Associazione Vittime della caccia

organizzazione di volontariato senza fine di lucro ai sensi della Legge 266-91

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

Lettera contro la caccia nelle aree contigue ai parchi naturali. Raccolta testimonianze

E-mail Stampa PDF

Raccolta testimonianze

*******************

"Illustri signori e signore,
scrivo in merito alla vergognosa “leggina” dei partiti: PD, PDL e LEGA, in merito alla caccia praticata dai cacciatori liguri nelle aree contigue ai parchi naturali, mi risulta che recentemente la  sentenza della Corte Costituzionale n.315, depositata l’11 novembre scorso, ha annullato un articolo di legge della normativa venatoria regionale, che illegittimamente ammetteva tutti i cacciatori nelle aree contigue dei Parchi Antola, Aveto, Magra, Portofino e Portovenere.
La legge quadro nazionale sulle aree protette n. 394 del 1991 invece ammette nelle zone classificate “contigue” ai parchi solo i cacciatori residenti in quei comuni interessati, quale forma di compensazione per le persone locali.
Sono forse informata male?

La Regione Liguria è fuori legge sulla caccia perché dopo la sentenza del Consiglio di Stato non poteva legiferare per due mesi, mentre  l’assemblea lo ha fatto: la legge approvata ieri  permette di porre rimedio alla decisione della Corte Costituzionale che ha ritenuto incostituzionale l’art. 25 della legge regionale che vietava l’esercizio venatorio ai cacciatori non residenti nei Comuni che fanno parte dei Parchi finendo per porre gravi problemi alla squadre dei cacciatori di cinghiali che, come previsto dalla legge, sono composte da molte persone.  E  non trovate la scusa che ci sono troppi cinghiali e fanno danni…se veramente ve ne sono troppi, la colpa è dei cacciatori e dei loro soci che li liberano per poi cacciarli, inoltre l’uomo fa sicuramente più danni degli animali…

 

E’ veramente una vergogna e spero che anche voi sarete puniti perchè la legge deve essere uguale per tutti e non solo per le persone comuni come me e la maggior parte degli Italiani, PER TUTTI!
Gli animali non ammazzano per “sport” come la specie umana,dovreste solo prendere esempio da loro visto che anche gli animali sono esseri senzienti, capaci di provare sentimenti, sofferenza, dolore, amore…proprio come noi.

Di certo alle prossime elezioni e sicuramente ci saranno presto, io mi ricorderò di questo e di tutte le cose ingiuste che avete fatto riguardanti tutti gli animali: le persone che li amano e rispettano, sono in costante aumento, è ora che prendiate atto di questo. "

De Andreis Roberta
17025 Loano

Fonte: www.savonaeponente.com

Comments

Per poter lasciare o leggere i commenti bisogna essere iscritti.
 

Commenti Facebook

Da questo semplice form potrete collegarvi direttamente al vostro account su facebook.

Banner