100 DAINI CONDANNATI A MORTE NELLA PROVINCIA BAT

Lunedì 25 Luglio 2011 19:18
Stampa

Allevati per il massacro. Leggi la notizia e invia anche tu la lettera-appello!

La Provincia di Barletta Andria Trani (BAT) ha deciso di uccidere 100 daini allevati nell'azienda provinciale Papparicotta, perché in qualche modo "scomodi". Vi sono tanti interrogativi: cosa dovrebbe fare questo "Centro pubblico di allevamento della selvaggina"? A quale scopo questi animali vengono allevati?
Poi, la decisione di ucciderne 100 (non si sa se 100 siano tutti gli animali presenti nell'allevamento o solo una parte) è dovuta al fatto che è stato istituito presso questo allevamento "l’Osservatorio tecnico Faunistico provinciale" e la presenza di daini in questa area "risultava tuttavia in contrasto con le attività previste dall’Osservatorio".
Scriviamo alle istituzioni provinciali per chiedere di lasciare in pace gli animali, qualsiasi "fastidio" essi creino per i fini della Provincia non giustifica certo l'uso della violenza! Se proprio non possono stare lì (ma perché non possono?! E perché sono stati allevati, per poi essere ammazzati?) che vengano spostati in altri parchi protetti della regione.

Invia la lettera di protesta alla pagina http://www.oipaitalia.com/caccia/appelli/daini.html

Scrivi anche tu un appello a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. , Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. , Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. , Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 

Ogg:  Non ammazziamo i 100 daini dell'azienda provinciale Papparicotta

Gentili Signori, ho saputo della determina dirigenziale con la quale si decide di abbattere 100 daini dell'azienda agricola Papparicotta per far fronte al sovrannumero di capi.Scrivo per comunicare la mia indignazione nei confronti di tale decisione. Ritengo che questa sia la soluzione meno indicata per risolvere il problema. E non ci si può nascondere dietro le normative vigenti che permettono questa strage. Non capisco perché a rimetterci la pelle devono essere quei daini che nessuna colpa hanno. Si cerchi piuttosto di inserirli in parchi.Vorrei anche capire il motivo per cui una provincia allevi degli animali e a cosa sono destinati quei daini allevati.

Auspico che vogliate ripensarci e salvare la vita di quegli animali innocenti.

Distinti saluti, (nome, città)

 

 

 

Commenti Facebook

Da questo semplice form potrete collegarvi direttamente al vostro account su facebook.