Associazione Vittime della caccia

organizzazione di volontariato senza fine di lucro ai sensi della Legge 266-91

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Storie di ordinaria follia

NEWS FLASH 01/03 dicembre 2011 - CACCIA-STORIE DI ORDINARIA FOLLIA

E-mail Stampa PDF

IN AGGIORNAMENTO...

NEWS FLASH  01/03 dicembre 2011 - CACCIA-STORIE DI ORDINARIA FOLLIA

01.12.2011 Lo zoo degli orrori a Palermo. Sequestrati migliaia di animali imbalsamati. La polizia di Palermo ha scoperto un vero e proprio museo di animali imbalsamanti. Nelle teche trovate in una abitazione di via Floresta c'erano centinaia di esemplari delle specie più rare e protette. Sul posto sono intervenuti anche gli agenti specializzati 'Cites' del corpo forestale dello Stato, che hanno accertato che gli animali ritrovati erano quasi tutti appartenenti a specie protetta ed in via di estinzione. Tra gli esemplari vi erano: un'aquila reale, un falco di palude, rapaci notturni, vari trampolieri e un cigno nero. Nel giardino di pertinenza dell'abitazione, invece, c'era una voliera con all'interno animali vivi tutelati dalla legge... Fonte: www.siciliainformazioni.com

01.12.2011 Cantello (VA), settanta fagiani nelle padelle dei ladri. Ladri buongustai in azione a Cantello. E anche un allevamento di fagiani finisce nel mirino. Sono una settantina in tutto gli esemplari rubati l'altra notte all'interno della riserva di caccia dell'azienda faunistica di Cantello. Un colpo che potrebbe fruttare qualche migliaio di euro, soprattutto in vista delle feste natalizie, quando i poveri fagiani potrebbero finire sulla tavola degli autori del furto o di qualche ignaro cliente... Fonte: www.laprovinciadivarese.it

01.12.2011 - Bassano (VC) I resti di un capriolo nei bidoni della carta. L'animale scuoiato rinvenuto dagli addetti di Etra tra riviste e cartoni. Ma sono numerosi i ritrovamenti di materiale improprio o di oggetti pericolosi nei contenitori della raccolta differenziata: dai videogiochi ai proiettili di guerra. Li hanno trovati in mezzo a riviste, carte e cartoni. I resti sanguinolenti di un capriolo squartato, in arrivo probabilmente dall'Altopiano di Asiago, sono stati rinvenuti dagli operatori di Etra durante le quotidiane operazioni di svuotamento dei contenitori della raccolta differenziata... Fonte: http://notizie.bassanonet.it

01.12.2011 Cuneo. Le pesanti accuse di un operaio forestale della Regione al suo direttore dei lavori. Il funzionario della Regione Piemonte è accusato di peculato per aver indebitamente utilizzato alcuni dipendenti. E’ stato un fiume in piena un operaio forestale durante la sua testimonianza nel processo, in corso a Cuneo, contro Gian Piero Peracchia, funzionario della Regione nel settore dei lavori di manutenzione, imputato per peculato. Secondo l’accusa, avrebbe indebitamente utilizzato alcuni dipendenti che fanno parte del personale della Regione Piemonte, costituitasi parte civile, per lavori che nulla avrebbero avuto a che fare con la normale attività lavorativa del personale stesso. L’operaio ha raccontato di aver lavorato per lungo tempo nel poligono di tiro a Moiola di proprietà di Peracchia, sia in orario di lavoro che nel tempo libero su incarico dell’imputato, suo direttore dei lavori... Fonte: www.targatocn.it


Read 0 Comments... >>
 

Caccia alle volpi in Vaticano: “Minacciano l’ecosistema”

E-mail Stampa PDF

ROMA – Caccia alla volpe aperta in Vaticano. Nei mesi scorsi si era parlato di avvistamenti di volpi nei giardini del Papa, ma nel giugno scorso è stata pubblicata una prova: una fotografia su “Sotto l’ombra del cupolone”, giornalino informale riservato ai dipendenti della Città del Vaticano, ritrae un cucciolo di volpe.

