Associazione Vittime della caccia

organizzazione di volontariato senza fine di lucro ai sensi della Legge 266-91

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Eventi ed iniziative

Vicenza, anche qui class action contro i cacciatori

E-mail Stampa PDF

 

Vicenza, anche qui class action contro i cacciatori

Stando alle cifre date dal Coordinamento protezionista, i proprietari di terreni vicentini ove si svolge la caccia vantano un credito nei confronti della Provincia di  17.500.000 euro solo per il 2011.

La Regione Veneto, infatti, non ha mai dato attuazione all'art. 15 della legge nazionale n.157 del 1992 sulla disciplina della caccia secondo cui sarebbe "dovuto ai proprietari o conduttori un contributo da determinarsi a cura della amministrazione regionale in relazione alla estensione, alle condizioni agronomiche, alle misure dirette alla tutela e alla valorizzazione dell'ambiente; una spesa a cui si deve far fronte con la tassa di concessione venatoria regionale".

La successiva legge regionale 50 del 1993, specifica all'articolo 27 : "Le Province sono delegate ad erogare, sulla base dei criteri di cui alla lettera e), comma 6, dell'articolo 8, un contributo ai proprietari o conduttori dei fondi rustici inclusi nel piano faunistico venatorio regionale ai fini della gestione programmata della caccia".

"Se si considera un'indennità medio-bassa di 70 euro all'anno per ettaro", spiega Renzo Rizzi del Coordinamento, "pari a 0,007 al mq, tariffa inferiore a quelle utilizzate per le aziende venatorie, moltiplicata per gli ettari ove sui svolge la caccia ( 250.000 ), si scopre che la Provincia di Vicenza avrebbe dovuto pagare ai proprietari dei terreni  per l'anno 2011 ben 17.5 milioni di euro. Se si considera ancora, che nulla è stato pagato, gli arretrati di 10 anni ammontano a oltre 175 milioni, più interessi, solo per il Vicentino".

La LAC (che ha aperto anche un'iniziativa simile a livello regionale) e il Coordinamento hanno incaricato i propri legali di patrocinare in un fronte comune tutti i proprietari e conduttori dei fondi rurali dove si svolge la caccia, che dovessero reclamare il canone 2011 non corrisposto.

Per fare richiesta di rimborso, il Coordinamento protezionista ha messo a disposizione un indirizzo, Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.   e un numero di telefono, 347 9344789.


Read 0 Comments... >>
 

San Giuseppe Vesuviano – Fiaccolata per il finanziere ucciso dai bracconieri

E-mail Stampa PDF

dal Blog di Pino Cerciello

San Giuseppe Vesuviano – Fiaccolata per il finanziere ucciso dai bracconieri

San Giuseppe Vesuviano – Una fiaccolata “per un piccolo eroe dimenticato”.  Ieri sera la manifestazione in Via Croce Rossa davanti al Centro Giovanile dei Padri Giuseppini. Il ricordo, nella giornata dedicata ai Santi Angeli Custodi, era per il giovane maresciallo della finanza, Angelo Prisco, trucidato il 19 dicembre del 1995, quando aveva 28 anni, sul Vesuvio, per aver probabilmente visto qualcosa da non dover mai raccontare.

Angelo Prisco con il suo cane sul Vesuvio

Lo uccisero sparandogli alla schiena con un fucile da caccia. Il cadavere fu ritrovato in un crepaccio poco lontano in una località impervia e isolata. Il sottufficiale, che prestava servizio nella Guardia di Finanza a Chiavenna (Sondrio), era tornato nella sua cittadina per le vacanze natalizie. A organizzare la fiaccolata, l’Associazione Cittadinanzattiva e il gruppo di amici del finanziere. Per quel barbaro omicidio, un anno dopo, furono arrestati due bracconieri di Somma Vesuviana che, però, nel corso dei numerosi gradi di giudizio, sono riusciti a dimostrare la loro estraneità alla vicenda. Sentenze contestate da molti degli amici di Angelo Prisco che comunque, ancor oggi, si stanno adoperando per riaprire il caso alla luce di nuovi elementi acquisti.

Una vicenda triste ma anche un grande atto di eroismo per il giovane maresciallo, amante della natura e del Parco Vesuvio che gli ha voluto dedicare uno spiazzo a quota 710 metri, nella Valle dell’Inferno. Una lapide ricorda “qui assassinato dai bracconieri nel 1995”. La fiaccolata si è conclusa davanti al santuario di Piazza Garibaldi all’interno del quale è stata celebrata una Messa in suffragio.

