Associazione Vittime della caccia

organizzazione di volontariato senza fine di lucro ai sensi della Legge 266-91

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

NEWS TUTELA ANIMALI- SPECIALE ESCHE AVVELENATE -GIUGNO 2013

E-mail Stampa PDF

NEWS TUTELA ANIMALI

- GIUGNO 2013 -

in aggiornamento...

SPECIALE ESCHE AVVELENATE

4 giugno 2013. Polpette avvelenate nel Parco d'Abruzzo, volevano sterminare gli ultimi orsi.

Trenta bocconi sono stati trovati nella valle Cervara e nel vallone Lampazzo, una zona di riserva integrale, il luogo più difeso dell'area protettta. Sono stati i cani addestrati dalla Forestale a impedire il massacro dei 50 plantigradi che da decenni sono al centro di iniziative di ripopolamento. "E' stato come lanciare una bomba dentro il Colosseo" di Antonio Cianciullo
FONTE: www.repubblica.it

"OPERAZIONE ANTIDOTO"...

GRAZIE ALL'IMPEGNO DEI NUCLEI CINOFILI ANTIVELENO del Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga e del Corpo Forestale dello Stato...

“In questi giorni i nuclei cinofili Antiveleno del Corpo forestale dello Stato e del Parco Nazionale del Gran Sasso Monti della Laga,  grazie al progetto comunitario Life “ Antidoto”, sono stati impegnati nella bonifica di un ampio territorio nel Parco Nazionale d’Abruzzo Lazio e Molise infestato da una scellerata “ semina” di bocconi avvelenati.
I cani antiveleno – 1 Labrador, 3 pastori belga malinois ed un border collie- hanno rinvenuto 29 pericolosissime esche e, purtroppo, svariate carcasse di animali di piccola taglia cui si devono aggiungere due lupi già ritrovati dal Servizio di Sorveglianza del Parco.
I cani sottoposti ad un lavoro stressante in ambienti accidentati e sotto un’incessante e fredda pioggia insieme ai Forestali conduttori ed all’operatore del Parco Gran Sasso e Monti della Laga hanno dato un contributo essenziale alla salvaguardia della natura.
Il numero e la qualità delle esche disseminate da una mano criminale erano teoricamente in grado di provocare la morte di tutti gli Orsi del Parco la cui popolazione è stimata cautelativamente in non più di 40/50 esemplari.
Il danno per l’ambiente e per l’uomo sarebbe stato incalcolabile: il veleno, inserito in un’esca alimentare, colpisce senza distinzione di specie, età, taglia. E' in corso una vera e propria lotta contro il tempo per rimuoverlo tutto, nella speranza di non trovare altri e più “eccellenti” morti.
Questo lavoro è stato ed è possibile solo grazie all’utilizzo dei cani antiveleno.
Siamo grati a “Dingo, Jonai, Datcha, Karma e Maya” i cani che sono stati addestrati allo scopo, infatti è incredibile come riescono a trovare le esche e ne segnalano la presenza sedendosi accanto all'esca, senza assaggiarle!
Il Corpo Forestale dello Stato prosegue incessantemente il suo lavoro nel rastrellamento e bonifica del territorio e nelle attività d’indagine nel più stretto riserbo.

FONTE: tinyurl.com

Comments

Per poter lasciare o leggere i commenti bisogna essere iscritti.
 

Commenti Facebook

Da questo semplice form potrete collegarvi direttamente al vostro account su facebook.

Banner