Associazione Vittime della caccia

organizzazione di volontariato senza fine di lucro ai sensi della Legge 266-91

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

Via libera alla caccia no limits Da Pdl e Lega sì in commissione

E-mail Stampa PDF

ROMA - Il centrodestra ha votato a favore della deregulation venatoria. L'Unione europea aveva aperto una procedura d'infrazione contro l'Italia per l'uso eccessivo e disinvolto delle deroghe da parte delle Regioni, e la maggioranza ha risposto dando alle Regioni semaforo verde per modificare in modo più continuativo e radicale i calendari per l'apertura e la chiusura della caccia.

In commissione Agricoltura della Camera l'articolo 43 della legge comunitaria, quello che contiene il provvedimento a favore della caccia "no limits", è passato per soli 4 voti. Ora dovrà venire esaminato dall'aula di Montecitorio dove l'opposizione ha annunciato battaglia.

Il testo votato rappresenta una mediazione rispetto ai disegni di legge che erano stati avanzati nei mesi scorsi e che arrivavano a ipotizzare di mettere le doppiette in mani ai sedicenni, e concede spazio all'Ispra, l'organo scientifico di controllo. Nel testo si legge: "Fermo restando, le disposizioni relative agli ungulati, le Regioni possono posticipare i termini in relazione a specie determinate e allo scopo sono obbligate ad acquisire il preventivo parere di validazione delle analisi scientifiche a sostegno delle modifiche da apportare, espresso dall'Ispra, sentiti gli equivalenti istituti regionali ove istituiti e riconosciuti dalla commissione Europea, al quale dovranno uniformarsi".

Ma il senso del provvedimento resta quello di una forzatura in direzione opposta a quella richiesta da Bruxelles. Dal punto di vista economico l'Italia rischia sanzioni pesanti. Dal punto di vista turistico la convivenza con una stagione di caccia allargata rappresenta un formidabile deterrente. Dal punto di vista ambientale si aggraverà l'impatto su una fauna già indebolita dall'impatto con i pesticidi e con il cambiamento climatico.(ANTONIO CIANCIULLO)

Fonte : Repubblica

Comments

Per poter lasciare o leggere i commenti bisogna essere iscritti.
 

Commenti Facebook

Da questo semplice form potrete collegarvi direttamente al vostro account su facebook.

Banner