Fonte: Il Mattino 03 Ottobre 2011


Read 0 Comments... >>
 

QUO VADIS VATIKAN? di Padre Tomasz Jaeschke

E-mail Stampa PDF

QUO VADIS VATIKAN? di Padre Tomasz Jaeschke

VENITE DOMENICA 2 OTTOBRE IN PIAZZA SAN PIETRO (è importante dalle 9.00 alle 13.00)
E' UN'OCCASIONE UNICA PER DARE VOCE, CON IL SILENZIO DI UN DOLORE MUTO, AI NOSTRI FRATELLI ANIMALI SOFFERENTI E DIMENTICATI.
Padre Tomasz è arrivato in Italia, lo abbiamo accolto, abbiamo  programmato le azioni di sostegno dei prossimi giorni, Padre Thomasz ha comunicato attraverso Facebook con tutti coloro  che nel mondo lo sostengono, lo abbiamo portato nella stanza dove ha scelto di dormire a stretto contatto con i cani e gatti più anziani e malandati della nostra Associazione, ha voluto partecipare all'incontro Vegan di Piazza Trilussa e da stasera inizierà il suo Ritiro Spirituale.
DOMANI IN PIAZZA SAN PIETRO SAREMO DIETRO DI LUI, RACCOLTI e IN SILENZIO, CON LA BENDA VIOLA AL BRACCIO IN SEGNO DI LUTTO PER LA SOFFERENZA DEI NOSTRI FRATELLI.
DOBBIAMO ESSERE IN TANTI  A SOSTENERLO!
Ciò che avverrà a San Pietro darà un segnale molto importante, anche se il Papa resterà sordo alla domanda di Padre TomaszDopo il suo "apparentemente piccolo" gesto, altri troveranno il coraggio di chiedere conto della sofferenza degli animali e la strada dell' "Uomo al Centro dell'Universo" dovrà essere abbandonata per un nuovo percorso, che dovrà considerare tutte le creature del pianeta, senza le quali l'uomo è finito.
Ci sarà un volontario dell'Associazione P.AN.D.A. che distribuirà una FASCIA DA BRACCIO VIOLA, in segno di lutto per la sofferenza di milioni di animali sofferenti e torturati.
PRENDETE LA VOSTRA FASCIA e TESTIMONIATE  che gli animali hanno FRATELLI CHE LOTTANO PER LORO.

 

Il 4 ottobre, giorno di San Francesco, Padre Tomasz avrà interrotto il suo silenzio e potrà parlare con tutti mentre sarà a  San Pietro  fino alle 16.00  e poi sarà a disposizione per benedire ogni vostra creatura animale... ancor più se sofferente, malata, abbandonata, triste…

 

Chi vorrà far benedire i propri animali, di qualunque specie o razza, potrà venire sotto la statua di San Francesco, a San Giovanni, a Roma, dalle 17.30.00 alle 18.30

“Sarò con loro e per loro, con  la mia preghiera e la mia benedizione, che è la benedizione di Dio…”

 

Il 4 ottobre tra le 21:00 e le 22:00 sarà possibile mettersi in contatto con Padre Tomasz online, attraverso il gruppo di Facebook:  “Quo Vadis Vatikan!”  e dalle ore 16.00 il contatto potrà essere anche telefonico attraverso la traduttrice che potrà rispondere in lingua italiana, inglese e spagnolo al Numero  0039/331 7666108

Sono gradite iniziative di diffusione di questo messaggio e che possano dare riverbero a questa iniziativa.
Per info: Viviana Frigino 339 3326933

Iniziativa: QUO VADIS VATIKAN? di Padre Tomasz Jaeschke  



Read 1 Comments... >>
 

SOSTENIAMO Padre Tomasz PER AMORE dei nostri FRATELLI ANIMALI

E-mail Stampa PDF

Associazione P.AN.D.A. -30.09.2011

Cari amici e amiche animaliste,

Come avrete letto sui giornali, Padre Tomasz  Jaeschke , prete cattolico che vive in Austria e che straordinariamente vive la sua fede come “Animal Pastor”,  sarà a Roma dal 2 al 4 ottobre, in Piazza San Pietro, a chiedere a Papa Benedetto XVI:  “Quo vadis Vatikan?” A chiedere al Vaticano qual è la strada che ha deciso di percorrere di fronte alla sofferenza di tutte le creature di Dio, umane e non umane.

