Associazione Vittime della caccia

organizzazione di volontariato senza fine di lucro ai sensi della Legge 266-91

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

Caccia, torna il calendario lungo. Prestigiacomo: grave colpo di mano

E-mail Stampa PDF

Cacciare senza limiti: attività venatoria non regolamentata da un calendario fisso. Di fatto potrebbe essere quello che accadrà se la legge Comunitaria approvata oggi in Aula a Palazzo Madama sarà confermata al passaggio a Montecitorio. In particolare, il testo - che tra le altre cose dispone anche in materia venatoria - all'articolo 38 elimina gli attuali limiti (dal primo settembre al 31 gennaio) per la stagione di caccia, aprendo a quella che viene già definita come la zona delle "doppiette no-limits".

L'approvazione di questo testo che - ricordano più voci arriva nell'anno internazionale dedicato alla Biodiversità - ha suscitato l'ira del ministro dell'Ambiente Stefania Prestigiacomo che gridando al "colpo di mano" ha parlato di "un testo diverso da quello concordato" chiedendo di "smetterla con le ambiguità". Contrarietà all'approvazione della norma è giunta dal mondo ambientalista e animalista, e dalle regioni per bocca del coordinatore nazionale degli assessori all'Ambiente, Silvio Greco, secondo cui "verrà messo in atto qualsiasi strumento necessario a fermare questa barbarie culturale". E dai banchi del governo anche la voce del ministro del turismo si è aggiunta a quella della titolare dell'Ambiente: il testo "non è assolutamente accettabile", ha detto Maria Vittoria Brambilla

- TESTO DIVERSO SENZA GARANZIE
: Il testo sulla caccia é "diverso da quello concordato con il governo e non è condiviso dal ministero dell'Ambiente" e per questo "va corretto alla Camera" con il reinserimento delle "garanzie previste sulla tutela delle specie protette e migratorie". In queste parole l'ira di Prestigiacomo che parla anche di un testo che "apre ad interpretazioni estensive" rispetto al parere, che sembrerebbe non direttamente validante, dell'Ispra (Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale). Il testo dell'accordo - tra ministero dell'Ambiente, delle Politiche agricole e delle Politiche comunitarie sugli emendamenti in materia di caccia alla Comunitaria 2009 - prevedeva che regioni e province autonome potessero determinare i limiti dei periodi della caccia sulla base di analisi scientifiche preventivamente validate dall'Ispra.

- NO DOPPIETTE 'NO-LIMITS'
: Fermare le doppiette 'no-limits'. Questo l'obiettivo della "battaglia epocale" lanciata dalle associazioni ambientaliste e animaliste - tra cui Amici della terra, Animalisti italiani, Enpa, Fare verde, Greenpeace, Lac, Lav, Legambiente, Lipu (che parla di un abbattimento di almeno 34 specie fuori stagione), e Wwf - contro l'approvazione della legge Comunitaria ritenuta "una decisione vergognosa verso l'Europa e che prende in giro milioni di italiani". Il senatore Roberto Della Seta e il deputato Ermete Realacci, entrambi del Pd, parlano della volontà di "deregulation" che prevale nella maggioranza di governo. E, mentre il presidente dei senatori dell'Idv, Felice Belisario, chiede le dimissioni del ministro Prestigiacomo, il presidente dei Verdi, Angelo Bonelli, chiede di "fermare questa licenza di uccidere". Per il presidente degli Ecodem, Fabrizio Vigni, è evidente "l'insensibilità alle ragioni dell'ambiente", mentre il fondatore di Lifegate, Marco Roveda, propone "un referendum per abolire la caccia", e il Cts esprime tutto il suo "dissenso".

- SENATORI PDL, CONTENTINO
: Secondo alcuni senatori del Pdl - Valerio Carrara, Franco Orsi, Franco Asciutti e Sergio Vetrella - con questo provvedimento è stato assunto "un atteggiamento troppo morbido nei confronti degli ambientalisti". Per i senatori il fatto di chiedere "pareri all'Ispra è un contentino dato alle associazioni animaliste".

 

Fonte : ANSA

 

Comments

Per poter lasciare o leggere i commenti bisogna essere iscritti.
 

Commenti Facebook

Da questo semplice form potrete collegarvi direttamente al vostro account su facebook.

Banner