Associazione Vittime della caccia

organizzazione di volontariato senza fine di lucro ai sensi della Legge 266-91

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

I DATI - DOSSIER VITTIME DELLA CACCIA 2011-2012

E-mail Stampa PDF

I DATI - DOSSIER VITTIME DELLA CACCIA 2011-2012

 

Uno è troppo, ma 13 feriti e 1 morto per caccia tra chi ne è estraneo è inaccettabile. Due i minorenni feriti.

62 i cacciatori feriti e 10 i morti. In totale 86 vittime durante le battute di caccia.

Una decina di persone risparmiate rispetto al bilancio dello scorso anno.


Sarà la crisi, sarà che le associazioni ambientaliste e animaliste di calendari venatori ne hanno impugnati parecchi in questa stagione appena conclusa, con conseguenti perdite di giorni di caccia disponibili, fatto sta che qualcuno si è salvato proprio per una riduzione delle giornate.

Non fa testo la Sardegna: è stata la regione con il più alto numero di vittime, ben 15 e forse al raggiungimento di questo inquietante primato non è estranea la decisione di consentire l'uso del fucile ad anima rigata, che richiede distanze di sicurezza ben maggiori di quelle che troppo spesso sono soliti osservare i cacciatori.

Questi dati sono contenuti nel "Dossier vittime della caccia" che l'ASSOCIAZIONE VITTIME DELLA CACCIA ha presentato ieri a Roma, documentando la raccolta dei casi intercettati sulla stampa e producendo contestualmente una serie di focus che fanno riflettere.

Nell'annuale accurato resoconto emergono alcuni preoccupanti dati a conferma di quanto già precedentemente riscontrato: la fascia di età dei cacciatori coinvolti in incidenti con vittime più consistente è quella oltre i sessanta anni; permane il coinvolgimento di minorenni da parte di chi pratica l'attività venatoria, dilatando ulteriormente gli elementi di rischio per ragazzini innocenti.

Non di meno preoccupa la frequenza di tragici eventi al di fuori delle battute: in casa per imperizia nel maneggiare armi cariche, per eccessi di ira e violenza contro familiari o vicini, spesso donne.


Ancora una volta emerge drammaticamente il problema sicurezza e, non di meno, l'allarme sociale diffuso che la "gente comune" sempre più insistentemente denuncia lamentando un significativo danno alla qualità della propria vita e quella dei loro animali d'affezione , per i quali i numeri non contano, sono massacrati sempre. D.C.,  Associazione Vittime della caccia.


SU www.vittimedellacaccia.org E' DISPONIBILE IL DOSSIER IN FORMATO PDF DA DOMANI 3 FEBBRAIO



Comments

Per poter lasciare o leggere i commenti bisogna essere iscritti.
 

Commenti Facebook

Da questo semplice form potrete collegarvi direttamente al vostro account su facebook.

Banner