Associazione Vittime della caccia

organizzazione di volontariato senza fine di lucro ai sensi della Legge 266-91

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Se li conosci li segui

Toscana, caccia a cinghiale e abbattimenti ungulati. Voto contrario del Consigliere SEL Romanelli

E-mail Stampa PDF

Se li conosci li segui: MAURO ROMANELLI (SEL)

Romanelli (SEL): "Continuano i regali al mondo venatorio".

In arrivo anche il "cemento facile" per i cacciatori.

Regione Toscana, caccia al cinghiale e abbattimenti ungulati.

Tutti a favore: Pd, Idv, Pdl, Udc, Lega Nord.

Voto contrario del Consigliere Romanelli (SEL).


Nella seduta odierna (24.07.2012)il Consiglio Regionale della Toscana ha approvato il periodo di caccia al cinghiale (dal 1° ottobre al 31 dicembre 2012 o dal 1° novembre 2012 al 31 gennaio 2013) e i piani di abbattimento in forma selettiva degli ungulati. Hanno votato a favore PD, IDV, UDC, PDL e Lega Nord. Unico voto contrario quello di Mauro Romanelli, Consigliere Regionale di Sinistra Ecologia e Libertà.

"Il mio voto contrario – dichiara Romanelli - la logica conseguenza del giudizio negativo che ho, insieme alle principali associazioni ambientaliste e animaliste, oltre che a migliaia di toscani, sulle politiche venatorie nella nostra regione: sulla caccia in Toscana da sempre vige un'impostazione ideologica e pregiudiziale, trasversale a tutte o quasi tutte le forze politiche, dovuta probabilmente al grande numero di voti che si ritiene possano assicurare le associazioni venatorie, alle quali si permette di tutto, assumendone sempre in toto le richieste, in spregio alla difesa della fauna, alla sicurezza dei cittadini, al rispetto della legge e delle direttive europee, e senza ascoltare e recepire nemmeno parzialmente le ragioni ambientaliste e animaliste, quasi sempre documentate, scientifiche, e a difesa della legalità".

"Personalmente sarei per l'abolizione tout court della caccia, ma per cominciare, per tornare a una situazione normale, si dovrebbe perlomeno porre fine alla deregulation venatoria, punire severamente chi non rispetta le regole, in primis i bracconieri, non concedere più deroghe per i piccoli uccelli, diminuire la pressione venatoria sulle specie migratrici, far rispettare la proprietà  privata, aumentare le porzioni di territorio protetto, vietare qualunque preapertura, aumentare le distanze dalle zone abitate".

"Riguardo alla caccia di selezione l'argomento è più complesso, ma se vi sono danni all'agricoltura a causa dell'eccessiva pressione di alcune specie, questo si affronta con  politiche di sterilizzazione, recintazione, dirottando gli animali in aree contigue a quelle coltivate, e soprattutto impedendo agli stessi cacciatori di pasturare gli animali e di immetterli artificialmente nei territorio".

"E oltre a quanto approvato oggi, è in arrivo di peggio: alcuni Consiglieri hanno recentemente presentato una proposta di legge che permetterebbe ai cinghialai di costruire, anche ex-novo, edifici fino a 100 mq di estensione anche in aree non attualmente servite dalle opere di urbanizzazione (rete fognaria, rete elettrica, approvvigionamento idrico) e con ridotti oneri di urbanizzazione. Una proposta assurda, una sorta di urbanistica privilegiata a uso e consumo dei cacciatori, privilegiati rispetto ai normali cittadini, e una grave minaccia per la conservazione del territorio rurale".

Credo che tutte le persone di buon senso, comunque la pensino sulla caccia, dovrebbero opporsi con forza a tale decisione, che sarebbe un vero e proprio vulnus allo stato di diritto" – termina Romanelli.

SCHEDA della REGIONE TOSCANA del Consigliere MAURO ROMANELLI>QUI


Read 0 Comments... >>
 

Abolire la caccia se non ora quando - OPTA-Tiziano Di Clemente(Pcl)

E-mail Stampa PDF

OPTA - Osservatorio Politico Trasversale Anticaccia - SE LI CONOSCI LI SEGUI...

