Associazione Vittime della caccia

organizzazione di volontariato senza fine di lucro ai sensi della Legge 266-91

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

BISCEGLIE. Wwf: "Amoruso pro caccia"

E-mail Stampa PDF

Bisceglie- Gravissima azione intimidatoria a Lago Salso. Nella mattinata del 1° febbraio, un capanno d’osservazione del Gobbo Rugginoso, un'anatra molto rara oggetto di uno dei numerosi progetti naturalistici dell'oasi, è stato incendiato e distrutto completamente (foto). Solo grazie al tempestivo intervento di un operatore si è evitato il propagarsi delle fiamme alla vicina voliera che ha subito danni solo marginali.

Siamo a sud del comune di Manfredonia, in provincia di Foggia. L’area di 540 ettari del Lago Salso fa parte del sistema delle zone umide di Capitanata, le più importanti dell'Italia Meridionale. Inclusa nel perimetro del Parco Nazionale del Gargano, ricade anche nel Sic (Zone umide della Capitanata) e nella Zps denominata “Paludi presso il Golfo di Manfredonia”, caratterizzati dalla presenza di numerose specie di avifauna di interesse comunitario.

Da pochi giorni questo gioiello della natura è entrato a far parte del sistema delle oasi Wwf in base a una convenzione sottoscritta, in occasione della Fiera Mediterre a Bari, tra il Wwf Italia e la società di gestione Oasi Lago Salso S.r.l., costituita dal Comune di Manfredonia, dall'Ente Parco Nazionale del Gargano e dal Centro Studi Naturalistici Onlus.

«È chiaro – ha dichiarato Enzo Rizzi del C.S.N. – che questa azione intimidatoria è collegata con la  costituzione della nuova oasi Wwf e alla chiusura della caccia avvenuta domenica scorsa. È evidente che i bracconieri interessati alla zona sono irritati per questa scelta strategica di conservazione della natura». Non una novità, purtroppo. «Non è il primo attacco – ha confermato Fulco Pratesi, presidente onorario Wwf Italia – che bracconieri sferrano contro le oasi del Wwf, ottenendo però l'unico risultato di far accrescere il malanimo della popolazione contro questa piccola ma arrogante minoranza».

Per il Wwf Italia, l’attentato è la prova della concretezza e della bontà della scelta  di inserire Lago Salso nel sistema delle oasi Wwf. In futuro sarà però necessario un maggiore sostegno da parte delle istituzioni e in particolare dell’Ente Parco del Gargano e della Regione, con la quale di recente è stato firmato un protocollo d'intesa per incrementare il “turismo natura” in Puglia. Il Wwf Italia ritiene indispensabile il supporto di tali enti per arrivare al più presto alla costituzione presso l’oasi Lago Salso di un Comando del Corpo Forestale dello Stato, che svolgerebbe azione di vigilanza anche per la vicina Palude Frattarolo.

L’attentato incendiario di Lago Salso, evidenzia il Wwf, finisce anche con l’inserirsi nella preoccupante situazione di estrema aggressività venatoria che si riscontra in concomitanza dell’approvazione al Senato dell'articolo 38 della cosiddetta Legge Comunitaria che cancella i limiti della stagione venatoria, attualmente compresi tra il 1° settembre e il 31 gennaio, e che aprirebbe, se approvata anche alla Camera, una stagione di caccia selvaggia per tutto l’anno.

Per Pasquale Salvemini, coordinatore regionale della Vigilanza del Wwf, il 2010 non sarà ricordato come l’anno dedicato alla “biodiversità”, ma si consacrerà come quello dello scempio ambientale. Il ritorno al nucleare, le trivellazioni petrolifere, la cementificazione selvaggia, le gradi opere inutili, come il ponte sullo Stretto di Messina e il Mose a Venezia, e ora l’eventuale apertura della caccia tutto l’anno sono il risultato di una politica devastante a 360 gradi.

Non va dimenticata, poi, una questione tutta italiana: i cacciatori hanno diritto a entrare nelle proprietà private senza alcun obbligo mentre per un qualsiasi altro cittadino scatterebbe una denuncia penale. In Puglia, del resto, il problema è ancora più sentito in quanto, in diversi mesi dell’anno, è molto vivo il turismo rurale, che però mal si concilia con la presenza delle doppiette.

La delusione, dunque, aumenta quando si scopre che a votare favorevolmente il sopraccitato articolo 38 sono i nostri rappresentanti in Parlamento: i filovenatori Antonio Azzollini e Francesco Amoruso. Per questo Salvemini invita i due politici ad accostarsi con maggiore attenzione alla natura e alle sue problematiche. Solo così potranno conoscere de visu la realtà venatoria e confrontarsi con l’85 % degli italiani che sono contrari alla caccia.


Si ringrazia l'ufficio stampa del Wwf Italia.

 

Fonte : Bisceglie il Fatto

Comments

Per poter lasciare o leggere i commenti bisogna essere iscritti.
 

Commenti Facebook

Da questo semplice form potrete collegarvi direttamente al vostro account su facebook.

Banner