[] CHI VORRA’ SOSTENERE IL MESSAGGIO DI PADRE TOMASZ POTRA’ ESSERE CON LUI A SAN PIETRO IL 2 e 3 OTTOBRE.

“Metterò un piccolo segno – dice Padre Tomasz – ricorderò a Papa Benedetto XVI quello che già gli ho scritto nel febbraio 2010: “Santo Padre, di fronte alla sofferenza dei nostri fratelli animali, non dobbiamo più guardare da un altra parte...  non dobbiamo davvero farlo più… Semplicemente perchè non è leale nei confronti dei nostri fratelli, delle nostre sorelle, degli animali e neanche nei confronti dell'Uomo di Nazareth, che è venuto al mondo per  annunciare l'amore incondizionato per tutte le creature e che per la sua lealtà e coraggio di dire la verità è stato crocifisso.”

Padre Tomasz passerà i primi due giorni (2-3 ottobre) dell’iniziativa Quo Vadis Vatikan in silenzio. In quei giorni NON si potrà comunicare con lui verbalmente.

Starà in silenzio “come atto consapevole di solidarietà con tutte le creature viventi (animali ed umani), che non hanno la possibilità di comunicare verbalmente, di far sentire la loro voce e il loro urlo di dolore. E per questo vengono ignorati, discriminati, trascurati, sottoposti ad abusi e maltrattamenti.

Starà in silenzio, digiuno e in preghiera. Per tutte le creature.

Il 4 ottobre, giorno di San Francesco, Padre Tomasz sarà a disposizione di ogni creatura animale sofferente, malata, abbandonata, triste…

Potrete chiedergli di benedire i vostri animali, di qualunque specie o razza. Padre Tomaz sarà a disposizione. E il 5 ottobre sarà disponibile  anche fuori Roma.

“Sarò con loro e per loro, con il mio digiuno, la mia preghiera e la mia benedizione, che è la benedizione di Dio…”

Il 4 ottobre tra le 21:00 e le 22:00 sarà possibile mettersi in contatto con Padre Tomasz online, attraverso il gruppo di Facebook:  “Quo Vadis Vatikan!”  e dalle ore 16 il contatto potrà essere anche telefonico attraverso la traduttrice che potrà rispondere in lingua italiana, inglese e spagnolo al Numero  0039/331 7666108

A tutti i fratelli degli animali che non potranno essere con lui, Padre Tomasz chiede un piccolo gesto d’amore:

“Vorrei sentire tutto il vostro sostegno  quando sarò seduto davanti alle porte del Vaticano digiunando, restando fermo, pregando per gli Animali,

Basterà che tra le ore  15.00 e le ore 16.00 del 2 e 3 ottobre, siate con me con una vostra breve preghiera, una riflessione, un pensiero, la carezza per un animale, una buona parola per un altro umano, per vostro marito o vostra moglie, per il vostro bambino o un qualsiasi bambino... per  il vostro animale o un qualsiasi animale... pensando a me mentre lo state facendo...

In questo modo sarete TUTTI CON ME, a quell'ora, in Piazza San Pietro.. uniti nella preghiera, nella lotta e nell’impegno per un mondo migliore; un mondo umano, dove gli esseri umani riconoscono negli occhi di una Creatura Animale il loro piccolo Fratello, la loro piccola Sorella e, prima di tutto, la Creatura Amata da Dio, uno dei Bambini di Dio.

Per favore, dal 2 al 4 ottobre, tutti giorni dalle ore 15.00 alle ore 16.00.

Non lasciatemi solo“


Un grande e cordiale GRAZIE va prima di tutto alla meravigliosa Laura Pontini, Presidente dell'associazione  Lamento Rumeno Onlus, che in primis mi ha contattato ed offerto sostegno

Un particolare GRAZIE va anche all'Associazione P.AN.D.A. che mi mette a disposizione le sue stanze condivise con gli animali, esaudendo così il mio grande sogno… E grazie anche all'Associazione Vittime della Caccia, un’associazione che darà supporto alle mie domande e problematiche.

Un GRAZIE di cuore anche ad una meravigliosa animalista dalla Spagna, Bruni, che arriverà a Roma il pomeriggio del 4 ottobre per affiancarmi quale traduttrice di tedesco, inglese e spagnolo.