Tiziano Di Clemente - Coordinatore regione Molise del Partito Comunista Lavoratori (Pcl): <<ABOLIRE LA CACCIA SE NON ORA QUANDO>>

Tiziano Di Clemente"Due incidenti mortali di caccia a distanza di pochi giorni si sono verificati nel Molise: il pensionato di 76 anni di Pietrabbondante morto sparato perché scambiato per un cinghiale nei boschi tra la località Staffoli ed Agnone; pochi giorni fa il 51enne di Pozzilli morto sparato mentre raccoglieva funghi, anche lui scambiato per un cinghiale nei boschi tra Lazio e Molise. Senza contare le continue proteste e timori espresse  dagli abitanti delle borgate di Isernia, circondati da queste assurde pratiche dei cacciatori. E si potrebbe continuare.

Ci chiediamo cos’altro debba ancora accadere perché ci si decida una volta per tutte ad abolire la caccia.

Anche a prescindere dalle suddette tragedie umane, che ovviamente rimangono quelle di primaria importanza nella questione, l’ istanza di abolizione della caccia nasce dall’esigenza di affermare un principio elementare di civiltà, un nuovo e corretto rapporto tra l’uomo e la natura, partendo dal rifiuto di una pratica stupidamente violenta contro gli animali che porta ad ucciderli “per sport”, il che implica anche una concezione della vita barbara ed ingiustificatamente violenta. Peraltro non  si comprende quale “prodigiosa abilità” sia mai quella di sparare ad un animale indifeso, se non sciocca vigliaccheria.

Senza contare che si tratta di una appropriazione indebita ed arbitraria della vita degli animali, un bene comune che invece appartiene per diritto naturale a tutta la collettività, di una intollerabile violenza sugli ecosistemi. E che dire, ancora, delle tutele degli agricoltori rispetto all’arbitraria invasione dei “cacciatori”.

Rivolgiamo pertanto un appello, affinché si ritorni con la mobilitazione popolare  a rivendicare l’abolizione della caccia, anche spingendo la Regione Molise, le due Province di Isernia e Campobasso, i comuni del Molise, a deliberare ordini del giorno in tal senso..." Leggi tutto alla fonte: http://ilnuovomolise.it


Read 0 Comments... >>
 

Andrea Zanoni proclamato Eurodeputato: I PRIMI 10 GIORNI

E-mail Stampa PDF

29-09-2011

I PRIMI 10 GIORNI DI ANDREA ZANONI IN EUROPA

Andrea Zanoni proclamato Eurodeputato

Oggi a Strasburgo viene ufficializzato il passaggio di consegne tra Luigi de Magistris e Andrea Zanoni (IdV). Il leader ambientalista e animalista entra a far parte del Gruppo europeo Alleanza dei Liberali e Democratici per l’Europa. Zanoni viene proclamato ufficialmente Eurodeputato durante la sessione plenaria di settembre del Parlamento

Manifestazione nazionale contro la caccia – Torino 17 settembre 2011

Con il corteo si vuole ribadire un “SI´ DECISO” per fermare questo massacro. È stata scelta Torino perché in Piemonte nel 2012, dopo 25 anni dalla raccolta delle firme e 25 anni di ostruzionismo della Regione, vinto solo da una pronuncia della Corte di Appello, si terrà un REFERENDUM REGIONALE CONTRO LA CACCIA che non ha precedenti.

Presentate due interrogazioni: Tutela penale dell’ambiente e utilizzo di elementi tossici nell’abbigliamento

Andrea Zanoni parte in quarta. Proclamato ieri Eurodeputato, presenta già oggi due interrogazioni parlamentari sulla tutela penale dell’ambiente e l’utilizzo di elementi tossici in capi d'abbigliamento. L’Eurodeputato chiede subito alla Commissione di intervenire per la tutela del territorio e della salute dei cittadini europei.

"Ci vuole un referendum europeo sul nucleare"

Andrea Zanoni chiede una consultazione popolare in tutti i 27 Paesi membri per decidere sul futuro del nucleare in Europa. All’indomani dell’incidente nell’impianto di Marcoule, nel sud della Francia, in Europa si torna a parlare di nucleare e sicurezza.