A riprendere il piccolo animale, scrive la Stampa, era stato l’arcivescovo Carlo Maria Viganò, ora nunzio apostolico negli Stati Uniti. Viganò aveva fotografato il cucciolo all’ingresso di un tombino, forse diventato la sua tana.

Ma adesso quel cucciolo e i suoi fratelli sono cresciuti. E nella Città del Vaticano si è aperta la caccia.  Sarebbero troppe, troppo adattabili e in grado di colonizzare qualsiasi ambiente a disposizione. Così i cacciatori tornano all’opera, rispolverando un uso già in vigore durante il pontificato di Leone XIII, appassionato cacciatore che però spesso lasciava libere le prede catturate nei giardini.

A rischio sarebbe anche l’ecosistema del chilometro quadrato del Papa, costituito da colibrì, pappagalli, upupe, picchi, merli bianchi, raganelle, tritoni, orbettini e gli immancabili gatti... Leggi tutto alla fonte: www.blitzquotidiano.it


Read 0 Comments... >>
 

Cacciatore 60enne denunciato per violazione della normativa sulla caccia

E-mail Stampa PDF

CAMERI, 9 NOV – I militari dell’Arma della stazione di Cameri, nel Novarese, hanno denunciato in stato di libertà per violazione della normativa sulla caccia un pensionato oleggese di 60 anni.
L’uomo, lo scorso 2 novembre, dopo aver esploso alcuni colpi con il suo fucile da caccia da bordo del proprio automezzo, si è allontanato per direzione sconosciuta.
I successivi riscontri...

Leggi tutto alla fonte: www.oknovara.it


Read 0 Comments... >>
 

Camporosso (IM) - Seviziano cinghiale ferito, lo legano e lo caricano nel portabagagli: denunciati 2 ventimigliesi

E-mail Stampa PDF

Seviziano cinghiale ferito, lo legano e lo caricano nel portabagagli: denunciati 2 ventimigliesi


04.11.2011. di Fabrizio Tenerelli - Camporosso (IM)- Sono stati alcuni abitanti, indignati alla vista dell'accaduto, che hanno allertato la polizia. Fermati poco dopo dagli agenti, i due hanno detto di aver voluto in quella maniera porre fine alle sofferenze dell'animale.

Abuso di arma, possesso di fauna selvatica e sevizie ad animale ferito: sono le accuse contestate dalla polizia a due giovani ventimigliesi, che a Camporosso hanno preso a coltellate un cinghiale ferito a bordo strada e dopo avergli legato le zampe e il muso, lo hanno caricato nel portabagagli del loro fuoristrada.... Leggi tutto alla fonte: www.riviera24.it

Foto dal web

Read 0 Comments... >>
 

Treviso. Caccia, a processo due dipendenti della Provincia

E-mail Stampa PDF

Caccia, a processo due dipendenti della Provincia. Le accuse: traffico illecito di uccelli da richiamo, furto violazione delle leggi venatorie e maltrattamenti.

Rinviati a giudizio nove degli undici indagati nell’inchiesta su un traffico illecito di uccelli da richiamo.

di Serena Gasparoni - Il giudice dell’udienza preliminare Silvio Maras ha infatti fissato l’udienza per il prossimo 7 febbraio durante la quale i 9 imputati saranno chiamati a rispondere a vario titolo per i reati di traffico illecito di uccelli da richiamo, violazione della legge sulla caccia, maltrattamento di animali, furto aggravato e abuso d’ufficio.

Dopo aver disposto il non luogo a procedere per il reato di associazione a delinquere Maras ha comunque ritenuto sufficienti le prove contro due dipendenti della Provincia, Efrem Bolzan, guardiacaccia ora in pensione, ed Edy Gerotto (spostata dal settore caccia ad un altro), Maurizio Pasin, 52enne di Cordignano, gestore di un centro di cattura, un ristoratore di Caneva, e altri 5 cacciatori....

Leggi tutto alla fonte: http://tribunatreviso.gelocal.it


Read 0 Comments... >>
 


Pagina 3 di 26
Banner