A tutti VOI, Cari Amici dall'Italia, un Grande, Caro e Cordiale GRAZIE per il sostegno che date alla mia azione e per i vostri fantastici servizi quotidiani per i Nostri Fratelli e Sorelle Animali!

A tutti voi: un Grande GRAZIE di cuore!

Il vostro Animalpastor

Per info:

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

cell. 339 3326933

--------------------------------------------

AGGIORNAMENTO EVENTO: QUO VADIS VATIKAN?


Read 2 Comments... >>
 

Migliaia di NO alla caccia!

E-mail Stampa PDF

Andrea Zanoni, europarlamentare: Eravamo in migliaia a dire NO alla caccia! Bandiere, striscioni, citazioni e soprattutto tanta, tanta gente. La manifestazione nazionale contro la caccia insieme alla Marcia della Pace Perugia-Assisi di ieri è stata un successo, fortissimo, quasi inaspettato. Un’esperienza straordinaria intrisa della gioia e dell’amore di migliaia e migliaia di persone che hanno voluto gridare al cielo SI alla Pace e NO a tutte le guerre, compresa quella che ogni anno scoppia a settembre contro gli animali selvatici di tutta Italia.
Eravamo in migliaia a manifestare per il diritto alla vita degli animali contro l’assurda mattanza a cui ogni hanno siamo costretti ad assistere. Una mattanza che non risparmia nessuno, né le numerose specie di uccelli in fase di migrazione prenuziale (come il germano reale, la folaga, la cesena e i tordi) né tanto meno specie espressamente protette e a rischio estinzione.

Migliaia di uomini, donne, anziani e bambini sono scesi in strada domenica per partecipare alla marcia Perugia–Assisi, un percorso simbolico nel cuore dell’Italia e della sua anima più bella, nei cuori dei tanti italiani che non riescono a chiudere gli occhi di fronte a tanta sofferenza inferta senza colpo ferire. Una manifestazione bella e sentita, abbracciata da un caldo sole che ci ha accompagnato lungo i chilometri della marcia.

Insieme a me, c’erano le tante associazioni animaliste ed ambientaliste che conducono una battaglia quotidiana contro la caccia e gli interessi della lobby dei cacciatori. Lac, Lav, Animalisti italiani, Enpa, Oipa, Italia Nostra, No alla caccia, Vittime della Caccia, e Lipu.

Come Eurodeputato, farò tutto il possibile per portare questa battaglia in Europa grazie anche all’entusiasmo che ho respirato ieri insieme ai tanti italiani che, come me, vogliono dire BASTA  alla caccia per sempre! Fonte: www.andreazanoni.it


Read 0 Comments... >>
 

“Venganch'io”, “caccia” alla caccia

E-mail Stampa PDF

Nello scorso week end l'Associazione Animalista “Venganch'io” è stata presente in Piazza Duomo con banchetti informativi e volantini per dire “no” all’apertura della stagione venatoria. Ragioni animaliste, ambientali e di sicurezza alla base della protesta. Avviata, inoltre, la raccolta di firme per “fermare” l'ingresso dei cacciatori nei fondi privati…

Lo scorso fine settimana, l'Associazione Animalista Cavese “Venganch'io” è stata presente in Piazza Duomo a Cava de' Tirreni con un banchetto informativo contro la caccia, alla vigilia dell'apertura della stagione venatoria 2011/2012 e in concomitanza con la manifestazione nazionale anti-caccia che si è svolta a Torino il 17 settembre.

In questa occasione gli attivisti dell'Associazione hanno distribuito dei volantini in cui venivano spiegate le varie motivazioni per cui siamo contro quest'attività crudele, non solo ragioni animaliste, ma anche ambientali e di sicurezza.

Inoltre abbiamo invitato le persone interessate a firmare una richiesta di abrogazione, promossa dalla Lega Nazionale contro la caccia, di una articolo del Codice Civile che permette ai cacciatori di entrare liberamente nei fondi privati durante la stagione di caccia.

In questa occasione ci teniamo infine a ricordare che l'Associazione “Venganch'io” è fortemente critica nei confronti delle ultime decisioni in materia di caccia deliberate dalla Regione Campania e fortemente richieste dal nostro concittadino consigliere regionale Giovanni Baldi, riguardanti la modifica degli Ambiti Territoriali di Caccia e il prolungamento del calendario venatorio fino al 09/02/12.

Associazione Animalista Cavese Venganch’io


Read 0 Comments... >>
 


Pagina 7 di 9
Banner