Associazione Vittime della caccia

organizzazione di volontariato senza fine di lucro ai sensi della Legge 266-91

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

Associazione Vittime della Caccia - 15.04.2010 - Approvato l’articolo 43 alla Comunitaria 2009

E-mail Stampa PDF

ASSOCIAZIONE VITTIME DELLA CACCIA

 

 

Comunicato stampa

21.04.2010

 

Approvato l’articolo 43 alla Comunitaria 2009

 

Critica l’Associazione Vittime della Caccia

nonostante siano state recepite quasi tutte le istanze delle Associazioni ambientaliste e animaliste e respinta la deregulation venatoria.

 

“Intenso l’impegno del Governo e del Parlamento nel recepire quanto avanzato dalle Associazioni ambientaliste e animaliste. L’Associazione Vittime della Caccia ringrazia quanti si siano impegnati trasversalmente per affermare la tutela degli habitat e degli uccelli selvatici nel delicato periodo di migrazione e riproduzione”, dichiara Maurizio Giulianelli dell’Associazione Vittime della Caccia.

 

“Siamo comunque critici per la concessione alla lobby venatoria per il regime di deroga di cui le regioni potranno avvalersi nella prima decade di febbraio, seppur vincolate dal parere dell’Ispra sulla base delle diverse specie di avifauna. E’ nelle nostre speranze che le regioni non abusino di questa concessione ulteriore e recepiscano la richiesta sempre più pressante dei cittadini che vogliono vivere in pace, senza assistere alle violenze cui sono sottoposti forzatamente durante la stagione venatoria prevista dalla legge 157/92. Il 31 gennaio tiriamo tutti un sospiro di sollievo e ci rimane difficile digerire un ulteriore prolungamento della caccia, seppur per alcuni giorni. Questa concessione dovrà essere usata con grande parsimonia e legittimata dall’Ispra per non incorrere nel giudizio della Corte Europea che già ha redarguito l’Italia per l’abuso di questo strumento da parte delle regioni più accondiscendenti verso i cacciatori”, aggiunge Giulianelli “Non vogliamo pagare noi tutti per il crudele piacere di pochi armati, non vorremmo più contare morti e feriti causati dalle doppiette, non vogliamo trovare animali selvatici impallinati agonizzanti nei nostri terreni, non vorremmo essere noi, che di caccia non ne vogliamo sapere, i prossimi morti e feriti della prima decade di febbraio…”. Conclude Maurizio Giulianelli.

 

Associazione Vittime della Caccia – Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 

 

Comments

Per poter lasciare o leggere i commenti bisogna essere iscritti.
 

Commenti Facebook

Da questo semplice form potrete collegarvi direttamente al vostro account su facebook.

Banner