Associazione Vittime della caccia

organizzazione di volontariato senza fine di lucro ai sensi della Legge 266-91

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Se li conosci li eviti

OPTA: SE LI CONOSCI LI EVITI - LUIGI LOTTO- Sardegna Osservatorio Politico Trasversale Anticaccia

E-mail Stampa PDF

OPTA, Osservatorio Politico Trasversale Anticaccia

SE LI CONOSCI LI EVITI

ZOOM SU.... LUIGI LOTTO (PD) - Sardegna

Dal suo Blog: www.luigilotto.it

"Considerazioni sul pronunciamento del Consiglio di Stato relativamente al calendario venatorio"

."Quanto accaduto nei giorni scorsi con il pronunciamento del Consiglio di Stato che, accogliendo il  ricorso di diverse associazioni ambientaliste, con ordinanza Sez. V, 21 dicembre 2011, n. 9460, ha disposto la sospensiva di buona parte del calendario venatorio regionale sardo riformando l’ordinanza cautelare T.A.R. Sardegna, Sez. II, 14 novembre 2011, n. 452, dimostra ancora una volta la totale incapacità della maggioranza di centro destra di governare l’isola. L’aver voluto ignorare del tutto il coinvolgimento dell’Istituto Superiore per la Protezione Ambientale – I.S.PR.A, nella predisposizione delle deroghe al calendario venatorio, ignorando il dettato della legge nazionale e quanto proposto in Consiglio regionale dal centro sinistra, ha determinato al fin dei conti un clamoroso passo falso della Giunta ed un danno per gli stessi cacciatori ultimi destinatari della legge  regionale n. 5 approvata in fretta e furia agli inizi del 2011.

Emerge ancora una volta la superficialità con cui vengono affrontate  questioni di grande delicatezza in Giunta ed in Consiglio Regionale. Il risultato finale è un grande pasticcio, con leggi a sfondo  demagogico le cui vittime, oltre che la gestione equilibrata dell’ambiente e del suo patrimonio faunistico, sono innanzi tutto gli stessi cacciatori per i quali detti provvedimenti  sono stato pensati...." LEGGI TUTTO ALLA FONTE


Read 0 Comments... >>
 

OPTA-SE LI CONOSCI LI EVITI-Richiami vivi, lettera aperta per Enrico Rossi sulle sevizie animali concesse in deroga

E-mail Stampa PDF

OPTA-SE LI CONOSCI LI EVITI

RICHIAMI VIVI, LETTERA APERTA per ENRICO ROSSI, PRESIDENTE REGIONE TOSCANA, sulle SEVIZIE ANIMALI CONCESSE IN DEROGA

Gianluca Serra, un lettore di L'Altracittà, ha inviato 10 domande per il Presidente della Regione Toscana Enrico Rossi (PD) sul tema della deroga ai  “richiami vivi”, ovvero uccelli selvatici che vengono imprigionati e usati dai cacciatori per attirare altri volatili.

Consigliamo di seguire il dibattito alla FONTE, in quanto il Presidente Regione Toscana Enrico Rossi potrebbe chiarirci meglio le idee sui perchè di certi meccanismi alla chetichella per far passare norme... discutibili e  fin troppo poco (democraticamente) discusse.
La prima domanda...

..."1. Perché continua a sostenere che “il provvedimento sulla cattura dei richiami vivi era legittimo e giustificato da norme nazionali ed europee”, quando: a) la Corte Costituzionale lo ha giudicato illegittimo nel Giugno 2011 oltre che nel 2010; b) la Comunità Europea ha aperto una procedura di infrazione contro l’Italia e c) lo stesso ufficio legale della Regione vi aveva avvertiti che il provvedimento sarebbe stato impugnato e sarebbe stato giudicato incostituzionale?

2...." Fonte: http://altracitta.org/blog


Read 0 Comments... >>
 

Marche: Autorizzata la caccia in deroga allo Storno

E-mail Stampa PDF

OPTA - SE LI CONOSCI LI EVITI: il Consigliere regionale Paolo Perazzoli (PD) e l'Assessore Caccia e Agricoltura Paolo Petrini (PD)

La Delibera Regionale del 20 settembre scorso autorizzava la caccia in deroga allo storno nei Comuni di Castel di Lama e Colli del Tronto, motivata da presunti danni all'agricoltura, che si vanno ad aggiungere ai comuni di San Benedetto del Tronto, Monteprandone e Folignano, già previsti dal Calendario Venatorio della Regione Marche. Evidentemente la possibilità di abbattare un certo numero di questi uccelli protetti dalle leggi nazionali e comunitarie fa gola anche ai cacciatori di altri comuni ed ai loro rappresentanti di associazioni venatorie che hanno avanzato richiesta alla 3° Commissione Caccia e Pesca della Regione Marche affinché venisse estesa la deroga anche ai comuni di Spinetoli e Cupramarittima.

