Associazione Vittime della caccia

organizzazione di volontariato senza fine di lucro ai sensi della Legge 266-91

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

Caccia : LAC, proposte bipartisan per sparare dal finestrino auto

E-mail Stampa PDF

Roma, 16 feb - ''Nel marasma delle tante proposte di deregulation della caccia (argomento oggi alla ribalta, col dibattito imminente alla Camera dei Deputati sulla possibilita' per le Regioni di dilatare la stagione venatoria) era sinora sfuggita una perla (anzi due, perche' di uguale tenore): due parlamentari chiedono di depenalizzare il reato di bracconaggio effettuato sparando da autoveicoli.

Si tratta del reato previsto dall'art. 30, primo comma-lettera i) della legge 157/92 , che prevede il tribunale penale per questa forma di bracconaggio e la punisce con l'arresto fino a tre mesi o l'ammenda penale sino a 2065 euro, con sospensione della licenza per un periodo da 1 a tre anni''. Lo denuncia la LAC- Lega per l'Abolizione della Caccia in una nota.

''Un senatore del PDL, Valerio Carrara, e un deputato IDV, Gabriele Cimadoro (cognato di Di Pietro ed ospite lunedi' sera 15 febbraio da Vespa in ''Porta a Porta'' sul tema caccia) - prosegue l'associazione - hanno prodotto una singolare convergenza bipartisan: entrambi i parlamentari bergamaschi chiedono di trasformare la pena prevista per chi, magari di notte e con l'uso di fari, prende a fucilate cervi o caprioli sparando da bordo della propria vettura su strada, con rischio per la pubblica incolumita'.

Non piu' reato penale ma infrazione amministrativa, da saldare con un versamento all'ufficio postale''.

La depenalizzazione proposta dall' on. Cimadoro, spiega la LAC, ''e' contenuta nell'art. 2 della proposta di legge C.1374, presentata il 27/10/2008 e depositata alla Camera, mentre la proposta di legge del sen. del PDL Valerio Carrara (anche lui eletto nel bergamasco) n. 276, presentata il 29/4/2008, prevede all'art. 33 di depenalizzare lo sparo da autoveicoli o aeromobili (sic !), cosi' come i reati di caccia di frodo in parchi e giardini urbani o nei terreni adibiti ad attivita' sportive. Per le fucilate dal finestrino Carrara propone una sanzione amministrativa da 600 a 1000 euro, ovvero 333 euro visto che nel nostro ordinamento la sanzione pagata entro 60 giorni e' pari ad un terzo del massimo''.

 

Fonte : ASCA

Comments

Per poter lasciare o leggere i commenti bisogna essere iscritti.
 

Commenti Facebook

Da questo semplice form potrete collegarvi direttamente al vostro account su facebook.

Banner