Associazione Vittime della caccia

organizzazione di volontariato senza fine di lucro ai sensi della Legge 266-91

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

LAC: Governo, inutile e costoso incarico speciale ai cacciatori in materia scientifica

E-mail Stampa PDF

Le associazioni Enpa e Wwf hanno chiesto al Ministro delle politiche agricole e forestali, Saverio Romano, quali siano le ragioni che l'hanno indotto a promuovere un tavolo finalizzato alla revisione dei dati tecnico scientifici già forniti dall’ISPRA, l’unico e prestigioso organismo di riferimento individuato dalla legge 157/92, in merito alla condizione delle specie cacciabili e ai periodi di migrazione. L'intervento delle due associazioni segue la presentazione di un’interrogazione parlamentare dell’On. Susanna Cenni (PD) sul lavoro che il Ministero ha avviato per la “revisione” dei recentissimi dati scientifici dell’ISPRA: una correzione affidata addirittura ai cacciatori, cioè al Comitato Internazionale della Caccia.

I dati scientifici forniti dall’Istituto nel 2010 ed inviati a tutti gli enti interessati, a cominciare dalle regioni, ben descrivono la vulnerabilità e il continuo calo delle popolazioni di avifauna che oggi è ancora oggetto di caccia: secondo l’ISPRA è necessario un restringimento della stagione venatoria e la cancellazione di alcune specie dai carnieri.

L'iniziativa del Ministero è per di più “clandestina”, perché non è stata mai portata né discussa nel Comitato Tecnico Faunistico Venatorio Nazionale – organismo in capo allo stesso Ministero. Secondo l’interrogazione parlamentare dell’on. Cenni, questo nuovo ed inutile tavolo sarebbe finanziato con fondi pubblici destinati proprio ai partecipanti: un elemento, questo, che merita una doverosa segnalazione alla Corte dei Conti.  È necessario inoltre fare appello all’Europa, che segue con molta attenzione la politica venatoria del nostro Paese, già duramente contestata con numerose procedure d’infrazione

(Fonte: LAC Liguria, 20 maggio).

Comments

Per poter lasciare o leggere i commenti bisogna essere iscritti.
 

Commenti Facebook

Da questo semplice form potrete collegarvi direttamente al vostro account su facebook.

Banner