Associazione Vittime della caccia

organizzazione di volontariato senza fine di lucro ai sensi della Legge 266-91

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

Il bel regalo ai cacciatori in Puglia - Comunicato Vittime della Caccia

E-mail Stampa PDF

Comunicato Stampa 07.01.2011

Il bel regalo ai cacciatori in Puglia

Sorprende, anzi, indigna il fatto che attraverso un emendamento approvato dalla maggioranza del consiglio regionale pugliese sia stato dato il via libera  ai cacciatori all' interno del parco "Terra delle Gravine". Il PD si è trovato in buona compagnia del PDL e persino di alcuni consiglieri di SEL!

"E' questo il laboratorio foriero di novità e innovazioni tanto sbandierato dal Governatore Vendola?" si interroga Maurizio Giulianelli, vice presidente dell'Associazione Vittime della Caccia, che aggiunge,"Sulla scellerata decisione aspettiamo con urgenza la presa di posizione di Vendola, perchè di questi regali la lobby venatoria non ha certo bisogno". Ricorda infine Maurzio Giulianelli " proprio in terra di Puglia alla fine della scorsa estate si è avuta l'ennesima vittima per mano di un cacciatore di frodo e addirittura all'interno del parco di Altamura: Don Cassol scambiato per un cinghiale fu colpito a morte mentre dormiva nel sacco a pelo durante il suo annuale ritiro spirituale.

Tra l'altro l'inaccettabile emendamento della Puglia, fa il paio con la recente legge della Liguria del  7 Dicembre 2010  che in pratica elimina parte delle fasce di rispetto contigue alle aree protette e di fatto le apre alla caccia. Anche in Liguria c'è stato il voto favorevole di un Consigliere SEL, Matteo Rossi!

Una Puglia migliore c'è ed è quella delle migliaia e migliaia di cittadini che aspirano ad essere rappresentati da un'amministrazione autenticamente DIVERSA  e non ostaggio ancora una volta delle lobby armate.

L'intero territorio non può essere lasciato in balìa di chi si diletta a sparare, stiamo varcando un limite invalicabile, quello delle aree protette e della fruibilità di tali oasi di pace da parte della maggioranza della gente comune e disarmata, già schiacciata dalla pressione venatoria a casa propria!"

Maurizio Giulianelli, Ufficio Stampa Associazione Vittime della Caccia - 07.01.2011

 

Comments

Per poter lasciare o leggere i commenti bisogna essere iscritti.
 

Commenti Facebook

Da questo semplice form potrete collegarvi direttamente al vostro account su facebook.

Banner