Portavoce delle istanze venatorie, il Consigliere regionale Paolo Perazzoli (PD), nonché membro della 3° Commissione: un nome da ricordare alle prossime elezioni regionali delle Marche, assieme a quello dell'assessore a Caccia e Agricoltura, Paolo Petrini (PD), per il prelievo in deroga della specie storno. Fonte: www.regione.marche.it


Read 0 Comments... >>
 

RACCOLTA TESTIMONIANZE - "L' On. Realacci e la caccia nei parchi"

E-mail Stampa PDF

RACCOLTA TESTIMONIANZE

di Francesco Maria Mantero - DEDICATO AGLI AMICI DI LEGAMBENTE AL RITORNO DALLA PERUGIA ASSISI

"L' On. Realacci propone il " superamento del dualismo fra aree vietate alla caccia e aree residue". ( vedi comunicato).

In sostanza si spalancano le porte ad una epocale "riforma" della normativa di settore ( anzi di più normative, quella sulla disciplina dell'attività venatoria e quella sulle aree protette) che viene portata avanti da tempo dalle associazioni venatiorie e da certe associazioni per la "tutela" della natura che forse sarebbe meglio definire per la tutela del solo  "paesaggio" naturale.

Una visione positiva, quella dell' on. Realacci, verso un maggiore ruolo dei cacciatori nei confronti del "controllo" faunistico- al di la di quanto già consentito da leggi e regolamenti vigenti- all' insegna di un interventismo tipico dell' "ambientalismo del fare" che parecchi tristi segni sta lasciando in giro.
Dopo le battaglie contro le varie proposte Orsi che si sono avvicendate in questi tremendi anni di governo di stampo  reganiano occorre riverniciare un' immagine del mondo venatorio che è stata abbastanza compromessa dalla discesa in campo  di buona parte della società civile contro lo scippo della fauna, anch' essa bene comune. E in questa battaglia l' On. Realacci e la sua associazione, bisogna dirlo,  hanno fatto la loro importante parte per fermare l' oscena proposta.

Ma si sa le cose cambiano e spesso per restare sulla breccia dell' onda bisogna mostrarsi più realisti del re , altamente pragmatici in una società che non ha posto per le debolezze da femminucce come quelle di certe associazioni ambientaliste o peggio -orrore!-animaliste che continuano a dire che caccia - anche se mascherata da selezione" o "controllo" -e aree protette sono due concetti incompatibili.
Importante è quindi il non riconoscersi nella "deriva animalista" e magari fare in modo che essa si bilanci attraverso la concessione in gestione ai cacciatori di sempre maggiori competenze all' interno di aree protette di diversa natura ( parchi, riserve, altre forme di tutela venatoria), in aggiunta al loro pressochè assoluto controllo del resto del territorio....


Read 0 Comments... >>
Leggi tutto...
 

Caccia: Divina (Ln),ok Commissione ambiente problema sanzioni 'Tende a risolvere annoso problema cacciatori fuori provincia'

E-mail Stampa PDF

Caccia: Divina (Ln),ok Commissione ambiente problema sanzioni 'Tende a risolvere annoso problema cacciatori fuori provincia'

(ANSA) - TRENTO, 28 SET - ''Oggi, per la terza volta, la commissione Ambiente del Senato ha approvato la proposta di legge sulla caccia la quale tende a risolvere l'annoso problema delle sanzioni inflitte ai cacciatori che incolpevolmente praticano la caccia fuori provincia''.

Lo rende noto il sen.Sergio Divina (Lega) che ha presentato la proposta di legge. In pratica, spiega Divina, ''i cacciatori, pur avendo un permesso provinciale e degli ambiti riserve dove andavano a cacciare e dopo aver pagato come permessi d'ospite, si vedevano sanzionati dalle autorita' di controllo venatorio e questo succede specialmente nell'Appennino Tosco-Emiliano''. Il provvedimento, fa sapere il senatore trentino, arrivera' in aula mercoledi' della prossima settimana. (ANSA)


Read 0 Comments... >>
 

Liguria - In regione Caccia allo storno, approvato il prelievo in deroga

E-mail Stampa PDF

Genova - Con 26 voti favorevoli, 5 contrari e 2 astenuti, la Regione Liguria ha approvato il prelievo in deroga sulla caccia allo storno in Liguria. Tra i contrari Maruska Piredda (Idv), Alessandro Benzi (Federazione della Sinistra), Giancarlo Giancarlo Manti (Pd), Aldo Siri e Lorenzo Pellerano (Liste civiche per Biasotti presidente).

A seguito di modifiche apportate in sede di commissione, in particolare con un emendamento proposto dai consiglieri Valter Ferrando e Alessio Cavarra, entrambi del Pd, il prelievo in deroga viene limitato alla sola caccia allo storno....Leggi tutto alla fonte: www.ilsecoloxix.it

ferrando_ Walter Ferrando (PD)

cavarra Alessio Cavarra (PD)

 

 


Read 0 Comments... >>
 


Pagina 4 di 6
Banner