Associazione Vittime della caccia

organizzazione di volontariato senza fine di lucro ai sensi della Legge 266-91

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

SAGRA DEI OSEI: LA FIERA DELLA SOFFERENZA ALTRUI

E-mail Stampa PDF

SAGRA DEI OSEI: LA FIERA DELLA SOFFERENZA ALTRUI

DOMENICA 19 AGOSTO, COME OGNI ANNO SACILE ESIBIRA' SENZA RITEGNO IL SUO MACABRO SPETTACOLO di sofferenze e crudeltà: vittime di questa fiera degli orrori gli uccelli da richiamo (Tordo bottaccio, Tordo sassello, Merlo, Tordina, Fringuello, Peppola, Quaglia, Lucherino e Cardellino), ma non solo: trova il contesto giusto anche l'esposizione Nazionale uccelli "Esotici, Canarini singoli, Canarini gruppo, Ibridi".

In realtà si trovano animali di ogni specie, come un grande supermercato dove la merce è la vita altrui.

Si resta attoniti, basiti, increduli di fronte alla barbarie ammantata di storia e tradizione: uccellini sofferenti che si autolesionano per la costrizione, le ali tarpate, esposti senza ritegno, detenuti in piccole gabbie ammassate fino all'inverosimile. Creature predate, mutilate e poi esposte per essere vendute o anche solo esibite in una torrida giornata di agosto.

Nonostante la ripittata d'immagine che Sacile si vuol dare, il 19 agosto sublimerà questo scempio: un intero paese nel chiuso delle sue transenne torna a tradizioni medievali dove la sofferenza degli indifesi è un motivo di orgoglio da rinnovare annualmente.

E' questo un commercio ignobile appetito in primis dai cacciatori.

Questi animali -nati per volare- ma imprigionati a vita faranno da richiamo ai loro fratelli, future vittime delle doppiette.

E' questa la sorte degli uccelli da richiamo, catturati nei più svariati modi. I pochi che rimangono vivi dalle catture, talvolta legati per la coda o le narici, dopo atroci perenni sevizie resteranno prigionieri a vita, mutilati non solo delle naturali facoltà proprie della specie ma mutilati anche dei loro sensi e della loro ragione di esistere. Il mondo sta cambiando, Sacile no.

E' un grave errore far passare chi si oppone alla barbarie come disturbatori emotivi ed esagitati. L'empatia con l'Altro, la compassione, il cuore non si possono pretendere ma il rispetto della normativa vigente si.

Daniela Casprini, Presidente Associazione Vittime della caccia.

VIENI AL PRESIDIO:

ORARI E DATA DEL PRESIDIO : DOMENICA 19 AGOSTO, DALLE ORE 08.30 ALLE ORE 12.30

LUOGO DEL PRESIDIO: PIAZZA DEL POPOLO A SACILE (PN)

Contatta gli organizzatori Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 

Comments

Per poter lasciare o leggere i commenti bisogna essere iscritti.
 

Commenti Facebook

Da questo semplice form potrete collegarvi direttamente al vostro account su facebook.

Banner