Associazione Vittime della caccia

organizzazione di volontariato senza fine di lucro ai sensi della Legge 266-91

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

Caccia: Anche le pre-aperture uccidono. Prima vittima della caccia in Sardegna

E-mail Stampa PDF

COMUNICATO STAMPA Ass.Vittime della Caccia

Anche le pre-aperture uccidono. Prima vittima della caccia in Sardegna

Pare destino che il 1 settembre sia una data funesta per i cacciatori. Fa parte della più antica recensione, databile al X secolo, che il santo di questo giorno, sant'Egidio Abate, fosse rimasto vittima di un incidente di caccia, colpito di striscio da una freccia scagliata dall'arco del re e destinata ad una cerva rifugiatasi ai piedi del Santo per sfuggire alla morte. Se sia leggenda o realtà, non ci è dato di sapere, a differenza di quanto accade con certezza ad ogni preapertura in Italia e ai giorni nostri.
La maglia nera delle vittime di caccia in pre-apertura va data, infatti, alla Sardegna proprio come è successo con la preapertura della scorsa stagione con 1 morto e 1 ferito.

Il primo settembre è data di pre-apertura alla stagione venatoria 2011-2012 per molte regioni che ansimano per accontentare i cacciatori, ma la Sardegna batte le altre sul tempo nel registrare la prima vittima di un'altra stagione di sangue.
Un cacciatore cagliaritano si spara per sbaglio mentre risponde al cellulare, appoggiandosi al suo fucile, come risulta dalle prime agenzie.

Vittima della caccia e di sè stesso dunque, dell'imperizia nel maneggiare strumenti di morte e sofferenza.
E non sempre i cacciatori centrano il bersaglio, sono troppi gli errori che nessuno può più permettersi se si ha a che fare con armi da fuoco.

In tal senso, l'Associazione Vittime della Caccia appoggia con veemenza la proposta che la Codacons rivolge al Governo di aumentare le distanze da "obiettivi umani" e la tassa di concessione governativa, nella speranza che i cacciatori si scoraggino e appendano l'arma al chiodo. Un balzello supplementare che non farebbe bene solo alle finanze ma anche e soprattutto alla salute. E non solo dei cacciatori ma delle tante future vittime innocenti di una pratica obsoleta, incontrollabile e assassina.


Ufficio Stampa Associazione Vittime della Caccia - Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 

Comments

Per poter lasciare o leggere i commenti bisogna essere iscritti.
 

Commenti Facebook

Da questo semplice form potrete collegarvi direttamente al vostro account su facebook.

Banner