Associazione Vittime della caccia

organizzazione di volontariato senza fine di lucro ai sensi della Legge 266-91

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

Belluno: provincia delibera la condanna a morte per 1400 cervi

E-mail Stampa PDF

La Provincia di Belluno ha approvato una delibera che prevede il massacro di circa 1400 femmine e cuccioli di cervi e caprioli nella provincia dal 17 aprile al 29 maggio2011!

"Ignorati tutti gli appelli provenienti da ogni fronte sia per un discorso di sensibilità e amore verso queste creature indifese già decimate dalle nevicate eccezzionali di 3 anni fa, sia di sicurezza, in primavera l’erba alta e la vegetazione copiosa rendono più scarsa la visibilità, inoltre le Dolomiti, che rientrano nel Patrimonio dell’Unesco, in questo periodo sono particolarmente frequentate da turisti che amano camminare in montagna.

Inutile il presidiare di noi animalisti il consiglio provinciale, le firme raccolte dalla popolazione contraria, il consiglio ci ha ignorati per prendersi i voti dei cacciatori.

L’unica strada possibile rimane il BOICOTTAGGIO TURISTICO DI MASSA fino allo stremo verso una provincia che ha varato una delibera da medio evo, (le femmine di capriolo partoriscono fine maggio primi di giugno, vi lascio immaginare la fine atroce e lenta cui va incontro il cucciolo se la madre viene colpita) e che non si preoccupa della sicurezza dei propri turisti.

Rimarcherei soprattutto il discorso della sicurezza perchè a questi degli animali non gliene frega niente.

 

Dite loro che rinuncerete alle vostre abituali ferie nel bellunese e che boicotterete questo territorio se non verrà abrogata questa delibera ed inviterete amici e conoscenti a fare altrettanto.

Potete mandare la stessa mail ai tre seguenti indirizzi: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. ; Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. ; Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

vi prego diffondete i messaggi su tutti i siti, facebook ecc.

Fate arrivare mail da tutto il mondo".

Grazie

Tamara Panciera

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. 

INDIRIZZI a cui inviare la mail:

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. ; Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. ; Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

ESEMPIO DI LETTERA DA INVIARE:

Buongiorno,

sono venuta a conoscenza della delibera approvata nel bellunese riguardo il massacro di circa 1400 femmine e cuccioli di cervi e caprioli nella vostra provincia dal 17 aprile al 29 maggio2011.Ho anche saputo che sono stati ignorati tutti gli appelli provenienti da ogni fronte, sia per un discorso di sensibilità e amore verso queste creature indifese già decimate dalle nevicate eccezzionali di 3 anni fa, sia di sicurezza, in primavera l’erba alta e la vegetazione copiosa rendono più scarsa la visibilità, inoltre le Dolomiti, che rientrano nel Patrimonio dell’Unesco, in questo periodo sono particolarmente frequentate da turisti che amano camminare in montagna.A questo punto l’unica strada possibile rimane il BOICOTTAGGIO TURISTICO verso la vostra provincia che ha varato una delibera da medioevo, (le femmine di capriolo partoriscono fine maggio primi di giugno, vi lascio immaginare la fine atroce e lenta cui va incontro il cucciolo se la madre viene colpita) e che non si preoccupa della sicurezza dei propri turisti (pensate a una famiglia in giro per una passeggiata in montagna accompagnata da un gruppo di cacciatori che come dimostrano i fatti sono spesso “miopi”…)

Rinuncerò alle mie abituali ferie nel bellunese e boicotterò questo territorio se non verrà abrogata questa delibera, infine inviterò amici e conoscenti a fare altrettanto.

Cordiali Saluti

Nome Cognome

 

Fonte: rebaonlus.eu

Comments

avatar Maria Grazia
+1
 
 
ma in che paese del cazzo viviamo! possibile che nessuno prenda decisioni !!!questi poveri animali sono purtroppo nelle mani dela razza cosiddetta "umana", un bel vantaggio!!
avatar Sonia
+1
 
 
sono nelle mani di chi fa accordi politici e gioca con la vita... altrui, naturalmente!
avatar marco
0
 
 
La disponibilità trofica e l'ambiente in se risente dell'elevato numero di animali... Tanti animali = ambiente impoverito o addirittura semidistrutto, tanti animali = maggior contatto tra di essi con più probabile scambio di malattie se presenti. Se un ambiente di TOT di spazio non può mantenere in salute un TOT di animali ci sono li abbattimenti selettivi. Se no in alternativa ci astenersi il trasferimento in altre regioni o in altre zone... Forse hanno scelto gli abbattimenti selettivi per una ragione di soldi...
Per poter lasciare o leggere i commenti bisogna essere iscritti.
 

Commenti Facebook

Da questo semplice form potrete collegarvi direttamente al vostro account su facebook.

Banner