Associazione Vittime della caccia

organizzazione di volontariato senza fine di lucro ai sensi della Legge 266-91

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

CACCIA: FERMATE LA STRAGE DI CIVILI! 1 morto e 3 feriti tra i bambini.

E-mail Stampa PDF

COMUNICATO STAMPA 21.10.2012

CACCIA: FERMATE LA STRAGE DI CIVILI!

16 enne ucciso a caccia. 1 morto e 3 feriti tra i bambini.

Continua la carneficina umana per soddisfare le brame predatorie dei cacciatori.


4 morti e 10 feriti tra la gente comune, ovvero chi è estraneo alla caccia ma la deve subire... per legge.

 

Le armi da caccia dal 1 settembre a sabato 20 ottobre hanno ucciso ben 13 persone e ferite 33, tra cacciatori e non: questo è quanto emerge dalla raccolta dell'Associazione Vittime della caccia in neppure 35 giorni effettivi di caccia.

Senza contare, ancora, gli innumerevoli fatti che hanno avuto un epilogo fortunato, ma le condizioni per diventare una tragedia c'erano tutte: sono i casi di minacce, prepotenze, spari andati a vuoto, intimidazioni ecc. da parte di "legali detentori di armi ad uso caccia" contro altre persone. Fatti che elencheremo più avanti, in un quadro più generale di questa deriva tutta italiana chiamata "ars venandi".

"La questione non è più su caccia-si/caccia-no, qui si tratta di fermare una vera strage. Le opinioni contano poco di fronte a questi fatti, a questi numeri di sangue.

Infatti c'è da aggiungere ben poco, se la morte di persone innocenti, di bambini sacrificati alla caccia....passano nell'indifferenza! Cosa si deve aggiungere?! Cosa rimane da dire?!

Cosa hanno da dire le associazioni venatorie, che sono falsi questi dati? Ma insomma, ci vuole un po' di onestà intellettuale, non possono negare questa evidenza!
Non è forse un fenomeno allarmante questa escalation di vittime?! " dichiara Daniela Casprini presidente dell'Associazione Vittime della caccia e continua "con quale coscienza politici e amministratori vari continuano a favorire la caccia in ogni modo, pure a costo di andare contro le normative, incrementando anche questa barbarie? Non è accettabile, il Governo deve fare qualcosa: è guerra questa!

Un normale cittadino non può svolgere le proprie attività in campagna che rischia di essere massacrato.... che è massacrato da gente irresponsabile, spesso arrogante, ma armata!
La caccia in Italia deve essere bandita: i cacciatori non hanno i requisiti per usufruire della concessione dello Stato, come previsto dalla Legge 157/92. Perchè se una esigua categoria di persone (720.000 circa) provoca un così alto numero di vittime, credo sia lecito dubitare sulla loro effettiva idoneità" conclude Casprini.

*la pubblicazione dei dati raccolti dall'Associazione Vittime della caccia, implica obbigatoriamente la citazione della fonte stessa. Grazie

 

VITTIME ARMI DA CACCIA DAL 1 SETTEMBRE AL 20 OTTOBRE 2012

Stagione venatoria 2012-2013:

dal 1 settembre al 20 ottobre

in totale risultano 13 i morti e 33 i feriti

 

Di questi, tra la GENTE COMUNE*: 4 MORTI e 10 FERITI (1 morto e 3 feriti tra i MINORI§)

 

di seguito la sintesi dei casi delle vittime tra la GENTE COMUNE:

 

- §Ferito un bambino di 8 anni impallinato al volto mentre era nel cortile di casa. (Lucca -news 17.09);

- Ferito automobilista fermo in colonna per gara ciclistica, impallinato da cacciatore che spara su strada. (Aci Bonaccorsi (CT) - news 24.09)

- Segretaria comunale ferita nel giardino della sua abitazione di campagna a Venosa (PZ)- news 24.09);

- Contadino ferito mentre raccoglieva uva nel proprio podere. Brindisi (news 30.09);

- Colpito da una fucilata mentre gioca a calcio. Crolla in campo “incidente di caccia”. (Siena -news 01.10);

- Spara dal balcone e uccide l’ex genero con un fucile da caccia. (Palermo News 02.10)

-Donna 65enne raggiunta da pallini a coscia e gluteo durante una passeggiata in campagna: Incidente di caccia. (Diano Marina (IM) -news 03.10)

- Pensionato impallinato nel suo podere, ferito. (Cortemilia (CN) -news 11.10)

- Cercatore funghi ucciso per errore da cacciatore. Vincenzo Pulicicchio scambiato per una preda da un cinghialaio muore sul colpo. Mannelli (Catanzaro-news 13.10)

- §Ferite due bambine di uno e quattro anni colpite dalle schegge del fucile da caccia dello zio.(Citerna, (PG) – 17.10);

- §16enne ucciso durante una battuta di caccia da un amico: E' morto poco prima delle 16, dopo essere stato ferito nelle campagne di Castana (Pavia - news 20.10);

- Ferito pensionato scambiato per una lepre mentre coltiva il suo orto a Lentate sul Seveso(MI) news 20.10);

- Impallinato da un cacciatore, ciclista finisce in ospedale.(Vicenza, news 20,10).

 

*la pubblicazione dei dati raccolti dall'Associazione Vittime della caccia, implica obbigatoriamente la citazione della fonte stessa. Grazie

Ufficio Stampa Associazione Vittime della caccia - Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Comments

avatar alessandra
+1
 
 
I cacciatori sono dei sadici visto che godono nell'uccidere degli esseri indifesi.Sono felice quando si ammazzano tra di loro.Il guaio è che troppo spesso i loro "incidenti" colpiscono persone che con la caccia non hanno nulla a che fare.
Per poter lasciare o leggere i commenti bisogna essere iscritti.
 

Commenti Facebook

Da questo semplice form potrete collegarvi direttamente al vostro account su facebook.

Banner