiane (Veneto e Lombardia in testa ma anche Liguria, Toscana, Puglia e Lazio) che hanno introdotto nell’elenco delle specie cacciabili piccoli uccelli migratori, uccisi in barba ai regolamenti comunitari nonché italiani.

Il provvedimento d’infrazione contro l’Italia, che prevede il pagamento di sanzioni molto onerose, inviato dalla commissione europea il 24 novembre scorso ha costretto la regione Lombardia e il presidente Formigoni a un’imbarazzante e frettolosa retromarcia dell’ultimo momento poco prima delle feste natalizie: “Il Consiglio regionale modifichi immediatamente le legge sulla caccia in deroga e sui richiami vivi per porre fine a un’infrazione comunitaria che espone la Regione a gravi rischi”, ha spiegato il governatore della Lombardia, “la si smetta con pratiche che espongono i cittadini al pagamento di multe salatissime. E con la crisi e i tagli, è un rischio assolutamente da scongiurare”.

Il dietrofont di Formigoni. La commissione europea aveva concesso un mese di tempo alla regioni italiane per adeguarsi alle normative comunitari... Leggi tutto alla fonte: www.ilfattoquotidiano.it

Comments

Per poter lasciare o leggere i commenti bisogna essere iscritti.
 

Commenti Facebook

Da questo semplice form potrete collegarvi direttamente al vostro account su facebook.

Banner