Associazione Vittime della caccia

organizzazione di volontariato senza fine di lucro ai sensi della Legge 266-91

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

PETIZIONE: NO alle lezioni di caccia nelle scuole

E-mail Stampa PDF

PETIZIONE ON-LINE

FIRMA LA PETIZIONE A QUESTO> LINK

Patrizia Sergio ha lanciato questa petizione e l'ha diretta a Valeria Fedeli, Ministro della Pubblica Istruzione; a Roberta Morelli Assessore Pubblica Istruzione Provincia di Brescia; Franco Bonesso Assessore Pubblica Istruzione Provincia di Brescia; Elena Donazzan Assessore Pubblica Istruzione Regione Veneto

Ai Signori Ministro della Pubblica Istruzione e Assessori Regionali e Provinciali di questo Paese, chiedo di NON AUTORIZZARE - NE' PROMUOVERE - INCONTRI SUL TEMA DELLA CACCIA NELLE SCUOLE! Qualsiasi alone di 'nobiltà' possa venire assegnato a questa 'pratica' è solo un'iniziativa ipocrita. Perchè gli interlocutori sono menti plasmabili e l'inganno è dietro l'angolo: bambini e ragazzi MINORENNI ai quali si raccontano 'fiabe' dove i fucili non fanno male ma sono elementi culturali e consentono svago e divertimento!

Sul quotidiano Il Giorno di Brescia dell'11.3.2018 raccontano che in una scuola elementare di Gardone e Marcheno (Brescia), da qualche settimana i cacciatori fanno lezione in classe. Organizzata dal Consorzio Armaioli (!) portano cani, volatili imbalsamati e un libro (bontà loro, pensano di fare così cultura!). Vengono raccontate 'favole' che riabilitano il cacciatore in veste di custode della natura e... le mamme ringraziano! (e non è ironia) perché così si valorizza la tradizione, perchè in Valtrompia, terra di fucili e tradizioni venatorie, la caccia è considerata cosa buona e giusta, da imparare sui banchi di scuola. E hanno già chiamato dalle scuole di Sarezzo, Polaveno, Lodrino per ospitare anch'essi queste lezioni così educative. Come racconta Il Giorno, anche il sindaco di Gardone, Pierangelo Lancelotti, plaude: «Capisco che per chi non vive da queste parti sia un progetto strano. Ma per noi avere a che fare con un fucile è normale".

'Normale' appare anche per la Regione Veneto e la Provincia di Treviso che hanno patrocinato un''iniziativa simile titolata: “Giovani a caccia di esperienze”.

Un genere di esperienza che lascerei comunque sempre e solo a persone maggiorenni, che hanno già raggiunto quella maturità che consenta loro di non confondere un fucile vero con quello dei videogame.

PETIZIONE:  https://www.change.org/p/no-alle-lezioni-di-caccia-nelle-scuole-miursocial

NEWS: IL FATTO QUOTIDIANO

NEWS: Oggi sui media si parla di 'noi'!



Comments

Per poter lasciare o leggere i commenti bisogna essere iscritti.
 

Commenti Facebook

Da questo semplice form potrete collegarvi direttamente al vostro account su facebook.

Banner