Associazione Vittime della caccia

organizzazione di volontariato senza fine di lucro ai sensi della Legge 266-91

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
OPTA News

Caccia, trenta deputati Pdl "Non voteremo doppietta libera"

E-mail Stampa PDF

Dopo la decisione della maggioranza di forzare la mano cresce il dissenso interno. Tra i firmatari: Fiorella Ceccacci Rubino, Margherita Boniver, Flavia Perina, Fiamma Nirenstein e Pietro Lunardi. Stasera vertice di maggioranza. Sit-in degli ambientalisti a Montecitorio
di ANTONIO CIANCIULLO

ROMA - Nelle urne delle amministrative i voti per il partito della caccia no limits sono stati pochini. In compenso il dissenso nella maggioranza cresce. Una parte del centrodestra ha deciso di forzare la mano presentando una norma che va in direzione opposta alle richieste comunitarie di maggiori protezione per gli uccelli migratori: Bruxelles accusa l'Italia per l'eccesso di deroghe sulla caccia, e il governo spiana la strada alla crescita di queste deroghe.

Ma ci sono alcuni che nel Pdl non ci stanno. Mentre alla Camera si discute dell'articolo che consente di prolungare la stagione venatoria, trenta deputati hanno firmato una lettera indirizzata a Silvio Berlusconi in cui si annuncia il dissenso precisando:  "Non intendiamo legittimare con il nostro voto il cedimento politico di alcuni a una piccola lobby di settore e  di 750 mila cacciatori. Né, tanto meno, alla loro volontà di sparare indiscriminatamente tutto l'anno e contro qualsiasi specie animale". Tra i firmatari: Fiorella Ceccacci Rubino, Margherita Boniver, Flavia Perina, Fiamma Nirenstein e Pietro Lunardi.


Read 0 Comments... >>
Leggi tutto...
 

Monica Cerutti risponde agli attacchi dei cacciatori

E-mail Stampa PDF

Torino, 19/03/2010 (informazione.it - comunicati stampa) In seguito all'approvazione di un ordine del giorno da me proposto presso il Consiglio comunale di Torino contro la "caccia selvaggia" prevista dall'art.38 della Legge Comunitaria, sono stata oggetto di una serie di attacchi di basso profilo, mezzo internet, da parte di alcuni cacciatori. Il tono dei commenti rasenta (e spesso oltrepassa) il turpiloquio, dando il segno dell'infimo livello culturale dei cacciatori che frequentano determinati siti web.

Se sarò eletta mi impegno a portare avanti la battaglia contro ogni deregolamentazione in materia di caccia. La società italiana è sempre più contraria a questo tipo di pratica, e i cacciatori sono ormai ridotti a una lobby poco numerosa che vede sgretolarsi ogni giorno che passa il consenso da parte dei cittadini.

Più in particolare, come candidata in Regione, mi impegno a proporre l’istituzione di una consulta tecnica regionale per la tutela e il benessere degli animali, che possa collaborare con il corpo forestale, sulle seguenti problematiche:

1) la chiusura degli esercizi commerciali (vendita di cuccioli) pluri-indagati, che invece continuano ad esercitare con modalità non a norma. Il fenomeno è estremamente diffuso e, nonostante i ripetuti controlli e sequestri da parte delle forze dell'ordine, la situazione permane quasi invariata;

2) i maltrattamenti degli animali da ''reddito'' (alimentazione), sia in fase di trasporto sia in fase di stallo e di conseguente macellazione.

Un altro obiettivo ambizioso è l’istituzione di una normativa regionale che ponga il divieto di attendamento sul territorio regionale di circhi con animali. Al momento esistono solo sporadiche realtà comunali che hanno deliberato in questa direzione. Un divieto in tal senso costituirebbe un esempio a livello nazionale, e andrebbe a rivestire un importante significato e valore a livello educativo (far capire già ai bambini che detenere animali selvatici in cattività ed addestrarli ad atteggiamenti non consoni alla loro natura è equivalente al maltrattamento etologico).

In ultimo, è fondamentale continuare a promuovere campagne pubblicitarie periodiche sull'incentivazione delle adozioni di gatti e cani (con particolare riguardo a quelli anziani) e sulla sensibilizzazione sul fenomeno del randagismo, anche attraverso corsi attuabili nelle scuole di ogni ordine e grado.

 

Monica Cerutti, Capogruppo Sinistra Ecologia Libertà Consiglio Comunale di Torino
www.monicacerutti.com

Fonte : Informazione


Read 0 Comments... >>
 


Pagina 3 di 3
Banner