Associazione Vittime della caccia

organizzazione di volontariato senza fine di lucro ai sensi della Legge 266-91

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

Cacciatori in festa, la politica delle armi sta pensando a loro

E-mail Stampa PDF

Quando si dice della lobby degli armieri e gli interessi sulla caccia. Addirittura la principale organizzazione di categoria aderente a Confindustria scende in campo, questo nonostante il Presidente dell’ANPAM (Associazione Nazionale Armi e Munizioni) avv Nicola Perrotti, nome inscindibile dalla Beretta, abbia dichiarato che la caccia è una questione di coscienza e che lui non la pratica (01/07/10)

L’ANPAM, secondo le principali Associazioni venatorie italiane che ne hanno integralmente pubblicato un comunicato, sarebbe in questi giorni impegnata in un continuo colloquio non con qualcuno dei loro associati, cosa che non meraviglierebbe nessuno, ma addirittura “col Ministero dell’Interno e le autorità politiche per fornire tutti gli strumenti conoscitivi, i dati e le informazioni necessarie per evitare che siano inserite norme inutilmente restrittive, che limitino i cacciatori e i tiratori sportivi nell’esercizio delle loro attività senza che venga poi prodotta alcuna ricaduta positiva sulla pubblica sicurezza”.

In questi giorni, infatti, il Ministero dell’Interno sta realizzando lo schema di decreto legislativo di attuazione della nuova Direttiva sull’acquisizione e la detenzione di armi. Motivo per cui l’associazione degli armieri aderente a Confindustria, congiuntamente al Comitato Armieri Bresciani, si è impegnata a lavorare affinchè il Ministero dell’Interno attui la direttiva con norme semplici e di chiara interpretazione!

Meno male che prima hanno espressamente nominato la caccia, viceversa c’era da pensare che l’Associazione di armieri aderente a Confindustria volesse solo agevolare la mente complicata e di difficile interpretazione con la quale ragiona il Ministero.

E pensare che in questi giorni il Ministro Brambilla, che aveva espresso le sua posizione contro la caccia, è stata invitata dai cacciatori ad andarsi a fare una vacanza, ed in tal maniera avevano scritto a Berlusconi esigendo rispetto! La politica, hanno scritto, deve pensare ad altro!

Fonte: TutelaFauna

 

Comments

Per poter lasciare o leggere i commenti bisogna essere iscritti.
 

Commenti Facebook

Da questo semplice form potrete collegarvi direttamente al vostro account su facebook.

Banner