Associazione Vittime della caccia

organizzazione di volontariato senza fine di lucro ai sensi della Legge 266-91

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

Caccia, Ceccacci Rubino (Pdl): Mondo rurale ha altre priorita'

E-mail Stampa PDF

Roma, 09 MAR (Velino) - "La cultura rurale va sostenuta in altro modo non certamente modificando la legge 157/92 sulla caccia". E' quanto dichiara l'onorevole Fiorella Ceccacci Rubino, portavoce del gruppo parlamentare Diritti degli Animali Popolo della Liberta', in seguito alla notizia della manifestazione in difesa e promozione della cultura rurale organizzata dalle associazioni venatorie. "Le associazioni venatorie - aggiunge - hanno utilizzato un titolo improprio per la loro manifestazione; uno stratagemma comunicativo volto a camuffare le vere intenzioni: spingere il Governo, sotto campagna elettorale, a prendere posizione affinche' le loro tesi volte a deregolamentare la caccia trovino accoglienza. Ma non sara' cosi' perche' nello stesso Governo e nella sua stessa maggioranza parlamentare sono tanti coloro che si oppongono ad un ampliamento della stagione venatoria e delle specie cacciabili e alla possibilita' che anche i minorenni possano essere autorizzati ad imbracciare un fucile. Sono la prima a battermi per la difesa e la promozione della cultura rurale, sostenendo la vita e le tradizioni rurali, ad esempio con incentivi per quei giovani, e sono sempre di piu', che decidono di intraprendere un'attivita' lavorativa in questo ambito o sostenendo i piccoli produttori con servizi finalizzati alla messa in rete dei loro prodotti"

Come ha spiegato il senatore del Pdl, Franco Orsi, si tratta di "articolare in modo diverso" l'attivita' venatoria. "In Italia abbiamo un calendario politico", quando invece bisognerebbe definirne un altro che "tenga conto delle varie specie". Per questo, ha auspicato Orsi, "spero che il testo della legge Comunitaria, sia confermato alla Camera". Quanto al testo in discussione nell'altro ramo del Parlamento, il ddl Orsi "e' un testo organico di riforma delle legge 157", quella che regola l'attivita' venatoria in Italia.

Si tratta di "un adeguamento organico" di una normativa che, a detta dell'esponente del Pdl, non tiene conto della "mutazione della situazione nel nostro paese: il numero dei cacciatori e' dimezzato, mentre le aree dove la caccia e' preclusa e' aumentato". Si impone, quindi, "un riequilibrio" della fauna italiana, per "consentire all'attivita' venatoria di svolgere il proprio ruolo di regolatrice" naturale. Si tratta di "un disegno organico ed e' per questo che abbiamo ritirato la proposta della licenza di caccia gia' a sedici anni, per evitare che si presti attenzione ad un singolo aspetto"

 

Comments

Per poter lasciare o leggere i commenti bisogna essere iscritti.
 

Commenti Facebook

Da questo semplice form potrete collegarvi direttamente al vostro account su facebook.

Banner