Associazione Vittime della caccia

organizzazione di volontariato senza fine di lucro ai sensi della Legge 266-91

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

MALTEMPO: PROROGATO DIVIETO CACCIA IN ALCUNE AREE DELLE PROVINCE DI PADOVA, TREVISO E VICENZA

E-mail Stampa PDF

(AGENPARL) - Con un decreto firmato oggi dal presidente della Regione Luca Zaia è stato prorogato in alcune zone delle province di Padova, Treviso e Vicenza il DIVIETO DI CACCIA emesso con validità dal 3 al 6 novembre, per la grave situazione determinatasi a carico dei patrimoni faunistici a seguito dell’alluvione. Le aree interessate dal provvedimento di oggi riguardano le province di Padova, Treviso e Vicenza.

Sono disposte a far data da domenica 7 novembre 2010 compreso le seguenti misure limitative dell’attività venatoria:

  1. Provincia di Padova: sospensione dell’esercizio venatorio alla fauna stanziale e alla fauna migratoria in forma vagante nell’Ambito territoriale di Caccia PD2 “Montagnanese-Estense” fino a sabato 13 novembre 2010 compreso;

  2. Provincia di Treviso: sospensione dell’attività venatoria alla fauna stanziale in forma vagante per le giornate di domenica 7 e lunedì 8 novembre 2010 nell’area ricompresa tra il perimetro della ZRC Provinciale denominata "Medio Piave" a sud, a seguire il confine stesso della ZRC in corrispondenza della S.P. 92 delle Grave di Papadopoli fino alla rotonda poi lungo Via Lungo Piave Superiore, successivamente lungo Via Prese proseguendo per Via S. Michele fino all'incrocio con Via Lovadina a proseguire verso nord per Via Lovadina fino all'incrocio con la S.P. 34 Sinistra Piave in direzione di Susegana fino all'incrocio con Via Bombardiera e lungo questa fino al confine della ZRC Provinciale "Medio Piave", e a seguire chiudendo sul perimetro della ZRC stessa (ATC4 e ATC9);

  3. Provincia di Vicenza: sospensione fino alla data del 12 novembre 2010 della caccia alla selvaggina stanziale nelle zone alluvionate, in particolare nei terreni entro gli argini esterni, comprese le zone golenali, dei fiumi Brenta, Bacchiglione, Retrone, Timonchio, Tesina, Guà, canale Bisatto e scolo Liona; è consentita comunque in tali zone la caccia alla selvaggina migratoria e consentendo ogni forma di caccia nella Zona faunistica delle Alpi.
Fonte: www.agenparl.it

Comments

Per poter lasciare o leggere i commenti bisogna essere iscritti.
 

Commenti Facebook

Da questo semplice form potrete collegarvi direttamente al vostro account su facebook.

Banner