 

Battaglia in Europa contro la delibera illegale ammazza-fringuelli della Giunta Zaia

La IV° Commissione del Consiglio Regionale del Veneto ha espresso a maggioranza parere favorevole alla delibera della Giunta Zaia che stabilisce, per la stagione venatoria 2011-2012, le specie di volatili cacciabili in deroga ai divieti dell’Unione Europea.

 


Read 0 Comments... >>
Leggi tutto...
 

Liguria - In regione Caccia allo storno, approvato il prelievo in deroga

E-mail Stampa PDF

Genova - Con 26 voti favorevoli, 5 contrari e 2 astenuti, la Regione Liguria ha approvato il prelievo in deroga sulla caccia allo storno in Liguria. Tra i contrari Maruska Piredda (Idv), Alessandro Benzi (Federazione della Sinistra), Giancarlo Giancarlo Manti (Pd), Aldo Siri e Lorenzo Pellerano (Liste civiche per Biasotti presidente).

A seguito di modifiche apportate in sede di commissione, in particolare con un emendamento proposto dai consiglieri Valter Ferrando e Alessio Cavarra, entrambi del Pd, il prelievo in deroga...Leggi tutto alla fonte: www.ilsecoloxix.it


Read 0 Comments... >>
 

Migliaia di NO alla caccia!

E-mail Stampa PDF

Andrea Zanoni, europarlamentare: Eravamo in migliaia a dire NO alla caccia! Bandiere, striscioni, citazioni e soprattutto tanta, tanta gente. La manifestazione nazionale contro la caccia insieme alla Marcia della Pace Perugia-Assisi di ieri è stata un successo, fortissimo, quasi inaspettato. Un’esperienza straordinaria intrisa della gioia e dell’amore di migliaia e migliaia di persone che hanno voluto gridare al cielo SI alla Pace e NO a tutte le guerre, compresa quella che ogni anno scoppia a settembre contro gli animali selvatici di tutta Italia.
Eravamo in migliaia a manifestare per il diritto alla vita degli animali contro l’assurda mattanza a cui ogni hanno siamo costretti ad assistere. Una mattanza che non risparmia nessuno, né le numerose specie di uccelli in fase di migrazione prenuziale (come il germano reale, la folaga, la cesena e i tordi) né tanto meno specie espressamente protette e a rischio estinzione.

Migliaia di uomini, donne, anziani e bambini sono scesi in strada domenica per partecipare alla marcia Perugia–Assisi, un percorso simbolico nel cuore dell’Italia e della sua anima più bella, nei cuori dei tanti italiani che non riescono a chiudere gli occhi di fronte a tanta sofferenza inferta senza colpo ferire. Una manifestazione bella e sentita, abbracciata da un caldo sole che ci ha accompagnato lungo i chilometri della marcia.

Insieme a me, c’erano le tante associazioni animaliste ed ambientaliste che conducono una battaglia quotidiana contro la caccia e gli interessi della lobby dei cacciatori. Lac, Lav, Animalisti italiani, Enpa, Oipa, Italia Nostra, No alla caccia, Vittime della Caccia, e Lipu.

Come Eurodeputato, farò tutto il possibile per portare questa battaglia in Europa grazie anche all’entusiasmo che ho respirato ieri insieme ai tanti italiani che, come me, vogliono dire BASTA  alla caccia per sempre! Fonte: www.andreazanoni.it


Read 0 Comments... >>
 

Se li conosci li segui...

E-mail Stampa PDF

OPTA - Osservatorio Politico Trasversale Anticaccia

Se li conosci...li segui (e li voti)

Categoria in allestimento....

Tutto quello che c'è da sapere sui nostri politici e le loro posizioni in materia di caccia, Diritti e tutela animali.

 

Agosto 2011

- CACCIA A SCUOLA: Ministro Gelmini dice No. La risposta alle interrogazioni dei Radicali Donatella Poretti e Alessandro Rosasco e dell'on. Gianni Mancuso del PdL

 

Luglio 2011

- Emilia Romagna: Gabriella Meo, consigliere Sel-Verdi Caccia in deroga: il mio intervento in aula



Read 0 Comments... >>
 


Pagina 4 di 5
Banner